Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «incitare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Incitare

Verbo
Incitare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è incitato. Il gerundio è incitando. Il participio presente è incitante. Vedi: coniugazione del verbo incitare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di incitare (esortare, spronare, sollecitare, pressare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola incitare è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: in-ci-tà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: anterici, cantieri, cinterai, inciterà (scambio di vocali), neritica, recintai, retinica, ricenati.
incitare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): tir + [anice]; [irti] + [acne]; tini + [acre]; [nitri] + ace; [ter] + [acini]; tiè + [carni]; [eri] + [canti]; [erti] + [acni]; nei + traci; enti + [acri]; [neri] + taci; [entri] + caì; [irite] + can; inie + trac; [etini] + cra; renii + tac; tic + [areni]; cri + [aneti]; cin + [irate]; citi + [nera]; cinti + [era]; crini + [eta]; cent + riai; cren + iati; ceti + iran; [ceri] + [nati]; certi + ani; [ceni] + [arti]; cinte + [ari]; crine + tai; etici + rna.
Componendo le lettere di incitare con quelle di un'altra parola si ottiene: +doc = accenditori; +doc = accreditino; +[ceo, eco] = aerotecnici; +oca = anacoretici; +[api, pia] = anticiperai; +pie = anticiperei; +sta = antisterica; +sto = antisterico; +mat = antitermica; +can = antracenici; +oda = aracnoidite; +cra = arricciante; +bra = barenatrici; +ben = bicentenari; +blu = bulinatrice; +mal = calmieranti; +[dan, dna] = cantaridine; +ape = capitanerei; +[tar, tra] = caratterini; +mal = carmelitani; +odo = carotenoidi; ...
Vedi anche: Anagrammi per incitare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: incitate, invitare.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: inca, inia, inie, care.
Parole contenute in "incitare"
are, tar, cita, tare, citare, incita. Contenute all'inverso: era, tic.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "incitare" si può ottenere dalle seguenti coppie: incida/datare, incido/dotare, incita/tatare, incitai/ire, incitamenti/mentire, incitamento/mentore, incitata/tare, incitatore/torere.
Usando "incitare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * citaredi = indi; * citaredica = indica; * citaredici = indici; * citaredico = indico; * areata = incitata; * areate = incitate; * areati = incitati; * areato = incitato; * rendo = incitando; * resse = incitasse; * ressi = incitassi; * reste = incitaste; * resti = incitasti; * retore = incitatore; * retori = incitatori; * ressero = incitassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "incitare" si può ottenere dalle seguenti coppie: inciso/ostare, incitavo/ovattare, inciterà/areare, incitata/atre, incitato/otre.
Usando "incitare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = incitata; * erte = incitate; * erti = incitati; * erto = incitato; lini * = licitare; reni * = recitare.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "incitare" si può ottenere dalle seguenti coppie: indi/citaredi, indica/citaredica, indici/citaredici, indico/citaredico, incita/area, incitata/areata, incitate/areate, incitati/areati, incitato/areato, incitai/rei, incitando/rendo, incitasse/resse, incitassero/ressero, incitassi/ressi, incitaste/reste, incitasti/resti, incitate/rete, incitati/reti, incitatore/retore, incitatori/retori.
Usando "incitare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * datare = incida; * dotare = incido; incita * = tatare; * torere = incitatore; * mentire = incitamenti; * mentore = incitamento.
Sciarade incatenate
La parola "incitare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: incita+are, incita+tare, incita+citare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "incitare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = incitatrice.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "incitare"
»» Vedi anche la pagina frasi con incitare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Continuava ad incitare il suo cane ad attaccare, non si era accorto che l'altro era morto.
  • Durante la partita di tennis ho cercato di incitare il mio amico a vincere.
  • Incitare alla violenza durante una protesta pacifica può risultare controproducente per la riuscita della manifestazione.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Eccitare, Stimolare, Spronare, Incitare, Istigare - Eccitare è far nascere o la volontà o il desiderio, e dare un primo impulso. - Si incita chi è già disposto, per animarlo sempre più. - Si stimola chi già ha fatto il proposito o anche ha cominciato l'opera, ma o va lento o si raffredda. - Spronare è lo stesso, ma è di maggior forza. - Istigare è usare ogni arte e ogni sottile raziocinio per indurre altrui a cosa moralmente non buona. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Eccitare, Incitare, Stimolare, Aizzare, Istigare, Irritare, Innasprire, Provocare, Stuzzicare, Animare, Sospingere - «Eccitare da ex-citare; incitare da in; il secondo è più forte: stimolare, nel proprio, è pungere con lo stimolo i bovi; gli è un modo d'incitare o d'eccitare, a cui non sempre seguita l'effetto. Istigare è uno stimolare più forte, e più al male che al bene. Aizzare è un istigare a sensi di rabbia più che d'altro. Dicesi più particolarmente dei cani. Irritare è un eccitare ira o collera direttamente; ha dunque l'effetto. Si può talvolta aizzare senza irritare. Si può, da un'altra parte, irritare senz'aizzare, quando l'uomo è irritato o da chi non vorrebbe, o dall'umore suo caustico. Provocare è generico; ma dicesi specialmente di chi aizza, o stimola l'ira altrui, non contro un terzo, ma contro se stesso. Stuzzicare è un provocare leggermente». Romani.

Innasprire è rendere più amaro e cocente un dolore, più dolorosa una piaga; è ciò moralmente e fisicamente; innasprire chi è già avverso ad un altro, è proprio di chi si gode nelle discordie e nel metter male. Eccitare a qualche impresa può venire proprio dal citarla e parlarne una prima volta e poi ritornarne a parlare; animare a farla è un tentare di metter coraggio in chi si vorrebbe che la eseguisse; sospingervelo è quasi un mettervelo dentro a forza, egli non volente, o resistente. La vista o la descrizione delle altrui miserie eccita la compassione: l'esempio altrui o le esortazioni puonno animarci a fare il bene, come anche il male, al quale però siamo sospinti di preferenza, abbenchè in principio a malincuore, da quella certa propensione che la corrotta nostra natura ha verso il male. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Incitare - V. a. Spingere altrui a checchessia, Stimolare. Aureo lat. Bocc. g. 10. f. 2. (C) Cose tutte da incitare le deboli menti a cose meno oneste. Lab. 33. Le fiere del luogo a vendicare la sua ingiuria sopra me incitasse. E 172. La lor bellezza non t'inciterà al disonesto fuoco, anzi il caccerà via. Cavalc. Med. cuor. Dalla tribolazione, la quale è verga di Dio, gli suoi eletti sono incitati e dirizzati a meglio, e scossi dalla polvere degli affetti mondani. T. Car. En. X. Qual'ha timore Alla guerra incitati o questi o quelli.

E N. pass. Cavalc. Frutt. ling. (C) Se l'uomo vuol pregare per aver misericordia de' suoi peccati, dêe prima incitarsi a pensare la lor gravezza, e provocarsi a pianto.
2. [Camp.] Incitare in, per Incitare a. Vit. S. Gir. 20. Per la retraere dallo ben fare si incitòe l'animo di uno bellissimo jovine in tanta concupiscenza carnale di questa jovine monaca, che,…

3. [Camp.] Fig., per Dispettare, Spregiare, e sim. Bib. Salm. 73. Di ciò ti ricorda che 'l popolo stolto ti rimproveròe, perchè non parve loro vedere i segni, ed incitarono il tuo nome (incitavit nomen tuum) (ha dispettato il tuo nome, il Diodati).

T. È più del ling. scritto che del parl. Anco nella prosa suolsi porre l'accento sulla seconda. Tu incíti, Egli incíta o incíti. Meglio evitare, però, queste forme.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: incitamenti, incitamento, incitammo, incitando, incitano, incitante, incitanti « incitare » incitarono, incitasse, incitassero, incitassi, incitassimo, incitaste, incitasti
Parole di otto lettere: incitano « incitare » incitata
Lista Verbi: incidere, incipriare « incitare » incivilire, inclinare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): controeccitare, sovreccitare, sollecitare, risollecitare, recitare, licitare, esplicitare « incitare (eraticni) » fagocitare, esercitare, riesercitare, suscitare, resuscitare, risuscitare, additare
Indice parole che: iniziano con I, con IN, iniziano con INC, finiscono con E

Commenti sulla voce «incitare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze