Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dettare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dettare

Verbo
Dettare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è dettato. Il gerundio è dettando. Il participio presente è dettante. Vedi: coniugazione del verbo dettare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di dettare (suggerire, scandire, pronunciare lentamente, sillabare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Informazioni di base
La parola dettare è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ratte). Divisione in sillabe: det-tà-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con dettare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Mi sono fatto dettare la lettera, mentre scrivevo al computer.
  • Dettare le regole è molto facile, il difficile è farle rispettare.
  • Oggi a dettare il compito in classe è stato molto chiaro.
Citazioni da opere letterarie
I Viceré di Federico De Roberto (1894): — Perdoni! — riprese il giovanotto. — Noi apprezziamo il delicato sentimento che le fa dire così: la sua modestia non le poteva dettare diversa risposta. Ma della capacità di lei dev'essere giudice — perdoni! — lo stesso paese. Se ella avesse altre ragioni per rifiutare, ragioni private o di affari, noi c'inchineremmo, non potendo permettere che il suo sacrificio vada troppo oltre. Ma se l'unica obbiezione consiste nella sua incapacità, ci permetta di dirle che non tocca a lei riconoscere se è capace o pur no!

Azzurro tenebra di Giovanni Arpino (1977): Arp si mise al tavolo, scrisse senza esitazioni fino al termine previsto. Aprì la televisione e controllò le risse tra olandesi di Cruyff e brasiliani di Rivelino a Dortmund. La pioggia rigava lo schermo come in un vecchio film muto. Rivide anche la sintesi della partita a Francoforte, l'unico gol vincente del tedesco Müller e l'uragano conclusivo. Chiuse e bevve, controllando l'orologio. Il telefono squillò quasi subito. Prese gli appunti per dettare.

Fedele di Antonio Fogazzaro (1887): — Fa piacere, Filippo! — disse la signorina a suo fratello che cercava inutilmente sul piano il motivo dell'Aria di Chiesa di Stradella. Continuai a dettare la vecchia canzonetta che piaceva tanto alla società milanese, molto intelligente, molto distinta, dell'Hôtel Brocco: Mi me se inchiava i denti / Quando te voi parlar;
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per dettare
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: destare, dettame, dettate, gettare, nettare.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: nettari, settari.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dette, dare.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: duettare.
Parole con "dettare"
Finiscono con "dettare": ridettare.
Parole contenute in "dettare"
are, tar, tare, detta. Contenute all'inverso: era, atte, ratte.
Incastri
Inserendo al suo interno cri si ha DEcriTTARE; con agli si ha DETTagliARE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "dettare" si può ottenere dalle seguenti coppie: défilé/filettare, deforma/formattare, deride/ridettare, derive/rivettare, desco/scottare, detta/tatare, dettai/ire, dettame/mere, dettami/mire, dettata/tare, dettatore/torere, dettatura/turare.
Usando "dettare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cadetta * = care; codetta * = core; vedetta * = vere; * tarerai = detrai; bidè * = bittare; * remi = dettami; * areata = dettata; * areate = dettate; * areati = dettati; * areato = dettato; lode * = lottare; * rendo = dettando; * resse = dettasse; * ressi = dettassi; * reste = dettaste; * resti = dettasti; languidetta * = languire; scade * = scattare; slide * = slittare; accade * = accattare; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "dettare" si può ottenere dalle seguenti coppie: detterà/areare, dettata/atre, dettato/otre.
Usando "dettare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erme = dettame; * erta = dettata; * erte = dettate; * erti = dettati; * erto = dettato.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "dettare" si può ottenere dalle seguenti coppie: cadetta/reca, codetta/reco, umidetta/reumi.
Usando "dettare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * cadetta = reca; * codetta = reco; * umidetta = reumi; reca * = cadetta; reco * = codetta; reumi * = umidetta.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "dettare" si può ottenere dalle seguenti coppie: detrai/tarerai, detta/area, dettata/areata, dettate/areate, dettati/areati, dettato/areato, dette/aree, dettai/rei, dettami/remi, dettando/rendo, dettasse/resse, dettassero/ressero, dettassi/ressi, dettaste/reste, dettasti/resti, dettate/rete, dettati/reti, dettatore/retore, dettatori/retori.
Usando "dettare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bittare * = bidè; lottare * = lode; * scottare = desco; scattare * = scade; slittare * = slide; accattare * = accade; ricattare * = ricade; core * = codetta; * formattare = deforma; * mere = dettame; * mire = dettami; vere * = vedetta; contrattare * = contrade; dei * = eiettare; * torere = dettatore; languire * = languidetta.
Sciarade incatenate
La parola "dettare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: detta+are, detta+tare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "dettare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = dettatrice.
Quiz - indovina la soluzione
Definizioni da Cruciverba: Quelli grandi dettano la moda, Azione dettata da malvagità, Vendono al dettaglio, Sostennero le tesi dettate dal Concilio di Trento, Un ritratto eseguito sotto dettatura.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Dettare - e † DITTARE. [T.] V. a. Dire quel ch'altri, via via, scriva. Aureo lat. Paol. Dictavit scribendum. Si può Dettare e parlando parole proprie, e leggendo le proprie e l'altrui, ch'altri scriva; le scriva tal quali, o ne renda il senso, e corregga e traduca. T. Chi fa un atto lo detta al notaro, e questi gli dá la forma dalle leggi voluta. M. Aurel. A dettare poco meno di trenta lettere, non ho più fiato.

Ass. Car. Lett. 2. 46. (C) Per questa (lettera), la quale è di man d'altri, potete vedere ch'io mi son ridotto a dettare. T. Cic. Scrivessi, io ero più lungo; ma dettai, per la cispa. – Parla o Legge, che pare che detti: Adagio e affettatamente distinto, acciocchè altri dia alle parole sue peso.

2. Fig. D. Purg. 24. (C) I' mi son un che quando Amore spira, noto; e a quel modo Che detta dentro, vo significando (ne' versi). But. La S. Scrittura fu dettata dallo Spirito Santo. T. Car. En. 1. Tu che di ciò sai (Musa) le cagioni, Tu le mi detta (mihi caussas memora).

T. Dettare a uno la risposta ch'egli ha a rendere, non, dirgli le parole ch'e' venga mano mano scrivendo, ma dargli il senso delle cose da dire, accennando o no l'ordine delle idee, e le più rilevanti locuzioni.

T. Il fatto stesso, la necessità, l'opportunità, dettano quel che s'ha a scrivere, che s'ha a dire. V. DETTANTE, § 2. – Quintil. Quel che detta la memoria delle altrui benemerenze o l'aspetto della sventura.

3. Nel seg. dice un po' più, s'approssima al senso di Indettare. Alleg. 235. (C) Noi piglierem l'assunto Di dettargli ogni cosa per l'appunto. – Questo non solo di cose da scrivere, ma da dire, come nell'es. ult. del paragr. preced.

4. Non solo di quel che s'ha a dire, ma di quel che a fare; e allora il Dettare ha non solo del piu preciso, ma del più imperioso. T. In Val. Fl. il Sacerdote è che detta quel che concerne il sacrificare. – Dettare le condizioni d'un accordo qualsiasi. Dettare la pace, imporla anco a chi non la vorrebbe, o non la vorrebbe a que' patti. [Cors.] Galil. Lett. Il comandamento che… si dettò qua allo stampatore ed a me di non lasciar uscir fuori tal mio libro, mi fu avviso assai grave.

T. Dettar leggi è non solo proporle e darle, ma imporle o con autorità accettata, o con volontà prepotente, o con arroganza. Nè solo delle leggi nel senso pr., ma dell'imporre altrui la volontà propria quanto al da farsi. Segnatam. nel sing. Dettare la legge, Far prevalere in tale o tal caso la propria volontà.

Non solo nella pratica, ma nelle cose intell. T. Detta la legge, Chi impone le norme del giudicare e del comporre opere d'arte in maniera che altri vi si assoggetti più per docilità che per ispirazione di proprio sentimento. Certi critici dettano leggi, che non sanno scrivere, e non sanno quel che si dicano.

Quindi Dettare in senso aff. a Insegnare, e alquanto diff. da Indettare, not. al § 3. T. Britann. ad Juven. Sat. 8. Dictare est aliquid docere in omni genere doctrinae quod alius excipiat; et dicta, quae traduntur in omni genere disciplinae.

T. Dicendo che Il maestro detta il tema agli scolari, non s'intende che sia cosa da trascrivere com'egli la dice, ma che imponga il soggetto su cui comporre, e ne dia qualche traccia.

5. Trasl. But. (C) Lo libero arbitrio è quello che elegge secondochè la ragione detta. T. Quintil. Così la ragione pare che detti. – Più chiaro l'accoppiamento del Dettare e dell' Ammaestrare; e col Che poi. = Pass. 33. (C) La ragion naturale, la quale ci detta e ammaestra, che non è vergogna… che… T. Quintil. A loro par vile ogni cosa che natura detta. – Quel che la legge, l'onore, il dovere, la religione detta. = Car. Lett. 2. 251. (C) Potendo fare a suo modo, faccia quel che l'animo suo gli detta. E 1. 5. Accettatelo per amico, con tutte quelle accoglienze che vi detta la vostra gentilezza. T.Secondo che detta la passione. – Il cuore mi detta che… (Alquanto diff. dal not. al § 2.)

6. In senso sim. più com., ma talvolta men forte. T. Il cuore mi dice. E Dictare per Dire è in Gell. = D. 1. 14. (C) Ne (ci) consola e ne ditta Onde vieni e chi se'. But. ivi. Cioè di' a noi. Petr. Canz. 28. 1. Colui che del mio mal meco ragiona, Mi lascia in dubbio; sì confuso ditta.

7. T. I frequentativi anche in lat. davansi per il sempl. positivo: Tracto, e sim. Onde l'ant. anche it. Dettare per Scrivere, e Dettato per proverbio non valeva che Dire e Detto. Ma il senso di scrivere da sè e di comporre viene anco da questo che posson dettarsi altrui i proprii componimenti, e la mente li detta alla mano che li scrive; e lo scrivente li detta ad altri che li scrivano nella mente e nel cuore proprio. – Del sempl. Scrivere. [Camp.] Pist. S. Gir. 7. Queste cose, o Marcella venerabile,… in un corso di penna ho dettate. T. Hor. Haec tibi dictabam (un'epistola). – Del comporre, i Fr. dicono tuttavia nella Sciampagna Dettare, e ass. è in Sidon.; e col quarto caso. Hor. In hora ducentos versus dictabat. [Camp.] † Bib. Job. Prol. I. Dittando io le ultime (cose), sollicitamente attesi con che stile io aveva dette le prime. = Vit. Plut. (C) Cas. Son. 56. Quel ch'io scrivo o detto Con tanto studio. (Par che intenda per Dettare il Comporre più eletto.)

† Ass. G. V. 8. 10. 2. (C) Fu (ser Brunetto) sommo maestro in rettorica, tanto in ben saper dire, quanto in ben dittare. E 9. 135. 2. Fu (Dante) sommo poeta, e filosofo e rettorico perfetto, e tanto in dittare, e versificare, come in aringhiera parlare (in ringhiera. Versificare lo stile poet., Dittare, più gen.)

† A modo di Sost. Ott. Com. Inf. 13. 244. (C) Per lo suo bello dettare.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: dettame, dettami, dettammo, dettando, dettano, dettante, dettanti « dettare » dettarono, dettasse, dettassero, dettassi, dettassimo, dettaste, dettasti
Parole di sette lettere: dettame, dettami, dettano « dettare » dettata, dettate, dettati
Lista Verbi: detronizzare, dettagliare « dettare » deturpare, deumidificare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sfaccettare, riaccettare, precettare, ricettare, incettare, intercettare, discettare « dettare (eratted) » ridettare, affettare, difettare, infettare, reinfettare, disinfettare, gettare
Indice parole che: iniziano con D, con DE, parole che iniziano con DET, finiscono con E

Commenti sulla voce «dettare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze