Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «malta», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Malta

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Malsana « * » Maltratta]

Foto taggate malta

dai tempi dei templari.

Croce di Malta
 
Giochi di Parole
La parola malta è formata da cinque lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti.
Divisione in sillabe: màl-ta. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di malta con quelle di un'altra parola si ottiene: +nei = alimenta; +mio = alitammo; +[ami, mai, mia] = ammalati; +[amo, moa] = ammalato; +[api, pia] = ampliata; +pie = ampliate; +pii = ampliati; +[pio, poi] = ampliato; +sob = blastoma; +caì = calamita; +[ciò, coi] = calamito; +cin = calmanti; +cri = calmarti; +[csi, ics, sci, ...] = calmasti; +rii = imitarla; +mio = immolata; +[api, pia] = impalata; +pie = impalate; +pii = impalati; ...
Vedi anche: Anagrammi per malta
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: calta, malga, malia, malte, malti, malto, malva, manta, marta, matta, molta, multa, salta.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: calte, paltò, salti, salto, saltò.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: alta, mala.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: malata, smalta.
Parole con "malta"
Iniziano con "malta": maltasi, maltaggi, maltaggio, maltatore, maltatori, maltatrice, maltatrici, maltagliati, maltagliato.
Finiscono con "malta": smalta.
Contengono "malta": smaltai, smaltano, smaltare, smaltata, smaltate, smaltati, smaltato, smaltava, smaltavi, smaltavo, smaltammo, smaltando, smaltante, smaltarci, smaltarmi, smaltarsi, smaltarti, smaltarvi, smaltasse, smaltassi, smaltaste, smaltasti, smaltarono, smaltatore, smaltatori, smaltatura, smaltature, smaltavamo, smaltavano, smaltavate, ...
»» Vedi parole che contengono malta per la lista completa
Parole contenute in "malta"
alt, mal, alta.
Incastri
Si può ottenere da ma e alt (MaltA).
Inserito nella parola si dà SmaltaI; in sta dà SmaltaTA; in sto dà SmaltaTO; in store dà SmaltaTORE; in stura dà SmaltaTURA.
Inserendo al suo interno avi si ha MALaviTA; con eri si ha MALTeriA; con cela si ha MALcelaTA; con fama si ha MALfamaTA; con fida si ha MALfidaTA; con mena si ha MALmenaTA; con paga si ha MALpagaTA; con vagì si ha MALvagiTA (malvagità); con lacco si ha MAlaccoLTA; con educa si ha MALeducaTA; con fonda si ha MALfondaTA; con forma si ha MALformaTA; con nutri si ha MALnutriTA; con pensa si ha MALpensaTA; con servi si ha MALserviTA; con versa si ha MALversaTA; con vesti si ha MALvestiTA; con adatta si ha MALadattaTA; con augura si ha MALauguraTA; con capita si ha MALcapitaTA; ...
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "malta" si può ottenere dalle seguenti coppie: mamo/molta, mapo/polta, marea/realtà, marisa/risalta, marito/ritolta, malaccetta/accettata, malaga/agata, malanno/annota, malconcia/conciata, male/eta, malerba/erbata, malesi/esita, malferma/fermata, malgiudica/giudicata, maligno/ignota, malmena/menata, malnota/notata, malora/orata, malpela/pelata, malpelo/pelota, malsana/sanata...
Usando "malta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: coma * = colta; * tali = malli; toma * = tolta; esuma * = esulta; rem * = realtà; scema * = scelta; consuma * = consulta; distoma * = distolta; sussuma * = sussulta.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "malta" si può ottenere dalle seguenti coppie: malanni/innata, malari/irata, malaticce/eccitata.
Usando "malta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * attese = maltese; * attesi = maltesi; * atonica = malonica; * atonici = malonici; * atonico = malonico; * attinta = maltinta; * attinte = maltinte; * attinti = maltinti; * attinto = maltinto; * atoniche = maloniche; * attenuto = maltenuto; * attratta = maltratta; * attratti = maltratti; * attratto = maltratto.
Cerniere
Usando "malta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rem = altare.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "malta" si può ottenere dalle seguenti coppie: mali/tai, malli/tali, malo/tao.
Usando "malta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: colta * = coma; * molta = mamo; * polta = mapo; tolta * = toma; esulta * = esuma; scelta * = scema; * agata = malaga; * esita = malesi; * orata = malora; * ritolta = marito; consulta * = consuma; distolta * = distoma; * annota = malanno; * erbata = malerba; * ignota = maligno; * menata = malmena; * notata = malnota; * pelata = malpela; * pelota = malpelo; * sanata = malsana; ...
Sciarade incatenate
La parola "malta" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: mal+alta.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "malta" (*) con un'altra parola si può ottenere: ama * = ammalata; * odi = modalità; * oli = molalità; * ori = moralità; sir * = smaltirà; fori * = formalità; * cela = macellata; * enti = mentalità; * orti = mortalità; seri * = smalterai; site * = smaltiate; agama * = amalgamata; * denti = maldentati; * ratti = maltrattai; riama * = riammalata; * adorni = madornalità; * adatte = maladattate; * adatti = maladattati; * adatto = maladattato; * capite = malcapitate; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "malta"
»» Vedi anche la pagina frasi con malta per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Per le prossime ferie ho già prenotato un volo per Malta.
  • In un cantiere la malta viene preparata con un impasto di sabbia, acqua e calce o cemento rispettando le dosi da tabella CE.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Malta (Ordine di) - Quest'ordine, dice l'abate di Vertol, in princpio ospitaliero, doventato militare e poi sovrano, cui la carità diede nascimento, che lo zelo di difendere i luoghi santi armò poscia contro gl'Infedeli, e che nel tumulto delle armi ed in mezzo a continua guerra, seppe congiungere le quiete virtù della religione all'altissimo valore nei combattimenti, fu istituito verso la fine del secolo XII. Aveva incominciato quando la città di Gerusalemme era peranche sotto il potere degl'infedeli. I religiosi vi amministravano uno spedale dedicato a S. Giovanni l'elemosiniere, dal che furono chiamati gli Ospitalieri di S. Giovanni di Gerusalemme, o Fratelli dello spedale di S. Giovanni di Gesusalemme. I Cristiani avendo conquistato quella città, quegli ospitalieri crederono dover secondare sì fortunate imprese ed unire il valore all'umanità: sicchè presero le armi per difendere le strade pubbliche dalle scorrerie degl'infedeli. Questa nuova funzione richiamò nelle loro file un gran numero di nobili di tutta la Cristianità; allora il titolo di cavalieri fu aggiunto a quello di ospitalieri, e l'ordine si compose di tre specie di religiosi, cioè: fratelli cavalieri, chierici, e fratelli servienti. I papi concedettero loro i maggiori privilegi, ed aumentarono ai tre voti ordinarj quello di soccorrere i pellegrini e di combattere gl'infedeli. Il beato Gerardo, nato a Martigues in Provenza, fu il primo superiore di quell'ordine, ed è risguardato come suo istitutore.

Nel 1187. essendosi Solimano impadronito di Gerusalemme, eglino si ritirarono nella fortezza di Margat, e pochi anni dopo in quella di San Giovan d'Acri, dove l'ordine sussistè per quasi cento anni nonostante i continui attacchi dei Saracini. Le forze di questi prevalsero alla fine sul valore dei cavalieri, i quali trovarono un nuovo asilo nell'isola di Cipro presso Lusignano re di Gerusalemme. I soccorsi che ricevettero ed il loro coraggio avendo fatto si che riconquistassero l'isola di Rodi, vi si stabilirono verso l'anno 1310, ed assunsero il nome di Cavalieri di Rodi. Dopo la presa di quest'isola fatta da Solimano II. nel 1522, andarono erranti da uno in altro stabilimento, a Messina, all'isole di Hieres, a Viterbo, sino al 1530. Allora si fissarono nel'isola di Malta. Questa fu donata all'ordine da Carlo V., per servire di baluardo alla Sicilia, ed a condizione che i cavalieri vi avessero sempre una quantità sufficiente di navi per far guerra ai Turchi. [immagine]
Malta (Isola di) - Quest'isola del Mediterraneo, situata al mezzogiorno della Sicilia, appartenne, per quanto dicesi, a principi africani avanti di essere occupata dai Cartaginesi; da questi popoli passò ai Romani, i quali nè furono scacciati dai Goti, come questi ultimi lo furono poi da' Saraceni nel secolo IX. Alcuni Normanni la tolsero a' Romani nel 1190, e rimase annessa alla Sicilia sino al 1530., allorchè Carlo Quinto la cedè ai cavalieri di S. Giovanni di Gerusalemme. [immagine]
Dizionario compendiato di antichità del 1821/1822
Maltha - MAΛΘH. Nell'Antichità era un cemento o corpo molle glutinoso, che avea la facoltà di collegare insieme le cose corporee disgiunte. Gli antichi Scrittori fanno menzione di diverse sorte di Maltha, tanto native quanto artefatte. Una di queste ultime molto in uso era un composto di pece, di cera, di gesso, e di grasso.

Un'altra specie, di cui i Romani eran solitj rivestire o intonacare i loro Acquidotti, era fatta di calcina spenta nel vino, incorporata con pece liquefatta, e fichi freschi. La Maltha nativa è una specie di bitume, colla quale gli Asiatici coprono e scialbano o intonacano i loro muri.
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Malta - S. f. [Bos.] Fr. Mortier. Voce generica di quella sostanza pastosa con cui si assodano li materiali onde si compongono li muri e che poi si solidifica, e ne sono di più specie cioè Calcina se consta di Calce-mista con sabbia; Loto se di argilla diluita; Cemento se di sola calce incotta e pesta; Bitume se consta di quella materia minerale fusibile che dicono bitume. In Plin. Gr. Μαλακὸς, Molle. Ebr. Melet, arab. Milat.

[Cont.] Pall. A. Arch. I. 5. Per far la malta si deve in questo modo con la sabbia mescolare; che pigliandosi arena di cava, si pongano tre parti di essa, ed una di calce. G. G. Fort. XI. 209. Fra i pedali posti sopra le piote, si metterà della malta di terra fatta come quella che si usa nel murare di terra in cambio di calcina. Agr. Geol. Min. Metall. 330. v. E fu di questo nome chiamata da la malta, che è una specie di tenace bitume: per che come de la malta naturale ne fanno mura fortissime, così di questa fatticia ne oppilano le fissure de gli aquedotti, de gli castellotti e de le piscine.

[Cont.] Serve anche ad altri usi oltre a quello del murare, con varie mescolanze. Agr. Geol. Min. Metall. 330. v. Quelli, che lavorano ne le minere, hanno anche essi la loro spezie di malta, con che ne oppilano le fissure, che si sogliono a le volte fare nel fondo di quel gran vaso, dove liquefanno i metalli; a ciò che il metallo liquefatto non ne scorra via fuori: per che come la malta antica frena e ritiene ne le fabbriche il liquore de l'acqua; così questa moderna, de la quale parliamo, ritiene il metallo liquido. E si compone questa malta, che serve a i metallici; di calce viva, di sangue di bue, di fiore di farina… Serve anco di più la calce a fare la malta, de la quale i Romani ammaltarono gli aquedotti, i castellotti de le acque e le piscine, ove le acque si ragunavano: per che questa (come dice Plinio è una cosa tenacissima, e più dura de la pietra; come si può infino ad oggi vedere in Roma;… gli antichi divisero questa fatticia in due spezie; ogn'una de le quali si compone di calce e di grasso di porco: ma l'una di loro vuole anco di più, sugo di fico: l'altra, pece liquida.

2. Per Belletta, Melma. Pataff. 6. (C) E chi è nella malta non trottato. Franc. Sacch. Nov. 190. lvi chi si trovò nella malta infino a gola, e chi infino al mento. Morg. 26, 92. Subito rossa si fece la malta. Bern. Orl. 3. 4. 7. Un tratto sotterrossi nella malta, E viengli addosso un gran monte di rena. [Cont.] Egio, Edif. Giust. Proc. 45. Sendo il paese grasso oltra modo, non solamente quando fusse piovuto più del dovere, e molte nevi al fin liquefatte e temprate: ma ancora che fussin cadute pochissime gocciole di acqua, faceva una malta grandissima.
Malta - S. f. (Min.) Varietà di bitume che si colloca tra il Petrolio e l'Asfalto; è nero o bruno quanto il primo, di una consistenza viscosa, e quasi solido ne' tempi freddi. Brucia con fiamma, con fumo abbondante, e con odore aromatico, come gli altri bitumi, e lascia maggiore residuo, che non il Petrolio. (Dal lat. Maltha, Plin. H. N. II. 104. (Gr. Μάλθα e Μάλθη da Μαλάσσω o Μαλθάσσω, Ammolisco, Intrido), specie di limo combustibile che trovavasi in copia in uno stagno presso la città di Samosata, oggi Sempsat, Semisat, o Simasat nella Siria, e che accendevasi all'acqua.) (Mt.)

[Sel.] Si dà anche il nome di Malte, nell'arte costruttoria, a certi cementi poltigliosi che servono a saldare insieme le pietre da edificare.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: malservite, malserviti, malservito, malsicura, malsicure, malsicuri, malsicuro « malta » maltaggi, maltaggio, maltagliati, maltagliato, maltasi, maltatore, maltatori
Parole di cinque lettere: mallo « malta » malte
Vocabolario inverso (per trovare le rime): calta, lealtà, slealtà, realtà, irrealtà, asfalta, riasfalta « malta (atlam) » smalta, appalta, subappalta, riappalta, salta, esalta, risalta
Indice parole che: iniziano con M, con MA, iniziano con MAL, finiscono con A

Commenti sulla voce «malta» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze