Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cui», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cui

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Cucù « * » Cuoca]
Giochi di Parole
La parola cui è formata da tre lettere, due vocali e una consonante.
Anagrammi
Componendo le lettere di cui con quelle di un'altra parola si ottiene: +mas = acusmi; +oda = aiduco; +ada = audaci; +ala = aulica; +[ali, ila, lai] = aulici; +[lao, ola] = aulico; +ara = aurica; +[ari, ira, ria] = aurici; +[aro, ora] = aurico; +bel = biluce; +bar = brucai; +bar = brucia; +[abc, cab] = buccia; +abs = buscai; +mal = calumi; +mas = camusi; +tan = canuti; +bar = caribù; +tac = cicuta; +ram = ciurma; +sto = costui; +[tar, tra] = crauti; ...
Vedi anche: Anagrammi per cui
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bui, caì, chi, coi, cri, csi, fui, lui, qui, sui.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: auf, bua, bue, bug, bum, bus, due, duo, hub, hum, lue, lux, nut, out, pub, puf, puh, pum, pur, pus, può, qua, rum, sua, sub, sud, sue, sul, suo, suv, tua, tue, tum, tuo.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: ci, cu.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: acuì, cubi, cuci, culi, cuoi, cupi, curi.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: giù, più.
Parole con "cui"
Finiscono con "cui": acuì, arcui, vacui, evacui, innocui, cospicui, proficui, perspicui, promiscui.
Contengono "cui": acuii, acuirà, acuire, acuirò, acuita, acuità, acuite, acuiti, acuito, acuiva, acuivi, acuivo, acuiamo, acuiate, acuimmo, acuirai, acuirei, acuirsi, acuisca, acuisce, acuisci, acuisco, acuisse, acuissi, acuiste, acuisti, vacuità, acuiremo, acuirete, acuirono, ...
»» Vedi parole che contengono cui per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola ai dà AcuiI; in ara dà AcuiRA (acuirà); in aro dà AcuiRO (acuirò); in ava dà AcuiVA; in avi dà AcuiVI; in avo dà AcuiVO; in arai dà AcuiRAI; in arsi dà AcuiRSI; in asce dà AcuiSCE; in asco dà AcuiSCO; in asse dà AcuiSSE; in assi dà AcuiSSI; in aste dà AcuiSTE; in asti dà AcuiSTI; in vasta dà VAcuiSTA; in vaste dà VAcuiSTE; in vasti dà VAcuiSTI.
Inserendo al suo interno bit si ha CUbitI; con gin si ha CUginI; con cina si ha CUcinaI; con cito si ha CUcitoI; con mula si ha CUmulaI; con rial si ha CUrialI; con tane si ha CUtaneI; con random si ha CUrandomI.
Lucchetti
Usando "cui" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ili = culi; * ilo = culo; * ira = cura; * ire = cure; * irata = curata; * irate = curate; * irati = curati; * irato = curato; * ischi = cuschi; * inetta = cunetta; * inette = cunette; * iprite = cuprite; * ipriti = cupriti; * ispide = cuspide; * ispidi = cuspidi.
Lucchetti Alterni
Usando "cui" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ori = cuor; * pii = cupi; * poi = cupo; * rei = cure; * rii = curi; * riai = curia; * citai = cucita; * ratei = curate; * scusi = cuscus; * stomi = custom; * lattai = culatta; * lattei = culatte; * nettai = cunetta; * marinai = cumarina.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cui" (*) con un'altra parola si può ottenere: alé * = aculei; * cra = cucirà; * oca = cuocia; sci * = scucii; sir * = sicuri; * alma = calumai; * erse = cerusie; * cono = cuciono; * crei = cucirei; * ramo = curiamo; * rate = curiate; * rosa = curiosa; * rose = curiose; * rosi = curiosi; * roso = curioso; jazz * = jacuzzi; pelo * = peculio; pena * = pecunia; risa * = ricusai; soia * = scuoiai; ...
Rotazioni
Slittando le lettere in egual modo si ha: fan, toc.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "cui"
»» Vedi anche la pagina frasi con cui per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Nel caso in cui ti trovassi di nuovo nei guai, chiamami.
  • "Cui" è ormai usato pochissimo, specie nella lingua parlata; si preferiscono espressioni come "al quale" e simili.
  • Il verbale a cui si fa riferimento è il numero 12!
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Chi, Cui, Che - Ricordiamoci che la particella Chi ha in sè virtualmente l'antecedente e il relativo, significando colui il quale, e, quando è interrogativo, valendo qual è quella persona la quale e che per conseguenza male adoperarono e adoprano coloro che l'usarono e l'usano come semplice relativo; per es.: «Me lo ha detto Pietro; a chi l'hai detto tu.» L'ufficio di semplice relativo lo fa la particella Che. - La particella Cui si tenga ben a mente che mai non si usa, per parlar all'antica, nel primo caso, ma rappresenta i casi obliqui della Chi e della Che: per es.: «Quella è la persona di cui ti parlai;», o rispetto al Chi: «A cui non piace, la sputi;» benchè nell'uso familiare si dica Chi anche ne' casi obliqui; per es.: «Riportatela a chi ve l'ha data.» - Alcuni usano la Che relativa anche nel reggimento diretto, e spesso generano anfibologia. Per esempio, se io vo' dire che Cesare calunniò Pietro, e dico Questi è quel Pietro che Cesare calunniò, si resta in dubbio chi dei due è il calunniato; e il dubbio si toglie, dicendo: Pietro cui Cesare calunniò. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Quale (il), Che, Cui, Del quale, Onde - Che, servendo egualmente ai due generi e ai due numeri, può in certi casi riuscire equivoco, ed allora il quale può venire al riparo di questa difficoltà, poichè la qualità prima d'uno scritto ha da essere la chiarezza. Che poi, come più spiccio e più incisivo, è molto più usato in poesia che non il quale, abbenchè anco di questo non manchino esempi in ottimi scrittori; che è d'uso più frequente eziandio nella lingua parlata, ove il gesto o l'inflessione della voce soccorrono alla possibile ambiguità. Cui è dativo stando da sè, ma riceve il di, il per, il con ecc., ed allora è genitivo o ablativo. Cui, per un certo vezzo vicino però troppo all'affettazione, è usato al quarto caso, come in questo o in altri consimili esempi: «non parlo per ora di questa cosa, cui voglio prima ben bene esaminare»: ma vedo che si è ordinariamente in quelle frasi le quali, voltate altrimenti, possono avere il dativo, e così potrebbe invertirsi questa dicendo: «non parlo per ora di questa cosa, alla quale voglio prima prestare seria attenzione». Onde per del quale non mi pare equivalente; starebbe a mio senno meglio d'assai invece dell'ablativo con nome di persona o di luogo, indicando in tal modo la provenienza dai medesimi; ma si suole usare anche in senso di genitivo, ora che si cercano nuove bellezze e nuovi sapori di lingua nell'uso di una certa libertà. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cuginette, cuginetti, cuginetto, cugini, cugino, cugna, cugne « cui » culaca, culacci, culaccini, culaccino, culaccio, culache, culachi
Parole di tre lettere: csi « cui » dai
Vocabolario inverso (per trovare le rime): rabbui, semibui, retribuì, contribuì, distribuì, ridistribuì, attribuì « cui (iuc) » acuì, vacui, evacui, proficui, cospicui, perspicui, innocui
Indice parole che: iniziano con C, con CU, iniziano con CUI, finiscono con I

Commenti sulla voce «cui» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze