Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «accrescere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Accrescere

Verbo
Accrescere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è accresciuto. Il gerundio è accrescendo. Il participio presente è accrescente. Vedi: coniugazione del verbo accrescere.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola accrescere è formata da dieci lettere, quattro vocali e sei consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: cc. Lettere più presenti: e (tre), ci (tre).
Divisione in sillabe: ac-cré-sce-re. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
accrescere si può ottenere combinando le lettere di: serre + cacce.
Componendo le lettere di accrescere con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = accrescessero; +top = procaccereste; +bob = scaccerebbero; +tot = scartoccerete; +[irto, orti, otri, ...] = riaccorcereste; +cotta = accartoccereste; +bulbo = sculaccerebbero; +cripta = raccapriccereste.
Vedi anche: Anagrammi per accrescere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: accrescerà, accrescerò, accrescete.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: accese, acre, aree, arse, arre, asce, cece, rese, sere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: accrescerei.
Parole con "accrescere"
Iniziano con "accrescere": accrescerebbe, accrescerebbero, accrescerei, accresceremmo, accresceremo, accrescereste, accresceresti, accrescerete.
Parole contenute in "accrescere"
ere, cere, esce, cresce, accresce, crescere.
Incastri
Si può ottenere da acre e cresce (ACcresceRE).
Inserendo al suo interno est si ha ACCRESCERestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "accrescere" si può ottenere dalle seguenti coppie: acri/ricrescere, accresciuti/iutiere.
Usando "accrescere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rete = accrescete; * rendo = accrescendo; * resse = accrescesse; * ressi = accrescessi; * reste = accresceste; * resti = accrescesti; * ressero = accrescessero.
Lucchetti Riflessi
Usando "accrescere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = accrescete; * errai = accrescerai.
Lucchetti Alterni
Usando "accrescere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: accresceremo * = remore; * aie = accrescerai; * iutiere = accresciuti; * remore = accresceremo.
Sciarade incatenate
La parola "accrescere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: accresce+ere, accresce+cere, accresce+crescere.
Frasi con "accrescere"
»» Vedi anche la pagina frasi con accrescere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Per accrescere i propri risparmi bisogna investirli in titoli sicuri.
  • Non è sufficiente accrescere la tassazione, perché con queste spese inutili non si uscirà mai dalla crisi.
  • Per accrescere il PIL sarebbe necessario, per le aziende che assumono personale, semplificare la burocrazia ed abbassare le tasse.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Crescere, Aumentare, Accrescere - Crescere è per opera della nutrizione e dell'intimo svolgimento delle parti; e denota l'inalzarsi, l'ingrossarsi, l'allungare, il rinforzare. Le piante, i fanciulli, la luna crescono. - L'Aumentare è addizione di parti simili; è un farsi maggiore la quantità. Le piante crescono e, crescendo, aumentano di grandezza. - « L'ambizione cresce coll'aumentarsi della ricchezza. » - Accrescersi è l'aggiunger quantità a quantità, e specialmente numerata. - « La famiglia, in questo tempo si è accresciuta di due persone. » [immagine]
Accrescere, Aumentare, Aggrandire, Ingrandire - Si accresce a poco per volta e generalmente per via di studio e di fatica. - «Ogni giorno accresce le sue cognizioni.» - Questo verbo non si usa se non transitivo. - Aumentare si fa pure a poco per volta, ma indica più la quantità che il numero, e significa specialmente il graduale aggiungere della quantità. - «Ogni giorno egli aumenta il patrimonio.» - Tal verbo si usa anche intransitivo e figurato. - «Il malcontento aumenta sempre.» - Aggrandire è solo transitivo, e si dice propriamente di spazio. - «Hanno aggrandito la piazza.» - Ingrandire è più che altro intransitivo, e vale Divenir grande, che pur si dice Crescere; e più spesso usasi nel figurato. - «L'Italia ingrandisce sempre più.» - E si usa anche riflessivo, e allora significa accrescimento di proprietà di spese, o simili. - «Quel negoziante si è molto ingrandito.» [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Accrescere - V. a. Aumentare, Far maggiore, Aggrandire. (Gh.) Da Crescere, postavi la particella A. – In uno dei dialetti celtici Cresq significa Aumento, e Cresgi, Crescere. Cresc. Agric. volg. 298. (C) La decozion dell'erba e del seme (dell'aneto) vale alla stranguria e alla dissenteria, e il latte accresce. Nard. Stor. 1. 257. Aveva ordinato e accresciuto più segretamente, che gli era stato possibile, le sue genti. Segn. B. Vit. Nic. Capp. 2. Conciossiachè la roba non tanto s'accresca co' guadagni, quanto dall'astenersi dalle spese che siano superflue.

Tass. Lett. 5. 2. Vorrei accrescere il mio poema, e farvi alcune mutazioni. Galil. Op. P. 6. 6. 59. La quale (lente), collocata tra l'occhio e l'oggetto, accresceva la specie quanto un telescopio. Machiav. Capit. 5. 425. Come un torrente rapido… ogni cosa fracassa… E questa parte accresce, e quella abbassa.

2. E per estens. Petr. Rim. 2. 211. (C) Tanto par che onestà sua laude accresca. Bocc. Decam. 2. 160. Non bastandovi le bellezze che dalla natura concedute vi sono, ancora con maravigliosa arte quelle cercate d'accrescere. E 3. 52. Si credono la loro vergogna scemare, dove essi l'accrescono in infinito. Cic. Ufic. volg. 102. (La natura) non patisce che coll'altrui spoglie noi accresciamo le facultà e ricchezze e abbondanze nostre. Cecch. Conv. 2. 276. [Cam.] Vennici per accrescer amicizia. Machiav. Stor. 1. 17. I papi… la loro dignità accrescevano. Caran. Elian. volg. 8. Questi istoriografi… hanno accresciuto la fatica alle persone dotte. T. Accrescere odio, amore, ammirazione, invidia.

Dav. Tac. Stor. volg. 2. 451. Accrebbe l'odio l'avervi fatto Cecina lo spettacolo delli accoltellanti. Tass. Gerus. 16. 19. E quel che 'l bello e 'l caro accresce all'opre… Segner. Crist. Instr. 1. 337. Addensare e… accrescere le tenebre del cuore. Gravin. Rag. Poet. 21. Tal vizio (dell'avarizia)… accresce il desiderio colla preda… Fag. Rim. 1. 211. Accresce i falli. Cocch. Bagn. Pis. 11. Accrescendo la rapidità della corrente. Firenz. Op. 1. 337. [Cam.] Oh, oh Dio mi benedica e accrescami malizia. Bald. Naut. 54. Alto ornamento a' tuoi trionfi accrebbe. Cecch. Com. 2. 294. A voi or resta l'accrescer parentado ed amicizia.

T. Accrescere, non di numero o di quantità continua, ma di perfezione. Vas. 1. 71. Hanno primieramente risuscitate (le arti), di poi di tempo in tempo accresciute, ornate e condotte a quel grado di bellezza e di maestà.

3. N. e N. pass. Crescere, Pigliare accrescimento, Farsi maggiore. Dant. Conviv. 61. (C) L'amistà s'accresce per la consuetudine. Alam. L. Gir. 6. 48. E la credenza facile s'accrebbe. Galil. Op. 6. 6. 47. Più tosto che spavento, mi sento accrescere animosità. Red. Ditir. 26. Novel disio di bere, Che tanto più s'accresce, quanto… Marchett. Lucrez. volg. 34. – Vallisn. Op. 2. 10. S'accresceva l'infiammazione, il dolore.

4. Per Farsi più alto della persona. Avarch. 24. 308. (C) Drizzasi l'un ver l'altro a largo passo, E quanto può sul piede alto s'accresce.

5. Accrescere. Att. Per Avanzare, Far crescere in potenza, ricchezza e simili. Vill. G. 56. (C) Questo Carlo accrebbe molto Santa Chiesa e la cristianitade, e lungi e appresso. E M. 19. Amava sopra modo (Clemente VI) d'accrescere i suoi congiunti. T. Sansov. Conc. Polit. Se un uomo valoroso viene a tempo di principe timido o dubioso, questi terrà più conto di chi gli accrescerà le rendite, che di chi gli vincerà una guerra, o farà grande il suo onore. Dav. Ann. 4. 61. Teodorico accrebbe Ravenna, instaurò Roma. = Segn. Stor. 12. 741. [Cam.] Poichè fu re, l'accrebbe (il contestabile) a maggior grandezza di prima.

T. E in senso di Ampliare. Dav. Ann. 4. 61. Accrebbe il coltivare, il navigare.

6. N. e N. pass. Fig. Avanzarsi, Vantaggiarsi. Sacc. Franc. nov. 2. 99. (C) Perch'e' populi, e' comuni e tutte le città vivono e accrescono della pace; e eglino vivono e accrescono della guerra. Pandolf. Gov. fam. 1. Debbono adunque studiare i padri come… la famiglia… divenga fortunata… e con quali discipline s'accresca in onore, fama e gloria. Vinc. Tratt. Pitt. 59. L'una e l'altra figura Accrescerà in bellezza. Ar. Sat. 287. Quando monsignor suo accresce, Accresce anco egli, e n'ha da viver lieto.

S. Agost. C. D. 1. 18. e 2. Accrebbe a quella città eziandio per le scritture e per li filosofi grande gloria (Lat. Accedit huic civitati non parva etiam ex litteris et philosophis gloria).

7. † T. Accrescere. N. ass. Per Crescere, come Gen. 40. Filius accrescens. Quintil. Ammian. 27. 6. [Camp.] Volg. Bib. 1. 21. E 'l suo figliuolo inforzò ed accrebbe molto; e 'l suo padre molto l'amava. = Vill. M. 195. (C) Era messer Carlo, figliuolo che fu di messer Alfonso di Spagna, accresciuto dalla infanzia in compagnia del re Giovanni di Francia.

T. E fig. Vas. V. 1. Accrescendo sempre in fama, si fece eccellente.

8. † E Att. Per Allevare, Educare Guid. Colonn Stor. volg. (C) Conciossia cosa che io v'abbia nobilmente accresciuti insino da' teneri anni. Morell Cron. 348. Per la villa dilettevole, nella quale eri allevato, e ne' tempi dilettevoli accresciuto.

9. E per Aggiungere. Dant. Cred. 151. (C) All'irato sempre accresce pene. Marchett. Lucrez. volg. 66. Da qualunque Cosa il corpo s'involi, ond'ei si parte Toglie di mole, e dove ei viene accresce. (Qui N. ass.) Menz. Art. poet. 83. Ed altre parole io non ci accresco. Fortig. Ricciard. 29. 62. Al debil core accrebbi Novello spirto. Dant. Parad. 8. Per allegrezza nuova che s'accrebbe, Quando io parlai, all'allegrezze sue.

10. Accrescersi in alcuno la muffa al naso, e anche semplicemente Accrescere la muffa, si dice del Venir in collera per l'altrui impertinenza. Modo familiare.

11. † [Cam.] Si disse anche Accriscere da alcun antico. Arrigo Testa da Lentino o piuttosto da Arezzo in N. M. 1. F. 1.

12. (Leg.) Si dice di cosa che passa a socio o comproprietario per diritto d'accrescimento in conseguenza di morte o d'abbandono.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: accrescemmo, accrescendo, accrescente, accrescenti, accrescerà, accrescerai, accresceranno « accrescere » accrescerebbe, accrescerebbero, accrescerei, accresceremmo, accresceremo, accrescereste, accresceresti
Parole di dieci lettere: accrescerà « accrescere » accrescerò
Lista Verbi: accozzare, accreditare « accrescere » accudire, accumulare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): distorcere, nascere, prenascere, rinascere, pascere, mescere, crescere « accrescere (erecsercca) » decrescere, ricrescere, rincrescere, viscere, conoscere, riconoscere, anticonoscere
Indice parole che: iniziano con A, con AC, iniziano con ACC, finiscono con E

Commenti sulla voce «accrescere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze