Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «abitudine», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Abitudine

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere abitudine (cattiva, buona, brutta, quotidiana, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
consuetudine (12%), routine (9%), cattiva (8%), uso (8%), noia (5%), usanza (3%), brutta (2%), buona (2%), solita (2%), alimentare (2%), tradizione (2%), pessima (2%), vizio (2%), rituale (2%), abitudinario (2%), quotidiana (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola abitudine è formata da nove lettere, cinque vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: a-bi-tù-di-ne. È un pentasillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: butadieni.
abitudine si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): uni + debita; unti + [badie]; tue + bandii; unte + adibì; [iute] + [bandi]; nei + dubita; [tenui] + badi; [etini] + baud; udì + [beanti]; [indù] + [abeti]; [indi] + beuta; duini + [beat]; [dune] + [abiti]; dei + [butani]; duine + tabi; [denti] + buia; udenti + bai; idei + bantu; editi + buna; indie + [tabù]; [indite] + [bau]; nubi + [adite]; [butini] + [ade]; bue + [anditi]; tube + [daini]; [bune] + [aditi]; bei + nudità; bite + [aduni]; biute + dina; beni + [audit]; tibie + [duna]; budini + [eta]; bidè + [tuinà]; ...
Componendo le lettere di abitudine con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ira, ria] = abitudinarie; +mal = dealbuminati; +sta = disabituante; +[lisp, slip] = indisputabile; +[olpe, pelo] = polibutadiene; +pilo = polibutadieni; +[sarno, sonar] = disabitueranno.
Vedi anche: Anagrammi per abitudine
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: abitudini.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: abitui, abiti, aune, bite, bidè, buie, bune, tuie.
Parole contenute in "abitudine"
bit, din, udì, dine, udine.
Incastri
Inserendo al suo interno ari si ha ABITUDINariE.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "abitudine" si può ottenere dalle seguenti coppie: abituro/ordine.
Lucchetti Alterni
Usando "abitudine" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * arie = abitudinari.
Frasi con "abitudine"
»» Vedi anche le pagine frasi con abitudine e canzoni con abitudine per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Con le buone o con le cattive ti farò perdere questa brutta abitudine.
  • Un comportamento ripetuto si trasforma spesso in una abitudine, buona o cattiva che sia.
  • Non riesco a perdere l'abitudine di svegliarmi alle quattro di mattina.
Canzoni
  • Dolce abitudine (Cantata da: Daniela; Anno 1975)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Abitudine, Abito, Costume, Costumanza, Assuefazione, Usanza, Consuetudine, Assuetudine, Uso, Vezzo, Abituazione, Riti, Rito - L'abitudine si fa in noi o per inclinazione naturale o per le circostanze che ci mettono nel caso di ripetere un atto o una pratica qualunque. L'abitudine inveterata alquanto è abito. L'assuefazione invece racchiude come un'idea di sforzo: uno s'abitua senza accorgersene, con piacere; uno s'assuefa, ma alla lunga e quasi per necessità. Costume non è l'inclinazione che è in noi, ma la pratica e la ripetizione dell'atto. Usanza è pratica di molti, quasi generale, cosa sancita dall'esempio e dal tempo. Costumanza è cosa più antica che usanza. Consuetudine è uso e pratica che è quasi passata in legge; anzi, prima della promulgazione dei codici generali e speciali, una parte della giurisprudenza era retta dalla consuetudine. L'abituazione è l'atto dell'abituarsi; come l'assuetudine è il principio dell'assuefazione.

«Uso è più generale di usanza: vale esercizio, pratica, conversazione e molte altre cose». Tommaseo.

«Vezzo è abitudine non buona e non opportuna; principio di vizio». Gatti.

Riti diconsi un poco abusivamente le costumanze, le cerimonie religiose, specialmente le cristiane; ma veramente il rito è la regola, quasi la legge che ordina e statuisce le medesime: nella Chiesa cattolica vi sono varii riti, il latino, il greco, l'armeno, l'ambrosiano e forse qualche altro. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Abitudine - [T.] S. f. Abito morale e corporeo.

Del corpo, il Temperamento e la Struttura: ma comprende insieme altre qualità mutabili. Passav. Specch. Penit. 358. (C) Bertin. Risp. Gio. Paol. 57. Si danno alle volte negli uomini certe complessioni, certe abitudini di corpo, che non s'intendono. Bentiv. Op. Stor. 2. 30. (Gh.) Ogni corpo umano aver la sua particolare abitudine. [Cam.] Firenz. Op. 1. 278. La buona abitudine del corpo si dimostra nella sodezza e densità della carne. Salvin. Dial. Plat. 180. (M.) Si maravigliava bene che l'abitudine del nostro corpo in simil disposizione avesse avere gusto di tali strepiti e solleticamenti, quale è lo starnuto.

† Cresc. Agric. volg. 539. (C) L'abitudine degli abitatori secondo santà e infertà (sanità e infermità). [Camp.] Volg. Bib. Maccab. II. 15. Gli apparve uno uomo di etade e di gloria maraviglioso, ed abitudine di molta bellezza d'intorno a lui. (Magni decoris habitudinem.) Qui nel senso che usa abito il Petr. negli es. cit.

Delle piante. Cresc. 2. cap. 13. ediz. vicent. 1490. (C) Conviensi che molto più il letame, il cui umore entra per la sustanzia del corpo della pianta e per lo frutto, muti la sua naturale abitudine, o vero condizione.

2. T. Oggidì abitudine ha senso frequente d'assuefazione e costume intellettuale morale e sociale, nè lo direi francesismo; giacchè se del corpo usasi e abito e abitudine, pare che il secondo possa prendere altresì gli altri sensi del primo; colla differenza che abitudine pare l'abito già formato: nè direbbesi far l'abitudine, come far l'abito. Poi il senso più propriam. filosofico, e di morale religiosa, ad abitudine manca. Ma in altri luoghi abito nel senso che comunem. si dà a abitudine o fa ambiguità col senso di vestire, o non è, segnatam. nel linguaggio famigliare, di quella evidenza e naturalezza che richiedesi per fuggire affettazione.

3. † Disposizione. Com. Dant. 3. 639. (C) Sono alcune cose che inchinano in bene solo per una abitudine naturale, senza altro conoscimento, sì come le piante e li corpi non animati. Gell. Capr. Bott. 4. 55. G. E per qual cagione? A. Per quell'abitudine, che io (anima) ho ad informare te e non altri. G. E che cosa è questa abitudine che tu di'? A. Una certa convenienza e inclinazione, ch'io ho di operare in te per cominciare a gustare la mia perfezione.

4. † Proprietà Arrighett. N. Oraz. 1. 3. 294. (C) Colla scorta dello stesso Archimede trapassò alle speculazioni delle naturali abitudini dei corpi gravi.

5. † Relazione più in genere. Varch. Lez. Pros. var. 2. 291. (C) Si apprenda la cognizione delle abitudini e proporzioni, che ha una cosa coll'altra. [Cors.] Varch. Lez. 2. 325. La proposizione non è altro che quell'abitudine, ovvero rispetto, cioè quella comparazione ch'è tra una scienza e l'altra. Galil. Sist. 367. (M.) Trasportate pure la terra dove vi piace, che voi giammai non cangerete abitudine nè ai poli, nè ai cerchi, nè ad altra cosa terrena. E 3. 67. Triss. in D. volg. eloq. 184 e 185.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: abituavo, abitucci, abituccio, abitudinari, abitudinaria, abitudinarie, abitudinario « abitudine » abitudini, abituerà, abituerai, abitueranno, abituerebbe, abituerebbero, abituerei
Parole di nove lettere: abituccio « abitudine » abitudini
Vocabolario inverso (per trovare le rime): incudine, ebetudine, irrequietudine, inquietudine, desuetudine, mansuetudine, consuetudine « abitudine (enidutiba) » sollecitudine, longitudine, bianchitudine, similitudine, solitudine, planitudine, plenitudine
Indice parole che: iniziano con A, con AB, iniziano con ABI, finiscono con E

Commenti sulla voce «abitudine» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze