Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «attrarre», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Attrarre

Verbo
Attrarre è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è attratto. Il gerundio è attraendo. Il participio presente è attraente. Vedi: coniugazione del verbo attrarre.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di attrarre (tirare a sé, attirare, allettare, richiamare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola attrarre è formata da otto lettere, tre vocali e cinque consonanti. In particolare risulta avere due consonanti doppie: rr, tt. Lettera maggiormente presente: erre (tre).
Divisione in sillabe: at-tràr-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
attrarre si può ottenere combinando le lettere di: tar + terra.
Componendo le lettere di attrarre con quelle di un'altra parola si ottiene: +bio = arbitratore; +[ave, eva] = arretravate; +fui = fratturerai; +fai = refrattaria; +ode = retrodatare; +ode = retrodaterà; +pos = trasportare; +pos = trasporterà; +pepe = apparterrete; +[bici, cibi] = arbitratrice; +[meni, mine] = arretramenti; +[meno, nome] = arretramento; +esso = atterrassero; +[neon, none] = atterreranno; +[inno, noni] = atterriranno; +cave = cartavetrare; +tini = intratterrai; +pago = paragarretto; +pipì = rattrappirei; +[siti, tisi] = rattristerai; ...
Vedi anche: Anagrammi per attrarre
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: astrarre, attrarrà, attrarrò.
Con il cambio di doppia si ha: attrasse, attratte.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: attrae, atta, atte, atra, atre, arare, trae, tare, rare.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: attrarrei.
Parole con "attrarre"
Iniziano con "attrarre": attrarrei, attrarremo, attrarrete, attrarrebbe, attrarremmo, attrarreste, attrarresti, attrarrebbero.
Parole contenute in "attrarre"
tra, arre, trarre. Contenute all'inverso: erra.
Incastri
Inserendo al suo interno est si ha ATTRARRestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "attrarre" si può ottenere dalle seguenti coppie: atri/ritrarre, attrae/erre.
Lucchetti Riflessi
Usando "attrarre" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: asta * = astrarre; rita * = ritrarre; * erriamo = attraiamo; * erriate = attraiate; conta * = contrarre; dista * = distrarre; riconta * = ricontrarre.
Lucchetti Alterni
Usando "attrarre" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aie = attrarrai; * remore = attrarremo.
Frasi con "attrarre"
»» Vedi anche la pagina frasi con attrarre per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La bella vetrina serve per attrarre l'attenzione dei passanti e spingerli a comprare nel negozio.
  • Quel ristorante continua ad attrarre nuova clientela.
  • Non tutte le persone hanno le qualità per attrarre simpatia.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Allettare, Attrarre, Dilettare, Piacere - Allettare è invogliare altrui con lusinghiere promesse di diletto o guadagno. In attrarre può la lusinga essere nell'idea di chi vuol attrarre, ma se da questa non si comunica a chi si vuole sperimentare riesce vana: l'attrazione può anche diventare violenta: l'allettamento no. Dilettare è far cosa che rechi altrui piacere. Piacere è andare a genio, a versi ad alcuno: si piace anche spontaneamente per simpatia; nel dilettare c'è intenzione; nell'allettare studio e progetto; nell'attrarre desiderio e volontà non sempre coronati dall'effetto. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Attrarre - e † ATTRÀERE e † ATTRÀGGERE e † ATTRÀGERE e † ATTRAÌRE. [T.] V. a. Trarre a sè o a un luogo. Talune delle forme che nell'Inf. sono antiq., in altri modi del verbo vivono. Io attraggo, tu attraggi o attrai (rari ambedue), egli attrae. Io attraevocoi seg. Attrassi, attraesti, attrasse; attraemmo, attraeste, attrassero. Attrarrò coi seg. Attraggi o attrai (radi), attragga; attraggano. Che io, tu, egli attragga; che voi attraggiate (rado); attraesti e i seg.

L'orig. della voce porterebbe il senso di Tirare con violenza, o con forza, come nell'ant. [Camp.] Alleg. Metam. 10. Dicesi che Ercole attrasse Cerbero dello Inferno. = Sannaz. Arch. Pros. 9. (C) Attraere dal cielo le offuscate stelle, tutte stillanti di vivo sangue. T. Ma si può Attrarre pianamente; anzi soavemente; di lontano e da vicino; Attrarre, rimanendo l'oggetto in certa distanza. – Attrarre vicino a sè (Marz.). E per Intimamente congiungere, anzi Confondere.

2. Della forza e legge propriam. detta d'attrazione. [Cam.] Magal. Lett. Scientif. 30. Perchè più denso della calamita è il ferro, quand'ella se n'armi, più forte l'attrae. E 27. Suppongo essere il globo terrestre una gran calamita, la quale, spirando per ogni parte la sua virtude, ugualmente i corpi e gli elementi tutti n'attragga.

Assol. e in questo e in altri sensi. [Cam.] Magal. Part. 1. 77. Se io comincio ad esaminar le diverse sustanze che hanno questa facoltà d'attrarre (dico, d'attrarre per adattarmi al comun modo di parlare), i diversi modi co' quali questa facoltà si eccita, e i diversi modi co' quali ella si esprime, o si rende oziosa, io trovo… = Sag. nat. esp. 84. (C) Riconoscere se all'ambra, e altre sostanze elettriche, si richiegga il mezzo dell'aria, perchè attraggano. [Val.] E 1. 215. Le gioje trasparenti, qual più qual meno valente si mostra in attrarre.

3. [Sel.] Della forza di affinità che ha un corpo verso l'altro. Il ferro attrae l'ossigeno; la calce attrae il vapore acquoso e l'acido carbonico. [Cont.] Gal. B. Arch. Vitr. 112. I carboni attraggono l'umido. La. 9. Inumidendosi poi il sale, questo attraerà gran quantità d'aria e la risolverà in acqua.

4. Attrarre l'aria ne' polmoni. Ps. Attraxi spiritum. Può dire atto più forte e più deliberato che Trarre; e Trarre può comprendere intero l'atto della respirazione, nè l'altro ha il signif. del modo Senza trar fiato. [Val.] Bart. Cin. 2. 148. Il re non attragga e spiri un'aria stata in corpo ai suoi sudditi.

[Val.] Segner. Fam. Strad. 1. 89. Non altronde avess'egli attratti gli abiti pestilenti, che dalle lagune d'averno.

Cresc. 4. 37. 2. (C) Per l'odorato attraggono l'odore inferiore, e poi succiando attraggono parte della feccia. T. Attrarre l'odore per le narici.

5. D'altre attrazioni assomigliate alla inspirazione. Plut. Adr. Op. mor. 4. 112. (Man.) Onde attrae (la luna) dalla terra, come il sole, ma non potendo tirar (la rugiada) nè riceverla, lasciala andare. [Cam.] Aver. Lez. 214. Per nettare questa acqua da ogni feccia, e purificarla dalla… immondizia che potesse attrarre dal ghiaccio, ponevano l'acqua o 'l vino colla neve e col ghiaccio stritolato in un colatojo, nel quale, sottilmente stillando, lasciasse tutta quanta l'impurità. Plut. Adr. Op. mor. 4. 103. Internato il freddo nell'acqua, la rende grave e corpulenta; come si può vedere nelli annaffiatoj che hanno molti fori nel fondo, che più lentamente attraggono il verno che la state. T. I vasi attraggono gli umori che alimentano il corpo vivente e lo svolgono.

† Nel senso ant. medico, che notasi sotto Attrattivo. Cr. 6. 28. 1. (C) È solutiva (la camomilla), senza attrarre: e questa è la sua proprietade.

6. Fig. [Val.] Mach. Dec. T. Liv. 16. In un popolo, dove in tutto è attratta la corruzione, non può, non che picciol tempo, ma punto vivere libero. Pallav. Lett. 48. Monsignore, attraendo nel cuor suo lo scambievole amor fraterno ch'io porto a Lei, scrive della sua persona colle medesime forme. Ros. Sat. 1. Sempre nel suo principo il vizio è poco; Ma vi sovvenga che un incendio immenso Da una breve favilla attrasse il fuoco.

In senso fig. aff. a Trarre, ma di maggiore efficacia. [Val.] Fag. Rim. 3. 4. Dal servire il comando attrae vigore.

[Giust.] Arr. Settim. lib. IV. Questi comandamenti tu infermo a attrarre volentieri con vegghievole (vigilante) orecchio (corrisponderebbe al lat. Haurire).

7. Per Trarre, in senso parte di Haurire e parte di Introdurre; francesem. Importare. Non com. [Val.] Belc. Prat. spir. cap. 122. Quell'isola non avea acqua, ma di terra continua (continente) di là dal mare l'acqua attraevano per loro uso.

8. Altro trasl. T. Balordi ambedue noi; io che non so attrarti a Roma, tu che non sai venirci di volo, Cic. = G. V. 12. 38. 3.(C) Sì si provvide maestrevolmente per attrarre i Cristiani di fuori a campo.

T. L'oggetto attrae a sè l'occhio, l'orecchio il senso, destando l'attenzione in modo, il più sovente, piacevole, ma anche con una súbita scossa.

Segnatam. in senso intell. T. Attrarre l'attenzione dello spirito. [Val.] Boez. Consol. filos. 18. Cosa che può attraggere le menti. = Salvin. Disc. 2. 33. (C) Non potevate attrarre più gli animi degli accademici che col proporre, sul bel principio di vostra reggenza, un problema quanto ingegnoso, altrettanto solido e morale.

T. Attrarre nuovi discepoli, Ov.

In senso mor. Borgh. Vesc. Fior. 495. (Man.) Si duole acerbamente che i suoi Pagani non si sappiano governare nè attrarre gli animi de' popoli. [Val.] S. Cat. Dial. 344. O Amore eterno, purifica questo Vicario in sè, acciocchè egli… instituisca il popolo subietto ad esso, ed anco attraisca li Infedeli colla disciplina celestiale. [Camp.] Somm. 49. Volesse più volentieri attrarre verso sè sue genti per dibonarità (bontà) che per paura. T. Buonar. Oraz. 1. 3. 178. In comparendo là dove persone civili si ritrovavano, pareva che di necessità ne gli attraesse, aggiuntavi una cotal sua affabilità umanissima, e soave. =Dav. Scism. 60. (Man.) Per essere Anna tedesca, e non saper la lingua nè i modi d'Inghilterra, non dilettava nè attraeva il Re.

T. Attrarre i cuori. E assol. Bontà, Grazia che attrae.

Più espressam. Degli affetti più intimi. [Giust.] Ras. Vit. 126. p. 106. Era fortissimamente attratto dell'amore di costei.

T. La somiglianza alletta e attrae all'amicizia, Cic.

T. Attrarre a sè l'affetto d'uno pare un po' meno che Attrarre uno all'effetto di sè.

Franc. Sacch. Rim. (C) A pace tutto il mondo attrasse.

Più espressam. in mal senso. [Camp.] Volg. Art. Am. 2. Nè non ti vergognare di attrarre a te per doni le sue servigiali (demeruisse ancillas). T. Attrarre a sè l'altrui benevolenza co' doni, V. Mass. [Camp.] Alleg. Metam. 10. Apparòe (imparò) a piegarsi ed a lusingare ed attrarre, come l'altre. Com. Ces. 7. Acciò che l'altre cittadi insieme collegasse; quelle con buone promissioni attraeva (Alliciebat. Allettare è men forte, e sovente meno insidioso, d'Attrarre.) (Nann.) Frezzi. Lib. 2. c. 15. Acciò che l'alme a sue malie attraga. = Petr. Canz. 48. 2. (C) La qual m'attrasse all'amorosa rete. T. Il piacere attrae da prima soavemente, poi con violenza dolorosa trae.

T. Attrarre nelle insidie, non sempre con lusinghe, ma con frode qualsiasi.

9. Per Rattrarre: men com. di questo. T. Cr. 9. 31. Induce doglie, attraendo i nervi de' lembi e delle reni.

10. † Siccome Trarre neutr. per Muovere, quasi sottint. Trarre sè; così Dat. Rag. 3. p. 96. (Gh.) Un nugolo di merli e di tutti quelli uccelli che attraggono all'ellera.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: attraggono, attrai, attraiamo, attraiate, attrarrà, attrarrai, attrarranno « attrarre » attrarrebbe, attrarrebbero, attrarrei, attrarremmo, attrarremo, attrarreste, attrarresti
Parole di otto lettere: attrarrà « attrarre » attrarrò
Lista Verbi: attorniare, attraccare « attrarre » attraversare, attrezzare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): contrarre, ricontrarre, protrarre, astrarre, estrarre, riestrarre, distrarre « attrarre (errartta) » sottrarre, chitarre, scimitarre, navarre, gazzarre, bizzarre, erre
Indice parole che: iniziano con A, con AT, iniziano con ATT, finiscono con E

Commenti sulla voce «attrarre» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze