Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «derrata», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Derrata

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani
Giochi di Parole
La parola derrata è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: rr.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: tardare, tarderà.
derrata si può ottenere combinando le lettere di: [ter, tre] + [arda, darà, rada]; [tar, tra] + [arde, dare, rade].
Componendo le lettere di derrata con quelle di un'altra parola si ottiene: +[pio, poi] = adoperarti; +[ciò, coi] = adoratrice; +[leu, lue] = adulterare; +[leu, lue] = adultererà; +[ero, reo] = arredatore; +rio = arredatori; +[ave, eva] = arredavate; +[evi, vie] = arridevate; +ton = atterrando; +une = denaturare; +[dio, odi] = diradatore; +[ile, lei] = ereditarla; +sei = estraderai; +ufo = foderatura; +[ilo, oli] = idolatrare; +[ilo, oli] = idolatrerà; +sii = irradiaste; +giù = redarguita; +ito = retrodatai; +tai = riadattare; +tai = riadatterà; +ito = riadatterò; +ito = riadottare; ...
Vedi anche: Anagrammi per derrata
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: derrate, ferrata, serrata.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: ferrate, ferrati, ferrato, serrate, serrati, serrato.
Con il cambio di doppia si ha: dettata.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: errata.
Altri scarti con resto non consecutivo: data, erta.
Parole contenute in "derrata"
erra, rata, errata. Contenute all'inverso: tar, arre.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "derrata" si può ottenere dalle seguenti coppie: dee/errata, deste/sterrata.
Usando "derrata" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: fede * = ferrata; sede * = serrata; spider * = spirata; decoder * = decorata.
Lucchetti Alterni
Usando "derrata" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: spirata * = spider; decorata * = decoder.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "derrata" (*) con un'altra parola si può ottenere: * clou = declorurata.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "derrata"
»» Vedi anche la pagina frasi con derrata per una lista di esempi.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Mercanzia, Merce, Merceria, Derrata - Mercanzia significa in genere ogni sorta di roba vendibile, ma considerata in grande, e in certa più che discreta quantità: il grano, i cuoi, i ferri, le sete, i panni ecc. sono mercanzie. Merci direi più specialmente ai panni e ad ogni genere di stoffa o altro che sta nella bottega del mercante ben ordinata e disposta. Mercerie sono que' piccoli oggetti che vende il merciaiuolo, come aghi, spille, refe, seta, cotone, bottoni, calze e simili. Derrate, propriamente le produzioni della terra; ogni specie di biade, vino, frutta, fieno ecc. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Derrata - S. f. Quello che si contratta in vendita, e specialmente ciò che si ricava dalle possessioni. T. Aff. a Ratus, Rata pars. Altri da Denariata, Rendita da computarsi in danari. Fr. Denrée. = Cron. Morell. (C) Eran loro promessi buoni patti; solo il passo e derrata per danajo. Bocc. Nov. 55. 7. Videsi di tal moneta pagato, quali erano state le derrate vendute. G. V. 8. 36. 3. I Romani per le loro derrate furono tutti ricchi. M. V. 9. 42. E dato loro stadichi di non far danno per la riviera…, e di tôrre derrata per danajo, se n'andarono in sulla Magra. Vit. Crist. E non avieno possessioni, nè danari, nè derrate. Ar. Fur. 43. 112. (M.) Così dice; e una gemma allora nata Le dá, ch'alla padrona la presenti. Pare alla balia averne più derrata, Che di pagar dieci ducati o venti.

2. [Val.] Per Contratto di compra e vendita. Soldan. Sat. 7. Credesi costà forse che 'l tegame, Che del sangue s'intride, onde fe' Giuda Sì gran derrata, la risvegli o chiame? Bianchi. Sold. Sat. 194. Derrata cioè Contratto di compra o vendita. Chiama grande la vendita che fece Giuda del suo Maestro per trenta nummi… non pel prezzo, ma per la cosa venduta, che era di valore realmente infinito.

3. Trasl. Tav. Rit. (C) Se voi trovaste una bella dama che v'amasse, non amereste vo' lei? E Dinadan disse: cotesta derrata non farebbe per me; chè amare non è altro che sua vita vanamente menare. Franc. Sacch. Nov. 192. (M.) Così interviene spesso di tutte le cose e massimamente sopra così fatti uomini, che truovano spesso di quelle derrate che dánno altrui. E più sotto: Hanno spesse volte tal derrate, che…

4. E pure trasl. G. V. 11. 130. 1. (C) Riserbando la fortuna a' Fiorentini la mala derrata di Lucca.

5. T. Rendita. Prov. Tosc. 192. Quando il verno è nella state, e la state nell'invernata, non avrai buona derrata. E 78. Le buone derrate vuotano la borsa. (Dánno animo a spendere oltre al bisogno e alle forze consuete.)

Fig. T. Prov. Più la mostra che la derrata (quando le apparenze o le promesse son più del fatto). La derrata risponde alla mostra (la realtà, alla parola e all'aspetto).

Guardarsi dalle buone derrate vale Guardarsi che sotto il vil prezzo bene spesso si trova fraude. (C)

6. [Val.] Per Prezzo, Mercato. Ros. Lett. Etrur. 1. 570. Nè ci so di carnaggi esserci a buona derrata altro che la carne di vacca. Ros. Lett. Etrur. 1. 571. Ora ci pajono a buona derrata quando ne abbiamo tre per due quattrini.

7. Fig. [M.F.] Avere derrata, ecc. Convers. Lett. XI. Sarò ben io per dare bon conto loro di me in tutti gli modi, et non n'haranno la derrata che forsi si stimano.

8. [M.F.] Avere tale o tal altra derrata di uno. Favorirti esso o no, ecc. (oppure Farne a suo senno). Melocchi, Stor. Cas. Pist. Ms. q° 229. n° 49. Dicevano: Noi ne haremo poi quella derrata che vorremo de' Panciatichi, et bisognerà che si dilunghino (saranno a nostra discrizione). E q° 230. n° 163. Le havessimo fatto il debito loro… riusciva el disegno a' Canciglieri, che ne harebbono hauta de' Pancialichi quella derrata che loro havessimo voluto.

9. Far di sè o della persona sua derrata vale Far copia, Offerir se all'altrui servigio, ma in senso onesto. Car. Lett. ined. 1. 240. (M.) Oltre a l'esser cosa indegna per se stessa che in questi termini un Card. Farnese faccia sì gran derrata della persona sua, e per ogni cosa diventi corriero.

10. Vendere o Mettere addosso ad alcuno la mala derrata vale Vendere, Spacciare merci di cattiva qualità, come se fossero buone, con inganno. Fr. Giord. Pr. 1. 172. (M.) Tutte l'arti sono oggi frodate o falsate… Chè tutto lo intendimento dell'artefice non è se non come egli ti possa vendere, e mettere addosso la mala derrata, e venderlati cara, e di darti pur la mala merce.

11. [M.F.] Opera, Azione. Bocc. Rim. Son. VIII. Non goderan guari lor derrate Questi ingrati meccanici nimici D'ogni leggiadro e caro adoperare.

12. Per Merito, Portamento, e sim. Vit. SS. Pad. 2. 380. (M.) Sì che egli (chi poi diventò Prelato) abbia di quelle derrate da' suoi sudditi, ch'egli diede a' suoi Prelati.

13. Per Porzione o Quantità di qualsivoglia cosa. Cron. Morell. 282. (C) Piglia un garofano, o un poco di cinnamomo, o un cucchiajo di treggea, o quattro derrate di zafferano,… Nov. ant. 94. 2. Buona femmina, come dái questi cavoli? Messere, due mazzi al danajo. Certo questa è buona derrata…; tutta la famiglia è in villa, sicchè troppo mi sarebbe una derrata. Bocc. Nov. 80. 29. Appena ch'io abbia delle due derrate un denajo. Franc. Sacch. Rim. 36. Dando i viventi per maggior derrate, Che non fe' Tito la Giudea semenza.

14. Per Vantaggio. Stor. Semif. 61. (Mt.) E benchè male agevolmente lo facessero (di diroccare la, Terra), in ogni modo in dodici e pochi più giorni si fu compiuta, perocchè buona derrata pareagliene avere allo avvenante (in paragone) di ciò che pareagli meritare per loro miscredenza…

15. Avere meno di una derrata di alcuna cosa. Averne poco o nulla. Fresc. Viagg. 76. (Mt.) Costui è di Francia, ed ha moglie cristiana nata in Saracinia, che tra amendue hanno meno di una derrata di fede.

16. Più, o Prima la giunta che la derrata, si dice quando l'aggiunta supera il principale. Fr. Giord. Salv. Pred. 24. (C) Prima si dá la derrata, e poi la giunta; non si dà prima la giunta che la derrata. Dep. Decam. 141. E se noi avessimo voluto dire tutto quello che dir si potea, o che pur ci era richiesto, o che alcune belle occasioni spontaneamente ci offerivano, ci sarebbe facilmente riuscito quello che sogliono dire i Greci Μεῖζον τοῦ ἔργου τὸ πάρεργον, e i nostri: Più la giunta che la derrata.

17. Fare una malvagia giunta a una mala derrata vale Arrogere male a male. Bocc. Nov. 40. 2. (C) Salvo, se io non volessi a questa malvagia derrata fare una mala giunta.

18. [Val.] Una derrata, Due derrate, per Poco o Nulla. Pucc. Centil. 52. 93. E così guerreggiaron tutta state, Ed una parte del vegnente verno, Senz avanzar l'un l'altro due derrate.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: derogherò, deroghi, deroghiamo, deroghiate, deroghino, derogò, derogo « derrata » derrate, derrick, deruba, derubai, derubammo, derubando, derubano
Parole di sette lettere: deroghi « derrata » derrate
Vocabolario inverso (per trovare le rime): autocarrata, narrata, prenarrata, accaparrata, riaccaparrata, chitarrata, errata « derrata (atarred) » ferrata, grottaferrata, afferrata, riafferrata, riferrata, serrata, rinserrata
Indice parole che: iniziano con D, con DE, parole che iniziano con DER, finiscono con A

Commenti sulla voce «derrata» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze