Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «chetare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Chetare

Verbo
Chetare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è chetato. Il gerundio è chetando. Il participio presente è chetante. Vedi: coniugazione del verbo chetare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di chetare (placare, acquietare, quietare, tranquillizzare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola chetare è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: cheterà (scambio di vocali), trachee.
chetare si può ottenere combinando le lettere di: the + [acre, care, cera, ...]; [ere, ree] + chat; [erte, rete] + hac.
Componendo le lettere di chetare con quelle di un'altra parola si ottiene: +ano = acherontea; +[neo, noè] = acherontee; +noi = acherontei; +[pio, poi] = acheropite; +ife = aferetiche; +pii = apiretiche; +[ari, ira, ria] = arrechiate; +tic = attecchire; +[evo, ove] = avocherete; +bit = batteriche; +toc = cartoteche; +cin = cerchiante; +[csi, ics, sci, ...] = cerchiaste; +sos = chetassero; +non = cheteranno; +mie = chiamerete; +rii = chiarirete; +cri = crateriche; +rii = eteriarchi; +[pio, poi] = ipotecherà; +gli = letargiche; +rem = marcherete; +[ciò, coi] = orecchiate; +pin = pentarchie; ...
Vedi anche: Anagrammi per chetare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: chetate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: cetre, cere, care.
Parole contenute in "chetare"
are, che, eta, tar, tare, cheta. Contenute all'inverso: era, rate.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "chetare" si può ottenere dalle seguenti coppie: chelati/latitare, cheripo/ripotare, cheta/tatare, chetai/ire.
Usando "chetare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alche * = altare; cache * = catare; ciche * = citare; dache * = datare; poche * = potare; basche * = bastare; * areate = chetate; * areato = chetato; conche * = contare; cosche * = costare; finche * = fintare; lische * = listare; monche * = montare; pesche * = pestare; porche * = portare; tasche * = tastare; tosche * = tostare; * rendo = chetando; * resse = chetasse; * ressi = chetassi; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "chetare" si può ottenere dalle seguenti coppie: chela/altare, chetavo/ovattare, cheterà/areare, chetato/otre.
Usando "chetare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = chetate; * erto = chetato.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "chetare" si può ottenere dalle seguenti coppie: roche/tarerò, cachet/areca, catecheta/recate, spirocheta/respiro.
Usando "chetare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * cachet = areca; tarerò * = roche; areca * = cachet; * catecheta = recate; * roche = tarerò; * spirocheta = respiro; recate * = catecheta; respiro * = spirocheta.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "chetare" si può ottenere dalle seguenti coppie: cheta/area, chetate/areate, chetato/areato, chetai/rei, chetando/rendo, chetasse/resse, chetassero/ressero, chetassi/ressi, chetaste/reste, chetasti/resti, chetate/rete.
Usando "chetare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: altare * = alche; catare * = cache; citare * = ciche; datare * = dache; potare * = poche; bastare * = basche; contare * = conche; costare * = cosche; fintare * = finche; listare * = lische; montare * = monche; pestare * = pesche; portare * = porche; tastare * = tasche; cheta * = tatare; tostare * = tosche; * latitare = chelati; * ripotare = cheripo; giuntare * = giunche; meditare * = mediche; ...
Sciarade e composizione
"chetare" è formata da: che+tare.
Sciarade incatenate
La parola "chetare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cheta+are, cheta+tare.
Intarsi e sciarade alterne
"chetare" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: cetre/ha.
Intrecciando le lettere di "chetare" (*) con un'altra parola si può ottenere: stinto * = schettinatore.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "chetare"
»» Vedi anche la pagina frasi con chetare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Cercai di chetare gli animi di coloro che stavano scioperando per la mancanza di lavoro.
  • Malgrado i nostri sforzi, non riuscimmo a chetare il pianto di quel bambino.
  • Il mio amico si lamenta sempre che non riesce a chetare suo figlio.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Racchetare, Racquietare, Quetare, Quietare, Chetare, Acchetare, Acquietare; Quieto, Cheto, Posato; Quietanza, Quiescenza, Acquiescenza, Quietezza, Quietismo, Posatezza - Chetare è più del corpo e de' suoi moti; quietare, più dell'animo e delle passioni che lo sconvolgono; acchetare, più delle grida; quetare (neutro), più de' lamenti, e de' dolori che a lagnarci ci muovono; acquietare (attivo), più generale, e dei moti, e delle passioni, e dei sentimenti, e dei dolori: la carità e la logica, i benefizii e le soavi parole puonno fare di questi miracoli. Racchetare e racquietare sono o riproduzione o raddoppiamento dell'azione espressa dai verbi semplici da cui derivano: il mare, il vento si racchetano rimettendo del loro furore; un fanciullo piagnoloso o malaticcio si racquieta con una chicca, un frutto, un balocco qualunque. L'uomo sta cheto quando non parla, non grida o non fa altro rumore; è quieto quando l'animo suo posa tranquillo del presente e dell'avvenire; è posato quando o è stanco dalle agitazioni, o è maturo per l'età, o è assennato per criterio. Quietanza, che altri dice quiescenza, è termine commerciale, ed è equivalente di più speciale ricevuta; si mette dal negoziante o dal banchiere sulle cambiali di cui riceve l'importo, e dal mercante sulle parcelle che gli vengono pagate; è laconicamente così espressa: per quietanza, o (men bene) serve di quietanza, e poi la data e la firma; poche parole che valgono tant'oro. Quiescenza, che può scambiarsi con acquiescenza, vale a significare non il giusto scarico di un peso da cui altri si libera, ma quell'adattarsi alla prepotenza dell'uomo abusatore di sua forza o delle circostanze che non permettono si faccia altrimenti; quel ristare dall'opporsi con argomenti a sofisma o a capziosa ragione che senza persuadere ci chiude la bocca: quest'acquiescenza non è una sconfitta, ma una tregua. La quietezza è lo stato, o l'abitudine, o il carattere dell'uomo temperato e moderato ne' suoi voleri; la posatezza è lo stato, o l'abitudine, o il carattere di chi opera adagio e pensatamente: l'uomo posato non è sempre quieto internamente; molte volte non precipita appunto per essere ognora presente a se stesso; l'uomo di animo quieto non opera sempre posatamente, ma può alla tranquillità dell'animo accoppiare una certa vivacità e quel brio che viene dalla serenità della coscienza, dalla rettitudine de' pensieri e delle intenzioni. Il quietismo è, o era una specie di ottimismo o di apatia ascetica peccante e propendente forse alquanto a un certo fatalismo: il Fénélon, quel cuore così candido, quell'anima così ingenua che vedeva in Dio ogni bene, e nelle di lui opere un perfetto intendimento, se ne fece propugnatore, forse peccando per eccesso di zelo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Chetare - [T.] V. a. Far cheto per più o men breve tempo; e rifless. Cessar dal rumore e dall'agitazione più o men rumorosa. È anche N. ass., men com. nell'uso. Quietare è in Prisc. T. Chetar la tempesta. [Tav.] Sass. 319. Si chetano i venti generali, e non si sentono se non certe burraschelle che quivi nascono e quivi si spegnono, durando molto poco tempo.

† N. ass. [Camp.] Guid. G. 11. 1. Chetarono i mari.

2. Del corpo umano. T. Prov. Tosc. 312. Il pane, rinvenuto nella minestra, cheta l'appetito.

T. L'ammalato si cheta, La convulsione si cheta per poco.

Di mali in gen. anche non corp. Franc. Barb. 54. 10. (C) Porian (potrebbero) chetar e menovar (diminuirsi) li mali. (Qui N. ass.)

3. D'agitazione tra corp. e mor.; quasi sempre sottint. idea aff. a quella di suono. Fr. Giord. Pred. S. (C) Si accostò a quella per vedere se la poteva chetare dal pianto così rotto. T. Ragazzo troppo vivo. Non si cheta mai.

T. Popolo scontento si cheta per prudenza o per forza, non si quieta; si cheta per sorgere più improvviso e più forte.

T. Chetare un rumore ha quindi senso e pr. e tr.

4. Segnatam. del suono della parola. Del sempl. tacere. [Val.] Fortig. Ricciard. 5. 98. Un zufolo di canna Sonava, e al lor venir tosto chetosse (si chetò). E 100. Però mi cheto, e nel Canto venturo Io vi dirò la storia di costei. T. Un ciarlone, Uno scrittore ciarliero, Un pigolone non si cheta mai.

Del non si opporre. Nei due seg. la locuz. Far chetare muta l'Att. in N. ass.; e a questo modo sarebbe tuttavia vivo. [Val.] Ros. Sat. 6. So che a farla chetar (la genia de' maldicenti) le voci sole Forza non hanno. = Rucell. Tim. 1. 6. 29. (Man.) Mi convien rispondere alle lodi fuor d'ogni mio merito che voi mi date; tra' filosofi non vale l'adulazione; questo è un modo di farmi chetare.

5. T. La si cheti dicesi e a chi è turbato di dolore o di sdegno, e a chi dá noja, e a chi parla troppo. Volete chetarvi? è più risentito.

T. Non si cheta mai, chi col pensiero, coll'animo, e ne' fatti, è molto operoso, o troppo irrequieto. Può dunque suonare e lode e biasimo.

T. Lo cheterò io (può intendersi anco di gastigo e di busse). [Val.] Fag. Rim. 3. 137. I chiacchieroni, ovunque ne vedea, Chetava.

6. Nel senso del fr. Acquiter. Benciv. Espos. Patern. 67. (Gh.) Di perdonare e di chetare e fine fare del debito quando il povero no'l puote pagare.

† Fig. Di debito mor. † Sen. Pist. 9. (Man.) Chetarsi da uno pagandolo. E 28. (C) Fr. S'acquiter.

† Gir. Cort. Fram. 18. (Man.) Io vi cheto tutte battaglie (vi assolvo dal combattere). E ciò spiega come il fr. Quiter prenda il senso di Lasciare, quasi Lasciar quieta a suo luogo pers. o cosa.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cherubino, cheta, chetai, chetammo, chetando, chetano, chetante « chetare » chetarono, chetasse, chetassero, chetassi, chetassimo, chetaste, chetasti
Parole di sette lettere: cheripo, chermes, chetano « chetare » chetate, chetato, chetava
Lista Verbi: chattare, cheratinizzare « chetare » chiacchierare, chiamare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): constatare, termostatare, apostatare, pressostatare, alfabetare, profetare, vegetare « chetare (eratehc) » allietare, quietare, acquietare, inquietare, vietare, completare, espletare
Indice parole che: iniziano con C, con CH, parole che iniziano con CHE, finiscono con E

Commenti sulla voce «chetare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze