Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «stregua», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Stregua

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola stregua è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: strè-gua. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: gustare, gusterà.
stregua si può ottenere combinando le lettere di: gru + [aste, seta, tesa]; [est, set] + [ragù, ruga, urga]; ter + agus; ture + gas; sure + tag; gesù + [tar, tra]; urge + sta; gres + [tau, tua].
Componendo le lettere di stregua con quelle di un'altra parola si ottiene: +[gai, già] = aggiustare; +[gai, già] = aggiusterà; +noi = angustierò; +[eri, rei] = arguireste; +rii = arguiresti; +[sai, sia] = assurgiate; +che = cartesughe; +dei = degusterai; +nei = estinguerà; +sla = glassature; +dee = guadereste; +dei = guaderesti; +[eri, rei] = guarireste; +rii = guariresti; +tao = guastatore; +tee = guasterete; +sos = gustassero; +ito = gustatorie; +non = gusteranno; ...
Vedi anche: Anagrammi per stregua
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: strenua.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: tregua, strega.
Altri scarti con resto non consecutivo: segua, sega.
Parole contenute in "stregua"
tre, tregua. Contenute all'inverso: auge.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "stregua" si può ottenere dalle seguenti coppie: nostre/guano.
Usando "stregua" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nostre = guano; guano * = nostre.
Frasi con "stregua"
»» Vedi anche la pagina frasi con stregua per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Alla stregua dei pappagalli, ripeti sempre le stesse cose!
  • La stregua di come affronti il tuo lavoro ti fa onore, sei sempre magnificamente in forma!
  • A questa stregua è inutile darsi da fare, tanto vanno avanti solo i raccomandati.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Stregua - S. f. Dicesi propriamente Quella rata che tocca altrui nel pagar la cena, il desinare, o simili altre spese fatte in comune ma generalmente si prende invece di Parte, o Ragguaglio. Non com., ma non morto. Striga, Serie di cose poste una dopo l'altra, dice Festo, A stringendo. Di qui, secondo alcuni, Stregua. Altri da Aequo, Exaequo, Agguagliare. Borgh. Orig. Fir. 88. (C) Era, come dire, la parte d'uno, e non so se noi dicessimo bene la rata, o la stregua. E Vesc. Fior. 423. (M.) Vi sono notate le distribuzioni diurne del vivere per una bocca, tempo per tempo, e paese per paese, e dal mangiar della carne in fuori, vicinissima alla stregua, che a' suoi monaci avea S. Benedetto molto innanzi assegnata. Popolesch. Ragn. 607. (Man.) È da esaminare diligentemente se il paese tuo è più abbondante di tordi che di beccafichi, per poter poi, ponendo la ragnaja, fare il maggior tuo fondamento sopra di quelle piante, che sono più amate e più secondo il gusto della parte che prevale, non lasciando però l'altra senza la sua debita stregua.

2. Andare ad una, o alla medesima stregua, vale Correr la stessa fortuna, Andare alla sorte medesima. Tac. Dav. Stor. 2. 291. (C) Del bene, o male che ne avverrà non andremo tu e io ad una stregua (il testo lat. ha: ordo). Varch. Stor. 10. 279. Come in molte particolarità debbono essere riguardate e rispettate le persone della Chiesa, così in alcune, le quali non concernono la salute dell'anime, debbono andare alla medesima stregua, e al medesimo ragguaglio degli altri.

3. Mandare, o Mettere una persona o una cosa alla stregua d'un'altra, vale Farla correre la stessa sorte, Sottoporla alle stesse condizioni. Varch. Stor. 10. 306. (C) Avevano tanto a male che i nemici non volessero nè avergli per uomini di guerra, nè mandargli alla stregua degli altri soldati. Borgh. Fir. lib. 316. La mise a una medesima stregua di quelle. [Cors.] Sen. Ben. Varch. 3. 11. Essendo più ragionevole cosa lasciarli tutti andare che mandarli tutti a una stregua e ragione medesima. T. Forse da Aequare, come Ragguaglio.

T. Non va misurato alla stregua comune. – Giudicare alla stregua dell'utile.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: stregoneria, stregonerie, stregonesca, stregonesche, stregoneschi, stregonesco, stregoni « stregua » strelitzia, strelitzie, strema, stremai, stremammo, stremando, stremano
Parole di sette lettere: streghi « stregua » stremai
Vocabolario inverso (per trovare le rime): assidua, individua, ardua, nicaragua, adegua, dilegua, tregua « stregua (augerts) » segua, esegua, insegua, consegua, prosegua, persegua, sussegua
Indice parole che: iniziano con S, con ST, parole che iniziano con STR, finiscono con A

Commenti sulla voce «stregua» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze