Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «traverso», il significato, curiosità, forma del verbo «traversare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Traverso

Forma verbale
Traverso è una forma del verbo traversare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di traversare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola traverso è formata da otto lettere, tre vocali e cinque consonanti.
Divisione in sillabe: tra-vèr-so. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: traversò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: stravero (spostamento di una lettera).
traverso si può ottenere combinando le lettere di: sto + verrà; [est, set] + [varrò, vorrà]; [over, vero] + star; [torve, trevo, vetro] + ras; servo + tar; [rover, verro] + sta; serro + tav.
Componendo le lettere di traverso con quelle di un'altra parola si ottiene: +ama = arrestavamo; +ana = arrestavano; +[sai, sia] = arrossivate; +tai = arrostivate; +[ave, eva] = avversatore; +[avi, iva, vai, ...] = avversatori; +cin = conservarti; +ife = favorireste; +[ile, lei] = lavoreresti; +hac = orchestrava; +chi = orchestravi; +osé = osservatore; +osi = osservatori; +bip = proverbista; +ivi = retrovisiva; +[api, pia] = riesportava; +pii = riesportavi; +[pio, poi] = riesportavo; ...
Vedi anche: Anagrammi per traverso
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: traversa, traverse, traversi.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: trae, tarso, taro, terso, teso, raro, raso, reso, avrò, aero, arso, vero.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: trasverso.
Parole con "traverso"
Iniziano con "traverso": traversone, traversoni.
Finiscono con "traverso": attraverso, attraversò, riattraverso, riattraversò.
Parole contenute in "traverso"
ave, tra, aver, rave, trave, verso. Contenute all'inverso: eva.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "traverso" si può ottenere dalle seguenti coppie: tradì/diverso.
Usando "traverso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sosia = traversia.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "traverso" si può ottenere dalle seguenti coppie: trani/inverso.
Usando "traverso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ossia = traversia; * ossina = traversina; * ossine = traversine.
Lucchetti Alterni
Usando "traverso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * traversia = sosia; * ateo = traversate; * avio = traversavi; * astio = traversasti.
Sciarade e composizione
"traverso" è formata da: tra+verso.
Sciarade incatenate
La parola "traverso" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: trave+verso.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "traverso" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = traversarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "traverso"
»» Vedi anche la pagina frasi con traverso per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Marco ha sbagliato l'ultimo colpo di traverso e si è bevuto 8 punti.
  • Hanno messo due auto di traverso e hanno bloccato la strada.
  • L'auto sulla neve ha sbandato e si è messa di traverso lungo la strada.
Espressioni e Modi di Dire
  • Mettersi di traverso
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Guatare, Guardar torto, Veder torto, Guardare in cagnesco, Di traverso, A stracciasacco - Guatare è un modo di guardare pronto, risoluto e alla sfuggita; non suole aver buon senso, o almeno chi così si guata non pare che si veda di buon occhio: il suo derivante agguato dà quasi la ragione dell'indole cattiva del vocabolo; guardar torto può essere difetto di chi è bircio, o modo di guardare di cattiv'occhio assolutamente: veder torto è pure o difetto degli occhi, o dello spirito sinistramente prevenuto che vede torta ogni cosa, o il torto in ogni cosa e nella persona che n'è l'autore. Nel guardare a traverso pare che si voglia compenetrare colla fissità dello sguardo risoluto o truce la persona per discoprirne gl'intimi pensieri; in cagnesco è più e pare che chi così guarda stia per ringhiare e avventarsi addosso.

«Guardare a stracciasacco è un guardare facendo gli occhiacci in segno di risentimento: ma più visibile e strano nell'atto esterno». Tommaseo. [immagine]
Torto, Storto, Bistorto, Distorto, Tortuoso, Attorto, Contorto, Curvo, Obliquo, Traverso; Storcere, Distorcere - Torto, nel traslato, ciò che non è retto; nel proprio, ciò che non è diritto per sè; storto ciò che devia, distorto ciò che viene deviato dalla linea retta. Però distorto, come participio, si dirà di cosa che torta già, come refe o seta, si voglia distorcere per qualche ragione o uso. Bistorto dice chiaro, torto due e anche più volte, in due o più sensi contrarii. Tortuoso ciò che cambia direzione descrivendo varie curve irregolari, come le vie delle antiche città; stile poi, discorso tortuoso, il non lindo, non sincero, perciò non onesto. Attorto ciò che è avvolto in giro a qualche cosa; contorto ciò che vien torto a forza e violentemente; oppure dice maggiore e perciò peggiore torsione naturale; discorso, viso contorto. Curvo ciò che tondeggiando devia dalla linea retta: obliquo ciò che ne devia ad angolo più o meno aperto; traverso ciò che a questa s'attraversa appunto e la taglia in qualche senso. Storcere e distorcere indicano ambedue il levare una torsione già data; però distorcere mi sembra significare azione più lenta ma più perseverante. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Traverso - Agg. Obliquo, Non diritto. Transversus, aureo. Pallad. Marz. 11. (C) Son da seminare i cardi crescente la luna,… guardando che i semi non si seminino sottovolti, o traversi, imperocchè crescerebbero e' cardi debili e non ripiegati. Filoc. 2. 403. E se 'l colpo fosse stato traverso, siccome fu diritto, opinion fu di tutti, che tagliata gli avrebbe la testa. Buon. Fier. 3. 3. 2. Traverso scorridor, che non sa dove Lo guidi il caso. [Cont.] Gris. Cav. 17. Pensavano, dipoi che si sentivano pungere da quelli (sproni), che fusse contrario il voler del cavaliero, e perciò assai volte andavano traversi, ed a i salti. E 6. Il trastravato (cavallo) sarà di maggior malignità, però che le sue balazane essendo traverse, ed opposite l'una all'altra, più confusamente s'inviluppano. Cat. P. Arch. II. 7. Il meglio di tutti, ancora che non sia acquatile, è il fico: che per le traverse intrigature delle sue vene si fora o passa difficilmente. Leo. da Vinci, Moto acque, v. 49. Li ultimi balzi si levano per la poca debolezza sì poco in alto, che tutte le sue parti per lunghezza sono percosse e sospinte dalle percussioni delle sopraddette traverse linee partite dagli argini. Bart. C. Mis. dist. II. 13. In così fatte mandorle, o rombi, l'una e l'altra linea traversa divide in due parti uguali detta mandorla o rombo. Biring. Pirot. VII. 9. Incavicchiati con due cavicchie traverse, per ognuna passando nella stampa dell'altra. T. Ferro con manico traverso.

2. Accenna l'estensione d'un corpo, rispetto alla sua larghezza. [Cont.] Redi, Oss. gocc. 44. Una di queste gocciole, che avea la codetta lunga ventisei dita traverse, si stritolò quando la codetta fu rotta alle ventidue dita. = Bellin. Disc. 1. 163. (M.) Si riducano di larghezza intorno a due dita traverse. Red. Stor. Anguill. Il piviere, che è un piccolo uccelletto minore d'un colombo terrajuolo, ha gli intestini ciechi lunghi tre dita traverse.

3. [G.M.] Detto di pers., Complesso, Fatticcio, Atticciato, Gli antichi dicevano Traversato. Uomo forte e traverso. – Non è un giovane mingherlino; è robusto e traverso.

4. † Per Traversato di liste; detto di vestito. G. V. 10. 154. 2. (C) Niuna donna non potesse portare… nullo vestimento intagliato, nè dipinto…, nè nullo addogato, nè traverso.

5. [G.M.] Strada, Via traversa; Che abbrevia il cammino, Scorciatoja. V. anco TRAVERSA, § 7. [Cont.] Imp. St. nat. IX. 10. Gli Oltramontani… drizzano quanto possibil sia le strade al suo soffio; nel qual modo avendo il potente vento il corso libero per le dritte, restano le strade traverse quiete. [G.M.] Adrian. Stor. La notte, per via traverse, tornarono al campo.

[G.M.] E fig. Vie traverse; Modo di procedere non retto, non franco, ma di chi tira a ingannare o a occultarsi. Non gli piacciono le vie traverse: quando tratta colle persone va per la via diritta.

6. T. Spese traverse; Quelle che occorrono al di là del consueto mantenimento Sono le spese traverse quelle che mi dànno pensiero.

7. Fig., per Avverso. Bocc. Lett. Pin. Ross. 279. (C) Niuno vecchio è…, il quale per varie avversità non abbia pianto molte volte, molte dolutosi, molte la morte desiderata; nelle quali cose essendo indurato, e callo avendo fatto, con molta meno fatica le cose traverse vegnenti riceve e porta, che i giovani non farieno. Filoc. 4. 175. E certo in alcuno amore i fati non furono mai tanto traversi, quanto nel mio sono stati. Red. Lett. 66. (M.) Il serenissimo Granduca avendo inteso il caso traverso delle ottocento pezze, o leoni che non sono stati pagati a V. S,… ha risoluto…

8. † Altro fig. Aspro, Incomportabile. Cavalc. Discipl. Spir. 12. 193. (C) Innanzi che gli ricevessono a professione, gli provavano con molte ingiurie, e obbedienze traverse, e fuor di modo,…

† E di pers. Fr. Jac. Tod. 3. 18. 11. Padre, do' vuoi ch'io vada? Fino a quel popol d'India sì traverso? [Cors.] Segr. Fior. Andr. 1. 1. Sopportare facilmente ognuno; andare a' versi a coloro con chi ei conversava; non esser traverso, non si stimare più che gli altri.

9. (Mar.) [Cont.] Dicesi de' Venti che fanno traversía. Cr. B. Naut. med. V. 530. Capace (porto) di grandissimo numero di vascelli, e riparato da tutte le bande da' venti traversi. [Pol.] Pandolf. Gov. fam. Nebbia d'invidia, nugolo d'odio, folgore di nimistà sottoposta a ogni vento traverso. (Qui locuz. fig.) Spolver. Ris. 1. 1211. Soffiando Più giorni un vento australe, indi traverso, Valicato il Tirreno, i gioghi alfine Retici invase.

(Mar.) [Cont.] Mar traverso. La spiegazione è nel seg. es. Pant. Arm. nav. 222. Se 'l mar sarà turbato, o come dicono traverso, o sarà il tempo cattivo, o sarà di notte; privandosi la galea dell'arbore che la mantiene in equilibrio, nè la lascia pender facilmente da i lati… Cr. B. Naut. med. I. 67. Strette (le navi turche) di tolda, e larghe nelle murate della coperta di mezzo, caminano meglio della borina, e si reggono nel mar traverso.

10. Modi avverb.

† Alla traversa, posto avverb., vale A traverso. Non usit. – Tesorett. Br. 2. 17. (C) Perdei il gran cammino, E tenni alla traversa D'una selva diversa.

(Mar.) [Cont.] Pant. Arm. nav. 204. Se si vederanno due lanterne, vorrà che si aggiungano le giunte alle vele maggiori e si spieghino le vele delle gabbie; e se saranno tre, che si serrino tutte le vele, e si vada alla traversa.

[Cam.] † Alla traversa, fu detto anche Per traverso della persona. Legg. Lazz. Mart. e Madd. p. 26. Così dicendo, e ridendo, la prese onestamente alla traversa, e trassela fuori di letto.

† Alla traversa, fig. Con isdegno, Scortesemente: che ora si dice: A traverso. Franc. Sacch. Nov. 229. (C) Rispondendo nuovamente e alla traversa spesse volte a messer Aldighieri.
Traverso - S. m. L'estensione di un corpo considerato nella sua larghezza. Guicc. Stor. 13. 633. (C) La natura ha fatto un fossato dirupato, che piglia tutto il traverso d'un piano infino al monte. Ces. Nov. 272. (M.) Ora parvi piccola cosa trenta braccia? Quella coda terrebbe tutto il traverso di questa chiesa.

2. † Traverso, per Colpo dato a traverso, Manrovescio. Bern. Orl. Inn. 20. 32. (C) Sta cheto, e mena un traverso, o fendente, E ciò che trova manda in sul sentiero.

3. [Cont.] † Lo stesso che Traversa, nel signif. del tema. Biring. Pirot. II. 6. Cassoni di legname di quercia… ben fatti, e con incastrature benissimo commessi, senza conficcature di ferro,…, a modo di telari, fatti di travicelli, uno da capo ed un da piè; con li loro traversi e zeppe, si fan forti e ben serrati. Cr. B. Proteo mil. III. 31. Tavoloni da fabricar le piatte forme, là, ove s'ha da fare la batteria, ed i traversi o bracci grossi da metter sotto i tavoloni con chiodi d'ogni sorte. Tart. Ques. Inv. I. 23. Inchiodarvi (nell'affusto) due traversi lunghi quanto che è la metà della culatta del pezzo.

(Mar.) [Cont.] Casar. Spieg. Cons. mare, 64. Paramigliale, il quale è quella trave lunga che incatena direttamente da poppa a prora nel piano della nave, e collega i traversi del medesimo piano.

4. † In sul traverso; Lateralmente, Da banda. [Cont.] Docc. Trati. scherma, 59. Avendovi acconcio in questa guardia bassa, tiri l'avversario dove gli piacerà: poniamo che vi tiri sopra il vostro pugnale, non avete da far altro che presentargli il taglio del detto pugnale; e la vita è quella che io voglio che si getti in sul traverso inverso la parte stanca dell'avversario; ed in tal traverso, che voi venite a fare, gli spignerete una punta in quel rincontro nel petto.

5. Per il traverso; Per la parte traversa. [Cont.] Cell. Oref. 12. Con una ciappoletta sottile e bene arrotata graffiando tutti li detti campi sempre per un verso cioè per il traverso. Bandi Fior. XXVIII. 31. 16. Si possino fare de' rasi ragati per il traverso, quali si devino fare di ordito di fila settemila dugento. Rus. Arch. 14. Per lo traverso s'averanno a frammettere altri trammezzi disposti come pettini, a guisa de' denti di una sega. Bart. C. Arch. Alb. 64. 7. Le vene, che vanno per lungo in qual tu ti voglia travi, saranno più tollerabili che quelle che vanno per il traverso.
Traverso - Avv. Trasversalmente. Transverse e Transversim, in Vitr. Cels. Tert. – Alam. Colt. 5. 112. (M.) Di fonte o di ruscel chiare acque e dolci Per gli erbosi sentier corrin vicine, Ove in mezzo di lor traverso giaccia Pietra o tronco. E Avarch. 4. 46. (Man.) Chi lo scudo ha impedito e 'l braccio manco Di più d'un colpo, che 'l passò traverso.

2. Modi avverbiali.

A traverso, In traverso, Per traverso; Obliqua mente, Trasversalmente. Ex transverso, De transverso, In transversum, Per transversum, in Plaut. Cic. Plin. – Bern. Orl. Inn. 17. 30. (C) Perchè Rinaldo il tagliò per un verso, Che i Geometri chiamano a traverso. [Cont.] Gris. Cav. 71. v. Quando il cavallo caminando, una orecchia lieva su e l'altra cala giù,… pensa di fare alcuna ribalderia, o di salti, o di buttarsi a traverso, o di piantarsi, o di far altro motivo pericoloso e disperato. Cell. V. I. 35. I nimici cambiavano le guardie e passavano per il portone di Santo Spirito, il quale era tiro ragionevole; ma perchè il tiro mi veniva in traverso, non mi veniva fatto quel gran male che io desiderava di fare. Roseo, Agr. Her. 74. Quelle piante che si vorrà che crescan in traverso, e non in alto, si ha da troncargli la cima, che verrà a far rami e corpo. Fon. D. Ob. Fabbr. I. 10. v. Perchè non si potessero piegare all'indentro, al dritto, dove ferivano tutte le teste delli puntelli soprascritti, erano posti dentro al castello travi in traverso a tutte quattro le colonne, e fermati con chiodi e legature a ciascheduna d'esse. = Ricett. Fior. 1. 47. (M.) Il meu… ha le radici sottili e sparse, alcune in traverso, ed alcune in profondo. Sassett. Lett. 397. (Man.) Da queste si muovono in traverso cotali fila tra costola e costola, come fossero una tela di ragnatelo. Cr. 2. 17. 3. (C) Se la terra è poco abbondevole per umore, alcun temperamento riceve, imperocchè si cava con fossati per traverso. [Cont.] E I. 148. Allora avrà verso il nutrimento più pori aperti quando si segherà per traverso, che quando si segherà per lo dritto. Pant. Arm. nav. 300 Un'altra (nave), opponendosi all'inimico per traverso, era incontinente aggirata per prora.

I detti Modi vagliono anche Da una parte all'altra, considerata la cosa per il verso della larghezza. Bocc. Nov. 7. g. 8. (M.) Presi i travicelli della scala, la cominciò a drizzare, come star dovea, e a legarvi con ritorte i bastoni a traverso. [Cors] D. 2. 9. Era il secondo (scaglione), tinto più che perso (colore bruno), D'una petrina ruvida e arsiccia, Crepata per lo lungo e per traverso. [Cont.] Lupic. Disc. mil. esp. 19. Ha fatto ficcare buon numero di pali a traverso de' fossi, al dirimpetto a gli orecchioni della cortina de' baluardi. Bart. C. Arch. Alb. 81. 21. Si tiri similmente a traverso da le mura principali a quelle di dentro altre mura, mediante il collegamento e aiuto delle quali le mura principali congiunte insieme si leghino con quelle che le hanno dietro. Lana, Prodr. inv. 97. Si congionghino insieme quattro legni; a traverso di questi si commettano altri legni.

[Cont.] Scam. V. Arch. univ. II. 342. 4. Vitruvio vuole che le impalcature allo scoperto si facciano con due mani di tavole, incrociate l'una sopra all'altra: cioè l'una al lungo, e l'altra al traverso. Fon. D. Ob. Fabbr. II. 22. Opera la qual tuttavia si va continuando, essendoci fatto di più un alveo al traverso di una lingua di terra.

Dittam. 6. 3. (M.) Questo braccio di mar stretto in traverso, Lungo infra terra vien da mezzogiorno. Cr. 9. 37. 2. Incontanente cotale ingrossamento così per lo lungo, come per traverso, acconciamente s'incuoca. [Cont.] Loc. Teatro arc. 205. Pigliarai sale di tartaro,… sopra vi metterai spirito d'aceto rettificato, tanto che stia di sopra 4 dita per traverso, e mettilo a destillare a fuoco graduato, sinchè sia uscito tutto l'aceto. Mont. Specul. fis. 18. Misurati (i legni) a traverso alle vene. Imp. St. nat. XXV. 8. Il Cipollaccio è pietra di versi molto evidenti e dritti, e perciò, tagliata secondo il lungo, è convenientissimo a scapi di alte colonne, ma per traverso del tutto inconveniente. Rusc. Intr. Geog. Tol. 14. Mentre è ancor fresca (la palla), tagliarla per traverso, in modo ch'e' buchi dell'asse o de' poli restino interi l'uno per parte. Lana, Prodr. inv. 78. Nel mezzo di esso (oriuolo) passi per traverso un asse.

E fig. Per traverso, vale In maniera insidiosa, contraria alla probità, alla sincerità, alla rettitudine. Maestruzz. 2. 8. 3. (C) Il detrattore fa questo in due modi: alcuna volta per dritto, alcuna volta per obliquo e per traverso. Per dritto fa questo in quattro modi,…; ma per obliquo, ovvero per traverso, si fa in due modi. Varch. Err. Giov. 43. (M.) E di tutto fu cagione l'ordinamento della milizia, tanto tempo e sì grandemente da tutti i vecchi biasimato, e vietata, e poi conceduta al fine non dirittamente, ma per traverso.

Da traverso; Dalla parte traversa. [Cors] D. 2. 5. E intanto per la costa, da traverso, Venivan genti innanzi a noi un poco, Cantando Miserere a verso a verso (traversavano la costa dinanzi a noi). = Petr. cap. 6. (C) Così rispose; ed ecco da traverso Piena di morti tutta la campagna.

Di traverso; Detto di distanza che va per la larghezza. Dant. Inf. 30. (C) Con tutto ch'ella volge undici miglia, E men d'un mezzo di traverso non ci ha.

3. Locuzioni diverse.

[G.M.] Andare a traverso; detto di cibo o bevanda, che, inghiottendoli, vadano per una menoma parte nella laringe, cagionando così una forte vellicazione. M'è andato un minuzzolo di pane a traverso, e mi ha fatto tossire per un quarto d'ora. – Poche gocciole di vino che vadano a traverso, fanno tossire fortemente.

Andare a traverso, detto di nave, Far naufragio. [Cont.] Cons. mare, 109. A quella nave o quel navilio intervenissi caso di ventura, che per conto dei navigli armati di sopra detti, o per conto della fortuna di mare, avessi andare a traverso in terra. Pant. Arm. nav. 294. Se 'l vento venisse dalla banda del mare, non potendosi più allontanar dal lito e tirarsi in alto mare, sarebbe sforzato a dare a traverso, e rompere il vascello.

E fig. Di negozio che non riesca a bene che abbia esito infelice. Morg. 14. 1. (M.) Padre del cielo,… Non mi lasciar perduto ire a traverso, Mentre ch'ancora è pronta la mia voglia.

† Dare a traverso a uno; Opporsegli, Contradirlo. Lasc. Cen. 1. nov. 4. 91. (M.) Niuno ardiva di dirgli cosa niuna alla scoperta, benchè mille bottoni avessero sputato, e mille volte datogli a traverso.

Guardare a traverso; di chi ha gli occhi scompagni, e perciò guarda obliquamente. Malm. 1. 39. (C) Dietro al Duca, che ognun guarda a traverso, Vanno cantando l'aria di Scappino. [G.M.] Minucc. Not. ivi: D'uno che ha gli occhi scompagnati diciamo: Guarda a traverso.

Guardare uno a traverso; con occhio bieco, in modo indicante ira, collera. [Cors.] Varch. Lez. 2. 243. Guardò Calcante a traverso, e con mal viso gli disse… T. Di traverso, in questo senso, pare un po' meno. Uomo che disapprova i vostri portamenti, e non sa le vere vie di correggervi, nè vuole o osa offendervi apertamente, vi guarda di traverso.

Col Da, inusit. Alam. Gir. 17. 40. (C) Ma il possente guerrier tosto s'arresta, E 'l riguarda cruccioso da traverso.

[G.M.] Pigliare una cosa, una parola a traverso; Pigliarla a male, Interpretarla sinistramente. Una piccola celia la prende subito a traverso. – Bisogna misurar le parole con costui, che è facile a pigliarle a traverso.

T. Rispondere a traverso; Risponder male, scortesemente. Invece di essermi grato di quell'avvertenza, mi rispose a traverso. [Fanf.] Ben. Fiorett. Medagn. 11. Mi ha risposto a traverso e ruvidamente, come s'io fussi stato un presso ch'io non dissi.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: traversiamo, traversiate, traversie, traversina, traversine, traversini, traversino « traverso » traversone, traversoni, travertino, travesta, travestano, traveste, travestendo
Parole di otto lettere: traversi « traverso » travesta
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sperso, asperso, disperso, terso, deterso, versò, verso « traverso (osrevart) » attraverso, attraversò, riattraverso, riattraversò, diverso, tergiverso, tergiversò
Indice parole che: iniziano con T, con TR, parole che iniziano con TRA, finiscono con O

Commenti sulla voce «traverso» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze