Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «rumore», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Rumore

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere rumore (assordante, forte, fastidioso, vicino, ...)
Nomi Alterati e Derivati
Diminutivi: rumoretto, rumorino. Dispregiativi: rumoraccio.
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
assordante (13%), silenzio (10%), suono (7%), chiasso (6%), baccano (5%), caos (5%), fracasso (5%), forte (4%), fastidio (4%), fastidioso (3%), molesto (3%), frastuono (3%), disturbo (3%), sordo (3%), casino (3%), musica (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola rumore è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: ru-mó-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: murerò.
Componendo le lettere di rumore con quelle di un'altra parola si ottiene: +[agi, gai, già] = arguiremo; +bel = burleremo; +tac = cromature; +dei = erudiremo; +[agi, gai, già] = guariremo; +[csi, ics, sci] = mercurosi; +tai = mortuarie; +nei = neuromeri; +[neo, noè] = neuromero; +ani = numerario; +pet = permuterò; +tap = prematuro; +pin = premunirò; +tap = premurato; +spa = premurosa; +psi = premurosi; +pos = premuroso; +dir = ridurremo; +sei = riesumerò; +[evi, vie] = rimuovere; +[avi, iva, vai, ...] = rimuoverà; +voi = rimuoverò; +sei = riuseremo; ...
Vedi anche: Anagrammi per rumore
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: remore, rumori, tumore.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: tumori.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: umore.
Parole con "rumore"
Iniziano con "rumore": rumoreggi, rumoretti, rumoretto, rumoreggia, rumoreggio, rumoreggiò, rumoreggerà, rumoreggerò, rumoreggiai, rumoreggino, rumoreggerai, rumoreggerei, rumoreggiamo, rumoreggiano, rumoreggiare, rumoreggiata, rumoreggiate, rumoreggiati, rumoreggiato, rumoreggiava, rumoreggiavi, rumoreggiavo, rumoreggeremo, rumoreggerete, rumoreggiammo, rumoreggiando, rumoreggiante, rumoreggianti, rumoreggiasse, rumoreggiassi, ...
Finiscono con "rumore": antirumore, frangirumore.
»» Vedi parole che contengono rumore per la lista completa
Parole contenute in "rumore"
ore, rum, umo, more, umore. Contenute all'inverso: ero, rom.
Incastri
Inserendo al suo interno reggia si ha RUMOreggiaRE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "rumore" si può ottenere dalle seguenti coppie: rudi/dimore.
Usando "rumore" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * morena = runa; * morene = rune; * moresco = rusco; * moretti = rutti; * morenica = runica; * morenici = runici; * morenico = runico; * moreschi = ruschi; * moreniche = runiche; * morettini = ruttini; * morettino = ruttino.
Lucchetti Riflessi
Usando "rumore" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erompe = rupe; * erompi = rupi; * eroina = rumina; * errino = rumorino.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "rumore" si può ottenere dalle seguenti coppie: runa/morena, rune/morene, runica/morenica, runiche/moreniche, runici/morenici, runico/morenico, ruschi/moreschi, rusco/moresco, rutti/moretti, ruttini/morettini, ruttino/morettino.
Usando "rumore" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * dimore = rudi; rumoretto * = rettore; rumorista * = ristare; * ristare = rumorista.
Sciarade e composizione
"rumore" è formata da: rum+ore.
Sciarade incatenate
La parola "rumore" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: rum+more, rum+umore.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "rumore"
»» Vedi anche la pagina frasi con rumore per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il rumore, provocato dal traffico delle città, alza sensibilmente i decibel provocando danni ambientali.
  • Il rumore che fa il tram della linea 1 passando sotto le mie finestre è insopportabile!
  • Il rumore del camion della spazzatura mi sveglia tutti i giorni alle quattro di mattina.
Proverbi
  • Le teste di legno fan sempre rumore.
Espressioni e Modi di Dire
  • Molto rumore per nulla
Libri
  • Molto rumore per nulla (Scritto da: William Shakespeare; Anno 1600)
Titoli di Film
  • Molto rumore per nulla (Regia di Kenneth Branagh; Anno 1993)
Canzoni
  • Senza far rumore (Cantata da: La Crus; Anno 1999)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Brusio, Frastuono, Buscherio, Rumore - Molte persone che vanno e vengono, o vanno su e giù per un luogo, parlando insieme e ridendo, fanno un Brusio, che è appunto il suono che risulta dai moti e dalle voci loro. - Frastuono è suono scomposto di passi, di voci, di batter di mani, urlare, battere cose solide e simili, per modo che non si oda più chi parla o canta, nè si possa attendere a nulla. - Buscherio è un frastuono più temperato, e fatto, per lo più, da gente allegra e chiassona. - Rumore è generico, e si può dire di qualunque suono forte, disordinato, indistinto, prolungato o no; ed è verbale dell'antico verbo Romire. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Bisbiglio, Sussurro, Rumore, Susurrio, Romorio, Mormorio - Bisbiglio è quel lieve rumore prodotto dal parlare che fanno molti assieme ma sommessamente; e che in esso sentesi il sibilo degli s e degli z. Susurro viene dal parlare più forte: in chiesa nasce talora un bisbiglio per qualche accidente che ecciti l'universale curiosità: sulla piazza del mercato è di continuo un assordante susurro: susurrìo è meno di susurro, ma indica maggior frequenza o durata: entrando in un opifizio, e più se di donne (me la perdonino) sentesi un continuo susurrìo, se pure la regola non lascia parlar forte, ridere, schiamazzare. Mormorìo è più di bisbiglio, è più sovente prodotto da altre cause che dall'umano parlare: mormora il ruscello, il venticello nelle foglie e simili, perciò ha idea di cosa più continuata. Rumore è generico; è ogni interruzione del silenzio. Romorìo è lieve rumore, eguale, continuo, replicando dirò così sempre la stessa o le stesse poche note; è un po' più di mormorìo, ma gli è affinissimo. [immagine]
Baccano, Rumore, Strepito, Rombo, Ronzio, Rombazzo, Frastuono, Fracasso, Chiasso, Schiamazzo, Schiamazzio, Scroscio - «Baccano, rumore non piccolo di gente che scherza e che ruzza, o come che sia si trastulla. Rumore di contesa o di lavorio, baccano non è; onde questo ha senso talvolta di sozzi diporti. Rumore è più generico: dicesi e di persone e di cose. Strepito è più di rumore. Fracasso è rumore di cose che si rompano o siano rotte, o simile al rumore di una o più cose che si rompano. Frastuono è rumore che fanno diversi suoni insieme confusi. Schiamazzo, gran rumore di grida discordanti e disordinate». Romani.

«Rombo, rumore sordo d'insetti, quali i calabroni o i mosconi. Il rumore lontano dell'acqua, del vento, della gente, par rombo, e così si dice; rombazzo, rombo più sguaiato e più rumoroso. Chiasso, rumore festivo; scroscio, rumore rotto e squarciato, come d'acqua che cade, d'uomo che sghignazza forte, e simili». Gatti.

Ronzìo, quel rumore che fanno gl'insetti volando. Rumore è generico, è ogni interruzione del silenzio. Schiamazzìo indica uno schiamazzo non tanto forte, ma prolungato; fors'anche uno schiamazzo lontano e continuato in cui si distinguano grida e voci acute. [immagine]
Fama, Grido, Rumore, Celebrità, Nomèa - La fama va, corre di bocca in bocca, e cresce nel suo andare; il grido è cosa più clamorosa, più unisona, ma momentanea e passeggera; il rumore è forse clamoroso quanto il grido, ma meno chiaro, meno distinto; e più presto divien fioco, confuso, inintelligibile; presto muore in un vano suono. Anche per cosa di poco momento levasi sovente gran rumore. Ad acquistarsi un certo grido basta un'azione un po' risoluta; ma a meritarsi vera fama ci va l'opera di tutta la vita. Ad acquistarsi celebrità o nome celebre ci vanno opere grandi e degne, ed ora ben più che una certa abilità; e perciò un merito tal quale è cosa comune: l'indifferentismo o lo sdegno di chi sa qualche cosa è più difficile a vincersi, che non il destare la facile ammirazione degl'ignoranti.

«Nomea, più spesso in cattiva parte. Io ho sentito dire ne' dintorni di Firenze: non c'è la peggio che aver cattiva nomèa. Del resto, nomèa è voce comunissima in contado. E quando pur l'usano in buon senso, e' pare che intendano sempre meno di nome, o nome non bene meritato». Meini. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Rumore, Romore - e † RIMORE. S. m. Suono disordinato e incomposto, indistinto e prolungato. Aureo lat. Fr. Jac. Tod. 3. 7. 4. (M.) Amanti del fervore, Come non vi struggete, Poichè 'l divino amore Jesù Cristo vedete? Deh! in braccio or lo prendete, E venitel gustando…, Senza far rumore. Bern. Mogliazz. 189. E fanno un gran fracasso e gran rumore. Bocc. Nov. 8. g. 5. (C) E 'l romore disperato della cacciata giovane da tutti fu cominciato ad udire. E nov. 4. g. 7. I vicini, sentendo il romore, si levarono. Franc. Barb. 75. 1. Se pur s'adira tardi, Nè con rimor, nè con parlar villano. E 301. 8. Tuo popolo a rimore Rifrena con colore. [G.M.] Cellin. Vit. Faceva il cielo un romore tanto grande e paventoso, che io da per me giudicavo che fussi il di del giudizio.

Bocc. Nov. 7. g. 8. (C) Questo uscio fa sì gran romore quando s'apre, che leggiermente sarei sentita da fratelmo, se io l'aprissi. Tes. Br. 5. 17. Fuggono per lo fumo, e ragunansi (le api) per suono di ferro e di pietre, o di cosa, che faccia grande romore. Alam. Colt. 2. 37. (M.) Gia puoi sentir le biancheggianti spighe, Che, alle dolci acque percotendo insieme, Con più acuto romor chiaman la falce.

[G.M.] Di molto rumore e poca lana; Modo prov. per dire che alla fatica non corrisponde il frutto, o alle molte parole il fatto.

2. Per Tumulto, Sollevazione, Confusione. Cavalc. Att. Apost. 121. (M.) Potremo incorrere in pericolo, accusati di mettere la terra a rumore. G. V. 9. 180. 1. (C) Non volendo assentire all'accordo, si levò a romore la città di Melano. E 11. 7. 2. A romore e a furore ne cacciarono i Sabattini, e Rodaldi,… Franc. Sacch. Rim. 46. Si racconta Per loro guerra, e battaglie, e romori. Sen. ben. Varch. 6. 33. Per cui salutare si fa la mattina per tutta Roma tanto romore. Ciriff. Calv. 3. 75. Mettendo a sacco, e a fuoco, ed a romore I padiglioni. Guicc. Stor. 4. 231. (M.) E dette fomento a questo tumulto, o la imprudenza, o la timidità di Silvio Cardinale di Cortona, il quale, avendo ordinato…, non mutò sentenza… ancorchè innanzi si movesse, avesse inteso essere cominciato questo romore. Varch. Stor. 2. 32. Non si fidando in Firenze, s'era in su que' primi romori fuggito di fuora. [Val.] Pucc. Centil. 56. 43. Nel detto tempo andò Siena a romore. E 48. 24. Firenze fu per andare a romore.

[Cont.] Stat. Comp. Pisa, 131. Se romore fosse per cagione di fuoco, le dette Compagine vecchie tanto traggano al luogo del fuoco, eccetto quelle deputate alla guardia delle porte… Chi, requisito, non si troverà alle poste, sia denunziato… Ordinossi loro i segni a tutti li maestri di pietre e legnami di Pisa, a tempo di romore per fuoco.

3. Vale anche Fama, Grido, Opinione. Guicc. Avvert. 98. (M.) È incredibile quanto giovi la riputazione e opinione che hanno gli uomini che tu sia grande. Con questo romore solo ti corrono dietro senza che tu n'abbia a venire al cimento. Car. En. 12. 380. E tal sembrando, Già degli animi accorta iva Giuturna Rumor diversi, e tai voci spargendo. Bocc. Nov. 4. g. 7. (C) Ed in breve tanto andò il romore di vicino in vicino, che egli pervenne infino a' parenti della donna. Petr. Son. 193. part. I. Ma com'è, che sì gran romor non sone Per altri messi o per lei stessa il senta? E Canz. 2. 3. part. III. S'egli è ancor venuto Romor leggiù nel ben locato officio. Dant. Purg. 11. Non è il mondan romore altro che un fiato Di vento, ch'or vien quinci ed or vien quindi, E muta nome, perchè muta lato. Giov. Gell. Vit. Alf. 155. (M.) Ripetendo più volte insolentemente che questo romor della venuta de' nemici non aveva certezza alcuna.

4. Far romore, vale Aver grido, Dar materia di discorso. Petr. Son. 170. part. I. (C) De' qua' duo tal romor al mondo fasse.

5. Far romore, per Prorompere in isdegno, Alterarsi. Bocc. Nov. 6. g. 8. (C) Domandato questo, e quell'altro, se sapessero chi il porco s'avesse avuto, non trovandolo, incominciò a fare il romor grande. E nov. 8. g. 8. Conoscendo che per far romore, nè per altro la sua ingiuria non diveniva minore…, si diede a pensar, che vendetta di questa cosa dovesse fare. Petr. cap. 2. Vidi Aci, e Galatea ch'in grembo gli era, E Polifemo farne gran romori.

[T.] Per lo più Suono non leggiero, e quasi mai gradito. più o meno molesto, ch'esce da un corpo solo o da più; suono unico, o misto d'altri suoni confusi. Rumore, anco un leggiero fruscío, quel che fanno, calpeste, le foglie. Stormire, è più. T. D. 1. 13. Quando noi fummo d'un rumor sorpresi Similemente a colui che venire Sente il porco (cignale) e la caccia alla sua posta, Ch'ode le bestie e le frasche stormire. – E un insetto volando fa qualche rumore; rumore dal grido di forti animali, e dal passare di carri. Ma questo è più propriam. strepito; e se è con più rovina o minaccia, Fracasso. Schianto, se a un tratto, quasi un colpo solo. Rombo di terremoto, Rumore cupo e minaccioso. Rimbombo, rumore forte, ripercosso.

II. T. D. 1. 23. Come la madre che al rumore è desta, E vede presso a sè le fiamme accese, Che prende il figlio e fugge… Tanto che solo una camicia vesta. – Accorse al rumore.

T. Rumore che fa il vento o altra cosa fra le frasche. Prov. Tosc. 335. Una noce in un sacco non fa rumore (pers. o cosa, sola da sè, non può molto nè in bene nè in male).

T. S'appressava, S'allontanava il rumore. – Perduto insino il rumore de' loro passi.

III. T. Siccome dicesi Suoni per gli Strumenti che suonano, il seg. non com., ma chiaro e efficace. [Cors.] Segr. Fior. Nov. Voglio che dall'un canto della piazza siano insieme venti persone almeno che abbiano trombe, corni, tamburi,… e d'ogni altra qualità rumori. T. Così di Sonetto ebber titolo i quattordici versi; e troppe poesie son Rumore, se non peggio.

IV. Di fama. T. Il rumore del fatto. A Manz. Il rumore che ne correrebbe. – Mi giunge agli orecchi un rumore. Virg. Spargesi subito per le schiere troiane il rumore, esser venuto il dì che…

Plur. T. Rumori di guerra. – Rumori di nuove sventure. Tass. Ger. 1. 81. Ma precorsa è la fama, apportatrice De' veraci rumori e de' bugiardi. Quante e quai sian le squadre ella ridice, Narra i lor vanti, e con terribil faccia Gli usurpatori di Sion minaccia.

V. Idea di molestia e disordine. T. Casetta lontana da ogni rumore. – Il rumore delle armi. Altra cosa Rumore, cioè Annunzio, di guerra; altra Rumori della guerra o delle armi, o sim., La confusione, I danni, I pericoli minaccianti.

VI. T. Fa rumore una o più pers. alzando la voce, o con altri segni di cruccio o querela. Segner. Crist. instr. 1. 19. Fanno romore e vanno in collera per le parole del sacerdote.

VII. Lo stesso disordine, La discordia. T. In casa vostra ci son gran rumori. Prov. Tosc. 110. Molti servitori, molti rumori.

VIII. Aggettivi. T. Leggiero, Sommesso, Confuso. A. Manz. Solleva la testa, Percosso da nuovo Crescente rumor. – Forte, Grave.

T. Bell'epit., ne'Promessi Sposi: L'amico rumore del fiume, che annunzia a Renzo esser vicino il confine, e il suo scampo.

IX. Verbi. Nel pr. T. Sacch. 9. 190. Facendo romore. Leggend. Fr. Ginep. 1. A tanto romore quanto costui facea.

T. Ma poi Fa rumore pers. o cosa, in bene e in malè, facendo dire di sè. Opera che non fa gran rumore, Non piace gran fatto. – Credono certuni che il far rumore sia il medesimo che acquistare fama.

T. Un'opera leva rumore (di fama buona per lo più). Ma coll'art. ha senso soc. non buono. [Cors.] Sen. Ben. Varch. 1. 10. Se io potrò trarlo delle mani degli assassini, col levare il romore, egli non mi parrà fatica di gridare per iscamparlo. T. E nel pr. e nel fig. Il rumore n'andava alle stelle.

T. Sorge un rumore nel fig.; e così l'att. Destare. – Menar rumore. dice per lo più il farlo apposta, e per cosa che non meriti tanto.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ruminiamo, ruminiate, ruminino, ruminò, rumino, rumoracci, rumoraccio « rumore » rumoreggerà, rumoreggerai, rumoreggeranno, rumoreggerebbe, rumoreggerebbero, rumoreggerei, rumoreggeremmo
Parole di sei lettere: rumino « rumore » rumori
Vocabolario inverso (per trovare le rime): tremore, dimore, timore, marmore, umore, malumore, buonumore « rumore (eromur) » frangirumore, antirumore, tumore, canore, tenore, controtenore, signore
Indice parole che: iniziano con R, con RU, iniziano con RUM, finiscono con E

Commenti sulla voce «rumore» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze