Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «altro», il significato, curiosità, aggettivo indefinito, associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Altro

Aggettivo
Altro è un aggettivo indefinito. Forme per genere e per numero: altra (femminile singolare); altri (maschile plurale); altre (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di altro (differente, diverso, nuovo, distinto, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
diverso (19%), ancora (9%), mondo (7%), consumo (5%), uno (4%), modo (3%), giorno (2%), questo (2%), lui (2%). Vedi anche: Parole associate a altro.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Informazioni di base
La parola altro è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: àl-tro. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche le pagine frasi con altro e canzoni con altro per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Altro che facile, il compito che mi hanno assegnato è davvero difficile e snervante.
  • Non pensare ad altro e cerca di concentrarti sullo studio!
  • Quando lei se ne è andata non riuscivo a pensare a null'altro, solo ai suoi dolci occhi.
Citazioni da opere letterarie
Il polso di Adolfo Albertazzi (1914): — È vero? — incalzava l'altro — : di vostro marito? — Sì! — E questo non fu il solito sì; fu un sì aspro, secco, trafiggente. L'altro continuò: — E voi fino ad oggi avete sofferta la mia servitù solo per la moda? — Sì! — .... e io vi ho annoiato sempre, sino ad oggi, senza accorgermene? — Sì! - La Fratta divenne rosso. Ma era cavaliere, e si contenne.

Il deserto dei tartari di Dino Buzzati (1940): Non più alle finestre si affacceranno ridenti figure, ma volti immobili e indifferenti. E se lui domanderà quanta strada rimane, loro faranno sì ancora cenno all'orizzonte, ma senza alcuna bontà e letizia. Intanto i compagni si perderanno di vista, qualcuno rimane indietro sfinito, un altro è fuggito innanzi, oramai non è più che un minuscolo punto all'orizzonte.

Mastro-don Gesualdo di Giovanni Verga (1890): Don Diego a quel discorso si faceva rosso e pallido da un momento all'altro. Aveva la faccia di uno che voglia dire: — Apriti, terra, e inghiottimi! — Tossì, cercò il fazzoletto dentro il cappello, aprì la bocca per parlare; poi si volse dall'altra parte, asciugandosi il sudore. Il canonico s'affrettò a rispondere, guardando sottecchi don Diego Trao.
Proverbi
  • Un bacio tira l'altro e si finisce in sala parto.
  • Uno semina l'altro raccoglie.
  • Morto un papa se ne fa un altro.
  • Non pianse mai uno che ridesse l'altro.
Espressioni e Modi di Dire
Titoli di Film
  • La cosa da un altro mondo (Regia di Christian Nyby e Howard Hawks; Anno 1951)
Canzoni
  • Uno per l'altro (Cantata da: La Strana Società; Anno 1976)
  • Un'altra vita un altro amore (Cantata da: Christian; Anno 1982)
  • Uno sull'altro (Cantata da: Marco Armani; Anno 1986)
  • Nient'altro che noi (Cantata da: 883; Anno 1999)
  • Raccontalo ad un altro (Cantata da: Fausto Leali; Anno 1965)
  • Un altro posto nel mondo (Cantata da: Mario Venuti e Arancia Sonora; Anno 2006)
  • Un altro amore (Cantata da: Gino Paoli; Anno 2002)
  • Un altro amore no (Cantata da: Lorella Cuccarini; Anno 1995)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per altro
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: altra, altre, altri, antro, astro.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: oltre, ultra, ultrà.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: atro, alto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: altero.
Parole con "altro"
Iniziano con "altro": altrove, altroché, altronde.
Finiscono con "altro": scaltro, peraltro, talaltro.
Contengono "altro": cialtrona, cialtrone, cialtroni, cialtronata, cialtronate, cialtronacce, cialtronacci, cialtroneria, cialtronerie, cialtronesca, cialtronesco, cialtronismi, cialtronismo, cialtronaccia, cialtronaccio, cialtronaglia, cialtronaglie, cialtroncella, cialtroncelle, cialtroncelli, cialtroncello, cialtronesche, cialtroneschi, cialtronaggine, cialtronaggini, cialtronescamente.
»» Vedi parole che contengono altro per la lista completa
Parole contenute in "altro"
alt.
Incastri
Inserito nella parola cina dà CIaltroNA; in cine dà CIaltroNE; in cinismi dà CIaltroNISMI; in cinismo dà CIaltroNISMO.
Inserendo al suo interno ere si ha ALTereRO (altererò); con esame si ha ALesameTRO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "altro" si può ottenere dalle seguenti coppie: ala/atro, alcol/coltro, alla/latro, alni/nitro, alte/tetro, altea/teatro, alvi/vitro, alta/aro, altare/arerò, alte/ero, alto/oro.
Usando "altro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * troni = alni; * trono = alno; * tropi = alpi; * trovi = alvi; * trovo = alvo; real * = retro; * roana = altana; * roane = altane; * trotina = altina; * trotine = altine; * trotini = altini; * trotino = altino; * trovino = alvino; * trocaica = alcaica; * trocaici = alcaici; * trocaico = alcaico; * trocaiche = alcaiche.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "altro" si può ottenere dalle seguenti coppie: altea/aero, altera/arerò, altezza/azzero.
Usando "altro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ortiti = aliti; * ortone = alone; * ortoni = aloni; * ortose = alose; mela * = metro; tela * = tetro; vela * = vetro; * ortaggi = alaggi; * orare = altare; * orari = altari; * orina = altina; * orini = altini; * orino = altino; colla * = coltro; * ortaggio = alaggio; * orticante = alicante; * orticanti = alicanti.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "altro" si può ottenere dalle seguenti coppie: alcaica/trocaica, alcaiche/trocaiche, alcaici/trocaici, alcaico/trocaico, alni/troni, alno/trono, alpi/tropi, alta/trota, alte/trote, altina/trotina, altine/trotine, altini/trotini, altino/trotino, alvi/trovi, alvino/trovino, alvo/trovo, altana/roana, altane/roane.
Usando "altro" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * latro = alla; * nitro = alni; * vitro = alvi; retro * = real; * teatro = altea; alte * = tetro; * alta = trota; * alte = trote; * arerò = altare; altea * = teatro; * altina = trotina; * altine = trotine; * altini = trotini; * altino = trotino.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "altro" (*) con un'altra parola si può ottenere: se * = salterò; * due = adultero; * pus = aplustro; sue * = saluterò; * lene = allenterò; * lesi = allestirò; * loop = allotropo; asse * = assalterò; rise * = risalterò; sano * = saltarono; * erano = alterarono; esano * = esaltarono; gessa * = galestrosa; gessi * = galestrosi; gesso * = galestroso; selle * = saltellerò; smino * = smaltirono; * lesino = allestirono; risano * = risaltarono; sellano * = saltellarono; ...
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Entrambi, L’uno e l’altro, Ambedue, Tutti e due - Entrambi indica relazione più stretta, maggiore conformità e quasi unione, come dice quell'entro. - «Il padre e la madre devono essere entrambi d'accordo nell'indirizzo da darsi all'educazione de' figliuoli.» - Ambedue dice bensì una relazione, una concomitanza, ma più sciolta, e che può concorrere allo steso scopo, eziandio per mezzi e strade diverse. - L'uno e l'altro, più larga ancora; e così per seguitare l'esempio cominciato: «Ambedue devono attentamente vegliare sulla condotta e sugli interessi dei figli, ma l'uno e l'altro con mezzi e sopra oggetti differenti.» - Tutti e due parmi che non solo voglia significare l'unione dei due individui considerati isolatamente da altri, ma la totalità del loro essere, quasi l'interezza loro; così un padre e una madre che dicono d'amare con ugual tenerezza tutt'e due i loro figli, mi par che dicano non solo di amarli ambedue, ma che tutto il loro essere, corpo, anima, cuore, carattere, virtù, e perfino i difetti che in essi trovansi, tutto a loro è caro. (Zecchini). [immagine]
Ieri, Ier l’altro, L’altro ieri, Giorni sono, Giorni addietro, Giorni fa - Si noti bene la proprietà di questi modi. Ieri è il giorno immediatamente precedente al giorno presente. - Ier l'altro precede immediatamente l'ieri. - L'altr'ieri, che ora affettatamente usasi per Ier l'altro, appresso i buoni scrittori vale Alcuni giorni già passati, come ora suol dirsi Giorni sono, e se sono più, Giorni addietro, e se più ancora, Giorni fa. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Altro, Diverso, Differente, Distinto - Un altro, può dirsi e volersi della medesima specie: un altro fiasco di vino; diverso significa cosa non uguale: un fiasco di vino diverso. Altro specifica l'individuo e al più le circostanze, le forme, le passioni che naturalmente distinguono le speciali individualità: diverso indica una differenza più notabile: altro accresce l'idea, diverso distingue; quando dico: questo è un altr'uomo, lo dico e lo credo migliore del primo; dicendo: questo è un uomo diverso, vale che ha un carattere affatto opposto. Ciò che è differente non è essenzialmente contrario: si può sentire differentemente, ma in massima concludere egualmente; le differenze sono d'ordinario facilmente conciliabili, le divergenze no, perchè differire è meno di divergere.

Disparato, quasi dispajato, esprime diversità assoluta, dissomiglianza totale, e quindi per analogia lontananza grande: cose, idee disparate, son quelle che in tutto son contraddicentisi, e che fanno a pugni fra loro.

Distinto è ciò che non è identico o immedesimato: la distinzione viene dalle differenze di luogo, o di modo d'essere: per distinguere non è necessario di separare, la distinzione può farla l'occhio o la mente: ora siccome ciò che più tira l'occhio o l'attenzione pare abbia da essere più meritevole di quest'attenzione, nell'uso, distinto vale superiore e più nobile: maniere, fare distinto. [immagine]
A vicenda, L’un l’altro, Tra loro, Scambievolmente, Reciprocamente - A vicenda, dice uno dopo l'altro, e uno per l'altro: parlare a vicenda, soccorrersi, aiutarsi, sostenersi a vicenda. L'un l'altro, dice simultaneità e di tempo e d'intenzione: lodarsi, calunniarsi, ferirsi l'un l'altro. Tra loro significa intimità, dimestichezza ed esclusione d'altre persone: gli amici si dicono tra loro di quelle cose che, sentite da altre orecchie, potrebbero avere funestissime conseguenze. Scambievolmente pare che accenni meglio a cose estrinseche; reciprocamente invece, più a sentimenti intimi; e così scambiarsi i complimenti; mandarsi scambievolmente regali; amarsi, invece, o odiarsi reciprocamente. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: altresì, altrettanta, altrettante, altrettanti, altrettanto, altri, altrimenti « altro » altroché, altronde, altrove, altrui, altruismi, altruismo, altruista
Parole di cinque lettere: altra, altre, altri « altro » alula, alule, alvei
Lista Aggettivi: altolocato, altrettanto « altro » altrui, altruista
Vocabolario inverso (per trovare le rime): centilitro, chilolitro, microlitro, ettolitro, nitro, salnitro, vitro « altro (ortla) » scaltro, talaltro, peraltro, feltro, peltro, filtro, filtrò
Indice parole che: iniziano con A, con AL, parole che iniziano con ALT, finiscono con O

Commenti sulla voce «altro» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze