Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «impero», il significato, curiosità, forma del verbo «imperare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Impero

Forma verbale
Impero è una forma del verbo imperare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di imperare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola impero è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: im-pè-ro. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: imperò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: empori, erompi, meropi, premio, premiò, proemi.
impero si può ottenere combinando le lettere di: pro + mie; rom + pie; [pio, poi] + rem.
Componendo le lettere di impero con quelle di un'altra parola si ottiene: +[eta, tea] = ametropie; +ram = apriremmo; +cra = carpiremo; +cra = comparire; +tac = compatire; +con = comperino; +[csi, ics, sci, ...] = compiersi; +col = compilerò; +tac = compitare; +tac = compiterà; +toc = compiterò; +cra = comprerai; +tac = compriate; +[ceo, eco] = copieremo; +cad = crepidoma; +[ade, dea] = deperiamo; +[dan, dna] = deprimano; +don = deprimono; +dal = diplomare; ...
Vedi anche: Anagrammi per impero
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: imparo, impepo, impera, imperi, impeto, impuro.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: ampere.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: iper, mero.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: imperio, imperlo.
Parole contenute in "impero"
ero, per, pero. Contenute all'inverso: ore.
Incastri
Inserendo al suo interno agli si ha IMPagliERO (impaglierò); con disse si ha IMPEdisseRO; con direbbe si ha IMPEdirebbeRO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "impero" si può ottenere dalle seguenti coppie: impinguai/inguaierò, impedì/dirò, impedirebbe/direbbero, impedisse/dissero, impediste/disterò, impedivo/divoro, impepa/paro, impepare/parerò, impepati/patirò, impepi/piro, impepo/poro, impesta/staro, impestare/starerò, impesti/stiro, impeti/tiro, impeto/toro.
Usando "impero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rodi = impedì; caì * = camperò; coi * = compero; * rogna = impegna; * ola = imperla; * oli = imperli; poi * = pomperò; eroi * = eromperò; * rodite = impedite; * roditi = impediti; stai * = stamperò; * rodendo = impedendo; * rodente = impedente; * rodiamo = impediamo; * rodiate = impediate; * olino = imperlino; * oliamo = imperliamo; * oliate = imperliate; * rodimenti = impedimenti; * rodimento = impedimento; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "impero" si può ottenere dalle seguenti coppie: immetto/ottempero, impure/eruppero, impedì/ideerò, impilo/olierò, implosi/isolerò, implume/emulerò, impepa/apro.
Usando "impero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ordì = impedì; * orti = impeti; * orto = impeto; rami * = raperò; commi * = compero; cremi * = creperò; * ordii = impedii; salmi * = salperò; stimi * = stiperò; * ordire = impedire; * ordirà = impedirà; * ordirò = impedirò; * ordita = impedita; * ordite = impedite; * orditi = impediti; * ordito = impedito; * ordiva = impediva; * ordivi = impedivi; * ordivo = impedivo; stammi * = stamperò; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "impero" si può ottenere dalle seguenti coppie: impedendo/rodendo, impedente/rodente, impedì/rodi, impediamo/rodiamo, impediate/rodiate, impedimenti/rodimenti, impedimento/rodimento, impedite/rodite, impediti/roditi, impegna/rogna.
Usando "impero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * dirò = impedì; * paro = impepa; * piro = impepi; * poro = impepo; * tiro = impeti; * toro = impeto; * lao = imperla; * staro = impesta; * stiro = impesti; * divoro = impedivo; * patirò = impepati; * ateo = imperate; * avio = imperavi; * astio = imperasti; * inguaierò = impinguai.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "impero" (*) con un'altra parola si può ottenere: gai * = giampiero; * arem = impareremo; * dino = impedirono; * arno = imperarono; * atre = imperatore; * atri = imperatori; inca * = inciamperò; * frate = imperforate; * frati = imperforati; * accrebbe = impaccerebbero; * frazione = imperforazione; * frazioni = imperforazioni.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "impero"
»» Vedi anche la pagina frasi con impero per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Sono da ammirare quegli imprenditori che, partendo dal nulla, hanno saputo costruire un piccolo impero.
  • Non mi sarebbe piaciuto vivere nel periodo dell'impero romano.
  • Ho scritto un articolo sulla storia dell'impero romano.
Titoli di Film
  • L'impero colpisce ancora (Regia di Irvin Kershner; Anno 1980)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Reame, Regno, Impero, Monarchia - Reame è il solo territorio. - Regno è il territorio e il tempo intero del regnare del re. - «Sotto il regno di un re fioriscono nel reame le istituzioni e i popoli; sotto quello di un altro ogni cosa declina.» - Regno ha eziandio senso traslato. - «Sotto il regno di certe idee e di certi principii, vedesi cambiare la faccia del mondo.» - Impero è estensione vastissima di paese comprendente genti e popoli e nazioni diverse. L'Impero romano abbracciava pressochè il mondo tutto conosciuto. - Impero è poi comando assoluto o forza prepotente. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Facoltà, Potenza, Possibilità, Potestà, Forza, Balìa, Potere, Possanza, Autorità, Impero - Facoltà in generale è potenza data; in ispecie, è potenza naturale dell'uomo, fisica o intellettuale: egli ha la facoltà di digerire, di muoversi, d'imparare, di commettere, di giudicare ecc.; le potenze dell'anima sua, le forze del suo corpo sono altrettante ammirande facoltà di cui Dio lo volle dotato. Potenza è forza sufficiente a produrre un effetto, e a questo rivolta (v. Efficacia). Potestà è il potere conferito o riconosciuto in una persona: molte delle repubblichette del medio evo si eleggevano un potestà o podestà, e a quello ubbidivano; potestà appunto detto perchè era in esso il sommo potere. Il potere è l'unione della forza e del diritto, ma considerati ancora astrattamente come forza morale: perché il potere venga esercitato legalmente debb'essere in mano d'un magistrato sovrano, qualunque ei siasi. La forza è adunque la metà del potere, ne è uno degli essenziali elementi; v'ha chi ha il diritto dalla sua, ma non avendo forza sufficiente da farlo prevalere, questo cade e si disperde, se non in ragione, in effetto. La possanza pare l'esercizio ragionato, moderato della potestà, del potere: far con possanza è fare con cognizione di causa, con quella padronanza e sicurezza di ben fare che dà l'uso del comandare, del regolare, del disporre. Balìa è potere assoluto; avere in sua balìa, vale poter fare della cosa o della persona assolutamente ciò che si vuole; essere in balìa, significa essere in mano, in potere di una forza anche capricciosa e volubile, senza difesa né schermo. L'impero è quella dominazione generale sulle cose per cui dipendono dal nostro comando, dal nostro cenno; l'autorità è ne' maggiori, ne' superiori, più propriamente negli autori: ogni autorità perciò viene da Dio, autore d'ogni cosa: non v'ha autorità vera senza diritto; altrimenti è usurpata, apocrifa: l'età, l'esperienza, lo studio rendono autorevoli le parole de' vecchi, degli scienziati, delle persone alto locate pe' meriti loro. La possibilità di fare suppone che l'efficacia de' mezzi superi la difficoltà della cosa; la possibilità del succedere dipende dallo stare la cosa in quell'ordine naturale e logico, entro il cui limite si svolgono quasi necessariamente tutte le cose possibili. L'autorità senza la forza è inutile, la forza senza l'autorità può riuscire dannosa: senza potere non è potenza, potestà, possanza; essi sarebbero nomi vuoti di senso: la facoltà senza esercizio anneghittisce, s'attuta. [immagine]
Reame, Regno, Impero, Monarchia - Reame è solo il territorio; regno, e il territorio e il tempo intero del regnare di un re: sotto il regno di un re fioriscono nel reame instituzioni e popoli; sotto quello di un altro ogni cosa declina. Regno ha eziandio senso traslato: sotto il regno di certe idee e di certi principii vedesi cambiare la faccia del mondo. Impero è estensione vastissima di paese comprendente genti e popoli e nazioni diverse: l'impero romano abbracciava pressochè il mondo tutto conosciuto. Impero è poi comando assoluto o forza prepotente: sotto l'impero della forza, o della ragione diversissime sono le conseguenze che ne emergono. Monarchia dirassi a regno e a impero molto esteso, ove comandi un solo; e poi il principio dell'autorità di quest'uomo, sia imperatore o re. Il mondo vecchio conta quattro grandi periodi nelle quattro sue grandi monarchie degli Assiri, de' Medi, o Persiani, de' Greci, e de' Romani. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Impero (Il Basso) - Così son detti gli ultimi tempi dell'imperio Romano, che prendono data comunemente da Valeriano. [immagine]
Impero - Nome che si dà agli stati sottoposti ad un capo che ha titolo d'imperatore. [immagine]
Impero romano - Giulio Cesare ne piantò le fondamenta nell'anno del mondo 3956, e così quarantotto avanti la nascita di Gesù Cristo. Costantino ne trasportò la sede a Bisanzio nell'anno 334. dell'era cristiana. Sotto Carlomagno, l'Oriente e l'Occidente formarono due imperi separati. [immagine]
Impero francese - L'Impero, che succedè in Francia al Consolato, fu votato dal Tribunale, dal Corpo Legislativo e dal Senato, e proclamato a Saint-Cloud nel dì 2 floreale o fiorile anno XII. (18 maggio 1804) [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Impero - e IMPÈRIO. [T.] S. m. Dignità e Autorità di chi impera, e Atto e Tempo e Modo dell'esercitarla; e Società d'uomini, e Paese soggetto ad essa. Aureo lat. Impero è a noi più com; ma in parecchi deriv. si fa sentire la forma Imperio, e rimane in qualche raro uso, segnatam. in senso aff. a Comando. – Nel senso polit. più ordin. l'Impero suol essere più largo del Regno, e può essere composto di popoli e nazioni varie e diverse. Nell'Impero uno è l'imperatore, ma possono essere più i re, e tanti i ministri quanti gli Stati; possono essere differenti e diverse le leggi, le politiche istituzioni.

2. Il senso milit. nella lingua rom. prevale, e qualcosa di questa storia sempre trasfondesi nelle lingue derivate altresì. Borgh. Orig. Fir. 102. (C) Sebbene quei capitani, con qualche nome o di consolo o d'altro, se andassero alle spedizioni, avesser con l'esercito insieme l'imperio, cioè arbitrio ed autorità di comandare… T. Virg. Patriis laetior imperiis. Pl. Gesserit rempublicam ductu, imperio, auspicio.

3. Senso polit. Gli es. seg. riguardano, altri distintamente e altri promiscuamente, la dignità, la potestà, il diritto, il fatto, il tempo, il modo dell'imperare. Le quali idee si presentano talvolta così congiunte che non è possibile farne distinti paragrafi. T. Conferire l'impero. Cic. Ricevere. – Erede dell'impero, Titolo di chi era designato successore; e l'ebbe per primo Alessandro Severo Giambull. St. 131. Trasferire lo imperio dalla stirpe di Carlo Magno ad un'altra famiglia. – Dividere. – Spogliare dell'impero. Cic. Deporre l'impero, e nel senso del § 2 e in questo.

T. Tac. Il corpo immenso dell'impero. – Fiaccare l'impero. Hor. Frangerlo. E: All'impero che precipita.

T. Lunga durata d'un impero. – L'anno quintodecimo dell'impero di Tiberio. – Sotto l'impero d'Augusto. – La corona dell'impero. – Leggi dell'…

T. Virg. Mandato in grande impero, – a un grande. [B.] Ar. Fur. 21. 13. Sommo. T. Glorioso, Avaro, Superbo. – Impero a musaico, composto di genti e d'istituzioni diverse.

Modo enf. T. Non lo direi, Non lo farei neanco chi mi desse un impero. – Stimo la dignità della mia coscienza più che tutti gl'imperi del mondo.

4. Usi stor. T. L'impero babilonico, e caldeo o de' Caldei, assiro o degli Assirii, Impero de' Medi e de' Persi; de' Greci; de' Romani.

T. Impero, ass., il Romano, da Augusto a Augustolo. = D. Inf. 2. (Man.) Ch'ei (Enea) fu dell'alma Roma, e di suo 'mpero Nell'empireo ciel per padre eletto. T. L'impero romano si distendeva dall'Oceano occidentale all'Eufrate. – Diocleziano per primo divise l'impero. – Nel 395 dividesi l'impero in due parti, l'impero d'Occidente, e d'Oriente.

T. Impero occidentale. – Basso impero, il greco; o ass. L'impero, segnatam. dopo distrutto quel d'Occidente. [B.] Ar. Fur. 15. 91. Romano. E 44. 79. Greco. T. Storici del basso impero. – Monete del basso impero. – Impero latino d'Oriente, fondato in Costantinopoli al tempo della quarta crociata. – Impero di Trebisonda, fondato da Alessio Comneno, materia a finzioni romanzesche.

T. Il sacro impero, Il romano, rifondato da Carlo Magno. [B.] Ar. Fur. 15. 29. Antico. E 97. Giusto (di Germania). E 3. 25. Sommo (di Carlo Magno). T. Dant. Epist. Sacrosanto impero di Roma. [B.] Ar. Fur. 3. 65. Santo. T. Più com. Sacro romano impero.

A questo segnatam. mirano i modi seg. G. V. 1. 40. 3. (C) Così l'imperio dêe essere sopra ogni signoria temporale. Borgh. Mon. 143. Que' dottori faceano l'imperio di tutto il mondo general signore. T. Da altri contrappongonsi, e, per ciò stesso, da altri confondonsi Il sacerdozio e l'impero. E, perchè confusi, cozzano.

T. Elettori dell'impero. – Principi, Conti, Marchesi del sacro impero. – Nobiltà dell'impero germanico. – Nel 1806 disfatto l'impero germanico.

T. Impero d'Austria. – Impero ottomanno, di Turchia, de' Turchi. Il titolo diplomatico è Ottomanno; De' Turchi e Ottomanno, lo storico; Di Turchia, il familiare, sovente con dispr. – Impero del Marocco.

T. Impero del Brasile.

T. Il primo impero, L'impero francese, che nel 1810 prendeva da Amburgo e Danzica, a Trieste e Corfù. – Feudi dell'impero. – Barone dell'impero; Cancelliere. – Il secondo impero, di Luigi Napoleone.

T. Impero universale, sognato da chi non conosce il nostro pianeta.

5. T. Impero britannico, dicesi, ma non Imperatore o Imperatrice d'Inghilterra; e ciò conferma l'uso antico che a Impero dá senso generico, aff. a Regno. Così diciamo, Soggetti all'impero d'un re, massime se il re lo faccia sentire. – Contendere dell'impero. Virg. In te, o Turno, è il decoro e l'impero di Latino. = Petr. Canz. 5. 6. (C) Dall'imperio del figliuol di Marte (Romolo) Al grande Augusto. T. Virg. Sinchè il padre romano avrà l'impero.

[Camp.] Ces. Com. Parte (de' popoli di Gallia) che, per levitate ed incostanza d'animo, nuovi imperii desideravano (novis imperiis studebant). T. Tac. Impero di Velleda sui Galli.

T. Cic. Domo, quae est in imperio (di pontefice, di console, di pretore).

6. Di popolo. T. Virg. Reggerà l'Italia, gravida d'imperii e fremente di guerra. Cic. Così la repubblica e questo impero e il nome del popolo romano, i maggiori nostri dotarono di campagne e città e nazioni. E: I Galli caddero sotto l'impero del popolo romano. Virg. Tu ramméntati, o Romano, di reggere i popoli col tuo impero (o con impero, imperiosamente, non superbamente però), risparmiare i soggetti, e debellare i superbi.

7. Segnatam. la regione imperata o degli imperanti. T. Hor. Che avrà in cura i cittadini, la città (Roma), l'impero e l'Italia e i delubri degli Dei. Cic. Distendere i confini dell'impero. Hor. Augusto sarà avuto per Dio, aggiunti all'impero i Britanni. Virg. L'impero di lui fino all'oceano, la fama fino alle stelle. [Camp.] D. 2. 6. Che avete, tu e 'l tuo padre, sofferto, Per cupidigia di costà distretti, Che 'l giardin dell'imperio sia diserto (Italia, giardino de' Tedeschi). T. G. V. 3. 4. Lo imperio di Roma durò alla signoria de' Franceschi intorno di cento anni (il paese già imperato da Roma). Sansov. Conc. Pol. Gl'impert degli antichi per la maggior parte erano lontani dal mare, e però crebbero e durarono assai. G. Gozz. (Di Venezia, assumendo il linguaggio di Roma), Fossero in quelle discipline ammaestrati le quali furono stimate sempre le necessarie a reggere e custodire l'impero.

8. Di città. T. Costantino trasporta la sede dell'impero a Bizanzio. – Capitale dell'impero. = Bocc. Nov. 98. 32. (C) Città fiorentissima d'arme, d'imperio e di studii.

Insolito, ma non senza valore. Ott. Com. Inf. 30. 525. (Man.) Li Greci fecero questa statua di Minerva, la quale se fia salva tratta dentro delle vostre mura, sarà questa città imperio d'Asia.

9. Personif. T. Hor. Preparava morte all'impero. – Caduta degl'imperi.

10. † Impero per Imperante o Imperanti, come Servitium per Servi, o, per Servi, anche noi Servitù. T. Un'iscr. Utriusque imperii, d'ambedue gl'imperatori. = Cronichet. d'Amar. 109. (Man.) E' non mi par convenevole che persona che venga per grazia alla faccia dell'imperio, ne debba andare iscontento: e però dico sempre di sì.

11. Senso rel. T. Hor. I re temuti hanno impero sui loro greggi; sopra i re stessi è l'impero di Giove (pastore di quel bestiame). E (di Giove): Che le città e i tristi regni (d'inferno), e gli Dei e le turbe mortali uno regge con giusto imperio. D. 3. 32. Di questo imperio giustissimo e pio (il Paradiso). Apoc. A lui onore e impero sempiterno.

12. Senso priv. T. Pl. Si quid imperii est in te mihi. Cic. Appio, vecchio e cieco, sopra i suoi manteneva non autorità soltanto ma impero. – Impero dell'uomo sulla donna; del padrone sul servo. Della donna sull'uomo; del cameriere o della cameriera, del cortigiano o della cortigiana.

13. Per Comando in gen., non com., giova intenderlo, che è più bello, nel Petr. Son. 228. (C) Alma real, dignissima d'impero. T. Tristo complimento sarebbe augurarle il manto imperiale. In questo senso anche può intendersi la frase stor. Mero e misto imperio.

Ma più chiaro per Comando in gen. [Camp.] D. Conv. II. 13. Non fosse senza divino imperio = Bentiv. Tebaid. 7. 228. (Gh.) Or qual mi porti Di Giove impero, o di lassù novella? T. Virg. Qui vengo per impero di Giove. = Bentiv. Tebaid. 7. 225. (Gh.) Tu pronto il trova e l'ammonisci, e l'ira Del genitor gli fa palese, e nulla A lui tacer de' miei sovrani imperi. T. Virg. Espone gl'imperii di Giove. = Tass. Ger. 3. 52. (Man.) Goffredo lor manda il buon Sigiero, De' gravi imperii suoi nunzio severo. Segr. Fior. Dis. 3. 22. (C) Niuno soldato… fu in alcuna parte discrepante dalla voglia di quelli, quantunque gl'imperii di Manlio fussino sì aspri, che tutti gli altri imperii che eccedevano il modo, erano chiamati Manliana imperia. T. Questo latinismo Imperii per Comandi imperiosi in atto o in abito farebbe talvolta equivoco a scambiarlo con Imperi.

14. Sing., più espressam. per Imperiosità, in senso e buono e non buono. Cavalc. Frutt. ling. 260. (C) Paolo ammonisce Timoteo, e dice: Parla e riprendi con ogni imperio, cioè arditamente e con autorità. Così par da intendere il seg. non chiaro. Segner. Pred. Pal. Ap. 4. 8. Il codice, andando per via d'impero, fa che la cosa vogliasi per metà, come si vuole ciò che si vuole per forza.

T. Ostentazione d'impero. – Aria d'impero. – Parlar con impero.

15. T. Impero sugli animali. Plin., dell'elefante che ubbidisce al cenno dell'uomo.

16. Fig. T. Impero della volontà d'uno sulla volontà d'un altro, sull'animo altrui.

T. Impero sui casi; sulla fortuna.

T. Bart. S. Conc. Con imperio d'animo governare (il corpo). = Circ. Gell. 4. 100. (C) Chi tien l'appetito sotto l'imperio della ragione. T. Impero sopra sè. – Impero di sè. Plin. Imperiosus sui. – Sopra può concernere tale o tale vittoria de' proprii appetiti; Di denota il dominio più abituale.

T. Plin. Sulla mente, – sulla immaginazione. Impero del proprio ingegno.

17. Trasl. T. Impero delle leggi. – Sotto l'impero della legge. – Sotto l'impero del diritto. – Impero della libertà; della consuetudine.

T. Impero della ragione. – Impero d'un'idea.

T. Pregiudizi che hanno impero. – Impero delle passioni. [Tav.] Fag. Rim. 3. 67. L'ozio andrà sopra lor pigliando impero

18. Altro trasl. Sulle cose. T. Virg. Dei, che avete l'impero del mare. [F.] Tass. Ger. 1. 5. L'alto imperio de' mari.

T. Virg. Esercita duro imperio sulle piante (potandole severamente).

A vicenda delle cose sull'uomo. T. Hor. E tu sei mio padrone, tu tanto soggetto all'impero delle cose e degli uomini?

19. Modi com. a parecchi de' sensi not. T. Nep. Avere l'impero, in senso segnatam. polit. Ter. Averlo in alcuno, segnatam. intell. e mor. Avere impero sopra; e intimo ed esteriore, e violento e gradito, dice più che In. Cic. Prendere. E: Tenere. Pl. Esercitare. Enn. Conservare. Ter. Essere sotto… = Lab. 160. (Man.) Dêi tu assai ben comprendere… in quanta cieca prigione caggia, e dolorosa, chi sotto lo 'mperio loro cade. T. Servire all'impero. – Ubbidire, più spontaneo.

T. Confini dell'impero, segnatam. dello spazio di paese; Limiti, della potestà, in quanto esso impero s'assoggetta, o è assoggettato, a certe condizioni. V. anche IMPERATO, IMPERIATO e IMPERIATICO.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: imperniereste, impernieresti, impernierete, impernierò, impernino, imperniò, impernio « impero » imperscrutabile, imperscrutabili, imperscrutabilità, imperscrutabilmente, impersona, impersonai, impersonale
Parole di sei lettere: imperi « impero » impeti
Vocabolario inverso (per trovare le rime): tempero, contemperò, contempero, stemperò, stempero, ottemperò, ottempero « impero (orepmi) » compero, comperò, pomperò, romperò, eromperò, interromperò, irromperò
Indice parole che: iniziano con I, con IM, parole che iniziano con IMP, finiscono con O

Commenti sulla voce «impero» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze