Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «arduo», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Arduo

Aggettivo
Arduo è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: ardua (femminile singolare); ardui (maschile plurale); ardue (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di arduo (faticoso, problematico, difficile, complicato, ...)
Nomi Alterati e Derivati
Avverbio: arduamente.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola arduo è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (udrà).
Divisione in sillabe: àr-duo. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di arduo con quelle di un'altra parola si ottiene: +tiè = auditore; +big = bugiardo; +pet = depurato; +ben = derubano; +[tar, tra] = doratura; +[ter, tre] = dorature; +sta = dosatura; +[est, set] = dosature; +mie = erudiamo; +sei = esaudirò; +gin = giurando; +tag = graduato; +gin = graduino; +gal = guardalo; +tag = guardato; +gin = guardino; +gin = guardoni; +gli = guidarlo; +[ile, lei] = ierodula; +[eri, ire, rei] = iodurare; +tai = iodurata; ...
Vedi anche: Anagrammi per arduo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: arcuo, ardua, ardue, ardui.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ardo.
Antipodi (con o senza cambio)
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si può avere: udrai.
Parole contenute in "arduo"
duo. Contenute all'inverso: udrà.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "arduo" si può ottenere dalle seguenti coppie: arassi/assiduo, are/eduo, arresi/residuo.
Usando "arduo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * duomi = armi; * duomo = armo.
Lucchetti Riflessi
Usando "arduo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cera * = ceduo; assira * = assiduo.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "arduo" si può ottenere dalle seguenti coppie: armi/duomi, armo/duomo.
Usando "arduo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * assiduo = arassi; * residuo = arresi.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "arduo"
»» Vedi anche la pagina frasi con arduo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • E' stato arduo ritrovare la rotta giusta senza l'ausilio della bussola.
  • Molte volte, durante i turni antincendio boschivo, mi è capitato di seguire un sentiero arduo.
  • Pur tra mille difficoltà e pericoli, sono alla fine riuscito a risalire l'arduo pendio.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Difficile, Malagevole, Arduo, Difficoltoso - La cosa da non potersi fare senza vincere gravi ostacoli e senza ajutarsi dell'arte e dell'ingegno, è Difficile. - E' Malagevole quella che, per farla, se non c'è bisogno d'arte o d'ingegno, non può farsi senza sforzo e disagio. - Arduo ha più del materiale e ha seco l'idea d'altezza, anche quando si trasporta al figurato. - «Ardua impresa fu quella di unificare la nazione. - Difficile il metter d'accordo due letterati;» nè in questo caso di direbbe Arduo. - La voce Difficoltoso si dice di operazioni complicate, nelle quali sono varie le difficoltà da superare. - «Quella è un'arte molto difficoltosa.» - [Difficoltoso si dice anche di persona che in tutto trova difficoltà. Difficile, di persona, vale Che non si contenta mai o Che è poco trattabile. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Difficile, Malagevole, Arduo, Difficoltoso - Difficile è generico; dicesi d'ogni cosa non facile a farsi, a capirsi, a conseguirsi: malagevole dicesi più d'operazione che non possa farsi scorrevolmente e che presenti qualche impedimento. Arduo dicesi di cammino che ripido monti, e perciò ardue quelle cose al cui conseguimento occorra stentatamente salire: arduo è il cammino della fortuna, a chi vuol riuscirvi con onesti modi; malegevole è a chi lo tenta il tenersi in quel giusto mezzo che verso niun precipizio lo guidi, e difficile è lo afferrarlo così strettamente che più non isfugga di mano. Difficoltoso è ciò che ad ogni passo presenta ostacoli non gravi ma ripetuti: difficoltosi sono i principii della musica, p. es., perchè bisogna superare le parziali difficoltà della teoria e della pratica. [immagine]
Erto, Ripido, Rapido, Arduo, Scosceso, Aspro, Dirupato; Erta, Ertezza - Erto esprime l'altezza del luogo; ripido, la troppa pendenza della salita che a luogo erto mette; arduo, la difficoltà del salire, del superare gli ostacoli che si frappongono tra il punto di partenza e la meta: questo ha senso traslato anche più sovente che proprio. Scosceso esprime disuguaglianze tali sulla faccia del terreno per cui uno deve arrampicarsi, che pare molte parti di essere siansene staccate per qualche scossa o per vetustà, e giù scese in fondo: su picco, o scoglio, o rupe scoscesa non bastano piedi e mani per aggrapparsi e salire; vi vogliono scale, uncini e corde onde superare i maggiori vani o rientramenti di terreno lasciati dai supposti o veri scoscendimenti. Aspro indica scabrosità e durezza, ma pure superabile colla pazienza e colla fermezza: ha senso traslato altresì. Dirupato è più che scosceso, e dicesi proprio di luogo pietroso, e in cui le rupi e i macigni sono uno sull'altro accavallati nel disordine o nell'ordine loro naturale. Erta è luogo a cui e per cui si sale; può l'erta esser facile, e la salita che vi mette, insensibile: ertezza sembra indicare una difficoltà alquanto maggiore, un'altezza più grande: a me poi, erto, erta, ertezza, paiono voci fatte dal popolo, corrompendo o modificando a modo suo, alto, altura, altezza.

«Ripido dicesi propriamente della salita; rapido, direi piuttosto della scesa». Tommaseo.

Giusta è la distinzione fatta dal Tommaseo, imperciocchè rapido esprimendo ancora prestezza molta, perchè rapidi volano i momenti, rapidi gli anni eziandio; questa velocità che puossi ottenere naturalmente discendendo, non potrassi mai conseguire nel salire, e molto meno se la salita è ripida. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Arduo - S. m. Arduità, Difficoltà. [Cam.] Magal. Lett. At. Part. 1. 106. Se per questo viaggio si trovasse una comodità colla quale si potesse andare agiatamente per tutto l'arduo della Teologia, diremmo, che mettesse conto pigliarla. E. 1. 139. L'arduo dell'argomento, che prima di parlare mi dá contumacia della temerità d'intraprenderlo, dopo che avrò parlato inadeguatamente, mi servirà di scusa.

2. † Fig. Per Avversità, Infortunio. G. V. 11. 134. 2. (C) Qual puote essere la cagione, perchè Iddio abbia promesso questo arduo contro a noi, essendo i Pisani più peccatori di noi?
Arduo - Agg. Aff. al lat. Arduus. Alto o sim. Dant. Par. 31. 34. (C) Veggendo Roma, e l'ardua sua opra, Stupefacénsi. But. L'ardua sua opra, e gli alti suoi edificii.

2. T. Difficile a salire per la qualità del terreno, o per altri ostacoli.

3. T. Trasl. Dalla difficoltà del superare un'altura, Arduo venne a denotare Difficile; ma serba sempre alcun che dell'origine. Il misfatto, la viltà, la frode, ha passi difficili, non ardui.

Bocc. Nov. 89. 6. (C) A lui, per loro istrettissimi e ardui bisogni, concorrevano per consiglio. Dant. Par. 30. Cotal, qual io lo lascio a maggior bando, Che quel della mia tuba che deduce L'ardua sua materia terminando. Tac. Dav. Ann. 15. 221. Molte cose, mettendovisi, riuscire, che pajon ardue a chi si sta. T. Guicc. Op. Ined. Senato che abbia a trattare le cose ardue. Sansov. Concet. Polit. Niuna cosa è più necessaria nelle deliberazioni ardue, niuna dall'altra parte più pericolosa, che il domandare consiglio. Salvin. Pros. Sacr. 314. Rinvigorire il corpo, e addestrarlo alle più ardue fatiche. = Segner. Crist. Instr. 1. 5. 31. (M.) La nostra salute non è un negozio di agevole riuscita; è un affare arduo, arrischiato. [Cam.] Salvin. Disc. vol. 2. 47. Il conoscere se stesso era (secondo Platone) cosa ardua, e forte, e malagevole. E Disc. 1. 314. Ardue e splendide ambascerie
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ardono, ardore, ardua, arduamente, ardue, ardui, arduità « arduo » are, area, areale, areali, arealmente, areare, areata
Parole di cinque lettere: ardui « arduo » areca
Lista Aggettivi: ardimentoso, ardito « arduo » areale, arenario
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ceduo, deciduo, triduo, residuo, assiduo, individuò, individuo « arduo (oudra) » adeguo, adeguò, prosieguo, dileguo, dileguò, seguo, eseguo
Indice parole che: iniziano con A, con AR, parole che iniziano con ARD, finiscono con O

Commenti sulla voce «arduo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze