Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «pronunziare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Pronunziare

Verbo
Pronunziare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, sia transitivo che intransitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è pronunziato. Il gerundio è pronunziando. Il participio presente è pronunziante. Vedi: coniugazione del verbo pronunziare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di pronunziare (sillabare, articolare, proferire, emettere, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli
Liste a cui appartiene
Parole con tutte le vocali (non ripetute) [Pronunziante « * » Pronunziasse]
Giochi di Parole
La parola pronunziare è formata da undici lettere, cinque vocali e sei consonanti.
Divisione in sillabe: pro-nun-zià-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: pronunzierà (scambio di vocali).
pronunziare si può ottenere combinando le lettere di: pruno + zarine; uri + pranzone; uni + pranzerò; [unirò, urino] + panzer; punzoni + [arre, erra, rare]; renzo + [pruina, prunai, punirà, ...]; [neuro, nuore] + pranzi; punzone + rari; erri + punzona; [unire, urine] + pranzo; nunzie + [parrò, porrà, prora].
Componendo le lettere di pronunziare con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = pronunziassero; +non = pronunzieranno; +zoee = europeizzeranno; +[anno, nano, nona] = preannunziarono; +mene = preannunzieremo; +[nasse, sanse] = preannunziassero; +nanne = preannunzieranno.
Vedi anche: Anagrammi per pronunziare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: pronunciare, pronunziate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: proni, prona, prone, prozia, prozie, prore, pruni, prua, prue, ponza, poni, pone, punire, punì, pure, pare, ronzi, ronzare, ronza, runa, rune, rare, oziare, ozia, nunzie, unire.
Parole contenute in "pronunziare"
are, pro, zia, nunzi, nunzia, pronunzi, pronunzia. Contenute all'inverso: era, uno.
Incastri
Si può ottenere da prore e nunzia (PROnunziaRE).
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "pronunziare" si può ottenere dalle seguenti coppie: pronunziai/ire, pronunziamo/more.
Usando "pronunziare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * areno = pronunzino; * remo = pronunziamo; * areate = pronunziate; * areato = pronunziato; * rendo = pronunziando; * resse = pronunziasse; * ressi = pronunziassi; * reste = pronunziaste; * resti = pronunziasti; * ressero = pronunziassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "pronunziare" si può ottenere dalle seguenti coppie: prona/annunziare, pronunzierà/areare, pronunziato/otre.
Usando "pronunziare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erano = pronunzino; * ermo = pronunziamo; * erte = pronunziate; * erto = pronunziato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "pronunziare" si può ottenere dalle seguenti coppie: pronunzia/area, pronunziate/areate, pronunziato/areato, pronunzino/areno, pronunziai/rei, pronunziamo/remo, pronunziando/rendo, pronunziasse/resse, pronunziassero/ressero, pronunziassi/ressi, pronunziaste/reste, pronunziasti/resti, pronunziate/rete.
Usando "pronunziare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * more = pronunziamo.
Sciarade e composizione
"pronunziare" è formata da: pronunzi+are.
Sciarade incatenate
La parola "pronunziare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: pronunzia+are.
Intarsi e sciarade alterne
"pronunziare" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: punire/ronza, punì/ronzare.
Frasi con "pronunziare"
»» Vedi anche la pagina frasi con pronunziare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Alla TV ho sentito pronunziare un discorso talmente arzigogolato che non ho capito nulla.
  • Che emozione domenica prossima quando sentirò mio figlio pronunziare il fatidico sì.
  • Venerdì si dovrebbe pronunziare la Commissione europea.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Profferire, Articolare, Pronunziare, Vocalizzare, Dire, Proferire - Profferire e proferire sono registrati nei vocabolarii senza differenza o distinzione alcuna, e nel senso di pronunziare e nel senso di esibire, tanto l'uno quanto l'altro; ma partendo da una certa analogia ortografica, non varrebbe meglio il fissare a profferire il senso di esibire, offrire, giacchè ha le due f come il suo affine, e a proferire il senso di pronunziare? questa è una delle opinioni che in questo libro vado via via emettendo, e nulla più; ma non mi sembra mancare di opportunità ora che si va modificando l'ortografia della lingua: il profferire così fatto e pronunciato sarebbe un offrire cerimonioso, come nella chiusa delle lettere: «le profferisco la mia servitù»: o un offrire prima che altri chieda, e quasi un preofferire. Proferire, se s'intende di parola, di vocabolo, vale mandarlo fuori chiaro e bene suonante, superando le difficoltà che possono essere nella sua pronunzia: se si tratta poi di frase, di promessa o d'altro che di simile, il proferirla vale un dirla solennemente: il sacerdote nel dire la messa proferisce le parole della consecrazione, e pronuzia più speditamente le altre. Pronunziare è quasi annunziare colla voce, cioè per mezzo delle parole la cosa che queste significano: ma si pronunciano parole che slegate fra di loro non hanno significato alcuno, e si pronunzia una sentenza; così i giudici dai loro tribunali. Articolare la parola è piegare bene la lingua a tutte le inflessioni di voce che quella richiede; vocalizzarla è fare sentire bene le vocali di cui consta: molti non puonno articolare perbene quelle parole ove s'incontrano delle s, dei t, delle r; il vocalizzare è più facile, perchè il suono delle vocali non è che una semplice emissione di fiato. Dire una cosa è esprimerla con parole; proferirla è dirla con una certa intenzione; pronunziarla è non ritenerla più in sè, e farla, volere o non volere, del pubblico dominio. La difficoltà della pronunzia può dipendere o da difetto organico o da mal vezzo preso da fanciullo; la ritenutezza nel proferire è figlia della prudenza o del pudore. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: pronunziai, pronunziammo, pronunziamo, pronunziando, pronunziano, pronunziante, pronunzianti « pronunziare » pronunziarono, pronunziasse, pronunziassero, pronunziassi, pronunziassimo, pronunziaste, pronunziasti
Parole di undici lettere: pronunziano « pronunziare » pronunziate
Lista Verbi: pronosticare, pronunciare « pronunziare » propagandare, propagare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): presenziare, sentenziare, potenziare, depotenziare, rinunziare, annunziare, preannunziare « pronunziare (eraiznunorp) » oziare, negoziare, rinegoziare, consorziare, divorziare, razziare, crackare
Indice parole che: iniziano con P, con PR, parole che iniziano con PRO, finiscono con E

Commenti sulla voce «pronunziare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze