Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «comando», il significato, curiosità, forma del verbo «comandare», associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Comando

Forma verbale
Comando è una forma del verbo comandare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di comandare.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
ordine (23%), militare (9%), polizia (6%), vocale (4%), capo (4%), ponte (3%), posto (2%), generale (2%), tele (2%), esercito (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola comando è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: co-màn-do. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: comandò.
Anagrammi
comando si può ottenere combinando le lettere di: mono + cad; don + moca; [domo, modo] + can; con + [damo, doma, moda]; como + [dan, dna]; doc + [mano, noma].
Componendo le lettere di comando con quelle di un'altra parola si ottiene: +oca = accomodano; +[ciò, coi] = accomodino; +dna = comandando; +[ami, mai, mia] = comandiamo; +mie = commediona; +tum = commutando; +[par, rap] = compadrona; +per = compadrone; +rap = comparando; +cin = concimando; +noi = condoniamo; +cui = conduciamo; +[are, era, rea] = dacoromena; +[ere, ree] = dacoromene; +[eri, ire, rei] = dacoromeni; +[ero, ore, reo] = dacoromeno; +[eri, ire, rei] = decimarono; +nei = domenicano; +ife = fecondiamo; +bis = imboscando; +noi = incomodano; +[eri, ire, rei] = incomodare; ...
Vedi anche: Anagrammi per comando
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: colando, comanda, comandi, covando, domando, romando.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: domanda, domande, domandi, romanda, romande, romandi.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: como, cono, cado, mano.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: colmando, commando.
Parole con "comando"
Iniziano con "comando": comandoli, comandolo.
Finiscono con "comando": bicomando, ricomando, ricomandò, raccomando, raccomandò, telecomando, telecomandò, radiocomando, radiocomandò, servocomando, radiotelecomando, radiotelecomandò, salvatelecomando.
»» Vedi parole che contengono comando per la lista completa
Parole contenute in "comando"
andò, coma, mando. Contenute all'inverso: amo, dna.
Incastri
Inserendo al suo interno dan si ha COMANdanDO; con par si ha COMparANDO; con per si ha COMperANDO; con pil si ha COMpilANDO; con baci si ha COMbaciANDO; con merci si ha COMmerciANDO; con pendi si ha COMpendiANDO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "comando" si può ottenere dalle seguenti coppie: cobra/bramando, code/demando, coli/limando, core/remando, cori/rimando, corica/ricamando, corico/ricomando, coro/romando, cosce/scemando, coscia/sciamando, costi/stimando, combaci/baciando, commini/miniando, comodi/odiando, comare/rendo, comatosa/tosando.
Usando "comando" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mandola = cola; * mandolini = colini; * mandolino = colino; * mandoloni = coloni; arco * = armando; fuco * = fumando; reco * = remando; roco * = romando; calco * = calmando; inforco * = informando; tracico * = tracimando.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "comando" si può ottenere dalle seguenti coppie: cora/armando, comma/amando, commina/animando.
Lucchetti Alterni
Usando "comando" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: armando * = arco; * demando = code; * limando = coli; * remando = core; fumando * = fuco; remando * = reco; calmando * = calco; * bramando = cobra; * scemando = cosce; * stimando = costi; * rendo = comare; * odiando = comodi; * ricamando = corica; * sciamando = coscia; * baciando = combaci; * miniando = commini; informando * = inforco; tracimando * = tracico; * aio = comandai; * ateo = comandate; ...
Sciarade incatenate
La parola "comando" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: coma+andò, coma+mando.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "comando" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = comandarono; racer * = raccomanderò.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "comando"
»» Vedi anche la pagina frasi con comando per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Chi assume il comando di una istituzione deve avere un comportamento ineccepibile.
  • Il comando manuale per lo sganciamento delle bombe si era inceppato.
  • Un vecchio sceneggiato si intitolava "il segno del comando".
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Ordine, Comando, Comandamento, Precetto, Ordinazione - L'Ordine si può dare anco per iscritto; il Comando, a voce sempre: così il comando, nelle manovre dei soldati, è fatto ad alta voce: poi l'ordine se ha da essere nell'ordine, deve venire dal superiore, e perciò da chi ha diritto di darlo; il comando eziandio da ragazzaccio impertinente e mal educato, onde ad ogni comando non si ubbidisce come ad ogni ordine si deve fare. - Comandamenti, per antonomasia, quei del decalogo e della Chiesa. - Il Precetto è una specie di comando o di comandamento, ma meno generale, e che oltre l'ingiungere, inségna (praecipio). L'Ordine, come si sa, è un sacramento. - L'Ordinazione, in questo senso, è la formola, la materia, la forma ecc., con cui si conferisce questo sacramento. Le Ordinazioni del medico, sono altra cosa. [immagine]
Precetto, Comando, Comandamento - Il Precetto è richiamo autorevole a eseguire una data cosa conforme alla legge, alla consuetudine, al grado e alla condizione di colui a cui si fa. - Comando è più assoluto, e sta solo nella volontà di colui che lo fa, ma più che altro, significa l'autorità di dar ordini o simili. - «Egli ha il comando di tutta la provincia.» - L'atto del comandare o in parole o per iscritto, è propriamente il Comandamento. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ordino, Comando, Comandamento, Precetto, Ordinazione - L'ordine si può dare anco per iscritto; il comando, a voce sempre: così il comando, nelle manovre dei soldati, è fatto ad alta voce: poi l'ordine, se ha da essere nell'ordine, deve venire dal superiore, e perciò da chi ha diritto di darlo; il comando eziandio da ragazzaccio impertinente e mal educato, onde ad ogni comando non si ubbidisce come ad ogni ordine si deve fare. Comandamenti, per antonomasia, quei del decalogo e della Chiesa: il precetto è una specie di comando o di comandamento, ma meno generale, e che oltre lo ingiungere, insegna (præcipio). L'ordine, come si sa, è un sacramento; l'ordinazione, in questo senso, è la formola, la materia, la forma ecc. con cui si conferisce questo sacramento. Le ordinazioni del medico sono altra cosa. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Comando - S. m. Comandamento; e la cosa comandata. Bocc. Nov. 80. 13. (C) E così come la persona mia è al piacer tuo, così e ciò che c'è, e ciò che per me si può, è allo comando tuio. (Si noti che tuio è qui ad imitazione del parlar siciliano.) Vit. S. Ant. Con ogni esattezza ogni comando eseguiva del maestro, nè pensava mai più oltre.

2. T. Comando di fortezza, di piazza: anco l'Ufficio e il Luogo dove il comandante risiede. Dov'è il comando della Guardia civica?

3. T. Avere al suo comando persona, Aver facoltà di comandarle con sicurezza d'essere ubbidito; e anco senza autorità propria, poterla più o meno comodamente adoperare.

[Val.] Avere al suo comando una cosa, Poterne disporre a suo senno. Fortig. Ricciard. 3. 4. E non ebbe due soldi al suo comando. Anguill. Poes. piac. 3. 179. Che non ho un quarto d'ora al mio comando.

[G.M.] Ha subito le lagrime al suo comando (di chi piange per nulla). – Ha le convulsioni al suo comando (di pers. a cui per ogni piccola contrarietà vengono le convulsioni).

4. [Rig.] Avere il libro del comando, Aver facoltà di far prontamente cosa difficile, quasi per magia; dal libro con cui credevasi poter comandare agli spiriti.

5. T. Il bastone o la bacchetta del comando, in cose e priv. e pubbliche, Autorità efficace.

6. Esercitare il comando. Comandare. Salvin. Disc. 1. 20. (Mt.) Mal potè esercitare il comando di padre e di signore sopra i figliuoli e sopra i servi.

7. [Val.] Far comando. Comandare. Fortig. Ricciard. 17. 47. E disperato fo comando a' miei Che assalgan.

8. [Val.] Fare i comandi o il comando. Obbedire. Ant. Pucc. Canz. Moral. Etrur. 2. 126. E, senza dimorare, A fare i suoi comandi non fu lento. E Centil. 9. 11.

9. Stare a comando di alcuno vale Essere pronto ad ubbidirlo, Stare a sua disposizione. Ar. Egl. (M.) Se il fai, ti do la fede mia per arra Di star un giorno integro a tuo comando, O vogli con la falce, o con la marra.

10. Per Autorità e titolo del comandare. Salvin. Disc. 1. 20. (M.) L'uomo, non potendo regger se stesso,… mal potè esercitare il comando di padre e di signore sopra i figliuoli e sopra i servi.

T. Perdere un comando, Acquistarlo, Darlo.

11. (Mil.) [Val.] Uomo di comando. Chiunque abbia grado nelle milízie, pel quale ha dritto e facoltà di comandare. Bart. Cin. 3. 115. 360. La perdita degli uomini di comando d'intorno a seicento.

12. T. Modo umile di chiedere ad altri, segnatam. presenti, che faccia qualcosa, che renda qualche piccolo servigio: Non le sia in comando.

13. T. Sono a' suoi comandi. Modo o sincero o iron. di dirsi pronto a fare il volere di alcuno, o anche a abbaruffarsi.

14. T. Modo di concluder le lettere: Offrendomi pronto a' suoi comandi.

E parlando, ell. A' suoi comandi.

15. Per Ordine, Commissione. Viv. Disc. Arn. 18. (M.) Di comando di quella Serenissima Altezza visitò anch'esso con l'alte pescaje d'Ombrone questa di Riboccatura.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Comando - s. m. Commandement. Autorità, comandamento, potere di cui è rivestito. Prendere il comando di un'armata, di una truppa ovvero di una piazza, è rivestirsi del potere di ordinare quanto è d'uopo all'oggetto.

Le armate comandate dai proprî Sovrani sono quelle d'ordinario, che adempiono meglio ai doveri militari e nutrono più sentimenti di gloria. Il Sovrano presente alle azioni gloriose, ricompensa all'istante il merito e la bravura, e fa risuonare in tutto il suo campo il nome di chi vi si è distinto.

Le due molle del cuore di un militare sono, la gloria e l'interesse; il Sovrano dunque porta con se i mezzi da soddisfare queste due ardenti passioni, dal cui felice esito egli spera tutto il bene per l'esecuzione delle più difficili imprese. [immagine]
Comando - s. m. Bitord, Commande. È una cordicella sottile fatta di due o tre fili tratti da corde usate, bianche o incatramate, o di filo di canape di secondo fusto. Si commette a ruota, e nell'ozio della navigazione se ne fa a bordo del bastimento, serve a imboronare o fasciare le manovre o piccole allacciature, a fare reti, baderne, paglietti, cinghie ecc. [immagine]
Comando (ruota da) - Tour à bitord. Ruota con la quale si torcono i fili per commettersi e farne comando. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: comanderesti, comanderete, comanderò, comandi, comandiamo, comandiate, comandino « comando » comandoli, comandolo, comare, comarella, comarelle, comari, comarucce
Parole di sette lettere: colutee, comanda, comandi « comando » comasca, comasco, combaci
Vocabolario inverso (per trovare le rime): riprogrammando, gemmando, commando, sgommando, sommando, risommando, assommando « comando (odnamoc) » raccomando, raccomandò, telecomando, telecomandò, salvatelecomando, radiotelecomando, radiotelecomandò
Indice parole che: iniziano con C, con CO, parole che iniziano con COM, finiscono con O

Commenti sulla voce «comando» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2021 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze