Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «venerare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Venerare

Verbo
Venerare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è venerato. Il gerundio è venerando. Il participio presente è venerante. Vedi: coniugazione del verbo venerare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola venerare è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
Divisione in sillabe: ve-ne-rà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: venererà (scambio di vocali).
venerare si può ottenere combinando le lettere di: vere + [rane, rena]; neve + [arre, erra]; rene + [aver, rave].
Componendo le lettere di venerare con quelle di un'altra parola si ottiene: +noi = annovererei; +pos = perseverano; +sos = venerassero; +non = venereranno; +mono = annovereremo; +note = annovererete; +[irto, orti, otri, ...] = arroventerei; +tivù = avventurerei; +tivù = avventuriere; +step = perseverante; +[siti, tisi] = reinserivate; +tini = reinventerai; +muti = remunerative; +muta = remuneravate; +zeli = reverenziale; +[alvi, lavi, vali] = riavvelenare; +[alvi, lavi, vali] = riavvelenerà; +voli = riavvelenerò; +mogi = riemergevano; +gita = rigeneravate; +[nesto, sento] = annoverereste; +stoni = annovereresti; +morto = arroventeremo; ...
Vedi anche: Anagrammi per venerare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: generare, venerate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: venere, vena, vera, vere, erre, nere.
Parole contenute in "venerare"
era, nera, rare, vene, venera. Contenute all'inverso: rene, arene.
Incastri
Si può ottenere da vere e nera (VEneraRE).
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "venerare" si può ottenere dalle seguenti coppie: vena/aerare, veneta/tarare, veneti/tirare, venerai/ire, venerata/tare, veneratore/torere.
Usando "venerare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * areata = venerata; * areate = venerate; * areati = venerati; * areato = venerato; * renda = veneranda; * rende = venerande; * rendi = venerandi; * rendo = venerando; * resse = venerasse; * ressi = venerassi; * reste = veneraste; * resti = venerasti; * retore = veneratore; * retori = veneratori; * ressero = venerassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "venerare" si può ottenere dalle seguenti coppie: venti/iterare, venere/errare, venererà/areare, venerata/atre, venerato/otre.
Usando "venerare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = venerata; * erte = venerate; * erti = venerati; * erto = venerato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "venerare" si può ottenere dalle seguenti coppie: venera/area, venerata/areata, venerate/areate, venerati/areati, venerato/areato, venere/aree, venerai/rei, veneranda/renda, venerande/rende, venerandi/rendi, venerando/rendo, venerasse/resse, venerassero/ressero, venerassi/ressi, veneraste/reste, venerasti/resti, venerate/rete, venerati/reti, veneratore/retore, veneratori/retori.
Usando "venerare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tarare = veneta; * tirare = veneti; * torere = veneratore.
Sciarade e composizione
"venerare" è formata da: vene+rare.
Sciarade incatenate
La parola "venerare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: venera+rare.
Intarsi e sciarade alterne
"venerare" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: vena/erre, vera/nere.
Intrecciando le lettere di "venerare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = veneratrice.
Frasi con "venerare"
»» Vedi anche la pagina frasi con venerare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Domani effettueremo un pellegrinaggio ad Oropa per venerare la Madonna Nera.
  • Gli antichi egizi usavano venerare gli animali come lo sciacallo, la mucca e il gatto.
  • Vedo molti giovani di oggi venerare troppo i loro idoli sportivi!
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Adorare, Onorare, Riverire, Venerare - Si adora solamente la divinità, pregandola con orazioni e facendo atti di devozione. Si onora con parole o con dimostrazioni esteriori l'uomo costituito in alta dignità, o famoso per nobili imprese. La Riverenza è verso persone a noi molto superiori di grado, e cospicue per dottrina, per virtù, per famose imprese; e questo Onorare e Riverire si riferisce anche a Dio e ai Santi. Il Venerare è proprio solo di Dio e dei Santi; e quando si dice che veneriamo, che adoriamo una persona, facciamo iperbole. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Onorare, Render onore, Far onore, Riverire, Venerare, Rispettare, Adorare - Onorare è atto interno della mente, e fors'anche un po' del cuore; rendere onore, far onore, sono atti esterni, manifestazioni dell'interno sentimento; si rende onore a chi lo merita, a chi va; è un debito o un dovere: si fa onore a chi ci piace di così ricevere, incontrare, accompagnare; è una prova d'amicizia, di benevolenza, di rispetto: render onore è per lo più da minore a maggiore, o fra eguali per atto di cortesia; far onore può anche il maggiore al minore secondo il merito, ed è giustizia ed opportuno incoraggiamento. Riverire è atto di onorificenza verso persona maggiore di noi per qualsiasi titolo, e si presta per lo più nell'incontrarla e nell'accommiatarsi da lei; da qui le riverenze più o meno profonde: però il «distintamente la o vi riverisco» è frase che finisce molte lettere ove non si vogliano o debbano spendere molte parole in complimenti. Il rispetto, quando riflette persone, è sentimento tutto cordiale che non esclude la benevolenza, che anzi da quella proviene se ha da essere sincero; si manifesta cogli atti debiti, non esagerati, non clamorosi: si rispettano i genitori e i maggiori parenti; le persone assennate in genere, e in ispecie se superiori a noi direttamente: quando riflette le cose è atto di giustizia o di prudenza: rispetto alle leggi, ai magistrati; si rispettano le convenienze, le consuetudini e perfino le debolezze, i pregiudizii delle persone, dei paesi, perchè inutile e pericoloso sarebbe il contraddire a quelle. Venerare, asceticamente, la Madonna, i Santi; adorare, Dio solo. Per estensione e qualche volta per esagerazione diconsi venerate, venerabili, venerande, e così adorate, adorabili persone e cose che in effetto sono tutt'altro, ma così vuole il mondo: e si contentasse di parole sempre! [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Venerare - V. a. Avere in grande reverenza. Veneror, in Cic. e Virg.; Venero, in Plaut.

T. Venerare, e di Dio e de' Santi, e, per estensione, di persone o di cose che ispirino affetto con gran reverenza, e tengano come del sacro. Si venerano le cose sante: come cosa sacra l'uomo virtuoso venera i genitori, la patria. Venerare Dio con la mente e con la preghiera. Nelle ceneri dei Santi veneriamo i pegni della gloria loro immortale.

T. Ma parlando di cose religiose, Adorare è talvolta più che Venerare. Adorasi il Dio vero, le imagini del Redentore, il suo Sacramento, la Croce. Si venerano le reliquie dei martiri; Si venera la memoria loro.

Albert. cap. 4. (C) Lo giusto vive della fede; e intendo la fede cattolica universale, la quale la Romana Chiesa insegna, e coltiva, e venera. Amm. Ant. 11. 9. 11. Dalle ecclesiastiche lettere siamo noi sempre ammoniti di quello che per noi fa, cioè giudicare lo diritto, voler lo bene, e venerar le cose divine. Tes. Br. 6. 5. E spezialmente si conviene a noi di venerare, magnificare e glorificare Domeneddio sopra tutte cose. G. V. 5. 14. 2. Ma conveniasi che fosse in parte, ove fosse venerato a Dio. (Così nel testo Dav.) Bemb. stanz. 137. Così voi d'uopo qui più non mi sête; Tanto ci son temuta e venerata. [G.M.] Segner. Mann. Apr. 24. Conviene che il figliuolo si porti assai bene col padre, e l'ubbidisca e lo veneri, e dia quei saggi di sè che il padre ha titolo giusto di ricercare. E Magg. 9. Quando nella santissima Comunione tu lo ricevi dentro il cuor tuo;… quando tu lo veneri esposto, quasi ad udienza pubblica, sopra di splendido trono; quando lo visiti, quasi ad udienza privata, dentro il solito tabernacolo. E Lugl. 4. Quella gloriosa Santa, che in questo dì più specialmente si venera. E Incred. 2. 2. 3. Come avete mai fatto a scancellare dal fondo della vostra anima que' sentimenti più pii che vi stimolavano a riconoscere un fabbricatore supremo dell'universo, ed a venerarlo?

2. [G.M.] Modo fam. dell'uso, che suole annunziare un principio di risentimento. Io vi venero e vi rispetto; ma non crediate che voglia sottostare ai vostri capricci. Anche: Io vi venero e vi saluto; ma quando si tratta di credenze religiose sto colla Chiesa.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: veneranda, venerande, venerandi, venerando, venerano, venerante, veneranti « venerare » venerarono, venerasse, venerassero, venerassi, venerassimo, veneraste, venerasti
Parole di otto lettere: venerano « venerare » venerata
Lista Verbi: vendere, vendicare « venerare » venire, ventilare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): numerare, enumerare, rinumerare, generare, degenerare, rigenerare, ingenerare « venerare (erarenev) » esonerare, remunerare, rimunerare, temperare, contemperare, stemperare, ottemperare
Indice parole che: iniziano con V, con VE, iniziano con VEN, finiscono con E

Commenti sulla voce «venerare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze