Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «due», il significato, curiosità, le proprietà del numero 2, la scomposizione in fattori primi e i suoi divisori, traduzioni, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Due

Numero Cardinale
È un aggettivo numerale cardinale, invariabile (per cui si usa sia al maschile che al femminile). In cifre arabe si scrive 2, in numeri romani diventa II. Segue l'uno e precede il tre.
Il corrispondente numerale ordinale è secondo.
Nell'alfabeto morse il due si codifica con: "• • — — —".

Come aggettivo di solito si pone prima del nome. Ad esempio: Tu e Bruno avete totalizzato due punti.
Quando non indica una quantità, ma una posizione o una denominazione, allora segue il nome. Ad esempio: Il modulo può essere ritirato allo sportello due.

Come sostantivo al maschile indica il numero e il segno che lo rappresenta. Ad esempio: Elisa ha preso due all'esame di statistica.
Può essere usato in espressioni relative al tempo. Ad esempio: Il due luglio è l'anniversario del matrimonio di Barbara.
Viene usato, sostantivato al femminile plurale, per indicare l’ora. Ad esempio: Ti aspetto alle due in punto. Se si riferisce ad un orario postmeridiano corrisponde alle 14.

Negli assegni il valore (intero) in euro va scritto in lettere.
Rappresentazione
Il numero 2 nella numerazione in base 16 (sistema esadecimale) viene rappresentato con 02. Invece nella numerazione binaria (in base 2) viene rappresentato con 00000010 (se si utilizzano otto cifre). Nella notazione scientifica si esprime in questo modo:
2 x 10 0 oppure 2E+0
Proprietà matematiche
È un numero primo. Ha due divisori, la lista completa è: 1, 2. La somma dei suoi divisori (funzione sigma) è tre, l'aliquot (somma dei divisori propri) è uno.

Il doppio di due è quattro, la metà è uno e il triplo è sei. Il quadrato è 4, mentre il cubo è 8.
Traduzioni
In inglese 2 si scrive: two. In francese si traduce con: deux. In spagnolo si dice: dos. Infine in tedesco la traduzione è: zwei.
Pagine Utili
Conversione numeri in lettere; Numeri in inglese
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Do « * » Duo]

Foto taggate due

affaccio su Poggiorsini

Volo di coppia

love is
Tag correlati: acqua, finestre, animali, alberi, fiori, mare, muro, erba, persone, foglie, strada, uccelli, coppia, donna, prato, legno, ali, ombra, persiane, statue, uomo, porta, montagna, lago, donne, finestra, montagne, ombre, tetto, occhi
Giochi di Parole
La parola due è formata da tre lettere, due vocali e una consonante.
Anagrammi
Componendo le lettere di due con quelle di un'altra parola si ottiene: +[agi, gai, già] = adegui; +ago = adeguo; +tac = cadute; +tac = ceduta; +tic = ceduti; +toc = ceduto; +cip = cupide; +doc = deduco; +dal = deluda; +led = delude; +sol = deluso; +dna = denuda; +din = denudi; +don = denudo; +[par, rap] = depura; +pro = depuro; +tap = deputa; +top = deputo; ...
Vedi anche: Anagrammi per due
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bue, dee, duo, lue, sue, tue.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bua, bug, bui, bus, cui, fui, hub, hum, lui, lux, out, pub, puf, pum, pur, pus, può, qua, qui, rum, sua, sub, sud, sui, sul, suo, suv, tua, tum, tuo.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ue.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: duce, dume, dune, dure.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: leu.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si può avere: udì.
Parole con "due"
Iniziano con "due": duella, duelli, duello, duellò, duerni, duerno, duetta, duetti, duetto, duettò, duellai, duemila, duettai, duecento, duellano, duellare, duellate, duellato, duellava, duellavi, duellavo, duellerà, duellerò, duellino, duepezzi, dueponti, duettano, duettare, duettata, duettate, ...
Finiscono con "due": ardue, cedue, ambedue, assidue, decidue, residue, centodue, milledue, ventidue, trentadue, duemiladue, novantadue, ottantadue, duecentodue, quarantadue, seicentodue, sessantadue, settantadue, trecentodue, cinquantadue, novecentodue, ottocentodue, centoventidue, millecentodue, milleventidue, settecentodue, centotrentadue, centottantadue, cinquecentodue, milletrentadue, ...
Contengono "due": graduerà, graduerò, graduerai, graduerei, gradueremo, graduerete, centoduenne, gradueranno, graduerebbe, gradueremmo, graduereste, gradueresti, individuerà, individuerò, ventiduenne, ventiduenni, centoduemila, centoduesima, centoduesime, centoduesimi, centoduesimo, individuerai, individuerei, trentaduenne, trentaduenni, ventiduemila, ventiduesima, ventiduesime, ventiduesimi, ventiduesimo, ...
»» Vedi parole che contengono due per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola centomila dà CENTOdueMILA; in ventimila dà VENTIdueMILA; in millecento dà MILLEdueCENTO; in trentamila dà TRENTAdueMILA; in novantamila dà NOVANTAdueMILA; in ottantamila dà OTTANTAdueMILA; in quarantamila dà QUARANTAdueMILA; in seicentomila dà SEICENTOdueMILA; in sessantamila dà SESSANTAdueMILA; in settantamila dà SETTANTAdueMILA; in trecentomila dà TRECENTOdueMILA; in cinquantamila dà CINQUANTAdueMILA; in millecentodue dà MILLEdueCENTODUE; in millecentosei dà MILLEdueCENTOSEI; in millecentotre dà MILLEdueCENTOTRE; in millecentouno dà MILLEdueCENTOUNO; in novecentomila dà NOVECENTOdueMILA; in ottocentomila dà OTTOCENTOdueMILA; in centoventimila dà CENTOVENTIdueMILA; ...
Inserendo al suo interno gli si ha DUgliE.
Lucchetti
Usando "due" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * era = dura; * ere = dure; * eri = duri; * ero = duro; * ebbi = dubbi; * echi = duchi; * elia = dulia; * elie = dulie; * eolo = duolo; * erano = durano; * echini = duchini; * echino = duchino; * eretta = duretta; * erette = durette; * eretti = duretti; * eretto = duretto; * erotto = durotto; * eravamo = duravamo; * eravate = duravate.
Lucchetti Alterni
Usando "due" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ree = dure; * alee = duale; nane * = nandù; * calie = ducali; * ernie = duerni.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "due" (*) con un'altra parola si può ottenere: alt * = adulte; set * = sedute; font * = fondute; altra * = adultera; altre * = adultere; altri * = adulteri; altro * = adultero; graal * = graduale; anamni * = anadumeni; ingerì * = indugerei; triari * = triduarie; verrai * = verduraie; settori * = seduttorie.
Frasi con "due"
»» Vedi anche la pagina frasi con due per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il due di picche, quando la briscola è quadri, non vale proprio niente, da cui il modo di dire "valere un due di picche".
  • Noi due faremo grandissime cose se stiamo insieme.
  • Ha già due figli, a gennaio partorirà il terzo pargoletto.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Entrambi, L’uno e l’altro, Ambedue, Tutti e due - Entrambi indica relazione più stretta, maggiore conformità e quasi unione, come dice quell'entro. - «Il padre e la madre devono essere entrambi d'accordo nell'indirizzo da darsi all'educazione de' figliuoli.» - Ambedue dice bensì una relazione, una concomitanza, ma più sciolta, e che può concorrere allo steso scopo, eziandio per mezzi e strade diverse. - L'uno e l'altro, più larga ancora; e così per seguitare l'esempio cominciato: «Ambedue devono attentamente vegliare sulla condotta e sugli interessi dei figli, ma l'uno e l'altro con mezzi e sopra oggetti differenti.» - Tutti e due parmi che non solo voglia significare l'unione dei due individui considerati isolatamente da altri, ma la totalità del loro essere, quasi l'interezza loro; così un padre e una madre che dicono d'amare con ugual tenerezza tutt'e due i loro figli, mi par che dicano non solo di amarli ambedue, ma che tutto il loro essere, corpo, anima, cuore, carattere, virtù, e perfino i difetti che in essi trovansi, tutto a loro è caro. (Zecchini). [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
A due a due, A coppia a coppia - Dicendo a due a due non bado alle qualità e alle convenienze delle cose così disposte, ma al numero e al loro modo di essere: dicendo a coppia a coppia esprimo invece l'idea che le cose o persone così accoppiate lo siano con certa convenienza reciproca, sicchè vadano bene assieme. [immagine]
Entrambi, L’uno e l’altro, Ambedue, Tutti e due - Entrambi indica relazione più stretta, maggiore conformità e quasi unione, come dice quell'entro: il padre e la madre devono essere entrambi d'accordo nell'indirizzo da darsi all'educazione de' figliuoli: ambedue dice bensì una relazione, una concomitanza, ma più sciolta e che può concorrere allo stesso scopo, eziandio per mezzi e strade diverse; l'uno e l'altro, più larga ancora; e così per seguitare l'esempio cominciato: ambedue devono attentamente vegliare sulla condotta e sugli interessi dei figli, ma l'uno e l'altro con mezzi o sopra oggetti differenti. Tutti e due parmi che non solo voglia significare l'unione dei due individui considerati isolatamente da altri, ma la totalità del loro essere, quasi l'interezza loro; così un padre e una madre che dicano d'amare con ugual tenerezza tutte e due i loro figli, mi par che dicano non solo di amarli ambedue, ma che tutto il loro essere, corpo, anima, cuore, carattere, virtù, e perfino i difetti che in essi trovansi, tutto a loro è caro. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Due - e † DUO. Nome numerale comune che seguita immediatamente all'Uno, cioè che è il Doppio dell'unità. Bocc. Introd. 5. (C) E dalle due parti del corpo predette infra breve spazio cominciò il già detto gavocciolo… a nascere. Dant. Inf. 25. Due e nessun l'imagine perversa Parea. [Camp.] D. Purg. 16. Soleva Roma, che 'l buon mondo feo, Due soli aver…= E Par. 4. (C) Intra duo cibi distanti e moventi D'un modo…, Sì si starebbe un cane intra duo dame. E 32. Volsimi a' piedi, e vidi due sì stretti, Che 'l pel del capo aveano insieme misto. Petr. Canz. 4. 3. Diventâr due radicisovra l'onde. E 42. 1. Una fiera m'apparve…, Cacciata da duo veltri, un nero, un bianco. E son. 47. Ov'io fu' giunto Da duo begli occhi che legato m'hanno. Nov. ant. 23. tit. Come lo'mperador Federigo fece una quistione a duo savii. E nov. 25. Venne a lui un borghese e domandolli dieci marchi in prestanza, ed offerseline duo marchi di guadagno. Varch. Stor. 9. 258. Sono in tutto braccia cinquemila, le quali, secondo il Tribolo, fanno due miglia appunto; e, secondo il Villano, un miglio e due terzi. E appresso: Dette due vie, le quali da ogni banda sono quasi piene di varie botteghe, s'incrocicchiano. E appresso: Alla piazza de' Signori… si va per due vie: per quella chiamata Calimaluzza, e dal canto di Vacchereccia, il qual risponde appunto alla porta del Palazzo. Bocc. g. 10. n. 6. (Mt.) Diranno, piccola cosa essere ad un Re l'aver maritate duo giovinette; ed io il consentirò. (Così leggesi nel testo del Mannelti.) Sen. Ep. 78. p. 204. Dunque duo cose sono da lasciare…

[Cont.] Spadone a due mani. Pant. Arm. nav. 84. Spadoni da due mani, arma,… che, trovandosi chi sappia bene adoperarla sopra i vascelli, potrà esser di molto giovamento nelle battaglie.

T. Prov. Tosc. 91. Non istanno bene due ghiotti a un tagliere. E ivi. Non istanno bene due galli in un pollajo. E 328. Chi due lepri caccia, l'una non piglia e l'altra lascia. E 333.

T. † Prov. Tosc. 328. Chi s'impaccia de' fatti altrui, di tre malanni gliene tocca dui.

T. Prov. Chi fila, ha una camicia; e chi non fila, ne ha due. (Nota è l'ingiustizia delle umane ricompense, e le arti con che gli uomini da nulla sanno procacciarsi i loro agi.)

T. Ass. Prov. Tosc. 74. Consiglio di due non fu mai buono.

2. T. Moltiplicità indeterm. Prov. Tosc. 124. Corruccio di fratelli, fa più che due flagelli.

T. Due e tre volte; numero determinato per indeterminato.

T. Per numero indeterm. di pochi. C. Pop. Tosc. Cantate su, Cantate du' Rispetti. [Val.] Fortig. Ricciard. 4. 32. Mangiati in piede in piede due bocconi, Dissero. – Vado e vengo in due salti. – Dirò due parole. (Intende discorso non brevissimo in sè, ma non tanto lungo quant'altri teme o potrebbesi.) – Scrivere due versi (lettera breve); Far due passi. Pers. Vel duo, vel nemo. = Lasc. Parent. 4. 2. (Mt.) Ci son due passi, non badate due ore.

T. Di più volte. Morg. 19. 3. Margutte ascolta e una volta e due, E poi diceva…

3. T. Contrapp. a Uno. Genesi: Saranno due in una carne (in una vita, il marito e la moglie).

T. Talora dice moltiplicità in gen. Prov. Tosc. 280. È meglio un presente, che due futuri. E 82. A chi è in fallo, l'uno par due. (Sospetta e moltiplica le cagioni di timore.)

4. T. Dí moltiplicità importuna. Prov. Due nocchieri affondano il bastimento (reggimento diviso è rovina). – Due poponi non istanno sotto un braccio. – Due che soffiano non accendono mai lume. (A fare in più la cosa medesima, per facile e buona che sia, si riesce talvolta male.)

5. T. Due posposto. D. 1. 6. Giusti son duo, ma non vi sono intesi (sono in Firenze due giusti). Arist. ̔Ο θεὸς ὂργανα ὴμῖν δέδωκε δύο.

6. T. Dell'ordine in cui pers. o cose vanno o stanno. Vang. Li mandò a due a due innanzi a sè in ogni città.

7. T. Fam. di cel. Due non fanno tre. Modo che dimostra evidente quel che si vuol contraddire.

8. T. Modo prov. Provare come due e due fa quattro (con tutta evidenza). [Cont.] Proc. Fr. Ger. Sav. Io ero più certo di tal cosa, che io non ero di essere lì in pergamo, e che due e due fa quattro.

9. T. Ell. fam. I due fanno un pajo, il pajo, o Son due che fanno un pajo. Di pers., in senso non di lode.

10. T. Escl. fam. al ripetersi di detto o di fatto molesto. Nè solo alla seconda volta, ma per estens., altre poi. E due!

11. Accompagnato con Fra, Tra, Infra, Intra, significa dubbio, sospetto, timore. Petr. p. 3. 3. (Mt.) So come sta tra fiori ascoso l'angue, Come sempre fra due si vegghia e dorme.

Onde Stare o Restare intra o infra due, o fra due o fra le due. Questi due ultimi più com., vale Stare ambiguo, dubbio tra 'l sì e 'l no. Tac. Dav. Stor. 2. 297.(C) Ordeonio Flacco avea da fare per sospetto de' Batavi, Vezio Bolano per non quietar mai la Bretagna, e l'altro stava intra due, nè Spagna era sollecita…Capr. Bott. 6. 118. Tu mi fai ricordar ora qui del vicin nostro, che diceva ancor egli che l'anime nostre eran quegli angioli che non si determinarono al peccare, nè al servire a Dio, ma restarono infra due. [G.M.] Fag. Rim. Per questo, o mio carissimo figliuolo, sto fra le due, nè so s'io mi travaglio, Nel vederti studiare, o mi consolo.

Nello stesso modo fu detto Star sulle due, Essere sulle due. Cionacc. Cical. (Mt.) Stette sulle due il giovine innamorato; ma che non può la forza di un bel viso? Salvin. Callim. In. a Giove. In due è il cor (che lo Strocchi ha voltato: Il cor s'inforsa).

12. Tener tra due vale Tener dubbio, sospeso. Petr. son. 119. (C) Ma pur, come suol far, tra due mi tiene.

13. Male dell'infra o intra due fu detto dell'inquietudine che nasce dall'essere in dubbio fra due cose. Bellinc. 149. (C) E 'l mal dell'intra due è mala cosa. Cecch. Dissim. 4. 1. Non fo nè l'una nè l'altra, e 'l male dello infra due mi rovina.

14. T. Ell. Dividersi in due. Fare in due (sottint. parti, o sim.); così in tre, in quattro. Andando co' numeri più in su, l'ell. non è tanto usitata nè evidente; e conviene soggiungerci il sost. = Bocc. g. 9. n. 2. (M.) Essendo già buona ora di notte, in due si divisero (cioè, in due parti).

Nota altre ell. Dant. Purg. 31. (Mt.) Nuovo augelletto due o tre (si sottintende volte o tiri) aspetta. Cr. 5. 6. 6. Le cologne, come dice Isac, generalmente si dividono in due (s'intende maniere, o simil voce): cioè in crude e lignee, e in perfettamente mature.

T. Ell. Prov. Una la si passa, ma due le si scontano (sottint. Bricconata, o sim.).

15. Esser due per uno. Essere il doppio. G. V. 7. 27. (Mt.) La gente di Curradino erano per uno due che quegli del re Carlo.

16. [Val.] Uno fa per due. Dicesi di cosa che si voglia amplificare. Fag. Rim. 3. 7. Bocconi poi, che uno farà per due.

17. [Camp.] Essere due in uno, per Essere due corpi animati da un'anima sola. D. Inf. 28. Ed eran due in uno ed uno in due. – Parla di Beltram dal Bornio che camminava col capo partito dal suo principio, e che tenendolo per le chiome gli serviva di lucerna.

18. Usato in forza di Sost. m. parlando del segno che esprime il numero di due. Cr. in DUINO. (Mt.) Quando due dadi s'accordano amendue a mostra il punto del due. – E così dicesi: Fate un due; Cancellate il due e ponete il quattro.

19. Rimanere nel due, sembra che significhi Rimanere in luogo di mezzo, Non andar agli estremi moralmente parlando. Pallav. Ist. Conc. 1. 75. (Mt.) Partendosi questi (i popoli seguaci di Lutero) nella fede dall'unità, non si potè rimaner nel due, ma per necessità si passò poco meno che all'infinito.

20. T. Modo fam. con ell. Scommettere due contro uno, dieci contro uno; Affermare sicuramente una cosa.

21. T. Altra ell. Una delle due. Modo di porre un dilemma risoluto o anche minaccioso.

22. E in forza di Sost. fem. Fir. Trin. 1. 2. (Mt.) Buon per Dio! E questo perchè? D. Perchè le due non fan le tre. Modo basso di rispondere a colui cui non si vuol render ragione di ciò che domanda; e seguita sempre al Perchè del domandante, come quello a cui s'intende di far la rima. (Fanf.)

23. Ed usato a modo di Agg. per Secondo. Ott. Comm. Dant. Inf. 7. 104. (C) In questo circulo punisce quattro generazioni di peccatori, e nel due una, e nel primo una. E appresso: Abacucco, capitolo due, dice…

24. (Mus.) A modo di Sost., per Duetto. [Ross.] Disc. 4. 395. La comodità consiste in potervi suonare con incredibile facilità un duo, toccando insieme due corde. Bert. Doc. 2. 18. 121. L'osservazione di questo duo si è, che non facci mai quinta, per buona, se non però legate, che non si passi la decima… Giust. 1. Il Duo teco vociando e la romanza.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: duchessina, duchessine, duchetti, duchetto, duchi, duchini, duchino « due » duecentesca, duecentesche, duecenteschi, duecentesco, duecentesima, duecentesime, duecentesimi
Parole di tre lettere: don « due » duo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): vacue, barbecue, proficue, cospicue, perspicue, innocue, promiscue « due (eud) » duemiladue, quarantadue, duemilaquarantadue, millequarantadue, centoquarantadue, millecentoquarantadue, trecentoquarantadue
Indice parole che: iniziano con D, con DU, iniziano con DUE, finiscono con E

Commenti sulla voce «due» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


foto vincitrice contest due


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze