Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «trito», il significato, curiosità, forma del verbo «tritare», aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Trito

Forma verbale
Trito è una forma del verbo tritare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di tritare.
Aggettivo
Trito è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: trita (femminile singolare); triti (maschile plurale); trite (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di trito (sminuzzato, triturato, tritato, macinato, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola trito è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (tir).
Divisione in sillabe: trì-to. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: tritò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: ritto (spostamento di una lettera), rotti, torti.
Componendo le lettere di trito con quelle di un'altra parola si ottiene: +bea = abortite; +bai = abortiti; +boa = abortito; +gag = aggrotti; +agà = agriotta; +[gai, già] = agriotti; +ani = anortiti; +una = antiurto; +dea = aridetto; +ana = attirano; +ava = attiravo; +[are, era, rea] = attirerò; +ani = attirino; +[ave, eva] = attiverò; +ani = attorini; +ano = attorino; +ana = attornia; +ano = attornio; +[tau, tua] = attutirò; +bra = barrotti; +bea = batterio; +abs = bistorta; +sob = bistorto; ...
Vedi anche: Anagrammi per trito
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: trino, trita, trite, triti.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: irite, iriti.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: rito, trio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: tristo.
Parole con "trito"
Iniziano con "trito": tritoli, tritolo, tritone, tritoni.
Finiscono con "trito": attrito, detrito, nitrito, nutrito, ritrito, ritritò, contrito, epitrito, poltrito, denutrito, scaltrito, impietrito, infeltrito, iponutrito, malnutrito, ipernutrito, scheletrito.
Contengono "trito": stritola, stritoli, stritolo, stritolò, nutritore, nutritori, stritolai, geotritone, geotritoni, stritolano, stritolare, stritolata, stritolate, stritolati, stritolato, stritolava, stritolavi, stritolavo, stritolerà, stritolerò, stritolino, litotritore, litotritori, stritolammo, stritolando, stritolante, stritolanti, stritolasse, stritolassi, stritolaste, ...
»» Vedi parole che contengono trito per la lista completa
Parole contenute in "trito"
ito, rito. Contenute all'inverso: tir.
Incastri
Inserito nella parola sla dà StritoLA; in slava dà StritoLAVA; in slavi dà StritoLAVI; in slavo dà StritoLAVO; in slavate dà StritoLAVATE.
Inserendo al suo interno pos si ha TRIposTO; con tic si ha TRITticO; con fola si ha TRIfolaTO; con tura si ha TRIturaTO; con vene si ha TRIveneTO; con raspa si ha TraspaRITO; con parti si ha TRIpartiTO; con angola si ha TRIangolaTO; con foglia si ha TRIfogliaTO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "trito" si può ottenere dalle seguenti coppie: trader/aderito, trim/imito, triadi/adito, trial/alto, triangola/angolato, tribanda/bandato, trichina/chinato, tricolori/colorito, tricot/cotto, trifida/fidato, trifola/folato, trifora/forato, trigemina/geminato, trii/ito, triloba/lobato, trina/nato, trino/noto, triplana/planato, tripoli/polito, tris/sto, trisdrucciola/sdrucciolato...
Usando "trito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * toga = triga; * toni = trini; * tono = trino; mat * = marito; pet * = perito; * toghe = trighe; * tolla = trilla; * toppa = trippa; * tosta = trista; * toste = triste; * tosti = tristi; * tosto = tristo; spit * = spirito; * toglie = triglie; * tonchi = trinchi; * totano = tritano; asset * = asserito; * tollera = trillerà; * tollero = trillerò; * toppata = trippata; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "trito" si può ottenere dalle seguenti coppie: truca/acuito, trial/lato, triari/irato.
Usando "trito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ottano = tritano; * ottava = tritava; * ottavi = tritavi; * ottavo = tritavo; * ottone = tritone; * ottoni = tritoni; * ottura = tritura; * otturi = trituri; * otturo = trituro; * ottante = tritante; * otturai = triturai; * otturano = triturano; * otturare = triturare; * otturata = triturata; * otturate = triturate; * otturati = triturati; * otturato = triturato; * otturava = triturava; * otturavi = trituravi; * otturavo = trituravo; ...
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "trito" si può ottenere dalle seguenti coppie: nitri/toni.
Usando "trito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nitri = toni; toni * = nitri; toni * = nitrì.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "trito" si può ottenere dalle seguenti coppie: triga/toga, trighe/toghe, triglie/toglie, trilla/tolla, trillerà/tollera, trillerai/tollerai, trillerò/tollero, trinchi/tonchi, trini/toni, trino/tono, tripolina/topolina, tripoline/topoline, tripolini/topolini, tripolino/topolino, trippa/toppa, trippacce/toppacce, trippaccia/toppaccia, trippata/toppata, trippate/toppate, trippati/toppati, trippato/toppato...
Usando "trito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alto * = altri; trim * = imito; lato * = latri; * alto = trial; * nato = trina; * noto = trino; veto * = vetri; arato * = aratri; casto * = castri; cento * = centri; colto * = coltri; desto * = destri; * cotto = tricot; * stato = trista; * aio = tritai; vento * = ventri; barato * = baratri; sconto * = scontri; spetto * = spettri; svento * = sventri; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "trito" (*) con un'altra parola si può ottenere: sa * = striato; * on = tornito; osé * = ostrieto; san * = stranito; * ana = trainato; * ava = traviato; * sic = tristico; inca * = intricato; paro * = partorito; sana * = straniato; * acca = tracciato; * anca = tranciato; * more = trimotore; * mori = trimotori; * inca = trinciato; * arno = tritarono; atona * = attorniato; lasca * = lastricato; sacca * = stracciato; sepsi * = strepitosi; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "trito"
»» Vedi anche la pagina frasi con trito per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il trito di aglio e prezzemolo lo uso per l'arrosto.
  • Il tuo è solamente un luogo comune trito e ritrito.
  • Con quel vestito trito, si capisce benissimo che è in difficoltà economiche.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Logoro, Lacero, Frusto, Trito, Consunto, Mostrar le corde - L'abito dicesi Logoro quando dal lungo portarlo n'è tanto assottigliata in più luoghi la stoffa da essere lì lì per lacerarsi: essa è Consunta ov'è consumata affatto, per cui l'abito ne resta bucato. Lacero è detto l'abito s'è rotto per l'uso o per accidente qualunque e ne rimangono pendenti i pezzi stracciati. - Trito sarebbe se fosse ridotto in pezzi affatto e in minuzzoli, ma allora non è più abito, è uno straccio o un mucchio di cenci. - Frusto è un po' meno di logoro, ma dice lo stesso. Frusto è l'uomo dal lavoro, quando ha rotti i nervi affatto, nè vale più alcun riposo a ristorarlo e a rimetterlo in forze; logoro dicesi dagli anni; logoro il capo da' pensieri. Consunto poi l'uomo da febbre lenta, da tisi o altra malattia cronica: e' muore consunto quando non ha più che pelle e l'ossa. - [Trito si dice in senso affine a Logoro di vestito dal quale si veda la miseria di chi lo porta, e si usa riferito anche alla persona stessa.

«Non vi posso mai dir quant'era trito:
Fate conto ch'ei fosse ignudo affatto;
Or guardate s'egli era mal vestito.»
Fagiuoli.

«Quel gusto cinico
Che avea ciascuno
Di farsi povero,
Trito e digiuno
Senza vergogna,
Chi se lo sogna?»
Giusti
.

Son dell'uso in questo senso anche Tritino, Trituccio e Tritone. - Di vestito che, consumato il pelo, se ne scorge l'ordito, suol dirsi che mostra le corde. G. F.] [immagine]
Trito, Rifinito, Stangato, Tritino - Trito suol dirsi nell'uso comune Chi è ridotto in istato di povertà, e ha vesti passate di moda e consunte, ma con tutto ciò s'ingegna di celare il suo povero stato; suol dirsi Tritino quando è sul principio del dare in giù, e vorrebbe mostrarsi sempre nello stesso fiore. - Rifinito si suol dire di chi è vestito poveramente e non ha come potersi rivestire e provvedere ai suoi bisogni. - Stangato è voce popolare con la quale si indica un uomo che millanta, ma che è povero e non accozza il desinare con la cena. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Logoro, Lacero, Frusto, Trito, Consunto - L'abito dicesi logoro quando dal lungo portarlo n'è tanto assottigliata in più luoghi la stoffa da essere lì lì per lacerarsi; essa è consunta ov'è consumata affatto, per cui l'abito ne resta bucato; lacero è detto l'abito s'è rotto per l'uso o per accidente qualunque e ne rimangono penzoloni i pezzi stracciati. Trito sarebbe se fosse ridotto in pezzi affatto e minuzzoli, ma allora non è più abito, gli è uno straccio e un mucchio di cenci. Frusto è un po' meno di logoro, ma dice lo stesso. Frusto è l'uomo dal lavoro, quando ha rotti i nervi affatto, nè vale più alcun riposo a ristorarlo e a rimetterlo in forze; logoro dicesi dagli anni; logoro il capo da' pensieri. Consunto poi l'uomo da febbre lenta, da tisi o altra malattia cronica; e' muore consunto quando non ha più che la pelle e l'ossa. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Trito - Part. pass. e Agg. Da TRITARE. Tritus, aureo. Petr. Sest. 1. 5. part. II. (C) Lassando il corpo, che fia trita terra. Dant. Par. 13. E disse: quando l'una paglia è trita…, A batter l'altra dolce amor m'invita. Fir. Dial. bell. donn. 376. Mandano a cuocere il trito cibo alla pentola dello stomaco. [Cont.] Libro Cuc. 2. Cavatane la carne, mesta i detti cauli, sì che sieno bene triti. Cr. P. Agr. I. 219. Da ciascuna parte dell'ampiezza si stende un filo, ovver funicella, e segnasi: e poi con le vanghe nella terra, e co' marroni nel sabbione, si cavano (i fossati); e la terra trita che rimane, con badili ovver pali si gitta, e le ripe con le zappe ovvero vanghe e marroni si puliscono. Matt. Disc. Diosc. II. 400. L'infusione dell'eletto (rabarbaro) è per il vero solamente convenevole per solvere, astergere e disoppilare; e il darlo trito in sustanza, quando si ricerca che dopo il solver suo lasci egli il corpo stitico. = Lib. cur. malatt. 22. (Man.) Recipe sale trito mezz'oncia, e sia informato con mele. T. Serdon. Esort. 77. I Greci stessi autori dello scisma… sono come paglia triti sotto un carro ferrato. Bern. Orl. 60. 19. E vuol restare in mille pezzi trito, Prima ch'abbandonar del campo un dito. [Val.] Fag. Rim. 3. 316. Avete trita A lei (alla morte) la falce.

2. † Onde per metaf., Passo trito, e sim., fu detto di passi piccoli e frequenti. Bocc. Nov. 7. g. 8. (C) Videro lo scolare fare su per la neve una carola trita al suon d'un batter di denti. Ar. Fur. 19. 81. Il destrier, ch'avea andar trito e soave, Portò all'incontro la donzella in fretta. [Cont.] Garz. M. Cav. I. 4. Il passo è trito, e non estraordinariamente lungo.

3. [Cont.] Trito alla grossa; Detto per Soppesto. Manzini, Diop. prat. 206. Pigliasi una parte di antimonio, e due di salnitro, trito l'uno e l'altro alla grossa; si mettono in un crogiolo sopra le bragie, ma non ci va dato fuoco molto gagliardo: fatta che è la prima calcinazione, vi si aggiontano due altro parti di salnitro, e se li dà un'altra cotta.

4. Aggiunto di Carne, vale Frollo. Car. Com. 73. (M.) Dicendomi che era differenza dalla carne… magra alla grassa, e dall'alida alla trita. [G.M.] Red. Osserv. viper. Riducono le carni del morto così trite, frolle e corrotte, ch'elle si stacchino dall'osso. (Parla di carni avvelenate.)

5. Per Ordinario, Di poco pregio. Borgh. Rip. 198. (C) È un'opera tanto trita, e di sì debole maniera, che vi si trova poco di buono.

6. Per Comune, Usitatissimo. [Cam.] Anguill. Metam. 1. 19. L'han per cosa assai volgare e trita (la novella). = Salvin. Disc. 1. 100. (C) Non vi ha cosa più trita, nè più frequente presso i santi Padri…, che il chiamare l'instituto del vivere cristiano, e massime il più stretto e il più ritirato, quale si era quello de' monaci, col nome di filosofia cristiana. Pros. Fior. Borgh. Lett. 4. 4. 236. (M.) Il Villani le racconta nella sua Istoria, e il Landino nel suo Comento di Dante, che è, come sapete, molto trito a' nostri uomini. Salvin. Disc. 2. 95. Diciamo noi in basso e trito proverbio: tristo a quell'uccello che nasce in cattiva valle. Dep. Decam. 98. (Man.) E perchè redita, che è nell'ultimo esempio di Dante, come voce pura latina, non paja dura, sappiasi pur che latina in verità è ella, ma trita in quella età, e per lungo uso addimesticata e fatta quasi nostra cittadina. Allegr. Lett. Bonc. 22. Non so veder per tanto donde si cavi la moderna brigata… quel trito proverbio. Galil. Op. lett. 7. 9. Io ambiva o sperava di potermi alquanto separare dal trito e popolar sentiero degli studiosi. [Tor.] Vett. P. Colt. Uliv. 45. Ma perchè questi precetti sono assai ben triti, et osservansi da chi non è al tutto trascurato nel porre, non mi distenderò molto in essi. [G.M.] Fag. Pros. Avendo dalla loro il trito proverbio: Fortuna e dormi.

7. Distinto, Minuto. Non com. Pallav. Stor. Conc. 4. 11. 4. Procacciasse trita notizia de' successi.

8. T. Trito ha senso affine a Logoro, e dicesi per lo più di Vestiti logori, sì che ci si veda la miseria di chi li porta. Poi Trito, e, per celia, Tritone, anche L'uomo coperto di tali vestiti. [G.M.] Minucc. Not. Malm. Uomo trito o tritone, tanto vale appresso di noi quanto Uomo mal vestito. [Fanf.] Fagiuoli, Rime, II. 120. (MS.) Non vi posso mai dir quant'era trito: Fate conto ch'ei fosse ignudo affatto: Or guardate s'egli era mal vestito!

9. Per Frequentato, Calcato, Battuto, parlandosi di strada. Iter tritum, in Cic. Via trita, in Tibull. – Ar. Fur. 20. 104. (M.) Grifone il bianco ed Aquilante il nero Pigliâr cogli altri duo la via più trita. Car. En. 8. 925. Lo squadron già mosso Al calpitar della ferrata forma Fa 'l campo risonar tremante e trito.

10. Trito, dicono i Pittori per Minuto; onde Maniera trita è quella che dà in tritume. Baldin. Voc. Dis. 171. (M.) Vas. Op. Introd. 1. 103. (Man.) Se ella (la figura) non avrà ad essere ignuda, facciasi (dallo scultore) che i panni ch'ella arà ad aver addosso, non siano tanto triti, ch'abbiano del secco, nè tanto grossi, che pajano sassi.

11. A modo d'Avv. Cr. 9. 82. 5. (C) Si dia loro (a' paoni) porro minuzzato, trito, ovver cacio fresco. Morg. 16. 58. (M.) Chi vi cercasse trito a falde a falde, Nè l'un nè l'altro è farina da cialde.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: triteresti, triterete, triterò, triti, tritiamo, tritiate, tritino « trito » tritoli, tritolo, tritone, tritoni, trittici, trittico, trittonghi
Parole di cinque lettere: trita, trite, triti « trito » trivi, troco, troia
Lista Aggettivi: tristo, tritato « trito » triviale, troiano
Vocabolario inverso (per trovare le rime): imperterrito, atterrito, agguerrito, irritò, irrito, aborrito, turrito « trito (otirt) » detrito, impietrito, scheletrito, nitrito, epitrito, ritrito, ritritò
Indice parole che: iniziano con T, con TR, parole che iniziano con TRI, finiscono con O

Commenti sulla voce «trito» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze