Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «stantio», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Stantio

Aggettivo
Stantio è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: stantia (femminile singolare); stantii (maschile plurale); stantie (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di stantio (raffermo, avariato, ammuffito, rinsecchito, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola stantio è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: stan-tì-o. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: notasti, notista, sottani, statino (spostamento di una lettera), stonati, tastino, tastoni, tosanti.
stantio si può ottenere combinando le lettere di: tot + [ansi, nasi, sani]; sto + [nati, tina]; ton + [asti, sita, stai, ...]; itto + [nas, san].
Componendo le lettere di stantio con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ami, mai, mia] = amnistiato; +ama = anatomista; +[ami, mai, mia] = anatomisti; +[ero, ore, reo] = anortosite; +[ori, rio] = anortositi; +pur = antistupro; +[are, era, rea] = asinarteto; +caì = asintotica; +[ciò, coi] = asintotico; +[par, rap] = asportanti; +mal = atlantismo; +bis = bassottini; +sob = bassottino; +bra = bastonarti; +abs = bastonasti; +bea = bastoniate; +deb = battendosi; +cra = cartonista; +cri = cartonisti; +[csi, ics, sci, ...] = consistita; +tac = constatati; +cra = contrastai; ...
Vedi anche: Anagrammi per stantio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: stantia, stantie, stantii, stanzio.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: stanti.
Altri scarti con resto non consecutivo: stani, stano, stati, stato, staio, stai, santi, santo, sani, sano, saio, tanto.
Parole contenute in "stantio"
sta, tan, tanti, stanti.
Incastri
Si può ottenere da so e tanti (StantiO).
Cerniere
Usando "stantio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: odi * = distanti; oli * = listanti; ore * = restanti; osé * = sestanti; oso * = sostanti; osco * = scostanti.
Lucchetti Alterni
Usando "stantio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: reo * = restanti; tao * = tastanti; proteo * = protestanti.
Intarsi e sciarade alterne
"stantio" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: stati/no, stato/ni, si/tanto.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "stantio"
»» Vedi anche la pagina frasi con stantio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non aprendo spesso la finestra c'era odore di stantio e scoprimmo dietro alcuni mobili molta muffa!
  • L'odore stantio in cantina mi mise in allarme e andai a controllare se c'era muffa.
  • Da quella credenza proviene un odore di cibo stantio che non è affatto piacevole.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Pane caldo, Pane fresco, Pane d’un giorno, Pane duro, Pane secco, Pane raffermo, Pane stantio - Caldo si dice di quel pane che, di poco cavato dal forno, ne ritiene tuttavia il calore. - «Il pane caldo è poco saporito e di difficile digestione.» - Fresco è il pane cotto da poche ore o nello stesso giorno in cui si mangia. - «Noci e pan fresco.» - «Del pan fresco se ne mangia il doppio.» - «Per le uova nel tegamino ci vuole il pan fresco.» - E' d'un giorno il pane cotto il giorno innanzi a quello in cui si mangia. E' ritenuto migliore e più sano del pane fresco. Si dice anche per proverbio: Pan d'un giorno e vin d'un anno. - Duro è il pane fatto da più d'un giorno. - «Alla servitù dánno sempre il pan duro perchè del fresco ne mangerebbero troppo.» - Pan secco è quello che, fatto da molto tempo, si è prosciugato e non è più mangiabile che in zuppa o comecchessia rinvenuto. - «Pan secco da pestarsi per le galline - buono per le pappe - da darsi per elemosina.» - E' raffermo il pane che, dopo cavato dal forno, si lascia stare un poco perchè si freddi e si rassodi alquanto. - «E' troppo caldo cotesto pane: aspetta per mangiarlo che sia raffermo.» - Stantio, per ultimo, è il pane che, fatto da troppo lungo tempo, o conservato male, ha perduto ogni sua perfezione ed è diventato duro, e talora muffato. G. F. [immagine]
Rancido, Stantio, Vieto, Stracco - Rancido si dice particolarmente di sostanze grasse ed oleose, quando comincia la corruzione putrida, la quale dà ad esse un certo sapore spiacevole, irritando la membrana delle fauci; specialmente si dice dell'olio e del burro. - Vieto, che particolarmente si dice delle sostanze grasse, è qualche cosa di più che Rancido, e si manifesta anche per mezzo dell'odorato. Si dice più specialmente di carni salate, che col tempo comincino a guastarsi. Si dice anche per cosa antiquata e già abbandonata. Dal latino Vetus. - Stantio è quell'odore spiacevole che pigliano certe cose già cotte, allorchè si sta molto senza mangiarle. - [Delle carni non fresche, anche se di pesce, ma non ancora andate propriamente a male, suol dirsi Stracco, nel qual senso speciale non s'userebbe nè Rancido, nè Stantio, nè Vieto. - « Il macellaro mi manda sempre a casa la carne stracca. » - « Il pesce arriva qui, non solamente stracco, ma il più delle volte fradicio e fetente. » (Redi). G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Rancido, Stantìo, Vieto, Putrido - Cosa che sta lì più del dovere, diviene stantìa, perciò invecchia e divien vieta; poi rancida se si corrompe o non risponde più bene alle condizioni della sua natura; ultimo svolgimento della rancidezza, per le cose che la comportano, come per ogni altro genere di corruzione, è l'imputridire. Nel figurato, rancide si diranno le leggi o gli altri usi non bene consoni alla novità o alla nuova faccia delle cose presenti, e che perciò a ragione o a torto vorrebbonsi smettere; viete, quelle ite in disuso e di cui più non si ricorda che storicamente. Putride diconsi le malattie o le febbri che, non vinte, porterebbero in breve l'uomo alla tomba pel principio di corruzione interna dalla quale hanno l'origine e il nome. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Stantio - e † STANTITO e † STANTIVO. Agg. e Sost. T. Cosa segnatam. da mangiare, che, per essere stata più tempo di quel che convenga a usarla sanamente e con gusto, ha perduto il buono del suo sapore e dell'odore. = Nov. ant. 79. 3. (C) Luccio istantio. Burch. 1. 29. Rose spinose e cavolo stantío. Malm. 3. 24. E perch'elle sapean di stantío, Teneva al naso un mazzolin di rose. E 7. 68. Carne stantía, barba piattolosa. [G.M.] Minucc. Not. ivi: Quando una materia, per la lunghezza del tempo, ha cominciato a perdere di sua perfezione, si dice Stantía; che, se sia carne o pesce, non dà troppo buon odore. E questo si dice Puzzo di stantío. La qual voce viene da Stanziare lungo tempo; ed è il latino Obsoletus. T. Il pane piglia di stantío. [Cont.] Cit. Tipocosm. 506. Uova, o fresche, o stantite, cotte ne 'l guscio, o tenere, o dure, e sperdute, e affrittellate, e arrostite. Roseo, Agr. Her. 200. Non vuole terra molto stabbiata; e quando pur abbia letame, bisogna che sia ben putrefatto e stantivo.

2. [Cont.] Gesso stantío. Che fu spento dall'umido, e non fa più buona presa. Matt. Disc. Diosc. V. 794. Il gesso è cosa notissima in Italia. Ènne assaissimo in Toscana, ove molto è in uso per le fabbriche delle case. La sua miniera, la quale è una pietra bianca scagliosa, s'abbrucia nei forni, e poscia si pesta, e crivellasi, e tanto è egli migliore quanto è più fresco: e però lo stantío fa poca presa nelle fabbriche. Fassi parimente il gesso della pietra speculare.

3. [Val.] Vecchio, Attempato. Fag. Comm. 3. 140. Che spose stantíe!

4. Fig. Si dice di Cosa renduta per lunghezza di tempo inutile e infruttuosa. Sen. ben Varch 3. 1. (C) Perciocchè que' benefizii, i quali freschi furono appo loro in grande stima, divengono in ispazio di tempo stantíi, e di niuno pregio. T. Notizie stantíe. Cose stantíe.

5. [Val.] Avv. All'usanza stantìa All'antica. Non usit. – Fortig. Capit. 2. 3. Viver vuole all'usanza stantía.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: stano, stanotte, stante, stanti, stantia, stantie, stantii « stantio » stantuffi, stantuffo, stanza, stanzacce, stanzaccia, stanze, stanzetta
Parole di sette lettere: stantii « stantio » stanzia
Lista Aggettivi: standardizzato, stante « stantio » stanziale, statale
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ratio, ununoctio, litio, crepitio, strepitio, scalpitio, melantio « stantio (oitnats) » astio, mastio, tramestio, calpestio, restio, amnistio, amnistiò
Indice parole che: iniziano con S, con ST, iniziano con STA, finiscono con O

Commenti sulla voce «stantio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze