Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cancellare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cancellare

Verbo
Cancellare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è cancellato. Il gerundio è cancellando. Il participio presente è cancellante. Vedi: coniugazione del verbo cancellare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di cancellare (cassare, depennare, eliminare, togliere, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola cancellare è formata da dieci lettere, quattro vocali e sei consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: ll.
Divisione in sillabe: can-cel-là-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: cancellerà (scambio di vocali).
cancellare si può ottenere combinando le lettere di: nel + [calcare, calcerà, laccare]; crene + calla; rna + eccella; nella + cerca; ellena + crac; cra + ancelle; clan + [celare, celerà, lacere]; [carne, crena] + calle.
Componendo le lettere di cancellare con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = cancellassero; +non = cancelleranno; +rii = ricancellerai; +[tifo, tofi] = cellofanatrice; +[siti, tisi] = incasellatrice; +vita = ricancellavate; +snob = sbaccelleranno; +[santo, stano, stona] = accastelleranno; +[negri, regni] = grancancelliere; +[rossi, sorsi] = ricancellassero.
Vedi anche: Anagrammi per cancellare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: cancellate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: cane, calla, calle, calare, cala, cale, care, celle, celare, cela, cere, ancelle, anca, anelare, anela, acre, alla, alle, alare, nella, nelle, nere, elle.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: cancellarle, cancellarne.
Parole con "cancellare"
Finiscono con "cancellare": ricancellare.
Parole contenute in "cancellare"
are, can, ance, ella, lare, cella, ancella, cancella. Contenute all'inverso: era, alle, ralle.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cancellare" si può ottenere dalle seguenti coppie: carica/ricancellare, cancellai/ire, cancellata/tare, cancellatore/torere, cancellatura/turare.
Usando "cancellare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * areata = cancellata; * areate = cancellate; * areati = cancellati; * areato = cancellato; * rendo = cancellando; * evi = cancellarvi; * resse = cancellasse; * ressi = cancellassi; * reste = cancellaste; * resti = cancellasti; * egli = cancellargli; * retina = cancellatina; * retine = cancellatine; * retore = cancellatore; * retori = cancellatori; * ressero = cancellassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cancellare" si può ottenere dalle seguenti coppie: cancellerà/areare, cancellata/atre, cancellatina/anitre, cancellato/otre.
Usando "cancellare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = cancellata; * erte = cancellate; * erti = cancellati; * erto = cancellato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "cancellare" si può ottenere dalle seguenti coppie: cancella/area, cancellata/areata, cancellate/areate, cancellati/areati, cancellato/areato, cancellai/rei, cancellando/rendo, cancellasse/resse, cancellassero/ressero, cancellassi/ressi, cancellaste/reste, cancellasti/resti, cancellate/rete, cancellati/reti, cancellatina/retina, cancellatine/retine, cancellatore/retore, cancellatori/retori.
Usando "cancellare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mie = cancellarmi; * tiè = cancellarti; * vie = cancellarvi; * glie = cancellargli; * torere = cancellatore.
Sciarade incatenate
La parola "cancellare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cancella+are, cancella+lare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cancellare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = cancellatrice.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "cancellare"
»» Vedi anche le pagine frasi con cancellare e canzoni con cancellare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • A volte scrivo ancora con la matita, ed allora la gomma per cancellare mi è molto utile.
  • Non si possono cancellare i propri errori con un colpo di spugna.
  • Ho voglia di cancellare dalla mente la brutta esperienza di domenica scorsa.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Cancellare, Cassare - Cancellare è propriamente Tirare de' freghi per lungo e per traverso su una scrittura, per significare che quella dee tenersi come non fatta, e non ha valore alcuno: e si dice così, perchè sembra, con tali freghi, esser chiusa e sequestrata dietro a cancelli. - Cassare invece è il Dar di frego proprio sulla scrittura per modo che non si possa più leggere ciò che essa diceva. [immagine]
Cancellare, Scancellare - Cancellare è proprio del tirar freghi colla penna sulle parole scritte: Scancellare del toglierle via con altro mezzo che la penna, come gomma, temperino e simili.-Scancellare non può usarsi nei traslati nei quali cade bene Cancellare. Così non direbbesi Scancellare uno dal cuore, dalla memoria, Scancellare un'onta e simili, ma sempre Cancellare. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Cassare, Cancellare e Scancellare - Si cassa portando via in qualche maniera affatto lo scritto e i caratteri; si cancella o scancella dando su di penna a ciò che vuolsi sopprimere. Cassare poi, in linguaggio giudiziario e amministrativo, dicesi d'una sentenza, atto o altro che si annulli affatto, o di persona che si rimuove definitivamente da un ruolo o da un uffizio. [immagine]
Abolire, Abrogare, Cassare, Cancellare, Annullare, Estinguere, Derogare - L'azione dell'abolire può cadere su tutto ciò che direttamente dipende dall'autorità. Si abolisce una legge, una consuetudine, un ordine religioso, una classe d'uffiziali pubblici, ecc. Abrogare riguarda soltanto la legge: il primo può essere atto dispotico ed illegale; il secondo al contrario è rivestito delle forme legali. Annullare è azione che può essere fatta anche da particolari, annullare una scritta, una convenzione, ecc. Cassare si applica alle cose e alle persone, e dicesi: cassare un decreto, una sentenza, un impiegato ecc., non una legge. Cassare importa l'idea di potere assoluto in chi fa quell'atto, e di decisione irrevocabile. S'estingue da sè ciò che si lascia andare in disuso. Si deroga a qualche articolo di legge in favore di qualche persona, e in merito di qualche circostanza straordinaria che faccia eccezione. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
† Cancellare - V. n. ass. T. Per Vacillare, Fr. Chanceler, Chance, quasi Minacciar di cadere. = Tit. Liv. (C) E in poca d'ora fu la battaglia non solamente ricoverata, anzi cominciano i Sabini a cancellare. E altrove. Quell'Aulo vide che le torme de' Romani andavano cancellando e rinculando. G. V. 8. 72. 9. Non avevano acqua a sufficienza per loro e pe' loro cavalli: cominciaronsi a cancellare e partirsi in fuga.

2. † Per Andare quasi a onde, e come fanno anche gli ebri, che dicesi altresì Balenare. [Camp.] Guid. Giud. XV. 14. Si venne contro a Ettore, e ferillo di sua spada, sicchè tutto il fece cancellare.

Lucan. (C) La nave andava cancellando per l'acqua.

3. † Per Dar la volta. Dep. Decam. 111. (M.) Il ponte cancellò tutto, cioè dette volta.

4. † Trasl. Per Vacillare in fede, Titubare. G. V. 7. 93. 1. (C) Ma sentendo egli la poca fede degli uomini del regno, e come quei di Napoli già cancellavano, e certi ve ne avea, che avean già corsa la terra. (Così si legge ne' buoni testi a penna.) Dep. Decam. 111. Cancellavano, ch'è pur Provenzale, e vale andare quasichè a onde, e come fanno gli ebbri; e trasportato all'animo, titubare, ecc. vacillare.
Cancellare - V. a. Chiudere con cancello; ma in tale signif., ch'è il proprio di questa parola, si trova di rado. In senso sim. è in Colum. – Cr. 9. 90. 4.(C) La finestra di sopra tetto serri, e cancelli, sicchè i colombi entrar possano e uscire, ma non gli uccelli rapaci. (Così si dee leggere questo luogo, dicendo il latino: cancellet, et claudat.)

2. Per simil. vale Cassar la scrittura fregandola, così detto, perchè quando vuolsi far questo si ha il costume di segnar sopra la scrittura colla penna alcuni segni paralleli per traverso, ed altri per diritto, che rappresentano come un cancello; e questo è il significato più comune di cancellare. (M.) T. È in Ulp. Fare segni sullo scritto a traverso, a mo' di cancelli.

[Cont.] Bandi Lucch. 110. Alcuno notaio non possa nè debbia tal carta cassare nè cancellare senza licentia del dicto messer lo vicario.

E in forza di Sost. Algar. Operett. crit. 141. Quelli (i Romani)… di spirito pronto, al dire del medesimo Orazio, e felicemente arditi, si recavano poi a grande onta il cancellare. Oraz. Sed turpem putat in scriptis metuitque lituram.

3. Per Tor via dalla carta, o sim., ciò che altri ha scritto, disegnato, o sim. Borgh. Rip. 176. (M.) Poscia calchi il cartone, o disegni con gesso bianco da sarti, ovvero con carbone di salcio, che l'uno e l'altro facilmente si cancella.

4. [Val.] Detto di Marmi, ecc., che furono distrutti, rosi dal tempo. Borgh. Disc. 3. 89. In Santa Croce, in una sepoltura delle donne di questa famiglia, nella parte di sopra, che di sotto è cancellata, si vede il principio di questa doga.

5. E detto ass. e fig. in signif. di Revocare. Dant. Par. 18. (C) Ma tu che sol per cancellare scrivi.

6. Cancellare uno da un libro, da una carta, da una scrittura, vale Cancellare il nome di lui da quello o da queste. Cavalc. Specch. Cr. (C) O tu mi cancella del libro della vita, dove m'hai scritto. (Qui fig.)

7. Fig. (Tom.) D. 3. 5. Quest'ultimo giammai non si cancella Se non servato (l'obbligo del voto, in quanto è promessa a Dio).

8. Per Annullare una sentenza assolvendo il condannato. G. V. 7. 56. 5. (C) E furono cancellati da ogni bando e condannagione.

9. Trasl. (Tom.) Cancellare onta, offesa, misfatto. Tratt. Cosc. S. Bern.

10. [Val.] Per Rimuovere, Distruggere. Mach. Stor. 6. 6. Il quale (sospetto) volendo il conte cancellare, seguiva la guerra gagliardamente. [Cors.] E Disc. 1. 6. Non si può mai cancellare un inconveniente, che non ne surga un altro. Car. Rett. Arist. 1. 14. Sono ancora maggiori ingiurie… quelle contro le quali non si trova rimedio per essere cosa difficile ed impossibile a cancellarle. Salvin. Disc. ac. 4. 176. (Gh.) Dagli animi ancora di chi traviando dalla virtù segue il vizio, non è mai del tutto cancellata la bellezza della verità.

(Tom.) Di cosa abolita non rimane, in certo modo, pur l'odore; di cancellata, alcuna traccia.

11. Far dimenticare. [Val.] Mach. Stor. 6. 14. Con la morte dell'accusatore l'infamia delle sue colpe cancellare.

T. Prov. Tosc. 164. Frego non cancella partita. (D'offesa perdonata, ma non obliata.)

12. [Val.] Per Dimenticare. Cellin. Vit. 1. 208. Così da me medesimo mi messi animo, cancellando in tutto e per tutto le grandi ingiurie, che m'avea fatte Pompeo.

In questo signif. dicesi ancora Cancellare dalla memoria. Machiav. Op. 1. 104. (Gh.) Questi non potevano cancellare dalla memoria l'esiglio. Menz. Op. 3. 354. Assicurandola che mai non sarò per cancellare dalla memoria un favore sì grande.

13. [Val.] Confondere, Porre in un fascio. Mach. Dec. 1. 81. Nessuna Repubblica bene ordinata, non mai cancellò i demeriti con gli meriti dei suoi cittadini.

14. † Per Incrociare, o Incrocicchiare, o Attraversare l'una cosa con l'altra, come braccia, regoli, ecc., in guisa che formino croce. Vit. S. Franc. ms. Aldini, p. 16. (Gh.) San Francesco allora cancellò le braccia a modo di croce, e pose la man dritta sopra il capo di frate Bernardo, e la sinistra sopra il capo di frate Elia.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cancellandosi, cancellandoti, cancellandovi, cancellano, cancellante, cancellanti, cancellarci « cancellare » cancellargli, cancellarla, cancellarle, cancellarli, cancellarlo, cancellarmi, cancellarne
Parole di dieci lettere: canapiglie, canapuccia, cancellano « cancellare » cancellata, cancellate, cancellati
Lista Verbi: camuffare, canalizzare « cancellare » candeggiare, candidare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): acciambellare, zimbellare, macellare, sfracellare, sbaccellare, uccellare, particellare « cancellare (erallecnac) » ricancellare, sbocconcellare, ascellare, mascellare, sottomascellare, sottoascellare, spadellare
Indice parole che: iniziano con C, con CA, parole che iniziano con CAN, finiscono con E

Commenti sulla voce «cancellare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze