Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «centro», il significato, curiosità, forma del verbo «centrare» associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Centro

Forma verbale
Centro è una forma del verbo centrare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di centrare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di centro (baricentro, epicentro, interno, parte centrale, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
città (20%), periferia (18%), gravità (8%), bersaglio (8%), storico (8%), mezzo (3%), campo (2%), abitato (2%), commerciale (2%), sinistra (2%), colpito (2%), fulcro (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate centro

Bruno

IMG_0182

Euromadue
Giochi di Parole
La parola centro è formata da sei lettere, due vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: cèn-tro. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: centrò.
Anagrammi
centro si può ottenere combinando le lettere di: tre + con.
Componendo le lettere di centro con quelle di un'altra parola si ottiene: +aia = anacoreti; +[eta, tea] = ancorette; +aia = ancoriate; +aia = arcionate; +bui = bicornute; +[adì, dai, dia] = canditore; +afa = canforate; +ani = canterino; +pia = capitreno; +[api, pia] = capotreni; +poa = capotreno; +[ali, ila, lai] = cartoline; +ara = cartonare; +aie = ceneratoi; +[sai, sia] = censorati; +osa = censorato; +[sua, usa] = censurato; +ani = centonari; +[dan, dna] = centrando; +[ami, mai, mia] = centriamo; +sim = centrismo; +[eri, ire, rei] = cernitore; +rii = cernitori; ...
Vedi anche: Anagrammi per centro
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cenerò, centra, centri, cenuro, contro, dentro.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: mentre, ventre, ventri.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: entro, cento.
Altri scarti con resto non consecutivo: ceno, ceto, cero.
Parole con "centro"
Iniziano con "centro": centromeri, centromero, centrocampi, centrocampo, centrodestra, centrodestri, centrodestro, centropagina, centrotavola, centroeuropea, centroeuropee, centroeuropei, centroeuropeo, centromediani, centromediano, centroafricana, centroafricane, centroafricani, centroafricano, centrocampista, centrocampiste, centrocampisti, centrosinistra, centrosinistri, centrosinistro, centroamericana, centroamericane, centroamericani, centroamericano, centroclassifica, ...
Finiscono con "centro": accentro, accentrò, decentro, decentrò, excentro, incentro, incentrò, concentro, concentrò, epicentro, ipocentro, olocentro, aerocentro, autocentro, baricentro, capicentro, capocentro, metacentro, ortocentro, riaccentro, riaccentrò, deconcentro, deconcentrò, mediocentro, radiocentro, riconcentro, riconcentrò, circoncentro.
»» Vedi parole che contengono centro per la lista completa
Parole contenute in "centro"
cent, entro.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "centro" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceco/contro, cede/dentro, celi/lintro, cena/atro, cenni/nitro, centesime/esimerò, cento/oro.
Usando "centro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * troni = cenni; * trono = cenno; * troiate = ceniate; * trotina = centina; * trotine = centine; * trotinatura = centinatura; * trotinature = centinature.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "centro" si può ottenere dalle seguenti coppie: censo/ostro, centesime/emisero, centesimo/omisero, centum/muro.
Usando "centro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ortino = cenino; * ortone = cenone; * ortoni = cenoni; * ortosi = cenosi; * orina = centina; * orinai = centinai; * orinare = centinare.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "centro" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceniate/troiate, cenni/troni, cenno/trono, centina/trotina, centinatura/trotinatura, centinature/trotinature, centine/trotine.
Usando "centro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * contro = ceco; * lintro = celi; * nitro = cenni; centraggi * = raggiro; * centina = trotina; * centine = trotine; * ateo = centrate; * avio = centravi; centripete * = ripeterò; * esimerò = centesime; * raggiro = centraggi; * astio = centrasti; * ripeterò = centripete; * centinatura = trotinatura; * centinature = trotinature.
Sciarade incatenate
La parola "centro" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cent+entro.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "centro" (*) con un'altra parola si può ottenere: ace * = accenterò; * ili = centrioli; * ilo = centriolo; acre * = accentrerò; * arno = centrarono; * atre = centratore; * atri = centratori; * emano = cementarono.
Frasi con "centro"
»» Vedi anche la pagina frasi con centro per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Nel periodo natalizio, è molto suggestivo passeggiare per le vie del centro addobbate e illuminate.
  • Da ricordi di gioventù, nell'atrio del municipio i ragazzi si divertivano nel gioco dei quattro cantoni, quattro agli angoli ed uno al centro.
  • Il centro del mondo non è raggiungibile nemmeno dagli scienziati.
Libri
  • Viaggio al centro della terra (Scritto da: Jules Verne; Anno 1864)
Canzoni
  • Al centro della musica (Cantata da: Ron; Anno 1981)
  • Il centro del mondo (Cantata da: Ligabue; Anno 2008)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Centro - S. m. Aff. al gr. Κέντρον. Punto tale che tutti i punti della circonferenza ne sono egualmente distanti. (Fanf.) È in Plin. Dant. Par. 14. (C) Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro Muovesi l'acqua in un ritondo vaso, Secondo ch'è percossa fuori o dentro. But. Centro è il punto del mezzo del cerchio. Gal. Mem. e Lett. ined. pubblicate dal Venturi, part. I. pag. 15. (Mt.) Che il Sole fusse nel centro della sfera stellata, e non la Terra,… [Tor.] Manfred. Istit. Astr. 2. Questa dimostrazione suppone, che dentro la terra si dia un centro, a cui tendano le direzioni de' corpi gravi, il che non può dimostrarsi, se già non si suppone la figura sferica della terra.

[Cont.] Leo. da Vinci, Moto acque, I. 4. Quella cosa è più alta, che è più lontana dal centro del mondo. Quella è più bassa, che è più vicina ad esso centro.

2. Far centro d'una cosa vale Porla nel mezzo di checchessia. Dant. Par. 10. (C) Io vidi più fulgór vivi e vincenti Far di noi centro, e di sè far corona. E Purg. 13. 14. (M.) Fece del destro lato al mover centro, E la sinistra parte di sè volse.

3. [Val.] Per le Viscere della terra. Morg. 14. 10. E batterle ogni dì sì aspramente… E come il centro non s'apre e gli abissi?

4. [Camp.] Per Globo terracqueo, avvisato Centro dell'universo nel sistema di Tolomeo. Dittam. I. 6. E tondo è 'l centro ancor dove noi semo.

5. T. Il mezzo, anche per approssimazione, di spazio qualsiasi. Centro della città. Dav. Ann. 3. 73. Dal centro dell'Africa.

6. E per estens. L'Inferno, perchè gli antichi il credevano nel centro della terra. Dant. Inf. 2. (C) Ma dimmi la cagion che non ti guardi Dello scen ler quaggiuso in questo centro. Bern. Rim. 1. 100. Dal più profondo e tenebroso centro, Ove ha Dante alloggiati i Bruti e i Casti, Fa, Florimonte mio, nascere i sassi La vostra mula, per urtarvi dentro.

[Val.] Centro doloroso. L'Inferno. Paol. Dall'Abbaco. Canz. Corazz. 263. Insino a ora il diavol v'ha per suoi, Il qual v'aspetta al doloroso centro.

7. [Val.] Dicesi anco di luogo, nel quale si facciano le principali operazioni di checchessia, come Centro del Governo, la Capitale, Centro della guerra, il Luogo dove si operano, e si eseguono le cose più essenziali alla guerra, ecc. Pomp. Vit. Plut. 4. 59. Dargli la lor propria città, come centro di quella guerra.

8. Fig. Per l'Interno dell'animo. Franc. Barb. 317. 9. (C) Onde di laude ricerca te dentro, S'hai netto il centro.

9. [G.M.] Essere nel suo centro. Stare volentierissimo in tale o tal luogo, e anco Fare cosa di pienissima soddisfazione. Basta che stia nel suo studiòlo è nel suo centro. – Se si parla di filosofia è nel suo centro.

10. [Camp.] Farsi come centro in tondo. Fig. Per Coincidere esattamente, Accordarsi perfettamente. Dant. Par. 13. E vedrai 'l mio credere e 'l mio dire Nel vero farsi come centro in tondo.

11. [Camp.] Fare centro del suo mezzo girando, per Aggirarsi intorno a se stesso. Dant. Par. 21. Nè venni prima all'ultima parola, Che del suo mezzo fece il lume centro, Girando sè come veloce mola. (Così co' Mss. più autorevoli.)

12. (Fis. gen.) [Gher.] Centro. Nome comune a varii punti in Fisica generale, e Meccanica razionale, de' quali si notano i precipui.

[Gher.] Centro delle forze parallele. Un punto di un sistema materiale animato da forze parallele, e considerato di forma invariabile, pel quale passa costantemente la risultante delle forze, qualunque sia la posizione del sistema, e qualunque pure i valori assoluti delle forze, purchè i relativi serbinsi costanti.

[Gher.] Centro di gravità. È il centro delle forze paralelle e cospiranti di gravità terrestre, che animano ciascuno degli elementi materiali di un corpo, o sistema di corpi.

Gal. Mecc. 601. (C) Centro della gravità si definisce essere in ogni corpo grave quel punto, intorno al quale consistono parti di eguali momenti.

[Cont.] Leo. da Vinci, Moto acque, VIII. 34. Se il centro della gravità naturale del triangolo sarà eguale all'altezza del centro del cerchio, allora l'acque versate dal triangolo e dal cerchio saranno eguali. Michel. Dir. fiumi, IV. La detta acqua è un grave che esercita la sua energia nel centro della sua gravità.

[Gher.] Centro di oscillazione. Quel Punto di un corpo oscillante intorno ad un asse orizzontale per sola azione di gravità, in cui se l'intera massa del corpo si supponesse concentrata, le oscillazioni seguiterebbero a farsi nel medesimo esatto tempo, che si fanno dal corpo, colla massa distribuita come vi è. V. PENDOLO SEMPLICE e PENDOLO COMPOSTO.

[Gher.] Centro di percossa. È quel punto di un corpo, rotante intorno ad uno di quegli assi suoi che in Meccanica razionale diconsi principali, pel quale passa sempre la risultante di tutte le sue forze elementari, qualunque sia la posizione del corpo, e qualunque la sua velocità di rotazione.

[Gher.] Centro di pressione. Quel punto, in una superficie piana premuta da un fluido, pel quale passa la risultante delle pressioni esercitate contro tutti gli elementi della superficie stessa, pressioni tutte perpendicolari a questa e però parallele infra loro.

(Mec.) [Cont.] Linea del centro. Mont. Cons. bil. 30. Ogni corpo sospeso, e ridotto alla quiete, ha il suo centro di gravità nella linea, che dal punto della sospensione va perpendicolare all'orizzonte, la qual linea, perciò chiameremo linea del centro.

13. (Mec.) [Cont.] Centro della percussione. Leo. da Vinci, Moto acque, II. 75. Poichè le due acque siano insieme percosse, esse s'allargheranno nel contatto; e poichè siano percosse si verrebbono a partire con egual distanza dal centro della percussione.

14. (Geom. e Archi.) Centro si dice parlando di una figura ovale, quadrata, elittica, ecc. Bald. Voc. Dis. (Mt.) Il centro di un quadrato, il centro di un'elisse. Quindi gli architetti chiamano Centro della colonna il punto di mezzo del suo asse, e Centro dell'involta linea il punto nelle volute, dove termina la linea composta eccentrica, spirale, o avvolta, dopo essersi raggirata in varii involgimenti.

15. (Mil.) Quella parte d'un battaglione, d'uno squadrone, d'un reggimento, d'una brigata, o d'un esercito, ch'è posta in mezzo a due ale quando si sta, o tra la vanguardia e tra la retroguardia quando si cammina. (Fanf.) Cinuzzi (cit. dal Grassi.). (Gh.) Si metta (l'archibuseria), per istar sicura, nel centro dello squadron delle picche. Algar. (cit. c. s.). Fa sonare a raccolta per chiamare li astati; li colloca dirimpetto al centro di questa terza schiera. Botta (cit. c. s.). Il centro era quasi parallelo al fiume, ed il sinistro corno posto quasi ad angolo retto su 'l centro.

16. (Prospett.) Centro dell'occhio. Quel punto dove si forma la perfetta visione. Baldin. Voc. Dis. (Mt.)

17. (Mus.) [Ross.] Detto della voce o di uno strumento. Luogo medio nella sua estensione. Tach. 3. 22. Il canto affettuoso è appoggiato al centro della naturale estensione di voce.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Centro

Navigazione
Parole in ordine alfabetico: centripeti, centripeto, centrismi, centrismo, centrista, centriste, centristi « centro » centroafricana, centroafricane, centroafricani, centroafricano, centroamericana, centroamericane, centroamericani
Parole di sei lettere: centri « centro » centum
Vocabolario inverso (per trovare le rime): inoltrò, inoltro, antro, entrò, entro, subentrò, subentro « centro (ortnec) » metacentro, accentro, accentrò, riaccentro, riaccentrò, decentro, decentrò
Indice parole che: iniziano con C, con CE, iniziano con CEN, finiscono con O

Commenti sulla voce «centro» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze