Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ramino», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ramino

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Giochi di Carte [Poker « * » Scartino]
Informazioni di base
La parola ramino è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: ra-mì-no. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con ramino per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ieri sera ci siamo ritrovati con gli amici, a casa mia, per una partita di ramino.
  • Giocare a ramino non è stato mai il mio passatempo.
  • L'incapacità di memorizzare le carte da gioco lo rendeva un pessimo giocatore di ramino.
Citazioni da opere letterarie
Azzurro tenebra di Giovanni Arpino (1977): «Dovevate scommettere una buona volta» sogguardò all'intorno il masseur dal tavolo del ramino: «Così, il giorno in cui smette di far panchina e diventa titolare, è più leggero, senza diamante macchina cane.»

Una sfida al Polo di Emilio Salgari (1909): Nel carrozzone, bene riscaldato, poichè la stufa, abbondantemente alimentata, brontolava più forte che mai facendo gorgogliare il ramino per l'acqua del thè, regnò per alcuni istanti un certo silenzio.

Cristo si e fermato a Eboli di Carlo Levi (1945): Tuttavia apprezzando la loro buona intenzione, feci buon viso a cattivo gioco, e passammo la sera ad un interminabile ramino. Non tornarono più. Don Luigino aveva saputo subito di questa visita da qualcuno dei suoi accoliti. A me non disse nulla: ma fece al brigadiere una terribile scenata, sulla piazza, accusandolo di fraternizzare con i confinati, e minacciando di denunciarlo e di farlo trasferire. Così nessuno, oltre i malati, e i contadini (che erano liberi di frequentarmi, perché non erano considerati, veramente, degli uomini), osò più venirmi a trovare, tranne il dottor Milillo, che amava gli atteggiamenti indipendenti, e, nella sua qualità di vecchio zio, non aveva nulla da temere dal nipote.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per ramino
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: camino, lamino, radino, ramina, ramine, ramini, rapino, rasino, remino, rimino, rumino.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: camini, damina, damine, lamina, lamine, lamini.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: amino, ramno. Togliendo tutte le lettere in posizione dispari si ha: aio.
Altri scarti con resto non consecutivo: ramo.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: bramino, ramingo, rampino, riamino, tramino.
Parole con "ramino"
Finiscono con "ramino": bramino, tramino, diramino, catramino.
Parole contenute in "ramino"
ami, ram, mino, rami, amino.
Incastri
Inserendo al suo interno fichi si ha RAMIfichiNO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "ramino" si può ottenere dalle seguenti coppie: rado/domino, rami/mimino, rare/remino, rari/rimino, ras/smino, rase/semino, raster/stermino, rate/temino.
Usando "ramino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: dirami * = dino; forami * = fono; * minore = rare; * minori = rari; tirami * = tino; arra * = armino; cara * = camino; cura * = cumino; dora * = domino; lira * = limino; mira * = mimino; * minorità = rarità; sera * = semino; torà * = tomino; brr * = bramino; ferra * = fermino; forra * = formino; stira * = stimino; terra * = termino; attira * = attimino; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "ramino" si può ottenere dalle seguenti coppie: rara/armino, rauca/acumino.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "ramino" si può ottenere dalle seguenti coppie: razionerà/minorazione, dirami/nodi, tirami/noti.
Usando "ramino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * dirami = nodi; * tirami = noti; nodi * = dirami; noti * = tirami; minorazione * = razionerà; * razionerà = minorazione.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "ramino" si può ottenere dalle seguenti coppie: rare/minore, rari/minori, rarità/minorità.
Usando "ramino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: armino * = arra; cumino * = cura; domino * = dora; limino * = lira; mimino * = mira; * domino = rado; * remino = rare; * rimino = rari; * semino = rase; * temino = rate; semino * = sera; tomino * = torà; fermino * = ferra; formino * = forra; stimino * = stira; termino * = terra; attimino * = attira; calumino * = calura; fono * = forami; rami * = mimino; ...
Sciarade incatenate
La parola "ramino" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: ram+mino, ram+amino, rami+mino, rami+amino.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ramino" (*) con un'altra parola si può ottenere: * marca = rammaricano; * marchi = rammarichino; * marcava = rammaricavano.
Quiz - indovina la soluzione
Definizioni da Cruciverba: Contraddirsi o rammaricarsi, Ramificazione della trachea, È molto rammaricato chi se le mangia!, Insenatura marina stretta e ramificata, Un ramo che produce radici.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Pajuolo, Caldaja, Calderotto, Ramino - Il Pajuolo si attacca alla catena del camino: vi si fa bollire l'acqua per rigovernare, e vi si cuociono certe qualità d'erbaggi, come rape o cavoli, ed anche patate e castagne. - La Caldaja è molto più ampia del pajuolo: si mette su un largo fornello per cuocervi quantità grande di roba, o per bollirvi bucati. - Il Calderotto è pajuolo più stretto e più alto, con coperchio, e anch'esso si attacca alla catena per cuocervi erbaggi o castagne. - [Il Ramino è vaso di rame, panciuto, con la bocca meno larga del fondo, con un coperchio maschiettato sull'orlo, ma più spesso da levarsi e mettersi, con un manico ad ansa, o arcato e girevole, o fermo, e con un beccuccio. Serve solo a scaldar acqua e trasportarla calda. - «Metti il ramino al fuoco per iscaldare un pò d'acqua per la barba.» G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ramaiuolo, Romaiuolo, Ramino, Mestolo; Avere il romaiolo, Il mestolo in mano, Mestolata, Mestolaia - Ramaiuolo è caldaia o grande pentola di rame, ma anco di ferro o d'altro metallo in cui si può struggere pece, cevo, cera o altro di consimile, il che nelle pentole di terra non potrebbe farsi, atteso il più intenso grado di fuoco che occorre a queste operazioni, e che quelle non potrebbero comportare. Ramino è vaso più piccolo di rame, a guisa di pentola o di piccola caldaia da scaldare acqua o fare la polenta, o altra minestra. Ramaiuolo poi, o meglio romaiuolo, è specie di ben capace cucchiaio o mestolo di rame o di ferro, per attingere acqua nella secchia o ammanire la minestra, secondo l'uso a cui si destina; il mestolo è di legno, ed è pure arnese di cucina in comunione colla pentola nella quale serve a rimestare, serve eziandio ad ammanire minestra o altro camangiare:
avere il romaiuolo o il mestolo in mano è modo di dire del popolo che esprime padronanza; ciò proviene da che fra i campagnuoli e anco fra le altre classi di popolani è la padrona di casa che sta attorno alla cucina ed ammanisce, e poi riparte in tavola la minestra, dando a ciascheduno la porzione sua: il mestolo è l'unico scettro che l'uomo del popolo lasciasse alla donna. Mestolata è quanto di roba cape nel mestolo, o colpo dato con quello. Mestolaia, la donna che vende mestoli, cucchiai di legno e simili arnesi di cucina. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Ramino - S. m. T. Vaso di rame da scaldare l'acqua, per il tè o altro. Plin. Aeramentum. = Lib. cur. malatt. (C) Cava del ramino l'erba bollente, e buttale sopra l'erbe.

2. [Cont.] Lo stesso che Ramina. V. Tratt. Arte mus. III. 76. Togli del ramino, ch'è la scorza che cade quando si battono le caldaie in su l'ancudine; e detta scorza, cioè del ramino, lava a tante acque che l'acqua n'esca chiara.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ramifichino, ramificò, ramifico, ramina, ramine, ramingo, ramini « ramino » rammarica, rammaricai, rammaricammo, rammaricando, rammaricano, rammaricante, rammaricanti
Parole di sei lettere: ramina, ramine, ramini « ramino » ramone, ramoni, ramosa
Vocabolario inverso (per trovare le rime): declamino, reclamino, ciclamino, conclamino, proclamino, esclamino, bignamino « ramino (onimar) » bramino, diramino, tramino, catramino, esamino, esaminò, riesamino
Indice parole che: iniziano con R, con RA, parole che iniziano con RAM, finiscono con O

Commenti sulla voce «ramino» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze