Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «coraggio», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Coraggio

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
forza (19%), paura (12%), leone (10%), vendere (5%), eroe (4%), viltà (3%), osare (3%), virtù (2%), ardimento (2%), indomito (2%), leoni (2%), sfida (2%), intraprendenza (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola coraggio è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: gg.
Divisione in sillabe: co-ràg-gio. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
coraggio si può ottenere combinando le lettere di: grog + [caio, ciao]; gorgo + caì; oggi + [acro, arco, caro, ...]; giogo + cra; [coro, orco, roco] + giga; orcio + gag.
Componendo le lettere di coraggio con quelle di un'altra parola si ottiene: +[fai, ifa] = agiografico; +tan = cartonaggio; +rem = correggiamo; +mas = maggiorasco; +alé = oracoleggia; +olé = oracoleggio; +mas = scoraggiamo; +sta = scoraggiato; +[est, set] = scoreggiato; +[anna, nana] = agganciarono; +aloe = agroecologia; +[fani, fina, naif] = angiografico; +[nepa, pane, pena] = capeggiarono; +[lune, ulne] = conguaglierò; +seni = giorgionesca; +[iman, mani, mina] = incoraggiamo; +[anni, nani] = incoraggiano; +[nati, tina] = incoraggiato; ...
Vedi anche: Anagrammi per coraggio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: colaggio, foraggio.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: foraggia.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: coraggi.
Altri scarti con resto non consecutivo: cori, coro, caio, oggi, agio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: scoraggio.
Parole con "coraggio"
Iniziano con "coraggio": coraggiosa, coraggiose, coraggiosi, coraggioso, coraggiosamente.
Finiscono con "coraggio": scoraggio, scoraggiò, ancoraggio, incoraggio, incoraggiò.
»» Vedi parole che contengono coraggio per la lista completa
Parole contenute in "coraggio"
ora, cora, aggio, raggi, raggio, coraggi. Contenute all'inverso: aro.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "coraggio" si può ottenere dalle seguenti coppie: costi/stiraggio, coti/tiraggio, covi/viraggio, corvi/viaggio, corale/leggio.
Usando "coraggio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: pecora * = peggio; irco * = irraggio; vico * = viraggio.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "coraggio" si può ottenere dalle seguenti coppie: cori/irraggio, cormo/omaggio, correa/aeraggio.
Lucchetti Alterni
Usando "coraggio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tiraggio = coti; * viraggio = covi; irraggio * = irco; viraggio * = vico; * viaggio = corvi; * leggio = corale; peggio * = pecora; ano * = ancoraggi.
Sciarade incatenate
La parola "coraggio" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cora+aggio, cora+raggio, coraggi+aggio, coraggi+raggio.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "coraggio" (*) con un'altra parola si può ottenere: san * = scoraggiano; sarno * = scoraggiarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "coraggio"
»» Vedi anche le pagine frasi con coraggio e canzoni con coraggio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non aveva coraggio per affrontare i suoi demoni e così si rifugiava nella droga e nell'alcol.
  • Ci vuole molto coraggio per affrontare da soli questo viaggio.
  • Non è sensato il coraggio che non sia controllato dalla paura.
Proverbi
  • Ha un coraggio da leone, quello che non fa violenza ai deboli.
  • La speranza infonde coraggio anche al codardo.
Libri
  • Il coraggio del pettirosso (Scritto da: Maurizio Maggiani; Anno 1995)
Titoli di Film
  • Coraggio... fatti ammazzare (Regia di Clint Eastwood; Anno 1983)
Canzoni
  • Un po' di coraggio (Cantata da: Rosanna Fratello; Anno 1974)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Bravura, Coraggio, Valore

Fegato, Avere fegato, Avere coraggio, Avere il coraggio - Fegato si piglia spesso per Forza d'animo mista a un po' d'audacia. - «Io avrei fegato di andar là a dargli una lezione.» - La frase Avere coraggio è generica, e si dice di una persona che naturalmente è coraggiosa. - Avere il coraggio si riferisce sempre a un'azione particolare, dove la persona, non solo si mostri coraggiosa, ma temeraria. - «Ebbe il coraggio di mettersi solo contro tutti.» - Ed anche di altre cose. - «Ebbe il coraggio di beversi un fiasco di vino.» [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Coraggio, Valore, Bravura, Ardimento, Cuore, Baldanza, Fermezza, Intrepidezza, Prodezza - Il coraggio è quella fortezza d'animo che non si lascia avvilire nè dalle ironie o altri attacchi indiretti del mondo; avvi un coraggio, dirò così, militare, un coraggio civile, un coraggio morale: è come la base di tutte le dimostrazioni di fortezza e d'ardimento espresse dagli altri vocaboli surregistrati. Valore è assolutamente coraggio militare; ne è il fiore, e la più bella dimostrazione: questo resiste, si difende fortemente, non dà addietro: il valore assale, si precipita contro il pericolo, si fa strada, vuol vincere o morire: un atto, una prova di valore rinfrancò sovente l'animo d'un intero esercito, e gli ridonò la vittoria: il semplice coraggio non fa questi miracoli: le armate repubblicane e imperiali francesi erano composte di soldati coraggiosi e di valorosi capitani: in valoroso sta anche valente, che vale: in questo senso può dirsi che Napoleone fu il più valoroso capitano del secolo. Valente, e così valoroso per una certa metafora si dice anche di chi esercita arti affatto pacifiche; valente scultore, valoroso poeta. La bravura è un coraggio o valore a tutta prova, perchè v'è chi ne fa professione; ma gli è un mestiero che costa caro, poichè conduce talvolta a tai passi in cui la bravura sola non basta, e si paga colla vita quella specie di millanteria; però, l'atto, il colpo di bravura è, più generalmente, affatto personale, perchè al coraggio sembra unire la destrezza: prevenire con un colpo maestro un nemico che già vi sta sopra, è atto di bravura; quasi ogni soldato destro e coraggioso, al ritorno dalla guerra può contarne di sè qualcheduno. Fermo è chi non vacilla; intrepido, chi non si scompone; prode, chi vede con calma giungere il pericolo, e ne riceve l'urto risolutamente; la fermezza è dunque del cuore e del corpo; l'intrepidezza, dell'espressione del volto; la prodezza, un insieme e dell'uno e dell'altro. Siccome prodezze dicevansi le gesta de' prodi paladini e cavalieri, essendo scaduta l'instituzione, anche a cagione del ridicolo, prodezze diconsi ironicamente certi atti di più spiegata follìa, di cocciutaggine o simili: chi ha letto il Don Chisciotte vedrà facilmente ogni giorno nel mondo prodezze consimili a quelle dell'eroe di Cervantes. Ardimento, cuore, baldanza, non sono qualità così direttamente riferibili a valore o coraggio militare. Cuore vale forza morale; ma se vi è chi ha o si fa cuore in circostanze difficili, vi è pure, e non ne è scarso il numero, chi ha cuore a mal fare. Ardimento è l'espressione di questa forza sì nel male che nel bene: v'è chi a costo di grave danno ha l'ardimento di dire la verità, e di farsi il campione degli oppressi; v'è chi ardisce negarla, e conculcare le cose più sante. Baldanza è l'orgoglio e la sufficienza che viene all'uomo dall'idea della propria forza, e bisogna pur dirlo, paragonata all'altrui debolezza vera o supposta. Chi ha cuore s'avanzi, dice il baldanzoso, e pare che l'ardimento gli si accresca mano a mano che vede indietreggiare chi egli ha sfidato. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Coraggio - S. m. Disposizione dell'animo a imprendere cose ardite e grandi, ad affrontar pericoli, a soffrire sventure e dolori. (Fanf.) Petr. son. 171. (C) Sforzati al cielo, o stanco mio coraggio, Per la nebbia entro de' suoi dolci sdegni. Nov. ant. 61. 2. Venia, che si sentia sì poderoso d'avere e di coraggio. Bocc. Tes. 5. 74. (M.) Prendi come ti piace ogni vantaggio; Che di te vincere, fermo ho coraggio. Stor. Eur. 6. 126. Per esser persona rara, valorosa, di gran coraggio, pratica nelle guerre. T. Rim. ant. 2. 430. A che diritto, amor, son vostro servo Dirò in parvenza, perchè addobbi e cresca A ciascun, che d'amar ha voglia fresca, Fermo coraggio.

T. Coraggio civile, nell'affrontare l'ira o il dispetto de' pochi o de' molti che sono o pajono potenti; affrontarlo per amore della patria e del giusto.

T. Iron. Aver il coraggio di promettere senza poter attenere, d'indebitarsi senz'aver come pagare. – Con che coraggio osa egli venirmi dinnanzi?

2. T. Assol. a modo d'esclamazione. Coraggio!

3. T. Fare e Farsi coraggio, non solo contro il pericolo, ma contro il dolore e l'abbattimento dell'animo proprio. Fare e Farsi cuore dice coraggio più intimo più vero e difficile, appunto perchè meno appariscente.

4. T. † Per Cuore, come Personaggio invece di Persona; non è dal fr., se fr. non si vogliano tutte le uscite dov'entra la G. = Nov. ant. 99. 11. (C) Io so di vero, che madonna Isotta v'ama di buon coraggio. Rim. ant. Dant. Majan. 77. Sicchè amendue aggiam solo un coraggio. Franc. Sacch. Rim. Giusto e benigno, e di gentil coraggio. Sen. Pist. Che 'l corpo sia senza dolore, e 'l coraggio senza rancura. Coll. SS. Pad. E che ne' nostri coraggi crescano, ovvero i santi e spirituali pensieri, ovvero i carnali e terreni. Ar. Fur. 18. 32. Estinse ogn'ira, e serenò la fronte, E si sentì brillar dentro il coraggio.

† E nel num. del più. Ant. Guid. G. 112. (Mt.) Amor non cura di far suoi dannaggi, Che li coraggi mette in tal calura.

5. [Camp.] † Per Intelletto. Bin. Bon. I. 1. Onde si sdegnan li gentil coraggi, Non perchè sian di conoscenza fuore.

6. Per Desiderio, Volontà. Tes. Br. 1. 15. (C) In ciò, ch'ell'è volontà d'alcuna cosa, si è appellata coraggio; e per ciò che ella giudica dirittamente, ella è appellata ragione.

7. Per Pensiero. Stor. Barl. 17. (M.) Fu adirato… siccome colui ch'ha perduto uno grande avere, che pur pensa come lo possa ritrovare; e in tale coraggio, e in cotale volere istava lo figliuolo del re. Tes. Br. 1. 15. Questa è la ragione perchè li fanciulli sono innocenti del fare, e non del pensare: perciocchè non hanno potere di compire 'l movimento del suo coraggio.

8. [Camp.] † Sapere il coraggio d'alcuno, per Conoscere i suoi più occulti desiderii, pensieri, ecc. Guid. G. E nondimeno sì vorrei io ch'ella sapesse tutto mio coraggio, e come io sono tutto messo in lei.

9. (Geom.) [Gen.] Così chiamano alcuni scrittori la distanza fra l'ordinata d'una curva e il centro del suo circolo osculatore. Agnes. Inst. anal. 579. Dato il raggio BQ, è pure istessamente sempre dato il co-raggio BT.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Coraggio - s. m. Courage. Ardire, bravura che suol mostrarsi dai militari nelle difficili imprese. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: coracoide, coracoidea, coracoidee, coracoidei, coracoideo, coracoidi, coraggi « coraggio » coraggiosa, coraggiosamente, coraggiose, coraggiosi, coraggioso, corale, corali
Parole di otto lettere: copristi « coraggio » coralità
Vocabolario inverso (per trovare le rime): abbeveraggio, mixeraggio, miraggio, crumiraggio, tiraggio, stiraggio, viraggio « coraggio (oiggaroc) » ancoraggio, incoraggio, incoraggiò, scoraggio, scoraggiò, foraggio, foraggiò
Indice parole che: iniziano con C, con CO, iniziano con COR, finiscono con O

Commenti sulla voce «coraggio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze