Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «salato», il significato, curiosità, forma del verbo «salare», aggettivo qualificativo, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Salato

Forma verbale
Salato è una forma del verbo salare (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di salare.
Aggettivo
Salato è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: salata (femminile singolare); salati (maschile plurale); salate (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di salato (condito, saporito, insaporito, salino, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Tipi di sapore [Dolce « * » Acido]
Informazioni di base
La parola salato è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: sa-là-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con salato per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Lo stoccafisso salato è un ingrediente molto usato in cucina.
  • Sono stato al Florian a bere un caffè: mi sono trovato con un conto salato. Pure la musica ho pagato!
  • Erroneamente ho bevuto il caffè salato e per poco non rimettevo.
Citazioni da opere letterarie
Le Selve Ardenti di Emilio Salgari (1910): E chi sa quanto quelle stragi si sarebbero prolungate, poiché gli alleati erano ormai padroni della prateria dalle rive dell'Arkansas a quelle del gran Lago Salato, senza una sorpresa tentata dal colonnello americano Chivington, un uomo dal cuore duro e che doveva più tardi per le sue crudeltà farsi degradare.

Cosima di Grazia Deledda (1936): Poi le ragazze si ammalarono: anche Cosima si sentì stringere la gola, fu assalita da una febbre altissima e cominciò a sognare le cose più strane e spaventose. Giaceva nel letto della camera a pian terreno, e nei momenti di lucidità vedeva il viso pallido della madre piegarsi sul suo e ne provava un senso di frescura come se una ninfea umida la sfiorasse: ma un giorno, il giorno di Sant'Antonio, grosse gocce di rugiada parvero cadere da quel fiore: era ardente, però, quella rugiada; e Cosima ne sentì anche il sapore salato: il sapore del più grande dolore che possa colpire una donna.

Il resto di niente di Enzo Striano (1986): Le sembra di sentirsi meglio, è bastato vedere cielo, luce, mondo. Le hanno lasciato un'altra pagnottina, la brocchetta con l'acqua. Scende con cautela, beve un sorso. Il pane è soffice, umidiccio, salato, non le spiace il sapore granuloso della crusca. Ne mangia ancora, e le tornano i crampi nello stomaco, nausea. Suda freddo. Riesce appena a stendersi sulla panca. No. Non può andare avanti così. Ma non s'occupano, qui, dei prigionieri ammalati? Nella sbiadita confusione che le vagabonda in capo, ricorda che Cirillo una volta disse d'aver visitato i carcerati di Santa Maria Apparente. Forse per propria iniziativa.
Proverbi
  • Chi mangia salato cade sempre malato.
Libri
  • Una ballata del mare salato (Scritto da: Hugo Pratt; Anno 1967)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per salato
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: calato, malato, palato, sabato, salano, salata, salate, salati, salavo, salito, saluto, sanato.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: calata, calate, calati, malata, malate, malati, palata, palate, palati.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: alato, salto.
Altri scarti con resto non consecutivo: salo, slat, alto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: esalato, saldato, salpato, salsato, saltato, salvato, scalato, spalato.
Parole con "salato"
Iniziano con "salato": salatore, salatori.
Finiscono con "salato": esalato, dissalato, marsalato.
Contengono "salato": esalatore, esalatori, insalatona, insalatone, dissalatore, dissalatori.
»» Vedi parole che contengono salato per la lista completa
Parole contenute in "salato"
ala, lato, sala, alato.
Incastri
Si può ottenere da sto e ala (SalaTO).
Inserito nella parola ere dà EsalatoRE; in eri dà EsalatoRI.
Inserendo al suo interno ari si ha SALariATO; con can si ha ScanALATO; con lici si ha SAliciLATO; con modi si ha SALmodiATO; con tramp si ha StrampALATO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "salato" si può ottenere dalle seguenti coppie: sapa/palato, sape/pelato, saper/perlato, savio/violato, salare/areato, sali/iato, salme/meato, salvai/vaiato, salace/ceto, salaci/cito, salacità/citato, salai/ito, salami/mito, salamoni/monito, salano/noto, salari/rito, salarino/rinoto, salavi/vito, salavo/voto.
Usando "salato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * latori = sari; dissala * = disto; pensala * = pento; * atomi = salmi; * atomo = salmo; avvisala * = avvito; casa * = calato; capisala * = capito; cosa * = colato; orsa * = orlato; pesa * = pelato; * tomi = salami; * tono = salano; * tori = salari; tesa * = telato; adusa * = adulato; balsa * = ballato; bolsa * = bollato; parsa * = parlato; persa * = perlato; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "salato" si può ottenere dalle seguenti coppie: salava/avallato, sarò/orlato, salerà/areato, salma/amato, salvi/ivato, salvo/ovato, salare/erto, salari/irto.
Usando "salato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otre = salare; * otri = salari; * ottura = salatura.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "salato" si può ottenere dalle seguenti coppie: resa/latore, risa/latori.
Usando "salato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: latore * = resa; latori * = risa; * resa = latore; * risa = latori.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "salato" si può ottenere dalle seguenti coppie: sari/latori, salmi/atomi, salmista/atomista, salmiste/atomiste, salmisti/atomisti, salmo/atomo, salacca/tocca, salacchino/tocchino, salami/tomi, salamini/tomini, salamino/tomino, salamone/tomone, salamoni/tomoni, salando/tondo, salangana/tongana, salangane/tongane, salano/tono, salante/tonte, salari/tori, salarino/torino, salario/torio...
Usando "salato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: colato * = cosa; orlato * = orsa; pelato * = pesa; * pelato = sape; telato * = tesa; adulato * = adusa; ballato * = balsa; bollato * = bolsa; parlato * = parsa; perlato * = persa; prelato * = presa; * meato = salme; * perlato = saper; * violato = savio; spelato * = spesa; intelato * = intesa; * ceto = salace; * cito = salaci; * mito = salami; * noto = salano; ...
Sciarade incatenate
La parola "salato" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: sala+lato, sala+alato.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "salato" (*) con un'altra parola si può ottenere: * di = saldatoi; * ti = saltatoi; * cd = scaldato; * pc = spalcato; * dio = saldatoio; * tre = saltatore; * cri = scalatori; * cibo = sciabolato; astri * = assaltatori; * cibori = sciabolatori.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Salume, Salato, Affettato, Salame, Mortadella, Salamino - Salume è il più generico, e comprende tutte le carni conservate per mezzo del sale, siano di majale, siano di pesce, e si restringe talora a significare solo quest’ultime. S’usa in singolare e in plurale, ma più spesso in plurale. - « I salumi non sono per gli stomachi deboli. » - « Tu mangi troppi salumi. » - Salato, a modo di sostantivo, non comprende che le carni di majale, né in Toscana è comune come nel Veneto, in Lombardia e in Piemonte. S’usa quasi sempre in singolare. - « Per i principii compra un po’ di salato. » - Talora, ma più raro, anche in plurale, intendendo in genere le carni di porco salate. - « Quest’anno i salati son molto cari. » - Affettato si dice in generale di salame, mortadella, prosciutto e simili tagliati a fette. - « Fo colazione con un po’ d’affettato. » - « Per i principii basterà un franchetto d’affettato. » - Per Affettato s’intende più spesso Fette di salumi di varie qualità. – Il Salame e la Mortadella da taluni si confondono malamente. Sono fatti ambedue di carne di majale tagliuzzata, acconcia con sale e droghe, messa e pigiata in un pezzo di grosso budello di varia lunghezza, legato con spago ai due capi; ma la Mortadella è per solito più grossa e più ordinaria, e in alcuni luoghi fuor di Toscana è fatta in gran parte con fegato di majale. La Mortadella è, come a dire, un salame volgare: però la Mortadella di Bologna è una specie di salame sceltissimo, di un rosso pallido, molto grosso, ma corto. - Salamino è diminutivo e talora vezzeggiativo di Salame; Salame piccolo o Salame molto buono. - « Che salamino piccino! » - « Senta che delizia questo salamino! » - A modo di positivo si dicono Salamini certi piccoli salami che si mangiano poco dopo insaccati, mentre il Salame propriamente detto dev’essere stagionato per un buon po’ di tempo. G. F. [immagine]
Salato, Salso, Salato arrabbiato, Amaro sale - Salato si dice di quelle cose nelle quali si mette il sale per dare ad esse sapore, come le vivande; e spesso si sottintende quando ce n'è troppo. «Questa minestra è salata;» ma è modo ellittico, dove si intende troppo. Nel traslato si dice di quei motti o di quelle scritture che urbanamente e briosamente censurano qualcuno. - Salso suol dirsi di quelle cose che naturalmente contengono dei sali. Acqua salsa, Umori salsi. Sapore salso. - [Di cibo troppo salato si dice per enfasi Salato arrabbiato. - «Quel baccalà era salato arrabbiato. - Gli uccelli arrosto eran salati arrabbiati.» - Per canzonare i Pratesi della loro pronunzia corre proverbiale in Toscana questo miracolo di aspirazione: Sono staho da una monaha mi' amiha, e l'ha m'ha daho un'insalaha salaha arrabbiaha (Sono stato da una monaca mia amica e la mi ha dato un'insalata, salata arrabbiata). - Di cibo eccessivamente salato così che disgusti il mangiarlo, suol dirsi comunemente Amaro sale. - «M'hanno portato la minestra amara sale e non l'ho potuta mandar giù.» - «Com'è amaro sale questo intinto!» - Amaro di sale ha esempii, ma s'ode di rado. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Sale, Sali, Salsezza, Salsedine, Salato, Salso, Salsa - Sale, prima d'ogni altra cosa, quello della cucina; poi ogni prodotto chimico cristallizzato sotto forma di sale; ma questi o si dicono in plurale sali, o si unisce al generico sale il nome speciale d'ognuno, come salnitro, sal di saturno, ecc. Salsezza è il sapore proprio del sale, che ha però un sotto-sapore amaro; salsedine è un soverchio sapore o condimento di sale. La salsedine poi è una malattia, o un fenomeno cutaneo di quelle malattie per cui si espande l'acrimonia del sangue alla cute; in qualche luogo questa salsedine è chiamata col nome generico di sali; salata è la cosa acconciata con di molto sale, acciò si conservi buona da mangiare per un qualche tempo; salata la minestra, o altro cammangiare che non sia dolce di sale, e più se eccede in salsezza. Salsa l'acqua del mare. Salse chiamansi quegli intingoli con cui si stimola il palato, e forse così dette dal dover essere piuttosto piccanti per solleticare le papille del palato medesimo. [immagine]
Saporito, Saporoso, Salato, Sapido - Sapido, che non è insipido; saporoso, che ha un sapore caratterizzato, distinto e piuttosto buono che cattivo; saporito, che ha sapore piacevole e piccante; salato ha diversi gradi di significazione: 1° la minestra per es. in cui s'è messo sale a sufficienza è stata salata, altrimenti non avrebbe grato sapore: quella che non è salata a sufficienza è insipida; 2° la minestra in cui si è messo troppo sale è salata, e allora significa eccesso; è tanto salata che non si può mangiare: 3° la carne salata, i pesci salati e tutto ciò che è conosciuto sotto il nome di salume, ha più sale che non comporta il gusto; va lavato, lasciato in molle nell'acqua acciò ne smetta alquanto: la carne di maiale così salata si mangia a piccoli bocconcelli con molto pane affine di equilibrare l'eccesso del sale. [immagine]
Salame, Salsiccia, Mortadella, Salsicciotto, Rocchio, Salume, Luganega, Salato - Il salame è legato collo spago alle due estremità e di tratto in tratto in tutta la sua lunghezza; si mangia crudo, a fette sottili, come sa ognuno che ne abbia mangiato: se ne mangia anco del cotto; ma in questo sono nervi e cotenna della testa specialmente, che crudi sarebbero troppo duri, onde si deve far cuocere, e molto, perchè diventi mangiabile. La salsiccia è insaccata in budelli più sottili e lunghi, perciò detta in più luoghi luganega; è di carni più trite e peste; non è legata; si mangia cotta sempre ne' modi che ogni cuciniera ed ogni buon mangiatore sa; si conserva pochi dì, una settimana appena o poco più; il salame invece dura l'intero anno in buono stato; ed anzi troppo fresco non è buono a mangiarsi, perchè il sale non ha avuto tempo di cuocere bene le carni di cui è composto. Il salsicciotto è un quid medii fra il salame e la salsiccia; è grosso come quello, e dura un po' più di questa, e come questa ha da mangiarsi cotto con cavoli (in francese choucroute) o altra verdura. La mortadella è una specie di grosso salame fatto di carne più ordinaria. Il rocchio o è un salsicciotto intero, o è un pezzo di esso o anco di salame se vuolsi: rocchio perchè cilindrico e grossotto e lungo come un pezzo di legno. Salumi sono non solo le carni di maiale salate e in diversi modi accomodate, ma anco altre carni e pesci acconciati con sale onde abbiano a durare. In Piemonte ho sentito dire salato al salame, ma è francesismo (salè) scusabile in questa regione d'Italia troppo vicina alla Francia per non averne di molti. Salato al più è, come salume, ogni specie di carne salata o altro. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Pesce salato - Fedippate fu il primo fra i Greci a cui venne il pensiero di salare il pesce, e per tal modo correggere quell'eccesso d'umidità che lo rende tanto soggetto a guastarsi. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: salasti, salata, salatamente, salate, salati, salatini, salatino « salato » salatore, salatori, salatrice, salatrici, salatura, salature, salava
Parole di sei lettere: salata, salate, salati « salato » salava, salavi, salavo
Lista Aggettivi: sahariano, salariale « salato » saldato, saldo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): palato, strampalato, impalato, spalato, generalato, spiralato, caporalato « salato (otalas) » esalato, marsalato, dissalato, tereftalato, quintalato, immortalato, cablato
Indice parole che: iniziano con S, con SA, parole che iniziano con SAL, finiscono con O

Commenti sulla voce «salato» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze