Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «moine», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Moine

Giochi di Parole
La parola moine è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: noemi.
Componendo le lettere di moine con quelle di un'altra parola si ottiene: +alt = alimento; +ram = ammonire; +mat = ammonite; +ala = aneliamo; +ala = anomalie; +hac = anomiche; +ras = ansimerò; +[tar, tra] = antimero; +tan = antonime; +beh = bohemien; +cra = camerino; +cra = cameroni; +cap = campione; +caf = cimofane; +zac = coenzima; +doc = comedoni; +cra = coramine; +cad = decimano; +[dan, dna] = denomina; +din = denomini; ...
Vedi anche: Anagrammi per moine
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: boine, koinè, moina, moire.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: boina.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: mine. Togliendo tutte le lettere in posizione pari si ha: mie.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: genio, renio.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "moine" si può ottenere dalle seguenti coppie: moicani/canine, moicano/canone, moira/rane, moire/rene.
Usando "moine" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nera = moira; * nere = moire; * inerte = morte; * inerti = morti; * inetti = motti; * inetto = motto; sumo * = suine; temo * = teine; colmo * = coline; cosmo * = cosine; fummo * = fumine; marmo * = marine; salmo * = saline; * inerente = morente; * inerenti = morenti; basammo * = basamine; calammo * = calamine; parammo * = paramine; posammo * = posamine; cercammo * = cercamine; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "moine" si può ottenere dalle seguenti coppie: moloc/coline, mosso/ossine.
Usando "moine" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: boom * = boine.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "moine" si può ottenere dalle seguenti coppie: diamo/inedia.
Usando "moine" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: inedia * = diamo; * diamo = inedia.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "moine" si può ottenere dalle seguenti coppie: modificabile/inedificabile, modificabili/inedificabili, modificabilità/inedificabilità, morente/inerente, morenti/inerenti, morte/inerte, morti/inerti, motti/inetti, motto/inetto, moira/nera, moire/nere.
Usando "moine" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: suine * = sumo; teine * = temo; coline * = colmo; cosine * = cosmo; fumine * = fummo; marine * = marmo; * rane = moira; * rene = moire; saline * = salmo; basamine * = basammo; calamine * = calammo; * canone = moicano; paramine * = parammo; posamine * = posammo; cercamine * = cercammo; dragamine * = dragammo; nettamine * = nettammo; portamine * = portammo; affondamine * = affondammo; temperamine * = temperammo; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "moine" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ics = micosine; cora * = comoriane; sansina * = sansimoniane.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "moine"
»» Vedi anche la pagina frasi con moine per una lista di esempi.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Carezze, Fichi, Moine, Lezj - Le Carezze sono atti o parole di affetto, che si fanno ad alcuno per pura significazione di esso affetto. - «Andai a Roma e mi furon fatte molte carezze. - Fa molte carezze a que' bambini.» - Quando si dice Fichi si dice l'esagerazione delle carezze, e accenna a sdolcinatezza in chi li fa; e quando tali dimostrazioni si fanno con atti o parole o troppo squisite, o quasi bambinesche, si dicono Lezj; le quali due voci Fichi e Lezj si trasportano anche a significare il maggiore o minor grado di quelle svenevolezze che alcuni fanno, o scusandosi di accettar qualche cosa come indegni, o rifiutando lodi, o mostrandosi ritrosi a ciò che in cuore desiderano. - Le Muine o Moine sono anche esse carezze affettate esageratamente, le quali per lo più son fatte col fine di lusingare altrui, e tirarlo alla propria voglia. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Smorfie, Lezii, Smancerie, Moìne, Svenie, Daddole; Smorfia, Affettazione - Le smorfie o sono boccaccie e gesti ridicoli fatti in società da chi si piglia la parte del buffone onde far ridere la brigata; o sono atti, contrazioni meno scomposte della bocca, ma accompagnate da senso di disprezzo, di dispetto o simili, sparso in tutto il volto: da ciò smorfioso, smorfiosaggine; da ciò fare le smorfie, cioè non accettare o veder con piacere la tal cosa, la tal persona. Smancerie ha senso affine a smorfie in questo suo secondo significato: ma sono forse alquanto più affettate e manierate. Le smorfie sono di chi sprezza o sdegna assolutamente per orgoglio: le smancerie di chi vuol farsi pregare, di chi non vuol parere, ma che pure in cuor suo desidera di essere sollecitato a fare, a dire, ad accettare. Le svenie, oh Dio! sono più sciocche, più sguaiate ancora; imperdonabili in tutti, ma più nell'uomo; eppure v'hanno di que' tali che, non so per quale ridicola affettazione di malattie o delicature immaginarie, sono più svenevoli della più debole femminuccia. Le moìne si fanno piuttosto altrui, perchè ha, come si vide in altro articolo, senso affine a carezze; pure vi è chi fa moìne a se stesso; cioè assume tuono di voce, volto carezzevole per essere accarezzato, lisciato esso medesimo: fa moìne anco chi finge non accettare dono a primo tratto, e vuol essere pregato un po' alla lunga. Lezii, secondo me, viene da lazzi, ma l'atto è corretto come la parola; si fanno lezii onde piacere, e fanno sorridere se la persona è giovane e garbata; sono atti fra il sorriso e il dispetto; son parole fra l'ironia e la lode sincera; fatti e detti con ispirito, con una certa unzione riescono a bene: puonno però offendere i permalosi. Lezii ha eziandio senso affine a moìne in quanto, veri o finti, sono una certa affettazione non dispiacente o non tendente in modo diretto a dispiacere. L'affettazione è una smorfia continua, un'esagerazione, un velo che cuopre il vero sentire fisico o morale; chi più affetta di sentire, meno sente: chi più affetta generosità, amicizia, disinteresse e simili, è da scommettere che meno ne ha; perchè i sentimenti veri si fanno chiari da sè e non hanno bisogno di essere oltre spinti per venire conosciuti o degnamente apprezzati. [immagine]
Carezze, Lusinghe, Moine - Le carezze sono primieramente più sincere, poi più manuali; possono essere però accompagnate da detti affettuosi e da dolci parole: le lusinghe invece in parole quasi onninamente consistono; anzi in adulazioni o promesse, per lo più esagerate e perciò vane: ond'è che lusingare sarà mai sempre affine a ingannare, e lusinga a vana promessa e speranza. L'uomo è però così cieco che il più delle volte dalle lusinghe lasciasi piegare e vincere. Sono le moìne carezze alquanto lusinghiere e adulatrici; si fanno dal debole al forte onde ottenerne qualche cosa; puonno essere in fondo sincere, benchè un poco affettate; ma non è rado che siano affatto affatto ingannevoli e ingannatrici. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Moine - S. f. pl. Lezii, Specie di carezze di femmine e di bambini a fine di farsi benevolo ed acquistar la grazia altrui e dicesi anche di adulti che le facciano per ottenere con le lusinghe qualche intento, o per ricoprire un errore. Gr. Μιμέομαι. La scimmia Monna. Aristof. Πιθηκισμὸς, Mollia verba. Ma può essere suono di per sè imit. Gell. Mulcedo. Agn. Pand. 88. (M.) A tutte le loro parole, e moine presta lieta fronte, e orecchie. Cron. Morell. 261. (C) I gran parlatori, millantatori, e pieni di moine, gòditegli nell'udire, e da' parole per parole. M. Bin. Rim. Burl. 1. 182. Ma chi mi va con sì fatte moine, Vorrei potergli sfondolar la pancia. Salv. Granch. 1. 1. Tante fregagioni, tante Moine… glien'ebbi a fare. Cant. Carn. Paol. Ott. 86. E le troppe moine delle madri Fan con vergogna, e stenti Pianger or quelle, e noi miseri padri. T. Menz. Sat. 1. Sotto la cuffia di moine e risi. Chiabr. lett. 20 (Gen. 1829). Le Muse mi solleticano, ed io non mi rendo alle loro moine.

2. Far le monie. Tanto è a dire Far le forche, quanto lezii, quanto moine, tutte tre una sorta di lusinghe fatte con gesti o con parole, e sono quasi lo stesso che adulazione, ecc. (Minucc. in not. Malm. v. 2. p. 143. col 2.) (Gh.)

Malm. 7. 58. (Gh.) Intorno ti farà per questo fine Un milïon di forche e di moïne.

3. [Val.] Metaf. Chiabr. Lett. 14. Le Muse mi solleticano, ma io non mi rendo alle loro moine.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: mohicano, mohur, moicana, moicane, moicani, moicano, moina « moine » moira, moire, mojito, moka, mola, molale, molali
Parole di cinque lettere: moina « moine » moira
Vocabolario inverso (per trovare le rime): isernine, lanternine, cisternine, saturnine, boine, angioine, koinè « moine (eniom) » fibroine, eroine, supereroine, cesoine, idantoine, apine, capine
Indice parole che: iniziano con M, con MO, parole che iniziano con MOI, finiscono con E

Commenti sulla voce «moine» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze