Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «a», il significato, curiosità, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


A

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Articoli interessanti e pagine web
Liste Parole: Terminanti con l'accento sulla a
Liste a cui appartiene
Alfabeto italiano [ * » Bi]
Preposizioni Semplici [Di « * » Da]
Lettere alfabeto [ * » B]
Parole Monovocaliche [ * » Abacà]
Giochi di Parole
La parola a è formata da una lettera, una vocale e zero consonanti.
Parole con "a"
Iniziano con "a": ad, ah, ai, al, abc, abs, ace, ada, ade, adì, afa, agà, agi, agì, ago, ahi, ahò, aia, aie, aio, ala, alé, ali, alt, ama, ami, amo, amò, ana, ani, ...
Finiscono con "a": da, da', dà, fa, fa', ha, la, là, ma, sa, va, va', za, ada, afa, agà, aia, ala, ama, ana, ara, ava, bea, boa, bra, bua, cra, dea, dia, dna, ...
»» Vedi parole che contengono a per la lista completa
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "a"
»» Vedi anche la pagina frasi con a per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Stasera dopo la palestra devo tornare per forza a casa.
  • Le associazioni onlus possono essere a fini benefici e a favore dei diversamente abili.
  • Oggi pomeriggio mi trovavo a Milano in piazza Duomo ma tu non c'eri.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
A - prima lettera dell'alfabeto, e prima delle cinque vocali. L'A segna il complemento di termine, che corrisponde alla domanda a chi? a che cosa? detto dagli antichi gramatici caso dativo. È preposizione che indica relazione di moto, d'avvicinamento o tendenza d'una cosa verso un'altra; e ciò tanto nel senso proprio, quanto nel traslato. Unita all'articolo determinativo, forma le preposizioni articolate al, allo, alla, alle, agli. Con l'apostrofo (A') è elisione di Ai; con l'accento grave dinota ha verbo. Premessa ad una parola cominciante da vocale prende la d della preposizione latina ad, da cui deriva, per ischivare l'iato o perchè non avvenga elisione come ad ora, ad ora, ad esso, ad altri, adoperare, adagio.

Aggiunta a' verbi, a' nomi, agli avverbii, agli aggettivi, alle preposizioni, ne diversifica in parte o totalmente il significato, coma da correre accorrere - da battimento abbattimento - da concio acconcio - da presso appresso, raddoppiando la prima consonante della parola a cui si congiunge.

La particella A serve pure a formare molte locuzioni avverbiali e prepositive, come: a bada, a tempo, a vita, a bacchetta, a baldanza ec. ec.

Si pone elegantemente in luogo di altre preposizioni, ed assume significati diversi - Ond'è che si adopera:

Per di, come - Lavorato a marmi - fornito a denaro - coperto a maglie.

Per da - Udì a molti predicare il Vangelo (da molti).

Per in - Un uomo che a capo del ponte sedea - A questi giorni è stato povero ad arnese.

Per con - A capo chino - A sproni battuti - a gonfie vele.

Invece di per - A mia cagione - A sua colpa - Non avere a male.

Per a modo, a simiglianza - Scala a lumaca - Cadere a piombo - Cosa da tutti udita a miracolo.

Per circa - I pastori dissero che ivi a tre miglia era un castello.

Per contra o verso - Una galeotta sopravvenne, e, vedute le barche, si drizzò a loro - (verso loro) E a tramontana rivolto, gridò.

Per infino - Empiere a mezzo il bicchiere - Le vesti lunghe a terra.

Per secondo o conforme - Fare a suo senno - Trattare alla libera - Procedere alla carlona.

Per dopo - Indi a pochi mesi partì.

Per sotto - A pena della testa gli fu comandato di tacere.

Per altri usi ed eleganze di questa particella si vegga la gramatica. [immagine]
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Da, a - Il Da, nota acconciamente il Tommaseo, indica la materia; l'A indica l'obbligo, quando si unisce al verbo Avere; se io dico Il tale non ha da lavorare, dico gli manca il lavoro; se dico Non ha a lavorare, dico che non dee lavorare. E lo stesso quando precede il verbo Fare, come allor che si dice: Non c'è da fare; e nell'uso suol dirsi Il da fare, per Faccenda; il che non sapendo il povero Giuliani, che parla ex-cathedra di cose di lingua toscana dell'uso, udendo una montanina dire: Un gran da fare è il nostro, cioè Noi abbiamo molto da fare, molte faccende, giudicando a orecchio, copiò Un grand'affare, e lo diede, come tante altre simili, per una perla del linguaggio montanino. Il Da significa pure attitudine, ufficio, ecc. - «Uomo da bosco e da riviera; Quistioni da risolversi; Boccia da vino;» che molti infrancesati, in certi casi, scambiano con l'A. [immagine]
A - Con questa particella si formano molti modi avverbiali, i quali cambiano al tutto significato, se invece di essa pongasi le altre particelle al, o di, o con, e simili. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Verso, A - Quando si va verso un luogo non è detto che vi si debba giungere; gli è un avvicinarglisi; quando si va a un luogo si persiste nel cammino finchè vi si giunga: altro è andare verso casa, altro è lo andare proprio a casa. [immagine]
Per, A - Per mi pare meglio atto a significare mezzo necessario assolutamente; a, mezzo sussidiario soltanto; per comperare del pane ci vogliono denari, o altro che di equivalente, a masticarlo bene e presto giovano i buoni denti. [immagine]
In, A - In vale dentro; a può valere circa, vicino e simili. Dicendo: sono in casa, intendo che sono proprio in una camera o luogo qualunque della casa, e che non sono nè nel giardino, nè nel cortile. Dicendo: sono a casa, vale: non sono uscito; e posso essere e in casa, e nel cortile, e nel giardino: siamo a casa; dicesi anco quando dopo una lunga camminata si è di ritorno, e così vicini a casa da vederla o da sapere che non è che a pochi passi; qui il, siamo a casa, vale all'incirca, a un dipresso; o siamo vicini (sottinteso) a casa. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
A - La lettera A ci viene dall'alpha dei Greci. Presso i Romani, quando si doveva pronunziare sopra una causa, si distribuivano ai giudici tre bollettini, sull'uno dei quali era inciso un A, absolvo, (assolvo) su l'altro un C, condamno (condanno) ed il terzo portava NL, non liquet (il fatto non è chiaro) - Presso i Greci, A era una lettera numerica che valeva 1. - Essa è la prima lettera di tutti gli alfabeti, eccettuato l'Etiopio. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: a » abacà, abachi, abaco, abarica, abariche, abarici, abarico
Parole di una lettera: a » b
Vocabolario inverso (per trovare le rime): a (a) » babà, fiaba, sillaba, decasillaba, endecasillaba, dodecasillaba, esasillaba
Indice parole che: iniziano con A, finiscono con A

Commenti sulla voce «a» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze