Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ovvio», il significato, curiosità, forma del verbo «ovviare», aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ovvio

Forma verbale
Ovvio è una forma del verbo ovviare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di ovviare.
Aggettivo
Ovvio è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: ovvia (femminile singolare); ovvi (maschile plurale); ovvie (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di ovvio (logico, evidente, lampante, palese, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Ovvii « * » Ovviò]
Giochi di Parole
La parola ovvio è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti (tutte uguali, è monoconsonantica). In particolare risulta avere una consonante doppia: vv.
Divisione in sillabe: òv-vio. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: ovviò.
Anagrammi
Componendo le lettere di ovvio con quelle di un'altra parola si ottiene: +alt = avvoltoi; +cin = convivio; +[far, fra] = favorivo; +can = invocavo; +mat = motivavo; +[dan, dna] = ovviando; +per = piovvero; +[tar, tra] = rivotavo; +rna = rovinavo; +tac = vocativo; +mat = vomitavo; +rana = avviarono; +[alto, lato] = avvoltoio; +clan = convolavi; +[tace, teca] = evocativo; +[lame, male, mela] = evolviamo; +maga = giovavamo; +[egli, geli, gilè, ...] = giovevoli; +vana = ovviavano; +[erme, mere] = ovvieremo; +[nepa, pane, pena] = piovevano; ...
Vedi anche: Anagrammi per ovvio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: avvio, ovaio, ovvia, ovvie, ovvii.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: avvia, avvii.
Con il cambio di doppia si ha: oddio, oppio.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ovvi.
Parole contenute in "ovvio"
ovvi.
Lucchetti Riflessi
Usando "ovvio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: devo * = devio; fulvo * = fulvio; allevo * = allevio; ottavo * = ottavio; sgravo * = sgravio; abbrivo * = abbrivio; aggravo * = aggravio; convivo * = convivio.
Lucchetti Alterni
Usando "ovvio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ateo = ovviate.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ovvio" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = ovviarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "ovvio"
»» Vedi anche la pagina frasi con ovvio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • È ovvio che il continuo taglio delle spese rende la manutenzione delle opere pubbliche sempre più difficile.
  • Fu ovvio che quell'uomo aveva paura del vuoto quando si mise a gridare sul precipizio.
  • E' ovvio, mi pare più che evidente che non hai ragione.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Ovvio, Ordinario, Comune - Ovvio si dice di quelle cose che del continuo ci si parano dinanzi, e ci si porgono a fare. - Ordinario si dice di quelle cose che nulla hanno di singolare, e che si fanno e si vedono alla giornata. - Comuni sono le cose a tutti note, da tutti usitate, da tutti possedute, e simili. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ordinario, Solito, Usitato, Consueto, Comune, Ovvio, Triviale, Volgare - Ordinario, ciò che è nell'ordine anche giornaliero delle cose: ciò che è ordinario è per lo più anche comune; ma comune, in un certo senso, dice partecipazione di molti alla cosa. Ordinario ha per opposto fino; comune, scielto; altra loro affinità. Triviale è peggio che ordinario e comune; si dice specialmente de' modi e del trattare di gente bassa, ineducata e proprio da trivio: consuete le cose che sono quasi conseguenza necessaria di altre; solite, quelle che avvengono in e per certe date circostanze; usitate, quelle che sono negli usi sia dell'individuo che in quelli delle genti; ovvie, quelle che non presentano difficoltà a capirsi, nè a farsi; che sono avviate, e che con poca fatica od attenzione vanno, come a dire, da sè. Volgari le cose fatte o dette dal volgo: volgare si chiamò il primo rozzo italiano parlato dalla bassa plebe illetterata, per distinguerlo dal latino, lingua dei dotti; e anche al dì d'oggi alcuni dicono di alcuni libri voltati dal latino nell'italiano, ch'e' son tradotti in volgare: uso, sentenza, proverbio volgare si sentono dire tuttodì, però senza troppo spregio, dacchè il volgo e la plebe si nobilitarono alquanto chiamandosi popolo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Ovvio - Agg. Aff. al lat. aur. Obvius. Che va incontro, o è per andare incontro ad alcuno; p. es. Lia riverente si alzò ovvia a quelle ninfe. Boccaccio. (Fanf.)

2. Per Facile a presentarsi alla mente, Facile a vedere, a conoscere, e sim. Segner. Confess. instr. cap. 6. (M.) Suggeriremo egualmente in tutti i rimedii, che sono almeno i più ovvii, e più opportuni,…

3. Ordinario, Triviale. Salvin. Pros. Tosc. 1. 186. (M.) Con molti esempii si potrebbe provare, e colla ovvia figura della repetizione, che a fare impressione nell'animo, è per così dire, una martellata di più. E 396. In sustanza non è che un pensiero, un'ovvia similitudine, trovata da poeta pochissimo poetico.

[T.] Non ha oggidì che il fig. D'oggetto che si presenta quasi da sè ai sensi o alla mente, facile a riconoscere per la frequenza e per l'evidenza. – Corp. T. Targ. Viagg. 10. 74. È ovvio in certi nostri monti l'accozzamento seguito di sughi spatosi e sughi quarzosi, concorsi casualmente a formare un qualche masso di pietra calcaria.

Intell. T. Mi si presenta ovvio il pensiero. – Quesito ovvio, che offresi da sè, chiedendo d'essere sciolto. Congetture più ovvie, meno remote. Dichiarazioni ovvie, che non occorre ricercar di lontano. Il più ovvio senso del vocabolo, prima che si affacci a chi l'ode o legge. – L'interpretazione più ovvia, più naturale e più piana. – Ovvio a intendere. – Cosa ovvia e evidente. – Procedere dalle cose più ovvie alle più riposte.

T. Fatto ovvio, che segue d'ordinario. Le cause più ovvie, più comuni.

T. Le son cose ovvie, note a tutti, o conoscibili di leggieri. Non ha detto che cose ovvie; il contr. della Originalità.

T. La più ovvia prudenza, poco meno che la più volgare.

T. A modo di neut. Cotesto è ovvio, Sottintendesi. È ovvio che…, È naturale, ragionevole. Alla domanda di chi non intendeva quello che si dicesse nè quel ch'io sarei stato per dire, era ovvio ch'io rispondessi con un'altra domanda, per tastare un po' quel che l'uomo era in grado d'intendere.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ovviereste, ovvieresti, ovvierete, ovvierò, ovvietà, ovvii, ovviino « ovvio » oxalidacea, oxalidacee, oxer, oxford, oxitocia, oxitocica, oxitociche
Parole di cinque lettere: ovvia, ovvie, ovvii « ovvio » ozena, ozene, oziai
Lista Aggettivi: ovest, ovviabile « ovvio » ozioso, pacato
Vocabolario inverso (per trovare le rime): compluvio, displuvio, vesuvio, avviò, avvio, riavviò, riavvio « ovvio (oivvo) » zio, acazio, dazio, sopraddazio, lazio, lapazio, topazio
Indice parole che: iniziano con O, con OV, parole che iniziano con OVV, finiscono con O

Commenti sulla voce «ovvio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze