Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «eco», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Eco

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Eccoci « * » Ecoica]
Giochi di Parole
La parola eco è formata da tre lettere, due vocali e una consonante.
È una parola bifronte senza coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ce).
Divisione in sillabe: è-co. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di eco con quelle di un'altra parola si ottiene: +bar = acerbo; +[ali, ila, lai] = acolie; +[ari, ira, ria] = acorie; +qua = acqueo; +rna = ancore; +rna = arcone; +[tar, tra] = atroce; +bar = bacerò; +bar = borace; +blu = bouclé; +fan = cafone; +dal = caldeo; +rna = canore; +tan = canteo; +tap = capote; +rna = carneo; +[tar, tra] = carote; +san = casone; +dna = cedano; +dal = cedola; ...
Vedi anche: Anagrammi per eco
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: ego, emo, ero, evo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: ace, cct, ics, oca, sci.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: ceco, ecco, esco, geco, meco, reco, seco.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: doc, toc.
Testacoda
Togliendo la lettera iniziale e aggiungendone una alla fine si ottengono: coi, col, con.
Parole con "eco"
Iniziano con "eco": ecoica, ecoici, ecoico, ecocidi, ecoiche, ecologa, ecologi, ecologo, economo, economy, ecopass, ecotipi, ecotipo, ecoballa, ecoballe, ecocidio, ecofobia, ecofobie, ecografi, ecografo, ecolabel, ecolalia, ecolalie, ecologhe, ecologia, ecologie, ecomafia, ecomafie, ecometri, ecometro, ...
Finiscono con "eco": ceco, geco, meco, reco, recò, seco, bieco, cieco, greco, speco, acceco, accecò, arreco, arrecò, azteco, biseco, bisecò, copeco, defeco, defecò, meteco, olmeco, sbieco, spreco, sprecò, usbeco, uzbeco, cirneco, depreco, deprecò, ...
Contengono "eco": decora, decori, decoro, decorò, fecola, fecole, pecora, pecore, record, secoli, secolo, ciecona, ciecone, cieconi, decolla, decolli, decollo, decollò, decorai, decorra, decorre, decorri, decorro, decorsa, decorse, decorsi, decorso, decotta, decotte, decotti, ...
»» Vedi parole che contengono eco per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola cina dà CIecoNA; in cine dà CIecoNE; in anici dà ANecoICI; in molla dà MOLecoLA; in molle dà MOLecoLE; in prona dà PecoRONA; in prone dà PecoRONE; in proni dà PecoRONI; in pretta dà PecoRETTA; in prette dà PecoRETTE; in trasla dà TRASecoLA; in trasli dà TRASecoLI; in traslo dà TRASecoLO; in mollare dà MOLecoLARE; in traslai dà TRASecoLAI; in traslano dà TRASecoLANO; in traslare dà TRASecoLARE; in traslata dà TRASecoLATA; in traslate dà TRASecoLATE; in traslati dà TRASecoLATI; ...
Inserendo al suo interno col si ha ECcolO; con coi si ha EcoiCO; con oli si ha EoliCO; con par si ha EparCO; con patì si ha EpatiCO; con podi si ha EpodiCO; con reti si ha EretiCO; con sopì si ha EsopiCO; con teri si ha EteriCO; con stati si ha EstatiCO; con cumeni si ha EcumeniCO; con sarchi si ha EsarchiCO; con strinse si ha EstrinseCO; con vangeli si ha EvangeliCO.
Lucchetti
Usando "eco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bue * = buco; * ohi = echi; ire * = irco; ore * = orco; osé * = osco; poe * = poco; ree * = reco; vie * = vico; base * = basco; cale * = calco; case * = casco; cere * = cerco; cuce * = cucco; mare * = marco; mese * = mesco; pace * = pacco; pale * = palco; pare * = parco; pece * = pecco; sole * = solco; ...
Cerniere
Usando "eco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * dee = code; * noè = cono; * olé = cool; * pie = copi; * ree = core; * tee = cote; * vie = covi; * base = cobas; * glie = cogli; * scie = cosci; * stie = costi; * dalie = codali; * licie = colici; * linee = coline; * maree = comare; * micie = comici; * natie = conati; * talee = cotale; * razzie = corazzi; * maschie = comaschi; ...
Lucchetti Alterni
Usando "eco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ecco = cocco; parso * = parsec; * eccola = coccola; * eccole = coccole; * eccoli = coccoli; * eccolo = coccolo; * citatorio = eccitatori.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "eco" (*) con un'altra parola si può ottenere: dan * = decano; * san = escano; * sud = escudo; non * = neocon; oli * = oleico; ton * = teocon; uri * = ureico; acni * = acneico; ambi * = amebico; cori * = coreico; * nomi = encomio; erti * = eretico; * slam = esclamo; lini * = lineico; mali * = maleico; mili * = mielico; pisa * = peciosa; pulì * = peculio; poti * = poetico; rami * = rameico; ...
Rotazioni
Slittando le lettere in egual modo si ha: tre, avi.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "eco"
»» Vedi anche la pagina frasi con eco per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Se non la smetti di farmi l'eco, ripetendo tutto quello che dico, me ne vado.
  • La bellezza di questa città è solo un eco della sua passata grandezza.
  • Umberto Eco riscuote molto successo coi suoi libri.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Eco - La Biblioteca Brittannica, tom. IX pagina 294, dice che ad Andersbach in Boemia esiste un eco assai rimarchevole in un gruppo di scogli molto alti e di forma conica, avente l'aspetto di un labirinto in mezzo a vasta pianura. Questo eco, situato verso i confini del detto gruppo gigantesco, di cui il centro acustico è a poca distanza dalla rupe più grande, ripete sette sillabe sino a tre volte assai distintamente. [immagine]
Eco (poema) - Gli antichi poeti greci e latini inventarono questo genere di poesia, in cui l'ultima parola, o l'ultima sillaba hanno un senso che risponde ad ogni verso; come per esempio:

«Dillo tu, Lisa mia, se ognor t'amai!
Mai[immagine]
Eco artificiale - L'arte ha disposto certe costruzioni di edilizj in modo da produrre mediante il suono riflettuto un effetto curiosissimo: sono certe figure di volta, per solito elittiche o paraboliche, che raddoppiano i suoni. La maniera di far quell'eco artificiale è insegnata dal P. Blacani Gesuita nella sua Ecometria. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Eco - ed † ECCO. Sost. com. Gr. ̓Ηχώ. (Fis.) Tutto ciò che l'orecchio sente per riflessione dopo averlo sentito direttamente. Si chiama ancora Eco il Luogo che è cagione del ripetere della voce, del suono. Echo, aureo lat. Teseid. 11. 30. (C) Tale, che di lontan ben altrettanto Nelle valli eco trista risonava. Plut. Adr. Op. mor. 4. 72. (M.) Anassagora afferma che la voce si fa quando lo spirito urta in aria salda, e rinvia il colpo insino agli orecchi; nella quale maniera si genera l'Eco. Car. Long. Sof. 107. (Firenze 1811.) Questi e molti altri simili inganni d'eco, di cui non aveva la semplice fanciulla notizia, la persuasero… Segner. Incr. 1. 20. 12. Chè però non vede la stolidità di quell'improvvido zelo, il quale amerebbe che la pena rispondesse subito al delitto, conforme l'eco risponde subito al suono?

Cr. 9. 94. 2. (C) Varrone dice che presso alla villa del Signore si deono porre (le api), dove non rimbombi voce dell'ecco, imperocchè si stima che questo le faccia fuggire. Poliz. st. 1. 60. (M.) Ma solo a' suoi lamenti Ecco risponde. Segner. Crist. Instr. 2. 12. 19. La colpa viene assomigliata ad un' ecco, che risponde pronta a rovina di chi la provoca.

[Tor.] Bard. Vill. Adr. 8. Vi aveva antri accomodati, che facevano risuonare un dolcissimo eco. = Deti in Opus. ined. 1. 77. (Gh.) Stancati indarno del sicanio lito Li echi nel replicar l'amato nome Della figlia perduta. Firenz. Op. 4. 84. Ogni spiaggia Susciti un eco nuovo ch'a' tuo' accenti Risponda,… Salvin. Orf. 127. Dal fracasso il celeste eco rimbomba. E Pros. tos. 2. 47. Per esser l'api nemiche degli echi, e de' cavernosi suoni. E Dis. ac. 4. 174.

T. Svegliare gli echi del monte, del chiostro; modo che tiene del poet., Far risuonare in quel luogo voce o rumore.

2. E trasl. Segner. Mann. Lugl. 31. 3. (M.) Lode tale, che non fa altro, se non che formar eco a quella che vien da Dio.

3. [Cont.] Far eco. Barbaro, Arch. Vitr. 260. Risona la voce percuotendo, e ritornando a dietro quasi di rinverbero, e come i raggi del sole riflessi, così la voce ripercossa risuona, cioè di nuovo sona e raddoppia la sua simiglianza e fa eco.

4. Fig. Far eco, per Concorrere a ripetere le altrui lodi o li altrui biasimi. Salvin. Pros. sacr. 286. (Gh.) Alla qual gloria pure fa un bell'eco la militante Chiesa co' le sacre melodie e co' le devote rammemoranze. Segner. Paneg. 44. (M.) Or mentre… da Roma si pronunziava sentenza così bramata, le campane le fecero… ecco giocondo.

E fig. Per Ripetere la medesima cosa. Pallav. Stor. Conc. 63. (M.) Ora risonando quivi la novità insegnata da Lutero, Zuviglio gli fece l'ecco.

T. Farsi eco d'altr' uomo, d'altrui opinione; Ripeterla con più o meno fedeltà o intelligenza.

5. [M.F.] Sott'eco, A voce bassa, In modo che l'eco nol ripeta. Magal. Lett. famil. 1. 189. Quando si parla sott'eco si trova un invigorimento e una propagazione così grande che a parlar alto parrebbe ch'e' s'avesse a sentir dagli antipodi.

6. [Camp.] Per similitudine di biasimo dicesi dei Lusingatori che dánno sempre ragione. Somm. 14. E per ciò i lusinghieri sono appellati eco, cioè, el suono che nell'alte montagne rimbomba e risuona, e si accorda a ciò che l'uomo li dice, o sia bene o sia male, o sia menzogna.

T. Uomo ch'è un eco; ripete quel ch'ode, intendendo e sentendo poco. – Scritto, Letteratura, Scuola, ch'è l'eco d'un'altra.

7. (Lett.) Eco è anche nome di un Componimento poetico nel quale le ultime sillabe d'ogni verso formano parole che fanno risposta ad alcuna precedente interrogazione come nell'esempio seguente. Poliz. Rim. 62. (M.) Che fai tu, Eco, Mentre io ti chiamo? Amo. Ami tu duo, oppur un solo? Un solo. Ed io te sola, e non altri, amo. Altri amo.

T. Eco, titolo di giornale. L'Eco d'Italia. – L'Eco de' Tribunali.

8. (Mit.) Figlia dell'Aria e della Terra, amante di Narciso, a cui, consumata dalla passione e dal dolore, non rimasero che le ossa e la voce; onde i poeti la prendono per lo stesso fenomeno dell'eco. Rucell. Ap. 220. (Mt.) E fuggì l'acque putride… O dove da le rupi alte e scavate Il suon rimbombi de la voce d'Eco. Ar. Fur. 27. Eco, per la pietà che gliene avea, Da' cavi sassi rispondea sovente.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ecloghe, ecmnesia, ecmnesie, ecmnestica, ecmnestiche, ecmnestici, ecmnestico « eco » ecoballa, ecoballe, ecocardiografia, ecocardiografica, ecocardiografiche, ecocardiografici, ecocardiografico
Parole di tre lettere: dvd « eco » ego
Vocabolario inverso (per trovare le rime): struccò, strucco, succo, stuccò, stucco, ristuccò, ristucco « eco (oce) » usbeco, uzbeco, ceco, acceco, accecò, defeco, defecò
Indice parole che: iniziano con E, con EC, iniziano con ECO, finiscono con O

Commenti sulla voce «eco» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze