Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dolere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dolere

Verbo
Dolere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, intransitivo. Ha come ausiliare sia avere che essere. Il participio passato è doluto. Il gerundio è dolendo. Il participio presente è dolente. Vedi: coniugazione del verbo dolere.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola dolere è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: do-lé-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: lederò.
dolere si può ottenere combinando le lettere di: [ero, ore, reo] + [del, led].
Componendo le lettere di dolere con quelle di un'altra parola si ottiene: +sob = bordolese; +can = calderone; +cra = declorare; +tac = declorate; +cra = declorerà; +tai = delatorie; +gal = delegarlo; +nei = delineerò; +zii = delizierò; +[par, rap] = deplorare; +tap = deplorate; +[par, rap] = deplorerà; +pro = deplorerò; +dir = deriderlo; +giù = dileguerò; +sos = dolessero; +tot = elettrodo; +emù = eluderemo; +spa = esploderà; +pos = esploderò; +fon = ferendolo; +gas = godersela; +set = lodereste; +rom = lorderemo; ...
Vedi anche: Anagrammi per dolere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: dolete, dolore, dovere, solere, volere.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: boleri, bolero, colera, colerà, colerò, voleri, volerà, volerò.
Parole con "dolere"
Contengono "dolere": dondolerei, ciondolerei, dondoleremo, dondolerete, sbrodolerei, abbindolerei, ciondoleremo, ciondolerete, dondolerebbe, dondoleremmo, dondolereste, dondoleresti, sbrodoleremo, sbrodolerete, abbindoleremo, abbindolerete, ciondolerebbe, ciondoleremmo, ciondolereste, ciondoleresti, sbrodolerebbe, sbrodoleremmo, sbrodolereste, sbrodoleresti, abbindolerebbe, abbindoleremmo, abbindolereste, abbindoleresti, dondolerebbero, ciondolerebbero, ...
»» Vedi parole che contengono dolere per la lista completa
Parole contenute in "dolere"
ere, olé.
Incastri
Inserito nella parola doni dà DONdolereI; in abbini dà ABBINdolereI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "dolere" si può ottenere dalle seguenti coppie: doga/galere, doso/solere.
Usando "dolere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cedole * = cere; bado * = balere; cedo * = celere; * rete = dolete; sodo * = solere; vado * = valere; * rendo = dolendo; * evi = dolervi; * resse = dolesse; * ressi = dolessi; * reste = doleste; * resti = dolesti; * ressero = dolessero.
Lucchetti Riflessi
Usando "dolere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = dolete.
Lucchetti Alterni
Usando "dolere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: balere * = bado; celere * = cedo; * galere = doga; valere * = vado; * mie = dolermi; * vie = dolervi.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "dolere" (*) con un'altra parola si può ottenere: adori * = addolorerei.
Frasi con "dolere"
»» Vedi anche la pagina frasi con dolere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il dolere per la situazione creata mi fece pensare tanto.
  • Il dolere continuo della schiena di mia figlia mi preoccupa molto.
  • Spero che dopo aver preso questo analgesico la mia schiena smetta di dolere.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Dolere - V. n. ass. In gener. Avere o Sentir dolore. Aureo lat.

Uscite antiche. Salv. Avvert. 1. 3. 3. 19. (M.) Dolsi e dolfi; dolse e dolfe, dolsero e dolfero, dolsono e dolfono…, sono molto spessi.

Bemb. Pros. 3. 153. (M.) In quelli che v'hanno la L, essa v'aggiugne la S, e valsi, dolsi ne fa che dolfi eziandio si disse… E appresso: Più nuovo pare a dire dolfe; conciossiacosachè la F non sia la lettera di questo verbo, nè in alcuna altra parte di lui abbia luogo, se non in questo tempo, nel quale dolfi e dolfero eziandio alcuna volta dagli antichi s'è detto.

[Fanf.] Dolfe. Si legge spesso nella vita di Giannozzo (Cod. marucell. c. 317.) tra l'altre a pag. 214.

Cavalc. Med. cuor. 27. (M.) Si dogga (si dolga). E Discipl. spir. 87. Si doggono (si dolgono).

Vit. SS. Pad. 2. 146. (M.) Dolfonsi (si dolsero).

Dolia o Dolie per Dolga. Nann. Verb. 791.

Vit. S. Gir. 61. (M.) E però se noi ci dolghiamo (dogliamo).

[Val.] Pucc. Centil. 25. 75. Genovesi e Lucchesi si dolieno De' Fiorentin.

T. Dolve per Dolse D. (1. 2.) rende doluit, mutata la voc. in conson., al contrario de' Lat. che scioglievano solvit in soluit; ma poi facevano consonante la vocale in Mnestheus, tenuis, e altri sim.

2. Della parte del corpo ove si sente il dolore. Bocc. g. 2. f. 1. (C) Questa novella diè tanto che ridere a tutta la compagnia, che niun v'era a cui non dolessero le mascelle. E nov. 40. 15. Dogliendogli il lato in sul quale era. Bern. Orl. 2. 28. 58. Langue ogni membro, quando, il capo duole. (Ed è maniera passata in proverbio.) T. Prov. Tosc. 73. A chi consiglia non gli duole il capo. E 78. A chi stima non duole il capo. (Non giudica il prezzo secondo il costo.)

(Tom.) Mi duole la bocca, la piaga, e sim. Prov. Tosc. 90. A chi duole il dente Se lo cavi. (Affronti i rimedi dolorosi.) E 22. La lingua batte dove il dente duole. (La passione nelle parole si manifesta.) E 185. Il fresco della state fa dolere il corpo d'inverno. (Effetti lontani dell'imprudenza e de' falli.)

T. Fam. Di chi è morto. Non gli dolgon più i denti. Traduce volgarm. Finì di patire.

3. Prov.: Tu mi tocchi dove mi duole: e vale Tu parli di cosa che m'importa, e di cui ho passione. Ciriff. Calv. 1. 33. (C) E disse: tu m'hai tocco ov'e' mi duole. Car. Lett. 71. (M.) Voi mi avete tocco a punto dove mi duole, a ricordarmi la miseria dello scrivere.

4. T. Quasi impers. Mi duole tutti i denti, Mi duole le gambe, le costole. – Ha il modo dell'impers. lat. Mi dolgono dá un senso distinto alla parte, Mi duole denota il sentimento indeterminato, una causa mezzo ignota.

5. Senso mor. T. Car. Long. Sof. 31. Mi doleva l'anima, mi tremava il cuore. – Mi duole il cuore; hanno fatto tutti a chi più me lo straziava.

6. Del male stesso. Petr. son. 198. (C) Il mal che mi diletta e non mi duole. T. Prov. Tosc. 284. Mal che non duole, guarire non puole. (Il dolore ci avverte della necessità del rimedio.)

T. Ass. impers. Prov. Tosc. 118. A chi non duole giudica bene i colpi. (Chi non è nel caso, è giudice spassionato, ma anche troppo freddo o severo.) E 266. Non dar che dolga, e non ischerzar sul vero. (Nel conversare e celiare.)

7. E detto dell'animo. Affliggersi, Aver dispiacere, Provar dolore, pena di spirito. Petr. canz. 22. 4. (C) Là dove più mi dolse, altri si duole, E dolendo addolcisce il mio dolore. E son. 123. Talchè di rimembrar mi giova e duole. E 193. Forse, o che spero, il mio tardar le duole. E 180. Più l'altrui fallo che il mio mal mi duole. E 226. E se di voi son privo Via men d'ogni sventura altra mi duole. E 23. 5. E di nostro tardar forse gli dole. [G.M.] Segner. Crist. Instr. 1. 15. Questo mi duole sopra ogni altro abuso. [Camp.] D. Inf. 24. E detto l'ho perchè doler te n'debbia.

T. È più di Dispiacere. Giorn. Arch. St. 1858. p. 215. Che molto gli dispiacerebbe e dorrebbe il vivere tirannico.

T. Agn. All. Cap. 401. Dove più le duole.

8. Ed in modo anche più assoluto. † Rim. ant. Guitt. 92. (C) Doglio e sospiro di ciò che m'avvene. Franc. Barb. 352. 3. (M.) Quando più dimostro Tender alfin, più doglio. Dant. Majan. Non doglio eo già, perch'eo sovra giojosa Distretto sia da vostra gentil cara. [Camp.] G. Giud. A. Lib. 12. E se solamente di noi, che siamo qui inarmati, mostri d'avere tanto dolore, quanto più dolerai, se d'attorno alla tua cittade contra di te vederai più di CC milia uomini a cavallo? E Lib. 27. Dolea forte re Priamo, dolea la regina Ecuba, dolea… doleano ancora universalmente li Trojani. T. Bald. Apol. 90. Lascia doler me che sostengo te.

9. Increscere; Aver per male, ed anche Aver compassione. Vit. Margh. 132. (C) Margherita, fortemente dolemo di te, perocchè ti veggiamo ignuda lacerare. Dant. Purg. 4. Poi cominciai: Belacqua, a me non duole Di te omai; ma dimmi, perchè assiso Qui ritta se'? Nov. ant. 59. 2. Giunto Ipocras, trovando la madre morta, gliene dolse duramente. Bocc. Nov. 18. 38. Queste parole udì il conte, e dolsergli forte.

10. N. pass. Rammaricarsi, Lamentarsi, Mettere o Trar guai, Angosciarsi, Affannarsi, Sconfortarsi, Crucciarsi. Petr. canz. 6. 2.(C) E se pur s'arma talora a dolersi L'anima, a cui vien manco Consiglio. E son. 189. Nè il pastor, di che ancor Troja si duole. E 226. Bene ho di mia ventura, Di Madonna e d'Amore onde mi doglia. Bocc. Nov. 1. 11. Di che li due fratelli si dolean forte. E nov. 17. 20. E della sua prima sciagura e di questa seconda si dolse molto. E nov. 94. 5. Il quale di ciò, ancorachè della sua grazia fosse poverissimo, si dolse molto ultimamente seco, dicendo…

T. Prov. Chi casca da sè non si duole. (Di male voluto l'uomo è contento.)

T. Dolersi può essere con men lunga e espressa querela che Lamentarsi. Lod. Ar. Lett. Mi dolgo e mi lamento.

11. [Camp.] Dolersi in fino alla morte, per Dolersi inestimabilmente, modo enfatico e di gran forza. Aquil. III. 70. Li vennero incontro con gran pianto, mostrando che di sua perdita si doleano in fino alla morte.

12. T. È men di Pentirsi, anche quando gli è più aff., perchè nel pentirsi è un dolore, il quale intendesi che cominci a essere pena e espiazione del fallo. Poi nel pentimento possono essere gradi varii, e quasi tinte di dolore. Giorn. Arch. St. 1858. p. 215. Di che mi dolgo e pento, e ho domandato la assoluzione.

13. T. Non esprimere il dolore, ma sentirlo. Se vuoi ch'io pianga, devi prima dolerti tu stesso. Prov. Tosc. 292. Chi men sa, men si duole. (Il savio: Scienza aggiunge affanno.)

14. T. Fig. La natura si duole del non essere soddisfatta, Hor.

T. Altro fig. Fosc. Molle il flauto si duole.

15. T. Assol. A' mali altrui. D. 1. 33. Ben se' crudel se tu già non ti duoli Pensando quel che al mio cuor s'annunziava.

16. T. Dolersi di gamba sana; Chi si querela di mali immaginarii, o per cosa di che avrebbe a lodarsi.

17. T. Dolersi di, aff. a Contro. R. burl. 90. (Alla Morte che finì un valent'uomo) Il suo bell'Arno Piange, e di te si duol.

T. Se non sapete patire nè la libertà nè la schiavitù, doletevi di voi stessi.

18. E a modo di Sost. Bocc. Nov. 16. 5. (C) Avvenne che essendo ella al suo dolersi occupata… una galea di corsari sopravvenne.

19. Lamentarsi d'alcuno o ad alcuno, Querelarsi, Richiamarsi, e sim. Petr. canz. 40. 2. (C) Amor, tu 'l senti, Ond'io teco mi doglio. G. V. 9. 77. 1. Gran parte di Guelfi… segretamente si dolsero per lettere e ambasciate al re Ruberto. Bocc. g. 2. n.2. Spesse volte dolendosi alla fortuna (con la…). E g. 10. n. 8. Se tu non fossi di conforto bisognoso come tu se', io di te a te medesimo mi dorrei. Franc. Sacch. Nov. 34. Il Calonaco, che s'era ito a dolere al Cardinale, e che… E nov. 78. Ugolotto si dolse allo esecutore e del primo caso e del secondo.

20. † E fig. Dant. Rim. 21. (Mt.) Morte poich'io non trovo a cui mi doglia…

21. Trasl., per Sofferir danno. Ar. sat. 6. (Mt.) Trovi marito, e modo che si tolga Di casa una sorella, e un'altra appresso, E che l'eredità non se ne dolga.

22. Nota usi. Fav. Esop. 190. (M.) Sentendo il bifolco dolersi (sentendosi che gli facean dolere) i colpi del cavaliere,…

Ar. Fur. 1. 22. (M.) E si sentian degli aspri colpi iniqui Per tutta la persona anco dolersi.

23. T. A modo di Sost. Prov. Tosc. 292. Chi acquista sapere, Acquista dolere.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: dolendosi, dolendoti, dolendovi, dolente, dolentemente, dolenti, dolerci « dolere » dolermi, dolersi, dolerti, dolervi, dolesse, dolessero, dolessi
Parole di sei lettere: doglie « dolere » dolete
Lista Verbi: documentare, dolcificare « dolere » domandare, domare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ellere, eccellere, espellere, riespellere, divellere, svellere, collere « dolere (erelod) » solere, volere, stravolere, rivolere, malvolere, benvolere, disvolere
Indice parole che: iniziano con D, con DO, iniziano con DOL, finiscono con E

Commenti sulla voce «dolere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze