Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «erede», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Erede

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole bifronti [Erebi « * » Eresse]
Parole Monovocaliche [Ere « * » Eresse]
Informazioni di base
La parola erede è formata da cinque lettere, tre vocali (tutte uguali, è monovocalica) e due consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
È una parola bifronte, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (edere). Divisione in sillabe: e-rè-de. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con erede per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • A Napoli stanno ancora aspettando l'erede di Maradona.
  • Percorrendo l'albero genealogico della mia famiglia, ho scoperto di essere l'unico erede dello zio d'America!
  • Gran parte dei sudditi del Regno Unito hanno festeggiato la nascita dell'erede al trono, il primogenito di William e Kate.
Citazioni da opere letterarie
L'alfier nero di Arrigo Boito (1867): Il nostro negro è uno di questi trenta grooms. La fortuna volle ch'egli capitasse in mano d'un vecchio lord senza famiglia, il quale dopo averlo tenuto cinque anni dietro la sua carrozza, accortosi che il ragazzo era onesto ed intelligente, lo fece suo domestico, poi suo segretario, poi suo amico e, morendo, lo nominò erede di tutte le sue sostanze.

L'isola del giorno prima di Umberto Eco (1994): Non poteva fare diversamente: si ritrovava a essere ormai il signore legittimo della Griva, erede del nome e dei beni di famiglia, e Toiras non osò più impiegarlo per piccole bisogne - né poteva chiamarlo per le grandi. Così, rimasto solo, per poter sostenere il suo nuovo ruolo di orfano illustre si trovò ad essere ancora più solo, senza neppure il sostegno dell'azione: nel vivo di un assedio, sgravato di ogni impegno, si interrogava su come impiegare le sue giornate di assediato.

Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello (1904): Veniamo alla Natura. Noi consideriamo adesso l'uomo come l'erede di una serie innumerevole di generazioni, è vero? come il prodotto di una elaborazione ben lenta della natura. Lei, caro signor Meis, ritiene che sia una bestia anch'esso, crudelissima bestia e, nel suo insieme, ben poco pregevole? Concedo anche questo, e dico: sta bene, l'uomo rappresenta nella scala degli esseri un gradino non molto elevato; dal verme all'uomo poniamo otto, poniamo sette, poniamo cinque gradini.
Libri
  • L'erede selvaggio (Scritto da: Ugo Attardi; Anno 1971)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per erede
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: crede, eredi, erode, prede.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: creda, credi, credo, preda.
Parole con "erede"
Finiscono con "erede": coerede.
Contengono "erede": diserederà, diserederò, diserederai, diserederei, diserederemo, diserederete, diserederanno, diserederebbe, diserederemmo, diseredereste, diserederesti, diserederebbero.
»» Vedi parole che contengono erede per la lista completa
Parole contenute in "erede"
ere.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "erede" si può ottenere dalle seguenti coppie: ersi/siede, erebi/bidè, eremi/mide, eremo/mode, eresie/siede.
Usando "erede" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * edema = erma; * edera = erra; * edere = erre; fiere * = fide; onere * = onde; aviere * = avide; balere * = balde; cadere * = cadde; * demo = eremo; ridere * = ridde; tenere * = tende; venere * = vende; artiere * = artide; * desse = eresse; * dessi = eressi; * detta = eretta; * dette = erette; * detti = eretti; * detto = eretto; * edenica = ernica; ...
Lucchetti Riflessi
Usando "erede" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: dire * = diede; sire * = siede; ridire * = ridiede.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "erede" si può ottenere dalle seguenti coppie: bere/deb, cantiere/decanti, compostiere/decomposti, corriere/decorri, cubitiere/decubiti, maniere/demani, portiere/deporti, primiere/deprimi, schiere/deschi, testiere/detesti.
Usando "erede" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * maniere = demani; * schiere = deschi; * cantiere = decanti; * corriere = decorri; * portiere = deporti; * primiere = deprimi; * testiere = detesti; demani * = maniere; derivi * = riviere; deschi * = schiere; decanti * = cantiere; decorri * = corriere; * cubitiere = decubiti; deporti * = portiere; deprimi * = primiere; detesti * = testiere; decubiti * = cubitiere; * compostiere = decomposti; decomposti * = compostiere.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "erede" si può ottenere dalle seguenti coppie: erma/edema, ernica/edenica, erniche/edeniche, ernici/edenici, ernico/edenico, erra/edera, erre/edere, ter/tede.
Usando "erede" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * siede = ersi; * bidè = erebi; * mide = eremi; * mode = eremo; fide * = fiere; onde * = onere; avide * = aviere; balde * = balere; cadde * = cadere; * eredita = dedita; * erediti = dediti; * eredito = dedito; ridde * = ridere; tende * = tenere; vende * = venere; artide * = artiere; lanide * = laniere; manide * = maniere; rivide * = riviere; scadde * = scadere; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "erede" (*) con un'altra parola si può ottenere: ni * = nereide; * poise = eporediese.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Erede - ed † EREDA. Sost. com. Quegli o Quella a cui è lasciato l'avere di chi muore. Heres, aureo lat. G. V. 4. 20. 4. (C) Ella, rimasa ereda, si diliberò di maritarsi. Maestruzz. 1. 66. Questo non è da osservare nell'istranea ereda. E appresso: Puote il marito, o suo erede, nel rendere la dote, ritenere le spese? Guid. G. Se voi ne lo lasciate menare, e voi e le vostre erede vi potrete tenere vituperati. E altrove: Mentre che viverai tu e le tue erede, sempre potrai abbondare in ricchezze. Dant. Par. 11. A' frati suoi, siccome a giuste erede, Raccomandò la sua donna più cara.

T. Mont. Persio: A cui succedo Prossimo erede. – Eredi necessarii, naturali. – Erede universale. – Presunto. – Fidecommissario. – Perpetuo, In perpetuo.

Ass. T. Vang. Questi è l'erede: uccidiamolo.

T. Fare uno erede si può con testamento molti anni prima di morire. Lasciarlo erede dicesi più propriam. che lo fece chi è morto, o lo fa chi è sul morire. Poi Fare denota volontà più espressa e forme più solenni: Si lascia anche senza volerlo. Istituire suol essere più solenne ancora. Nominare è più sempl.; ma sempre denota deliberata elezione. Anco la legge o l'ordine naturale o quel che dicesi caso fa eredi. [G.M.] Segner. Crist. Instr. 1. 20. 20. Costituendolo erede di tutto il suo. (Costituire, sta di mezzo tra l'Istituire e il Nominare.)

T. Erede un'opera pia, un ente morale. – Anco lo Stato è erede.

T. Erede del trono, delle miserie, del debiti.

2. T. Far ridere gli eredi: di chi mal risparmia e male acquista, per lasciare a non degni.

3. [Val.] Fare erede in tutto qualcuno, Costituirlo, Dichiararlo erede universale. Leggend. Tobia. 21. E diede la figliuola a Tobiuolo, facendolo in tutto suo erede.

4. [Val.] Erede universale. Colui che eredita tutti i beni. Fag. Rim. 3. 289. L'altr'obbliga gli eredi universali, Ch'il sotterrino a piè di quell'altare.

5. Fig. Petr. cap. 2. (C) Pianto fu 'l mio di tanta sposa crede. Dant. Inf. 31. Che fece Scipïon di gloria ereda. Guitt. Lett. 3. 19. (M.) Degni facendone crede del regno suo.

T. Erede delle tradizioni, d'altri destini, delle vergogne.

[G.M.] Senso rel. Eredi della gloria celeste, gli uomini rigenerati da G. C.

6. Fig. [Camp.] Per Generazioni di uno stesso stipite. Com. ant. Test. Sarà in lui (in Caino) settupla punizione, perocch'ello viverà per fino alla settima erede in pena…

7. Detto di donna nel gen. masc. ass. Bocc. Nov. 49. 5. (M.) Lei, se avvenisse che il figliuolo senza erede legittimo morisse, suo erede sostituì.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: erculea, erculee, erculei, erculeo, ere, erebi, erebo « erede » eredi, eredita, eredità, ereditabile, ereditabili, ereditabilità, ereditai
Parole di cinque lettere: erbio, erebi, erebo « erede » eredi, eremi, eremo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): fissipede, quadrupede, citarede, credé, crede, ricredé, ricrede « erede (edere) » coerede, prede, lamprede, sede, sedé, fuorisede, soprassedé
Indice parole che: iniziano con E, con ER, parole che iniziano con ERE, finiscono con E

Commenti sulla voce «erede» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze