Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «giara», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Giara

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola giara è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (arai).
Divisione in sillabe: già-ra. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: agira (spostamento di una lettera), agirà (spostamento di una lettera), ragia.
Componendo le lettere di giara con quelle di un'altra parola si ottiene: +bot = abrogati; +[ade, dea] = adagerai; +dee = adagerei; +[ade, dea] = adagiare; +ego = aeraggio; +ong = aggiorna; +ong = aggirano; +tag = aggirata; +non = agiranno; +tic = agitarci; +alt = agitarla; +tiè = agiterai; +tot = agriotta; +con = agronica; +bel = albergai; +nel = algerina; +fan = anagrafi; +neh = angheria; +non = arginano; +tan = arginata; +ton = arginato; +van = arginava; +col = argolica; ...
Vedi anche: Anagrammi per giara
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: diara, giada, giare, giava, giura, tiara.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: diari, tiare, viari.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: gara, gira.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: giarda.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: barai, darai, farai, parai, sarai, tarai, varai.
Parole con "giara"
Finiscono con "giara": magiara.
Contengono "giara": mangiaragni.
Parole contenute in "giara"
ara, già. Contenute all'inverso: arai.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "giara" si può ottenere dalle seguenti coppie: gip/para, giace/cera, giacesse/cesserà, giaco/cora, giada/darà, giaguari/guarirà, giava/vara, giave/vera.
Usando "giara" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * arano = gino; * arata = gita; * arate = gite; ligia * = lira; magia * = mara; mogia * = mora; pigia * = pira; ragia * = rara; forgia * = forra; * rada = giada; * rade = giade; * rave = giave; saggia * = sagra; cinigia * = cinira; * ralla = gialla; * ralle = gialle; * ralli = gialli; * rallo = giallo; * ada = giarda; * ade = giarde; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "giara" si può ottenere dalle seguenti coppie: giaco/ocra, giava/avrà.
Usando "giara" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * arco = giaco; * arda = giada; * arde = giade; * arno = giano.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "giara" si può ottenere dalle seguenti coppie: bigi/arabi, regi/arare, vagì/arava, mogia/ramo, pigia/rapi, ragia/rara, regia/rare.
Usando "giara" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arabi * = bigi; * mogia = ramo; * pigia = rapi; * ragia = rara; * regia = rare; arare * = regi; arava * = vagì; * bigi = arabi; * regi = arare; * vagì = arava; ramo * = mogia; rapi * = pigia; rara * = ragia; rare * = regia.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "giara" si può ottenere dalle seguenti coppie: gino/arano, gita/arata, gite/arate.
Usando "giara" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * giare = rare; * cera = giace; * cora = giaco; * vera = giave; lira * = ligia; mora * = mogia; pira * = pigia; forra * = forgia; * dea = giarde; sagra * = saggia; cinira * = cinigia; viagra * = viaggia; * cesserà = giacesse; * guarirà = giaguari; vestirà * = vestigia.
Sciarade incatenate
La parola "giara" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: già+ara.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "giara" (*) con un'altra parola si può ottenere: mal * = magliara; * erti = geriatria; * cenno = giaceranno; leoni * = legionaria; orini * = originaria; immani * = immaginaria.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "giara"
»» Vedi anche la pagina frasi con giara per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • All'ingresso di qualche ristorante tipico spesso vi è esposta una giara.
  • Al centro del giardino vi era una vecchia giara e dei fiori di geranio.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Tazza, Chicchera, Coppa, Giara - Tazza è in generale qualunque vaso da bere, ma in tal senso è voce poetica, e si usa invece per quella dove suol pigliarsi il caffè. - Chicchera è quella generalmente di porcellana, con piccolo manico, nel quale si mesce la cioccolata e il caffè e latte. - Coppa è voce poetica, ed è Vaso largo e non molto fondo, che posa su un piede. - Giara è Vaso tondo, non molto profondo, e con manico da una parte, e si usa specialmente per mettervi brodi, cordiali, e simili. [immagine]
Ciotola, Scodella, Giara - Ciotola è vaso di terra invetriata, tondo, assai cupo, con due piccoli manichi, nel quale suol porsi il brodo per sorbirlo. - Se la Ciotola è di terra fina, adorna e lavorata, o se è di argento, allora si chiama Giara. - La Scodella è un piatto assai più cupo, cioè più fondo, degli ordinarii, nel quale si mette la minestra, e però l'atto del mettervi essa minestra si dice Scodellare. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Nappo, Coppa, Calice, Tazza, Giara, Bicchiere, Ciotola, Scodella, Pisside, Beverino, Bicchierino - Nappo, voce poetica per bicchiere, coppa o tazza: è forse d'uopo avvertire che quando si dice voce poetica, meno che per alcune, non s'intende che essa sia esclusivamente del dominio della poesia, giacchè la prosa nobile può anco molto bene giovarsene. Bicchiere, da vino e dell'uso comune, di vetro o di cristallo: questo è di forma cilindrica ordinariamente; ma ve ne hanno altri varii di forma, e con piede, per le varie qualità di vini, di liquori o di bibite a cui sono specialmente destinati: la tazza è di terra, maiolica o porcellana, da caffè, da cioccolata, da brodo: delle sue forme non si può dire, variando come la moda e l'uso le vuole. Coppa, di terra o di metallo, d'oro o d'argento. Di forma emisferica per lo più, con piede e due manichi talvolta. Calice, quello nel quale il sacerdote consacra sotto le specie del vino. Pisside, quella in cui conservansi le ostie consacrate; questa ha un coperchio, ed è per maggior reverenza coperta d'un velo. Ciotola è tazza larga ed emisferica essa pure, però di materia meno preziosa della coppa. La scodella è un piatto alquanto più fondo dei soliti, e in cui si serve e si mangia la minestra. La giara, dicono i dizionarii, è specie di vaso di cristallo per bere. Il Romani, nel suo Diz. de' sin. porta questa definizione tolta dalle annot. del Redi al Ditirambo: « Giara, vaso di cristallo senza piedi con due manichi per uso del bere. È voce portata in Italia dagli Spagnuoli ». Io non so per altro vedere nelle cose di questo genere in uso oggigiorno, oggetto cui questa definizione riesca appropriata: sarebbe ciò che è una coppa, colla sola differenza della materia. « Gli Spagnuoli, soggiunge Romani, chiamano iarra o iarro il vaso dal Redi indicato; ed i Veneti dicono zara de vin ad un vaso bibitorio ». Giara, a Genova è orcio grandissimo di terra, di forma ovoidale, ad uso di serbarvi provvigione d'olio. Bicchierino e beverino, il primo di vetro e il secondo di terra, sono quelli in cui bevono gli uccelli tenuti in gabbia. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Giara - S. f. Sorta di Vaso di cristallo, senza piede con due manichi, per uso di bere. Non da Ὕαλος, Vetro. Arabo Giarra, Vaso di terra per acqua; spagn. Jarro e Jarra; ven. Zara, e d'acqua e di vino, e piccola e grande. E nel Ven. non solo di vetro. Red. Ditir. 34. (C) Ma se giara io prendo in mano Di brillante Carmignano. E Annot. 187. Giara, vaso di cristallo senza piede, con due manichi, per uso del bere. È voce portata in Italia dagli Spagnuoli. E altrove: Un gentilissimo mio amico e signore mi ha severamente e ad alta voce sgridato, perchè io permetto a Bacco bere il vino ad una giara, e mi rammenta che la delicatezza e la civiltà moderna vuole che le giare sieno destinate a bevervi l'acque e non il vino. E Cons. 2. 4. Mostrerà la sua solita prudenza, se si asterrà dal bere così fatta porcheria dei caffè, in vece della quale io le loderei il bere mattina e sera, in fine del desinare e della cena, una giara di acqùa cedrata, ovvero di altra acqua acconcia… T. Red. Ditir. 112. Or non sarebbe egli un gentil rimedio… dar da bere di belle giare di acqua semplicemente raddolcita col zucchero, o di acqua cedrata dolcissima e odorosissima? E 2. 48. – La giara è da sorbetti.

2. Gran vaso di terra cotta invetriato di dentro, in cui si conserva l'olio, il pesce marinato e simili, e sulle navi l'acqua dolce per preservarla dal puzzo che suol contrarre nelle botti. Tariff. Tosc. 62. (Mt.) Giare, o siano Coppi di terra, ancorchè retati con funi di erba o altro…

3. L'ottava parte del Cántaro. Misura da olio. Libro Mercat. 48. più volte, e 59. (Fanf.)

[Cont.] Cit. Tipocosm. 344. Secondo altri paesi… la giara, la torchia, la pippa. V. anche GIARRA.
† Giara - S. f. Lo stesso che Ghiara (V.). Vive in qualche dial. Lion Vinc. 381. ediz. rom. 1817. (Gh.) Li furiosi corsi delle aque ragunate,… removono (rimuovono) li colli coperti di piante insieme con li grandissimi sassi, quelli rotolando per lungo spazio, infinchè li ha condutti in minuta giara,… [Cont.] Fal. Vas. quadri, I. 8. Nel levare il vassello in carena sia tutto stagno, e allibato buona parte dalla saorra, lasciando quella delle giare.

2. † Per Ridosso prodotto in un terreno dall'escrescenza di qualche fiume. Targ. Tozz. G. Viag. 10. 321. (Gh.) Tali ridossi nel Pontremolese sono chiamati giare dal lat. Glarea, e sono aggestioni o deposizioni di terra, di rena e di pietre scantonate o fluitate.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: giapponeserie, giapponesi, giapponesina, giapponesine, giapponesini, giapponesino, giapponesità « giara » giarda, giarde, giardinaggi, giardinaggio, giardinetta, giardinette, giardinetti
Parole di cinque lettere: giano « giara » giare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): bulgara, zingara, ungara, bogara, sahara, ciociara, diara « giara (araig) » magiara, chiara, verdechiara, dichiara, rischiara, magliara, tiara
Indice parole che: iniziano con G, con GI, iniziano con GIA, finiscono con A

Commenti sulla voce «giara» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze