Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «curato», il significato, curiosità, forma del verbo «curare» aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Curato

Forma verbale
Curato è una forma del verbo curare (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di curare.
Aggettivo
Curato è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: curata (femminile singolare); curati (maschile plurale); curate (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di curato (sanato, guarito, medicato, accudito, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola curato è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: cu-rà-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
curato si può ottenere combinando le lettere di: [out, tuo] + cra; uro + tac; cru + tao.
Componendo le lettere di curato con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ile, lei] = acetiluro; +tic = attorucci; +[sai, sia] = austriaco; +[ari, ira, ria] = autocarri; +[aro, ora] = autocarro; +[eta, tea] = autocrate; +tai = autocrati; +sos = autocross; +poa = autoparco; +nel = calutrone; +pin = capiturno; +bip = capotribù; +[bar, bra] = carburato; +tan = catturano; +tav = catturavo; +[ter, tre] = catturerò; +mal = colmatura; +fen = confutare; +fen = confuterà; +gin = congruità; +ani = coniatura; +nei = coniature; ...
Vedi anche: Anagrammi per curato
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: carato, cerato, curano, curaro, curata, curate, curati, curavo, durato, murato, turato.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: durata, durate, durati, murata, murate, murati, turata, turate, turati.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: curo, urto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: curiato, curvato.
Parole con "curato"
Iniziano con "curato": curatolo, curatore, curatori.
Finiscono con "curato": accurato, oscurato, procurato, assicurato, inaccurato, trascurato, rassicurato, riassicurato, chiaroscurato.
Contengono "curato": oscuratore, oscuratori, procuratore, procuratori, assicuratore, assicuratori, procuratoria, procuratorie, procuratorii, procuratorio, trascuratore, trascuratori, procuratorella, procuratorelle, procuratorelli, procuratorello, superprocuratore.
»» Vedi parole che contengono curato per la lista completa
Parole contenute in "curato"
cura. Contenute all'inverso: tar.
Incastri
Inserito nella parola prore dà PROcuratoRE; in assire dà ASSIcuratoRE; in assiri dà ASSIcuratoRI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "curato" si può ottenere dalle seguenti coppie: cuba/barato, cubo/borato, cuce/cerato, cui/irato, culetto/lettorato, cumino/minorato, cupa/parato, curia/riarato, curare/areato, curi/iato, curvai/vaiato, curai/ito, curano/noto, curavi/vito, curavo/voto.
Usando "curato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: sicura * = sito; procura * = proto; assicura * = assito; * tono = curano; * toro = curaro; insicura * = insito; trascura * = trasto; * tondo = curando; * tonte = curante; * tonti = curanti; * torci = curarci; * torsi = curarsi; * torti = curarti; * torvi = curarvi; * tosse = curasse; * tossi = curassi; * toste = curaste; * tosti = curasti; * torica = curarica; * torici = curarici; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "curato" si può ottenere dalle seguenti coppie: cure/errato, curerà/areato, curvi/ivato, curvo/ovato, curare/erto, curaro/orto.
Usando "curato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otre = curare.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "curato" si può ottenere dalle seguenti coppie: sicura/tosi.
Usando "curato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sicura = tosi; tosi * = sicura.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "curato" si può ottenere dalle seguenti coppie: curando/tondo, curandone/tondone, curano/tono, curante/tonte, curanti/tonti, curarci/torci, curarica/torica, curariche/toriche, curarici/torici, curarico/torico, curaro/toro, curarsi/torsi, curarti/torti, curarvi/torvi, curasse/tosse, curassi/tossi, curaste/toste, curasti/tosti.
Usando "curato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * barato = cuba; * borato = cubo; * cerato = cuce; * parato = cupa; * riarato = curia; * minorato = cumino; * noto = curano; * areato = curare; * vito = curavi; * voto = curavo; * vaiato = curvai; sito * = sicura; curatela * = telato; * lettorato = culetto; proto * = procura; curia * = riarato; assito * = assicura; * eleo = curatele; insito * = insicura; trasto * = trascura; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "curato"
»» Vedi anche la pagina frasi con curato per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non mi sono curato bene l'influenza e ho avuto una brutta ricaduta.
  • In tempi lontani il curato era una delle persone più importanti del paese.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Parroco, Curato, Prevosto, Preposito, Pievano, Arciprete, Pastore - Il parroco è quel sacerdote al quale il vescovo affida una parrocchia, cioè una chiesa della diocesi, e una parte de' fedeli da essa chiesa direttamente dipendenti in quanto si tratta di sacramenti e d'ogni maniera di spirituali soccorsi: il parroco nella sua parrocchia è il vero pastore delle anime a lui affidate: in qualche luogo il parroco vien detto curato, ma non troppo propriamente; il curato è una specie di viceparroco, perché in molte cose supplisce per lui; nelle parrocchie molto grosse vi sono più curati aiutatori del parroco. Prevosto o preposito è parroco d'ordine più distinto o per l'importanza della parrocchia, o per essere preposto appunto ad altri parroci da lui per certi casi dipendenti: «è, dice Romani, il parroco capo di pieve, ch'è anche vicario foraneo; così pievano che è più propriamente capo di pieve. Ma il pievano è per lo più di campagna; il prevosto, di città. «Il pievano Arlotto». Arciprete dice da sè più che prete; vi sono de' parroci che hanno questo titolo; vi sono de' penitenzieri nelle collegiate o nelle cattedrali che così vengono denominati. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Curato - [T.] S. m. nell'ult. § di CURATO agg. abbiam visto il passaggio dall'uso dell'agg. al sost., dove sta quasi per Curatore della chiesa commessagli, appunto come Curatore può essere e sost. e agg., e come il Lat. deponente Precatus e sim., vale Pregante. Così nell'it. Ragionato val Ragioniere, e Sensato vale Che ha buon senso e l'esercita. Curato è ell. che sottint. Sacerdote o sim. Fr. Giord. Pred. R. (C) Curato della chiesa parrocchiale. Dat. Lepid. 7. (Man.) Era disperato da' medici, sicchè il curato gli raccomandava l'anima. Tratt. Segr. cos. donn. Si confessano al loro proprio curato.

Il Curato assiste al Priore o Parroco; può una prioria aver più curati, e se la parrocchia è grande, esserci il vice-curato. T. Fatto, Nominato curato. [Val.] Fortig. Ricciard. 30. 88. Facea da curato.
Curato - [T.] Part. pass. di CURARE.

In senso corp., sim. nell'aureo lat. Amm. ant. 14. 3. 8. (C) Non tonduti capelli, nè curata barba.

T. Salute curata con troppo squisite sollecitudini. Hor. Bene curata cute.

T. Cat. I buoi siano sani e ben curati.

2. Di mali corp. Segr. Fior. Stor. 5. 122. (Man.) Peccherebbe molto più a lasciarle (le infermità) non curate, che curate.

Dell'uomo stesso risanato. [Garg.] Gucc. Viagg. 365. Il primo che vi si gettava dentro (nella piscina), era libero e curato d'ogni infermità.

3. Agg. di Tela, Filo, o sim. Che è stato bollito e imbiancato; contr. di Rozzo. (Man.) Red. Lett. fam. 2. 236. Accia cruda o cotta, o rozza, o curata, o in gomitoli o in matasse. Gell. Err. 1. 4. Trine di refe curato. [Val.] Novell. Senes. Teof.

4. Part. di CURARE, nel senso del Dare all'oggetto importanza colla mente e coll'animo. T. Studii poco curati, Virtù non curata, Gli uomini singolari sono più curati dagli esteri che da' suoi.

5. Fatto con cura. Vegez. 106. (C) Ogni generazione (specie) d'esperimenti pigli, e, questi, come si conviene curati… T. Lavoro curato con tutta diligenza.

6. Benefizio curato, Che è con cura d'anime. Papin. Burch. 212. (Gh.) Ottenere li ecclesiastici benefizj curati. Pallav. Stor. conc. 168. (Man.) Lasciare ad essi la collazione de' benefizi, massimamente de' curati. Segner. Parr. Instr. 5. 2. (C) Trascurando noi la primaria obbligazione d'un benefizio curato. [F.] Bott. Stor. It. 1. Annullassersi le pensioni… sopra i benefizii curati.

Papin. Burch. 206. (Gh.) Preti che vanno alle chiese curate di campagna.

7. Della pers., tiene dell'Agg. nel modo T. Docum. Ven. 1500. Preti curati. = Segner. Parr. Instr. 5. 3. (Man.) Sacerdote curato, ma tanto reo, che le anime a lui commesse non ebbero a que' dì nemico più crudo. T. Cappellano curato. – Clero curato.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: curatela, curatele, curati, curativa, curative, curativi, curativo « curato » curatolo, curatore, curatori, curatrice, curatrici, curava, curavamo
Parole di sei lettere: curati « curato » curava
Lista Aggettivi: curabile, curativo « curato » curdo, curiale
Vocabolario inverso (per trovare le rime): illustrato, perlustrato, frustrato, restaurato, instaurato, carburato, decarburato « curato (otaruc) » accurato, inaccurato, assicurato, riassicurato, rassicurato, procurato, trascurato
Indice parole che: iniziano con C, con CU, parole che iniziano con CUR, finiscono con O

Commenti sulla voce «curato» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze