Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «timone», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Timone

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate timone

"AMO è una parola difficile per uomini e pesci" disse il vecchio al ragazzo

Arancio

Mi lascio cullare
Giochi di Parole
La parola timone è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (nomi).
Divisione in sillabe: ti-mó-ne. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: omenti, temino, tonemi.
timone si può ottenere combinando le lettere di: ton + mie.
Componendo le lettere di timone con quelle di un'altra parola si ottiene: +ara = aeromanti; +ama = ammoniate; +mas = ammoniste; +ara = animatore; +ani = antinomie; +ani = antonimie; +ras = armoniste; +una = aumentino; +tac = caminetto; +can = centimano; +cra = centriamo; +can = cimentano; +tac = cimentato; +cin = cimentino; +[abc, cab] = combinate; +cap = compiante; +cra = cromatine; +[adì, dai, dia] = demitiano; +[del, led] = demolenti; +oda = denotiamo; +[ade, dea] = deteniamo; +oda = detoniamo; +dot = dimettono; ...
Vedi anche: Anagrammi per timone
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: limone, simone, tifone, tigone, timine, timoni, timore, tirone, tomone.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: kimono, limona, limoni, simona.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: ione.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: genomi, menomi.
Parole con "timone"
Iniziano con "timone": timonella, timonelle, timoneria, timonerie.
Finiscono con "timone": testimone, contestimone, controtimone, supertestimone.
Parole contenute in "timone"
timo. Contenute all'inverso: nomi.
Incastri
Inserendo al suo interno est si ha TestIMONE; con eri si ha TIMONeriE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "timone" si può ottenere dalle seguenti coppie: tiferò/feromone, tira/ramone, tisi/simone, timide/ideone, timori/orione, timpani/panione, timomi/mine, timorati/ratine, timore/rene, timoroso/rosone.
Usando "timone" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ultimo * = ulne; * monella = tilla; * monelli = tilli; * monello = tillo; liti * = limone; orti * = ormone; siti * = simone; * nere = timore; * neri = timori; aneti * = anemone; morti * = mormone; salti * = salmone; serti * = sermone; sputi * = spumone; salati * = salamone; telati * = telamone; voluti * = volumone; pigiati * = pigiamone.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "timone" si può ottenere dalle seguenti coppie: tiro/ormone, timina/anione.
Usando "timone" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * enoica = timica; * enoici = timici; * enoico = timico; * enoiche = timiche.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "timone" si può ottenere dalle seguenti coppie: miti/monemi.
Usando "timone" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: monemi * = miti; * miti = monemi.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "timone" si può ottenere dalle seguenti coppie: tilla/monella, tilli/monelli, tillo/monello, timore/nere, timori/neri.
Usando "timone" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ormone * = orti; ramone * = rati; * ramone = tira; anemone * = aneti; mormone * = morti; salmone * = salti; sermone * = serti; spumone * = sputi; timori * = orione; salamone * = salati; telamone * = telati; * feromone = tiferò; * ideone = timide; * mine = timomi; * rene = timore; * orione = timori; ulne * = ultimo; volumone * = voluti; pigiamone * = pigiati; * panione = timpani; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "timone" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ira = timoniera; * ire = timoniere; casi * = castimonie; slat * = stimolante.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "timone"
»» Vedi anche la pagina frasi con timone per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il timone dell'azienda è passato in mano al figlio dopo la rinuncia del padre.
  • La barca andava alla deriva perché il timone si era rotto.
  • Datemi un timone, una barca, una vela, un soffio di vento e girerò attorno al mondo fino alla fine dei miei giorni.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Timone - La prima scoperta, (dice Eidous) che succedè a quella dei battelli, e dei remi per farli nuovere sull'acqua, fu quella del timone, che giova a condurli e dirigerli. Vuolsi che fosse inventato da un curioso, dietro l'osservazione da esso fatta, cioè che una grossa aquila, quando volava in tempo di calma, teneva la coda in posizione perpendicolare, secondo voleva andare da una ad altra parte, mediante il che, il vento che spira sempre in direzione orizzontale battendo contro, spingeva la coda da un lato ed obbligava l'uccello a volgere il suo corpo al lato opposto. Perfettamente consimile è la manovra del timone. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Timone - S. m. (Mar.) Arnese di legname, della forma pressochè di un solido prismatico triangolare troncato, la quale serve a dirigere l'andare della nave, rendendola atta a resistere alla forza del vento nelle vele, ed alle agitazioni del mare, tendenti a rimuoverla dal suo cammino. (Mt.) Temo, onis, aureo. [Cont.] Biring. O. Mec. Picc X, Chiamo io timone quella tavoletta che è posta verso la poppa nel dorso della nave, per il cui moto e percussione essendo l'acque rettamente divise, la nave non di meno procede obliquamente. Cr. B. Naut. med. I. 27. Il timone fu prima che da nissun altro ritrovato da Pericle Ateniese, pigliando l'essempio dalla coda del pesce. E I. 38. Vi è ancora la braga del timone, qual sostiene che egli non salti sforzato dall'onde fuor dell'agugliotto, ed i paranchinetti che sostengono e movono il giaccio del timone. =Franc. Sacch. Op. div. 69. (C) Timone è quello che serve, sicchè la nave non percuota, nè vada in luogo pericoloso. Bocc. Nov. 2. g. 5. Fece vela, e gittò via i remi e il timone. Dant. Purg. 30. Qual timon gira per venire a porto. [Camp.] Diz. mar. mil Timone è quello che sta dietro alla poppa, e regge e volge la galea per ogni verso. [Cors.] Bart. Uom lett. p. 2. Barchette peschereccie con un brano di vela e un palmo di timone, non sono abili a valicare l'oceano. [G.M.] Segner. Quares. 16. 1. Rotto il timone, spezzato l'albero, dissipate le sarte, s'era trovato a manifesto pericolo d'annegarsi. E 15. 7. Tutti i marinari e tutti i passeggieri,… in veder sollevata improvvisamente quella rovinosa burrasca,… si empierono di spavento; si affaticavano in ammainar le vele, in votar la sentina;… altri correva al timone, altri mettevasi al remo, altri si appigliava alle sarte.

[Cont.] Timone di rispetto. La dichiarazione sta nel seg. es. Pant. Arm. nav. 171. Due timoni, uno de i quali s'adopra ordinariamente, l'altro si tiene per i bisogni, e si chiama di rispetto. Stat. Cav. S. Stef. 93. Porti (il vascello) tutto il suo palamento ben corredato, e buona quantità di remi per rispetto: porti due timoni, barile a sufficienza, tenda d'albagio e di canovaccio.

[Cont.] Vi sono delle navi che ne hanno due, uno a prora, l'altro a poppa per potersi condurre in ambedue le direzioni. I Cinesi ne hanno tre. Sass. F. Lett. 377. Di Malacca è venuto un giunco (è un navile questo fatto a modo dei Cini, che naviga per questi mari: porta tre timoni, e l'una punta e l'altra li serve di prua).

[Cont.] Delle zattere. Lupic. Disc. mil. esp. 11. Avendo… raccomandato l'un canapo e l'altro delle zatte dalla parte di sopra della corrente, e avvertito che i timoni delle zatte sieno a ordine per guidarle a' luoghi determinati, la mattina per tempo si condurranno insieme co' detti vascelli, carichi di fanteria, sotto la muraglia.

2. Fig. Bocc. Vit. Dant. 220. (C) Alle quali cose qual fine serbi il giudicio di Dio, coloro il veggiono, che il timone governano di questa nave.

[Rig. e Fanf.] Reggere il timone, o Essere al timone d'uno Stato, e sim.; Governarlo, Essere a capo del governo di esso. Mentre fu egli al timone della repubblica, le cose andarono prospere.

3. [Val.] † Per Metonimia, La nave. Pucc. Centil. 19. 23. Avviarono a Cartagine i timoni.

4. Timone, si dice anche Quel lungo legno del carro, delle carrozze o sim., che si protende sul davanti, ed al quale si attaccano le bestie che l'hanno a tirare. Cr. 3. 7. 8. (C) Dal dosso di quel medesimo carro due brevissimi timoni si ficchino. But. Purg. 32. 1. E così tirò lo timone, che tira tutto lo carro. [Cont.] Cit. Tipocosm. 414. Il carraro e l'arte sua, e i carri e le parti, e maniere dei carri, cioè il timone, le penne. Zab. Cast. Ponti, 7. D, barrucola per trasporto di travi ed altri pesi di lunghezza: E, parte d'avanti e suo timone.

[Cont.] Nei carri, che servono al trasporto di pezzi assai lunghi, vi è un carrino anteriore col timone cui si attaccano le bestie, ed un altro carrino posteriore con un piccolo timone che si assicura al pezzo, il quale così i due carrini unisce in un carro solo. Zab. Cast. Ponti, 7. F, parte di dietro con altro piccolo timone a cui… si lega il peso che si trasporta.

[Cont.] † Dell'aratro. Cit. Tipocosm. 335. L'aratolo, e le parti sue, cioè il timone, la burra…, il coltro, il vomero, il dentale, il ceppo.

[Cont.] † Di una macina, o di un maneggio qualunque che sta fermo, mentre muovesi il solo timone e l'albero cui è attaccato. Florio, Metall. Agr 251. Ha (la macina) un timone che da un cavallo, o un asino, vien voltato; onde questa macina è detta asinaria.

5. Fig. But. Purg. 32. 1. (C) Lo timone di questo carro è la croce di Cristo, la quale egli portò nel suo corpo; sicchè bene figura l'autore, che egli tirasse col suo collo lo timone. [Pol.] Boez. Varch 1. pr. 6. Conosci tu con che timoni e governamenti egli (Iddio) lo regga? (il mondo).

6. Trasl. Alam. Gir. 8. 54. (C) Morir vogl'io, poichè perduto ho quella, Che fu del viver mio timone e stella.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Colpo di timone - Coup de gouvernail. Movimento rapido dato alla manovella del timone, che fa girare di un tratto sensibilmente la prua della nave. Si prende d'ordinario in cattiva parte, e si dice che il timoniere ha dato un falso colpo di timone, quando un bastimento di un tratto s'allontana dalla rotta che deve tenere; il che è di molto pericolo in un cattivo tempo. Nondimeno talvolta si dà espressamente un colpo di timone per ischivare un abbordaggio o un oggetto impreveduto. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: timocrazie, timoli, timolo, timologia, timologie, timoma, timomi « timone » timonella, timonelle, timoneria, timonerie, timoni, timoniera, timoniere
Parole di sei lettere: timomi « timone » timoni
Vocabolario inverso (per trovare le rime): egemone, problemone, anemone, sistemone, limone, lacrimone, simone « timone (enomit) » controtimone, testimone, contestimone, supertestimone, salmone, filmone, polmone
Indice parole che: iniziano con T, con TI, parole che iniziano con TIM, finiscono con E

Commenti sulla voce «timone» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze