Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «timido», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Timido

Aggettivo
Timido è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: timida (femminile singolare); timidi (maschile plurale); timide (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di timido (introverso, timoroso, insicuro, chiuso, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Carattere delle persone [Testardo « * » Timoroso]
Giochi di Parole
La parola timido è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: tì-mi-do. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di timido con quelle di un'altra parola si ottiene: +ada = additiamo; +ara = amidatori; +ras = arditismo; +can = citandomi; +[ave, eva] = demotivai; +caì = diatomici; +oca = diatomico; +oca = dicotomia; +[ceo, eco] = dicotomie; +[agi, gai, già] = digitiamo; +ala = dilatiamo; +uni = diminuito; +rna = dimoranti; +[are, era, rea] = dimoriate; +ras = dimostrai; +[bar, bra] = ditirambo; +cra = domatrici; +san = dominasti; +rna = dormitina; +[bau, bua] = dubitiamo; +alé = etmoidali; +sii = idiotismi; ...
Vedi anche: Anagrammi per timido
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: timico, timida, timide, timidi, tumido.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: timo.
Parole contenute in "timido"
Contenute all'inverso: odi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "timido" si può ottenere dalle seguenti coppie: timica/cado.
Usando "timido" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * midolla = tilla; * midollo = tillo; * dona = timina; * dong = timing.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "timido" si può ottenere dalle seguenti coppie: timina/andò.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "timido" si può ottenere dalle seguenti coppie: tilla/midolla, tillo/midollo, timina/dona, timing/dong.
Usando "timido" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * cado = timica.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "timido"
»» Vedi anche la pagina frasi con timido per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Tutti ritengono che io sia un timido, ma non sanno di quanto sono lontani dalla verità.
  • Quel timido raggio di luce, proveniente dal sole, illuminava la finestra.
  • Nella vita lui non è mai stato timido ma neanche sfacciato.
Titoli di Film
  • Marty, vita di un timido (Regia di Delbert Mann; Anno 1955)
Canzoni
  • Il timido ubriaco (Cantata da: Max Gazzè; Anno 2000)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Casoso, Timido, Pauroso, Peritoso - Casoso è colui che di ogni piccola cosa si fa caso, e se ne attrista, ovvero a qualunque piccolo malore si abbatte e s'impensierisce. - Timido è colui che per natura teme di ogni cosa, nè si attenta a nulla, e in tutto scorge pericolo o vergogna. - Il Pauroso può venir tale per educazione, per abito, per esaltata fantasia: il pauroso può non esser timido. Giovanni delle Bande Nere, prode e audace capitano, aveva paura a star solo la notte. Il timore è nel cuore; la paura nell'immaginazione. - Peritoso è colui che nella comune usanza non si attenta, e si trova impacciato o a parlare o a fare atti di civiltà, lasciandosi sopraffare dalla vergogna e dal troppo rispetto. [immagine]
Timorato, Timoroso, Timido - Timorato è per i cristiani Colui che ha il santo timor di Dio. - Timoroso, Colui che per natura aborre ogni azione tanto o quanto rischiosa, e per tutto vede il pericolo. - Timido è Colui che nella consuetudine tra gli uomini teme sempre di scomparire, e si trova impacciato a fare qualunque cosa che abbisogni di prontezza e vivacità. Al Timoroso si contrappone l'Audace e il Temerario, al Timido lo Sfacciato e lo Svergognato. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Timore, Paura, Spavento, Terrore, Orrore, Apprensione, Tema, Temenza, Timidità, Timidezza, Trepidazione, Timido, Timoroso, Timorato; Temere, Timidarsi, Peritarsi - Il timore è sentimento non odioso; è anzi una specie d'amore alquanto ritroso e pavido: chi teme ama; è proverbio antico. La paura invece è tremebonda e diffidente, moti ripulsivi affatto; lo spavento è paura eccessiva; l'orrore è avversione e ripugnanza estrema: chi ha orrore del vizio, certo ha in sè una pressochè sufficiente garanzia di non lasciarvisi andare. La tema è principio di timore; la temenza è disposizione a temere, a diffidare di sè quanto e più che d'altri. La timidità è quel certo timore pudico che ci fa star addietro, non osare: il timido si astiene dalle cose che fanno chiasso, rifugge dal mettersi in pretensione, e ciò non per vero timore, ma per modestia, per umiltà; il timoroso invece teme proprio di più; in lui agisce l'apprensione di far danno ad altri o a se stesso. Timorato non si usa che in timorato di Dio, ed ha buon senso: timido invece vuol dire talora pusillanime, e timoroso, diffidente di troppo. La timidezza è proprio l'abito del temere; ma veramente tra timidità e timidezza non ci vedo gran differenza, se non che l'ultimo è meno usato. Trepidazione è timore e tremore, è affanno, è paura effettiva per cui si paventa male imminente e non facile a schivarsi. Trepidare è un temere tremando o vacillando: si teme e per sè e per altri; si teme il male, e in certi casi anco l'eccesso del bene; si è trepidanti per sè soli, o al più pe' carissimi; perché in questa sensazione più che il sentimento agisce un malessere fisico o l'apprensione di esso: perciò intrepido chi non teme, chi non trema del pericolo. Peritarsi (dal gredo peri molto, e treo io tremo, così in dizion. di Napoli) sarebbe un temer molto e a segno di tremare; ma è pià un vergognarsi, avere quel certo timore di non far bene che ha chi diffida di sè, per non saper bene, o per non avere pratica o quell'assicuranza che viene anco da coraggio naturale; è un dubitare dell'esito delle cose per causa nostra. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Timido - Agg. Che teme agevolmente e per poco Timidus, aureo. Bocc. Nov. 9. g. 9. (C) Ci ha fatte ne' corpi dilicate e morbide, negli animi timide e paurose. Petr. cap. 3. Timida, ardita vita degli amanti. T. Ovid. Pist. 133. La timida mano alzò il coltello. [Pol.]Tass. Ger. lib. 4. 88. E così i pigri e timidi desiri sprona. [Cont.] G. Suor. M. C. Lett. 63. La madre badessa… giudica esser conveniente l'indugiar a domandarla (la grazia da monsignor arcivescovo) dopo pasqua. Intanto V. S. sarà da noi, e potrà in voce trattarne con lei, che veramente è persona molto prudente e discreta, ma assai timida.

[Pol.] D. 3. 17. E s'io al vero son timido amico, Temo di perder vita tra coloro, Che questo tempo chiameranno antico. Chiabr. Serm. 2. E rallegrarten puoi, Poichè d'essa (della virtù) non sei timido amico. T. Vang. Perchè siete timidi?

T. A modo di sost. Prov. Tosc. 239. Fortuna i forti ajuta, e i timidi rifiuta.

2. [Cont.] Di bestia. Gris. Cav. 90. Si potrebbe dire che il castigo di bastone fa il cavallo timido, e gli toglie l'ardire. [Pol.]Fortig. Ricciard. 18. 79. Pe' campi aperti a timida lepretta, Ed ora a damma iva Despina appresso.

3. Tral. T. Timido fiore in chiusa valle olezza. – La timida mammoletta.

4. Per Oppresso da timore. Bocc. Nov. 7. g. 2. (C) Trovò la gentil giovane… sotto il becco della proda della nave tutta timida star nascosa. E nov. 8. g. 5. Tutto timido divenuto, e quasi non avendo pelo addosso che arricciato non fosse. E nov. 2. g. 9. La giovane vergognosa e timida, siccome colpevole, non sapeva che si rispondere. Amet. 50. Io non usata di così fatte boci, timida, dubitando di peggio, cominciai a tremare come il mobile giunco mosso dalle soavi aure. Dant. Inf. 17. Allor fu' io più timido allo scoscio, Perocch' i' vidi fuochi, e sentii pianti. Ovid. Pist. 9. La qual cosa poichè pervenne a' miei timidi orecchi, il mio petto è stato sanza anima.

5. † Per Formidabile, Che impone timore. Amet. 71. (C) Tutto il cerchio ripieno di popolo possente e timido a tutto il mondo.[Val.] Sacchett. Battagl. 1. 6. E questo ben parea timido e scuro.

6. [Camp.] Farsi timido, per Arrossire, abbassando gli occhi per pudore. D. 3. 27. E come donna onesta che permane Di sè sicura, e per l'altrui fallanza, Pure ascoltando, timida si fane (si fa).
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: timidezza, timidezze, timidi, timidina, timidine, timidini, timidino « timido » timiducce, timiducci, timiduccia, timiduccio, timina, timine, timing
Parole di sei lettere: timidi « timido » timina
Lista Aggettivi: tignoso, timbrico « timido » timoroso, tinto
Vocabolario inverso (per trovare le rime): semisolido, consolidò, consolido, stolido, amido, inamidò, inamido « timido (odimit) » umido, tumido, nido, guardanido, annido, annidò, micronido
Indice parole che: iniziano con T, con TI, parole che iniziano con TIM, finiscono con O

Commenti sulla voce «timido» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze