Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «domare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Domare

Verbo
Domare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è domato. Il gerundio è domando. Il participio presente è domante. Vedi: coniugazione del verbo domare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di domare (ammaestrare, addomesticare, ammansire, addestrare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola domare è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ramo).
Divisione in sillabe: do-mà-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: daremo, domerà (scambio di vocali), madore, modera.
domare si può ottenere combinando le lettere di: rom + [ade, dea]; rem + oda; ode + ram.
Componendo le lettere di domare con quelle di un'altra parola si ottiene: +rei = aderiremo; +[avi, vai, via] = aderivamo; +bar = adombrare; +[bar, bra] = adombrerà; +[ero, reo] = adoreremo; +[leu, lue] = aduleremo; +[ori, rio] = aerodromi; +oro = aerodromo; +tai = amidatore; +[dan, dna] = andromeda; +fin = anfidrome; +ani = armadione; +ram = arredammo; +[ari, ira, ria] = arrediamo; +cin = candiremo; +tac = catadrome; +can = comandare; +can = comanderà; ...
Vedi anche: Anagrammi per domare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: comare, damare, dogare, domate, donare, dopare, dorare, dosare, dotare, somare.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: comari, somara, somari, somaro.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dare.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: teramo.
Parole contenute in "domare"
are, doma, mare. Contenute all'inverso: amo, era, ram, ramo.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "domare" si può ottenere dalle seguenti coppie: domassi/massimare, domi/mimare, dora/ramare, dori/rimare, doriani/rianimare, dorica/ricamare, dosa/samare, doso/somare, domai/ire, domata/tare, domatore/torere, domatura/turare.
Usando "domare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * marena = dona; * maretta = dotta; * marette = dotte; ardo * = armare; dado * = damare; * reni = domani; * areata = domata; * areate = domate; * areati = domati; * areato = domato; lido * = limare; rado * = ramare; rido * = rimare; sodo * = somare; brado * = bramare; caldo * = calmare; credo * = cremare; * renda = domanda; * rende = domande; * rendi = domandi; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "domare" si può ottenere dalle seguenti coppie: dora/armare, domerà/areare, domata/atre, domato/otre.
Usando "domare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = domata; * erte = domate; * erti = domati; * erto = domato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "domare" si può ottenere dalle seguenti coppie: dona/marena, dotta/maretta, dotte/marette, doma/area, domata/areata, domate/areate, domati/areati, domato/areato, domai/rei, domanda/renda, domandano/rendano, domande/rende, domanderà/renderà, domanderai/renderai, domanderanno/renderanno, domanderebbe/renderebbe, domanderebbero/renderebbero, domanderei/renderei, domanderemmo/renderemmo, domanderemo/renderemo, domandereste/rendereste...
Usando "domare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: armare * = ardo; damare * = dado; * ramare = dora; * rimare = dori; * samare = dosa; limare * = lido; ramare * = rado; rimare * = rido; bramare * = brado; calmare * = caldo; cremare * = credo; tarmare * = tardo; decimare * = decido; diramare * = dirado; * ricamare = dorica; ricamare * = ricado; * massimare = domassi; * rianimare = doriani; schiumare * = schiudo; * torere = domatore; ...
Sciarade incatenate
La parola "domare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: doma+are, doma+mare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "domare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = domatrice; * ricchi = dormicchiare.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "domare"
»» Vedi anche la pagina frasi con domare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Si cerca di domare sempre l'animale selvatico per tenerlo in casa.
  • Ricordo che una volta al circo spiegarono come si fa a domare una tigre senza alcun pericolo.
  • L'uomo in gabbia cercava di domare i leoni, ma dopo aver dato loro il pasto.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Domare - V. a. Far mansueto e Trattabile ed è proprio di bestie da cavalcare, da portar soma, e da traino. Aureo lat. Cr. 9. 4. 1. (C) Varro dice, che 'l cavallo, che si doma, compiuti i tre anni, diventa migliore. E cap. 59. 3. Cominciansi (gli asini) a domare e ammaestrare… poi che saranno nel terzo anno pervenuti. E cap. 63. 3. Ancora si debbono domare i buoi nel tempo di tre anni.

[Cont.] Lauro, Agr. Col. 111. v. Palperai sovente con le mani, e legherai a le mangiatore i vitelli che abbiano tali segni, perchè sia nel domarli la fatica minore, e meno pericolo, ma non si domino innanzi tre anni, nè dopo cinque, perchè quell'età è troppo tenera, questa è già indurita.

T. Prov. Tosc. 346. Saliva d'uomo, ogni serpe doma. (Pare intenda che la ragione e l'affetto dell'uomo vince ogni fierezza.)

2. T. Di cosa. La militar disciplina lo domi.– Giogo che doma. Prov. Tosc. 228. La soma la bestia doma.

3. Fig. T. Prov. Tosc. 45. Buona quella lima che doma il ferro senza strepito.

4. Trasl. Soggiogare, Sottomettere. G. V. 9. 64. 3. (C) Per la cui forza domarono quasi tutta Campagna e Terra di Roma. Petr. canz. 41. 1. Un'altra pruova Maravigliosa e nuova, Per domar me, convienti vincer pria. Segn. Stor. 11. 309. (M.) Poteva… celebrare, se avesse voluto, un trionfo, non mai stato celebrato… per aver domata, si può dire, tutta la grande Alamagna. Serd. Galeott. Marz. Ded. Quegli sottopose al suo regno molti popoli d'Europa, e questi domò tutta l'Asia.

T. Domare la ribellione.

T. G. C. morendo domò la morte.

5. E trasferito a persona. Umiliare, Rintuzzare, Ammansare. Pass. 229. (C) Volle fare colle rane… acciocchè con cose vilissime si domasse l'umana superbia. Lab. 155. La rabbiosa furia della carnale concupiscenza con la astinenzia mirabile domarono e vinsero, prestando maravigliosa pazienzia alle temporali avversità. Dant. Purg. 11. E s'i' non fossi impedito dal sasso Che la cervice mia superba doma,… E 13. Spirto, diss'io, che per salir ti dome…, Fammiti conto o per luogo o per nome. Petr. cap. 3. Ora in atto servil se stessa doma. – Domava il corpo con quotidiane macerazioni.

6. Per Raffrenare, Far stare a segno, Moderare. Jac. Tod. p. 660. str. 1. (Gh.) L'uomo che può la sua lingua domare, Grande mi pare ch'abbia signoria.

7. T. Fig. Domare li appetiti, le passioni proprie. Hor. Avidum domando spiritum. Mach. Stor. Amore di libertà forza alcuna non doma, tempo alcuno non consuma, merito alcuno non contrappesa.

8. E detto di piante. (Tom.) Cresc. 6. 22. Si schianteranno da' cavoli più volte i rami dei semi quando nascono, sì che la materia dei semi si consumi tutta; e sì si domano; e poi producono belle foglie: e per questo modò durerà la lor vita più anni.

9. T. Fig. Domare la terra colla coltura. Virg. Rastris terram domat.

T. Domare l'incendio (cominciandolo a spegnere).

10. T. Fig. Domare lo stile. Piegarlo coll'esercizio a significare cose non facili. – Domare la lingua, in senso sim. – Domare l'ingegno.

11. Per Macerare, Ammollire, Vincer la durezza d'alcuna cosa. Franc. Sacch. Nov. 185. (C) Ripresene un'altra (castagna), la quale in simil forma non si macerò mai; e provando or l'una or l'altra, tutte le provò…, sanza poterle domare.

12. Per Uccidere. Salvin. Opp. Pesc. 2. 265. (Mt.) Con tal trista sciagura la murena Domata viene ancor dalla locusta.

13. † Domare la voce, per Uccidere. Morg. 7. 65. (Mt.) Alcuna volta facea certe ruote Ch'a più di sette domava la voce.

14. E parlando di metalli. Biring. Pirot. (Mt.) Domare o domesticare la salvatichezza del metallo.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: domandoni, domanducce, domanduccia, domani, domano, domante, domanti « domare » domarono, domasse, domassero, domassi, domassimo, domaste, domasti
Parole di sei lettere: domano « domare » domata
Lista Verbi: dolere, domandare « domare » domiciliare, dominare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ingommare, sgommare, grommare, sommare, risommare, assommare, comare « domare (eramod) » sagomare, lungomare, diplomare, menomare, zoomare, cromare, policromare
Indice parole che: iniziano con D, con DO, iniziano con DOM, finiscono con E

Commenti sulla voce «domare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze