Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ergo», il significato, curiosità, forma del verbo «ergere», sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ergo

Forma verbale
Ergo è una forma del verbo ergere (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di ergere.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani
Informazioni di base
La parola ergo è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti. Divisione in sillabe: èr-go. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con ergo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ergo o non esiste più la voglia di vincere come all'inizio della competizione?
  • Credo che sia necessario integrare soluzioni meccaniche con quelle elettroniche, ergo la meccatronica.
  • Da qualche tempo negli ambienti notarili circola la battuta: "Rogito, ergo sum".
Citazioni da opere letterarie
Fior di Sardegna di Grazia Deledda (1917): La domanda del vecchio ufficiale divertì assai Lara: in fondo in fondo ne provò un acre disgusto, una pessima delusione, perché invero l'ufficiale non aveva nulla che fare col suo ideale; ma poi questo incidente la confortò e la mise sopra pensiero. Se la chiedeva in isposa, significava che non era più considerata come bambina, ma come donna. Ergo... bisognava adottare l'abito lungo, non giocare più con le piccine e aspettare con più forte e ben profilata speranza, fidando nell'avvenire...

L'isola del giorno prima di Umberto Eco (1994): Una volta, a proposito del vuoto, padre Caspar lo aveva messo a tacere con un sillogismo a cui non aveva saputo rispondere: il vuoto è non essere, ma il non essere non è, ergo il vuoto non è. L'argomento era buono, perché negava il vuoto pur ammettendo che si potesse pensarlo. Infatti si possono benissimo pensare cose che non esistono. Può una chimera che ronza nel vuoto mangiare intenzioni seconde? No, perché la chimera non esiste, nel vuoto non si ode alcun ronzio, le seconde intenzioni sono cose mentali e non ci si nutre di una pera pensata. E tuttavia penso a una chimera anche se è chimerica, e cioè non è. E così con il vuoto.

I promessi sposi di Alessandro Manzoni (1840): “ Risponda un poco a questo sillogismo. ” “ Niente, niente, niente. ” “ Ma ascolti, ma ascolti, ma ascolti. Percotere un disarmato è atto proditorio; atqui il messo de quo era senz'arme; ergo... ” “ Piano, piano, signor podestà. ” “ Che piano? ” “ Piano, le dico: cosa mi viene a dire? Atto proditorio è ferire uno con la spada, per di dietro, o dargli una schioppettata nella schiena: e, anche per questo, si posson dar certi casi... ma stiamo nella questione.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per ergo
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: argo, erga, erge, ergi, ermo, erro, erto.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: orge, urga, urge.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: ego, ero.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: erigo, erogo, gergo, tergo, vergo.
Antipodi (con o senza cambio)
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si può avere: gres.
Parole con "ergo"
Iniziano con "ergo": ergono, ergodica, ergodici, ergodico, ergotina, ergotine, ergodiche, ergologia, ergologie, ergometri, ergometro, ergonomia, ergonomie, ergotismi, ergotismo, ergometria, ergometrie, ergonomica, ergonomici, ergonomico, ergonomiche, ergosterina, ergosterine, ergosteroli, ergosterolo, ergotecnica, ergoterapia, ergoterapie, ergotecniche, ergonomicamente, ...
Finiscono con "ergo": gergo, tergo, vergo, vergò, emergo, albergo, albergò, aspergo, detergo, divergo, immergo, usbergo, convergo, riemergo, sommergo.
Contengono "ergo": pergola, pergole, tergono, vergone, vergoni, emergono, ipergoli, ipergolo, spergola, spergole, vergogna, vergogne, vergogni, vergogno, albergone, albergoni, aspergono, detergono, divergono, immergono, monergoli, monergolo, pergolati, pergolato, svergogna, svergogni, svergogno, svergognò, vergognai, convergono, ...
»» Vedi parole che contengono ergo per la lista completa
Incastri
Inserendo al suo interno idolo si ha ERidoloGO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "ergo" si può ottenere dalle seguenti coppie: era/ago, ere/ego, erma/mago, erri/rigo, erro/rogo, erse/sego, erto/togo.
Usando "ergo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * gora = erra; * gore = erre; * gota = erta; * gote = erte; * goti = erti; boe * = borgo; poe * = porgo; tener * = tengo; tee * = tergo; voler * = volgo; * oologia = ergologia; * oologie = ergologie.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "ergo" si può ottenere dalle seguenti coppie: erra/argo.
Usando "ergo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arre * = argo; lare * = lago; mare * = mago; mure * = mugo; nere * = nego; pare * = pago; sere * = sego; sure * = sugo; borre * = borgo; porre * = porgo; spire * = spigo; terre * = tergo; appare * = appago; parare * = parago; pelare * = pelago; scorre * = scorgo; accorre * = accorgo; campare * = campago; collere * = collego; riporre * = riporgo; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "ergo" si può ottenere dalle seguenti coppie: erra/gora, erre/gore, erta/gota, erte/gote, erti/goti.
Usando "ergo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mago = erma; * rigo = erri; * rogo = erro; * sego = erse; * togo = erto; tengo * = tener; volgo * = voler.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ergo" (*) con un'altra parola si può ottenere: do * = derogo; si * = sergio; tu * = teurgo; pie * = perigeo; tan * = tergano; van * = vergano; nota * = neotrago; svii * = servigio; plani * = pelargoni; pioni * = perigonio; tolde * = teroldego; albagi * = alberaggio; * stagno = estraggono; albatre * = albergatore; albatri * = albergatori; planati * = pelargonati; planato * = pelargonato.
Quiz - indovina la soluzione
Definizioni da Cruciverba: Si ergevano per le streghe, Si ergono sugli steli, Vi cresce l'erica, Pianta che appartiene alla famiglia delle Ericacee, L'ecosistema con mirto, eriche e lecci.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Ergo - [T.] Partic. del ling. fam., pretto aureo lat.; che valeva comunem. Dunque, ma aveva sensi più varii, dal gr. Ἔργον. Onde col genit. Illius ergo vale Per cagione di lui, A titolo di… In grazia di…, perchè il Verbo è fatto ragione insieme e cagione e grazia. Serv. gli dá il senso di Meritamente, e vuol dire d'affermazione asseverante; come noi diciamo Infatti per provare il già detto. Albinov. l'ha in senso di Verum, anal. al nostro Ma, ch'è pure un rincalzo: e Fatto e Vero commutansi. Questi usi sono comprovati dal senso della prep. Erga, idea generalissima di relazione.

Il modo seg. tiene più dell'orig. gr. Malm. 10. 1. (Man.) Se si dá il caso di venire all'ergo, Zitti com' olio poi voltano il tergo. T. Quando siamo all'ergo, al dover fare, al punto difficile. Gr. Ἔργον, Urgenza, Difficoltà.

2. T. Nel seg. Venire all'ergo, Ragionando, al punto importante, al proposito; come Venire al fatto. = Sold. Sat. 3. 34. (C) Ma lasciam fare a lui… Noi, venendo all'ergo, Diciam che il basso satiresco stile, Canzonando, ritrova le magagne.

3. Nel più com. senso di Dunque, fam. di cel. concludendo. T. Ergo io dico; Ergo avete torto. = Menz. Sat. 2. (C) Ecco io rispondo: Ergo a colui che impera Dona lo scettro un tal timor vigliacco, Che spesso annida in la volgare schiera. Per più cel. T. Ergo dunque, come Sicchè dunque; e Pl. Ergo igitur, Ter. Ergo itaque.

T. Questo per cel. anco interrogando, o ingiungendo con impazienza imperiosa Ergo dunque? Ergo movetevi. Pl. Agendum ergo.

4. Anche in questo senso, come Sost., accennando alla forma del sillogismo. T. L'ergo è sbagliato. – I vostri ergo non provano nulla.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ergevano, ergevate, ergevi, ergevo, ergi, ergiamo, ergiate « ergo » ergodica, ergodiche, ergodici, ergodico, ergologia, ergologie, ergometri
Parole di quattro lettere: erga, erge, ergi « ergo » erma, erme, ermo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): riallargo, slargo, spargo, cospargo, targò, targo, letargo « ergo (ogre) » albergo, albergò, usbergo, gergo, emergo, riemergo, immergo
Indice parole che: iniziano con E, con ER, parole che iniziano con ERG, finiscono con O

Commenti sulla voce «ergo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze