Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «custodia», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Custodia

Parole Collegate
Nomi Alterati e Derivati
Diminutivi: custodietta.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani

Foto taggate custodia

... e li riposto, e li riposto, li riposto, li riposto ♫ ♬ ♪ ♩ ♭ ♪

Al campus universitario

Vivere...di musica
Tag correlati: musica, chitarra, musicista
Giochi di Parole
La parola custodia è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: cu-stò-dia. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
custodia si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): [out] + scadi; [osti] + duca; situo + cad; sud + [ciato]; duo + [casti]; dot + causi; sudo + [cita]; udì + [casto]; sudi + taco; studi + oca; toc + [adusi]; scout + [adì]; tic + aduso; usci + [dato]; ictus + oda; [cito] + suda; doc + [situa]; scudo + tai; scudi + tao; [disco] + [tau].
Componendo le lettere di custodia con quelle di un'altra parola si ottiene: +can = accusandoti; +bip = bicuspidato; +[ave, eva] = coadiuvaste; +[avi, iva, vai, ...] = coadiuvasti; +cap = disoccupata; +cip = disoccupati; +pii = dispiaciuto; +[csi, ics, sic] = scudisciato; +col = soldatuccio; +cip = stupidaccio; +hac = sudacchiato; +mene = centoduesima; +[devi, dive, vedi, ...] = diseducativo; +[agre, erga, gare] = guardiacoste; +echi = socchiudiate; +[alto, lato] = sottocaudali; +[inno, noni] = ustionandoci; +[iurte, uteri] = autoriducesti; +[banca, caban] = biancoscudata; +[bacon, banco] = biancoscudato; ...
Vedi anche: Anagrammi per custodia
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: custodie, custodii.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: custodi.
Altri scarti con resto non consecutivo: cuoia, cuoi, coda, stia, sodi, soda, soia.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: custodirà, custodita, custodiva.
Parole con "custodia"
Iniziano con "custodia": custodiamo, custodiate.
Parole contenute in "custodia"
dia, odi, sto, odia, custodi. Contenute all'inverso: dot.
Lucchetti
Usando "custodia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * are = custodire; * ara = custodirà; * aro = custodirò; * ava = custodiva; * avi = custodivi; * avo = custodivo; * arai = custodirai; * arti = custodirti; * asce = custodisce; * asco = custodisco; * asse = custodisse; * assi = custodissi; * aste = custodiste; * asti = custodisti.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "custodia" si può ottenere dalle seguenti coppie: custode/diade.
Usando "custodia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * custode = diade; * custodi = diadi; * rea = custodire; * tea = custodite; * atea = custodiate.
Sciarade incatenate
La parola "custodia" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: custodi+dia, custodi+odia.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "custodia"
»» Vedi anche la pagina frasi con custodia per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Per evitare che i miei occhiali da sole si rompano, cerco una custodia rigida.
  • Arrivata alla stazione di destinazione ho lasciato in custodia la mia valigia.
  • La custodia di beni preziosi viene affidata alle banche.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Custodia, Astuccio - Astuccio è scatola foderata di velluto e di seta, con tante guide o incavi di forma diversa, secondo gli oggetti, quasi sempre di pregio, che in esso si custodiscono; e per antonomasia si dice a quello dove si conservano le posate d'argento per uso della tavola. L'astuccio ha coperchio, spesso da chiudersi a chiave. - La Custodia ha l'istesso uso, ma è più semplice, ed ha quasi sempre la forma dell'oggetto che ha da custodire; e si serra con mollettina a scatto. - «Un bocchino di spuma con la sua custodia.» [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Guardia, Sentinella, Custodia - Sentinella dicesi il soldato che coll'arme in mano, fucile o sciabola, monta la guardia; guardia, il drappello intiero de' soldati che difende e guarda una porta della città, o altro posto qualunque: guardia, anche all'uomo, alla donna che ha in guardia qualche cosa o persona: i Francesi dicono garde e garde malade all'infermiera. Guardar le pecore, i porci o altro consimile ufficio, non è fare la sentinella, ma consiste nel guardar sovente onde non si sbranchino e qualche capo di esse bestie non si smarrisca: onde guardia, da guardare, e poi guardiano, comune anch'egli. A custodire le cose conviene più tenerle rinchiuse e fuori della vista che non esposte a sguardi cupidi e indiscreti. Madre che guardi ben bene le figlie sue, conducendole però troppo sovente a' passeggi, a feste, non le custodisce abbastanza. Custodia è, a maggiore significazione della parola, mobile che racchiude e serra ben bene l'oggetto prezioso che vi si mette. Far la sentinella dicesi anche di chi, non soldato, si apposti in luogo per ispiare e veder cosa o persona che gli stia a cuore, acciò non gli sfugga. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Custodia - S. f. Aff. al lat. aureo Custodia. Cura, Guardia, Governo. Bocc. Nov. 18. 4. (C) E benchè sotto la sua custodia e giurisdizione lasciate fossero, nondimeno, come sue donne e maggiori, le onorava.

Essere in custodia o alla custodia d'alcuno. Essere sotto la cura o protezione di esso. Cas. Lett. 17. (C) Pregando il Signore Dio, che sia sempre in sua custodia, e de' suoi serenissimi figliuoli. Lasc. Cen. 1. nov. 8. 145. (M.) Ippolito de' Medici era ancora giovanetto, e alla custodia del cardinale. T. Essere alla custodia può valere anco di propria elezione o per ordine altrui custodire pers. o cosa. Averle, Prenderle in...

Ner. Sam. 6. 28. (Mt.) La Ninfa intanto, che in custodia prese Fille nel bosco allor ch'era dolente, Fu quella stessa allor che la difese E la salvò dall'impudica gente.

[Val.] Pomp. Vit. Plut. 1. 276. Non avean persona, che le tenesse in custodia. T. Tenere in cara e onorata custodia persone e cose.

2. T. Quasi fig. Custodia della libertà, dell'ordine. – Gli Otto di Custodia e Balía in Firenze nel 1529. – Custodia del privato onore. – Dell'onore proprio.

3. T. Custodia dell'anima propria, di se stesso, degli occhi, degli altri sensi, per guardarli dal male. Cavalc. Dial. S. Greg. volg. 76. Questo… venerabile Benedetto, dico che abitò con seco; perciocchè sempre in cospetto nella propria custodia, e sempre esaminandosi, e considerandosi innanzi agli occhi del Conditore (Dio). = Guicc. Stor. 4. 43. (M.) Lasciato con lui il capitano Alarcone, il quale continuamente aveva avuta la sua custodia, andò insieme…

4. [Val.] † Per Presidio (mod. Guarnigione). Pomp. Vit. Plut. 1. 221. Gli Ateniesi... quelle cose che cattive e dispiacevoli sono per se stesse, urbanamente le ingentiliscono, appellando… le gabelle contribuzioni, custodie i presidii delle città.

5. † Nome appellativo di alcuni distretti o territorii di città. Fior. S. Franc. 75. (M.) E questo miracolo fu manifesto a tutta la custodia di Fermo, nella quale vi era il detto luogo. E 77. Il quale essendo insieme di famiglia nel luogo di Forano nella custodia d'Ancona,… T. Forse dal senso di Presidio, che può stendersi ai luoghi presidiati.

6. T. Di pena o precauzione di sospetto. Assicurar la custodia de' condannati. – Mettere in istretta custodia.

T. Vang. Vi perseguiteranno consegnandovi nelle adunanze e alle custodie.

7. Quell'Arnese fatto per custodire cose di pregio o facili a guastarsi. Buon. Fier. 5. 5. 2. (C) Entro a queste custudie e lunghe e tonde, Ricoperte di lacca, e impresse d'oro, Molte ravvolte son dipinte tele. [Val.] Fag. Pros. 51. Meglio il conserva e lo guarda (la maschera il viso) come fassi dalle custodie e dalle guaine in racchiudere in sè con gelosia qualche gran cosa di pregio.

Segner. Paneg. S. Stef. 4. (M.) Si ergono alla loro memoria (de' martiri) splendidi altari, si formano alle loro ossa preziose custodie, si struggono al loro culto candide cere…

(Tom.) La custodia degli occhiali (l'astuccio).

8. Per simil., d'animali. [Cont.] Spet. nat. I. 9. Altri poi, perchè le hanno sì sopraffine (le ale) che ogni menomo stropicciamento sarebbe valevole a lacerarle, son premuniti di due forti squame, cui or alzano, ed or abbassano, come se fosser due altre ale; ma che realmente servono di custodia alle vere... Di queste custodie voi ne vedrete a gli scarafaggi, a' ronzoni, alle canterelle.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: custode, custodendo, custodendolo, custodente, custodenti, custodì, custodi « custodia » custodiamo, custodiate, custodie, custodietta, custodiette, custodii, custodimmo
Parole di otto lettere: curviate « custodia » custodie
Vocabolario inverso (per trovare le rime): macropodia, ilarodia, parodia, citarodia, disodia, prosodia, rapsodia « custodia (aidotsuc) » lombardia, megacardia, bradicardia, brachicardia, tachicardia, epicardia, meiocardia
Indice parole che: iniziano con C, con CU, iniziano con CUS, finiscono con A

Commenti sulla voce «custodia» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze