Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «oracolo», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Oracolo

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Informazioni di base
La parola oracolo è formata da sette lettere, quattro vocali e tre consonanti. Lettera maggiormente presente: o (tre).
Divisione in sillabe: o-rà-co-lo. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con oracolo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • L'oracolo dove si riunisce il tuo gruppo religioso è lugubre, fa quasi spavento.
  • Il sacerdote consultò l'oracolo e girandosi verso la folla annunciò il responso.
  • Nell'antichità l'oracolo veniva consultato soventemente dal popolo.
Citazioni da opere letterarie
  • L'isola del giorno prima di Umberto Eco (1994): Si voleva d'altronde che le colombe facessero ufficio di oracolo nel tempio di Giove, dove egli rispondeva per bocca loro. Poi una di queste colombe era volata sino al tempio di Ammone e l'altra a quello di Delfo, per cui si comprende come sia gli Egizi che i Greci raccontassero le stesse verità, sia pure sotto velami oscuri. Senza colomba, nessuna rivelazione.
  • Il paese del vento di Grazia Deledda (1931): Lo sposo è qui, i figli verranno, la morte è lontana. Eppure la voce del cuculo mi attira ancora e, come da bambina, vorrei trovarne il nido, o almeno interrogare di nuovo l'oracolo.
  • Arabella di Emilio De Marchi (1888): Arabella, prima di dire l'ultima parola, volle consultare come un oracolo l'inferma, che molte volte le aveva parlato con una chiaroveggenza meravigliosa. Dio si manifesta nelle anime che soffrono, più che nella luce del sole.
Citazioni
  • Nell'Antologia Romana del 1780, è riportata la frase: "Ecco l'ispirazione di Calcante, la dichiarazione della volontà di Diana, il nuovo oracolo".
  • Il 7 ottobre 2013, il quotidiano Il Sole 24 ore, in un articolo sulla crisi finanziaria e sul prezzo dell'oro, scrive: "Warren Buffett, l'oracolo di Omaha, ha detto che l'oro «non ha utilità» perché troppo volatile".
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per oracolo
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: oracoli.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: orco, orlo.
Parole contenute in "oracolo"
col, ora, colo. Contenute all'inverso: aro, oca, caro, loca.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "oracolo" si può ottenere dalle seguenti coppie: orari/ricolo.
Usando "oracolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * colore = orare; * colori = orari; mio * = miracolo; spio * = spiracolo.
Lucchetti Riflessi
Usando "oracolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ascaro * = asolo; picaro * = piolo; ostro * = ostacolo; spettro * = spettacolo.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "oracolo" si può ottenere dalle seguenti coppie: orare/colore, orari/colori.
Usando "oracolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ricolo = orari.
Sciarade e composizione
"oracolo" è formata da: ora+colo.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Oracolo - Seneca lo definisce la volontà dei numi annunziata per bocca degli uomini. Era la più augusta e religiosa specie di predizione dell'antichità. Il desiderio sempre vivo ed inutile sempre di conoscere il futuro diè nascimento agli oracoli. Oltre a quelli di Delfo che proferiva Apollo, e quel di Dodona e di Ammone in onore di Giove, Marte ne aveva uno in Tracia, Mercurio a Patrasso, Venere a Pafo, Minerva in Micene, Diana in Colchide, Pane in Arcadia, Esculapio ad Epidauro ed a Roma, Ercole in Atene e Gades, Serapi ad Alessandria, Troponio in Beozia ec: L'oracolo di Dodona passò ognora pel più antico, e quello di Antinoo per l'ultimo che fu stabilito. [immagine]
Dizionario compendiato di antichità del 1821/1822
Oracolo - Era una risposta ordinariamente ambigua ed oscura, che i Demonj facevano a quelli, che li consultavano sulle cose future, per bocca de' lor Sacerdoti. Si dava pure il nome di Oracolo al luogo ove si andava a cercare questa risposta, ed al falso Dio che si volea consultare. Un dei più celebri Oracoli dell'Antichità era quello di Delfo, cui presedeva una Sacerdotessa di Apollo chiamata Pythia. Essa non poteva rispondere che in certi giorni, e senza essere come inebriata dal vapor che esalava da una fessura situata dentro del Santuario o Tempio di Apollo, sopra la quale stava un tripode e vi sedeva la Pythia. Avanti di salirvi per sedere essa vi disponeva con lunghi preparativi, con Sacrifizj, colla purificatione, con un digiuno di tre giorni, e con molte altre cerimonie. Tostochè il vapore infernale, come fuoco penetrantissimo, si era sparso nelle viscere della Sacerdotessa, le si vedevano rizzarsi i capelli sul capo, il di lei sguardo era feroce, la bocca spumante, ed un tremito subitaneo e violento s'impadroniva di tutto il suo corpo, infine ella manifestava i sintomi tutti d'una persona agitata da vero furore. Proferiva di tempo in tempo alcune parole mal articolate, che gl'Ipoteti raccoglievano premurosamente, e di cui formavano un senso, e lo davano come risposta di Apollo. Si andava pure a consultarlo in un Tempio vicino a Mileto, i Sacerdoti del quale erano detti Branchidi, ed in altri Tempj a lui dedicati in Claros, in Delos, in Patara, in Phaseli. Vigevano ancora altri Oracoli celebri, come quelli di Giove Ammone, di Dodona, di Peila, di Trofonio, ec.
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Oracolo - S. m. Aff. al lat. aur. Oraculum. Risposta che i Pagani credevano di ricevere dai loro Dei. Da Orare, come il gr. Λογείον. Fir. As. 142. (C) Ricordati al presente dello spaventevole oracolo d'Apolline. Tac. Dav. Ann. 12. 63. Avendo i Greci piantato Bisanzio nell'estremità di Europa, diviso per piccolo stretto dall'Asia, per oracolo d'Apolline Pitio, che rispose loro, si ponessono dirimpetto alla terra de' ciechi. Ciriff. Calv. 4. 116. Che da tutti i bugiardi, e falsi oracoli Degli altri Iddei rimosse lo mio core.

2. Si dice altresì La divinità medesima che dà gli oracoli. Fir. As. 122. (C) Alla sua mogliera manifesta il comandamento del tremendo oracolo. E 321. Quel vecchione, di tanta prudenza dotato, che l'oracolo delfico il giudicò sapiente sopra tutti gli altri mortali. T. Gli rispose l'oracolo. – Ebbe dall'oracolo che…

3. T. E pr. e fig., e serio e iron. Interrogare l'oracolo. – Responsi dell'oracolo.

4. T. Trasl. Di parola venerata e creduta.

T. Di sapienza, anco umana.

5. T. Iron. Quel ch'egli dice, pare oracoli. – Parla da oracolo. Prov. Tosc. 368. Parla come un oracolo. – Oracolo del governo. – L'oracolo tace.

6. Della stessa pers. Bertin. Medic. dif. 322. (Gh.) L'oracolo della medicina (cioè, Ippocrate) in più luoghi ce l'ha insegnato. T. Aristotele oracolo delle scuole. Pallav. Ben. 4. 39. Erode Attico, oracolo dell'età sua. = Car. Lett. 1. 193. (M.) Son ricorso a Monsignore Ardinghello, il quale è l'oracolo di queste cose. T. Suonerebbe meglio: A lui ricorrevano come ad oracolo.

T. Cel. o iron. È il loro oracolo; È divenuto l'oracolo. – Sentiamo quel che dice l'oracolo.

7. Per Predizione. [Camp.] Bib. Is. Prol. Adunque Isaia profeta perfetto in Jerusalem e nella Giudea, ordinoe l'oracolo, cioè la divina profezia, di diece schiatte che furono menate in prigionia. = Segner. Pred. Pal. Ap. 4. 10. (M.) Nè tale egli era di verità, nè poteva essere, secondo tutti gli oracoli de' Profeti, notissimi a quella gente. Varch. Stor. 11. 402. (C) Anche gli oracoli di Pieruccio facevano qualche cosa.

8. Per Verità infallibile. Segner. Pred. Pal. Ap. 6. 12. (M.) La nave di S. Pietro è la Capitana, destinata a portare da un mondo all'altro gli oracoli del Vangelo. T. L'oracolo divino. – Divini oracoli le Scritture ispirate.

9. † Oracolo, per Oratorio. [Camp.] Lam. Trojan. VII. In quello sì devoto e bell'oracolo Orava la devota e bella donna. E Bib. Re, III. 6. Ed era l'oracolo (oraculum) nel mezzo della casa dalla parte dentro, nel quale si poneva l'arca del patto di Dio. = Franc. Sacch. Op. div. 123. (C) Dove la salutò? non era per lo giardino a coglier fiori; era nell'oracolo a adorare.

10. [Camp.] Per Propiziatorio, Coperchio dell'arca santa. Bib. Esod. 37. E fece propiziatorio, cioè un oracolo (propitiatorium, idest oraculum) d'oro mondissimo di due cubiti.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: oracoleggiò, oracoleggio, oracoli, oracolistica, oracolistiche, oracolistici, oracolistico « oracolo » orafa, orafe, orafi, orafo, orale, orali, oralità
Parole di sette lettere: opzionò, opziono, oracoli « oracolo » oralità, oranghi, oratore
Vocabolario inverso (per trovare le rime): cenacolo, pinnacolo, tabernacolo, vernacolo, miracolò, miracolo, spiracolo « oracolo (olocaro) » abitacolo, crepitacolo, pentacolo, tentacolo, ostacolo, ostacolò, ricettacolo
Indice parole che: iniziano con O, con OR, parole che iniziano con ORA, finiscono con O

Commenti sulla voce «oracolo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze