Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «magia», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Magia

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere magia (nera, bianca, brutta, bella, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola magia è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
Divisione in sillabe: ma-gì-a. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: agami, gamia (scambio di consonanti).
Componendo le lettere di magia con quelle di un'altra parola si ottiene: +oda = adagiamo; +tir = agitarmi; +ito = agitiamo; +[del, led] = amigdale; +epo = apogamie; +uro = arguiamo; +col = cagliamo; +col = camaglio; +[ter, tre] = emigrata; +pie = epigamia; +pet = epitagma; +osé = esogamia; +bob = gabbiamo; +rem = gemmaria; +caì = giamaica; +tot = gomitata; +duo = guadiamo; +uro = guariamo; +pin = impagina; +pil = impaglia; +osi = isogamia; +zen = magazine; +[ile, lei] = magliaie; ...
Vedi anche: Anagrammi per magia
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: madia, mafia, magie, magio, magma, magna, magra, malia, mania, maria, mogia, ragia.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: vagii.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: maia, maga, magi.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: magica, maglia, mangia.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: taiga.
Parole con "magia"
Iniziano con "magia": magiara, magiare, magiari, magiaro.
Parole contenute in "magia"
agi, già, magi.
Incastri
Si può ottenere da ma e agi (MagiA).
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "magia" si può ottenere dalle seguenti coppie: macini/cinigia, magri/grigia, mali/ligia, mamo/mogia, mara/ragia, mare/regia, maga/aia, maggio/gioia, magma/maia, magna/naia, magno/noia, magra/raia.
Usando "magia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * giano = mano; * giara = mara; * giare = mare; alma * = algia; lima * = ligia; * gialli = malli; * giallo = mallo; * giambo = mambo; orma * = orgia; rema * = regia; forma * = forgia; frema * = fregia; * giacche = macché; * giacerà = macera; * giacerò = macero; * giacerai = macerai; * ialina = maglina; * ialine = magline; * giargone = margone; * giargoni = margoni; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "magia" si può ottenere dalle seguenti coppie: mail/ligia, mala/algia, malato/otalgia, marene/energia, marò/orgia, magni/inia, magra/aria.
Usando "magia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aione = magone; * aioni = magoni; * airone = magrone; * aironi = magroni.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "magia" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceroma/giacerò, cima/giaci, coma/giaco, dama/giada, noma/giano, rema/giare.
Usando "magia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: giaci * = cima; giaco * = coma; giada * = dama; giano * = noma; giare * = rema; * cima = giaci; * coma = giaco; * dama = giada; * noma = giano; * rema = giare; giacerò * = ceroma; * ceroma = giacerò.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "magia" si può ottenere dalle seguenti coppie: maglina/ialina, magline/ialine.
Usando "magia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: algia * = alma; ligia * = lima; * ligia = mali; * mogia = mamo; * regia = mare; orgia * = orma; regia * = rema; forgia * = forma; fregia * = frema; * maia = magma; * naia = magna; * noia = magno; * raia = magra; * grigia = magri; magri * = grigia; * cinigia = macini; * gioia = maggio; * area = magiare; tricologia * = tricoloma.
Sciarade incatenate
La parola "magia" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: magi+già.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "magia" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ni = mangiai; * il = mialgia; * lai = magliaia; * non = mangiona; * url = muraglia; * lato = malagiato; slat * = smagliata; * negre = maneggiare; * ludici = malgiudicai.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "magia"
»» Vedi anche le pagine frasi con magia e canzoni con magia per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La credenza nella magia esiste tuttora nelle varie culture. Essa trae origine dalla speranza dell'uomo di sconfiggere il male interiore ed esteriore.
  • Grazie alla sua magia, Merlino faceva entrare una quantità strabiliante di oggetti nella sua borsa da viaggio; che Mary Poppins abbia imparato da lui?
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Malia, Stregoneria, Fattucchieria, Prestigio, Maleficio, Incanto, Fascino, Veneficio, Sortilegio, Magia - La magìa era quella supposta scienza per mezzo della quale facevansi tutte queste azioni credute in parte soprannaturali. Le streghe avevano (così credevasi) patto e commercio coi demonii, ond'è che le loro azioni erano tenute per cattive in principio, e le stregonerie, fatte sempre a danno di qualcheduno, o con qualche fine disonesto e malvagio. Fattucchieria era meno: viene probabilmente da fata, che era contraposto di strega; perciò sente e tiene dell'origine sua. Avevano le fate patto e commercio con ispiriti benigni e benefici; ed anzi le due potenze erano sempre o sovente in guerra; le armi fatate servivano mirabilmente a difesa. Incanto era cosa che sopraffaceva i sensi e alterava il loro modo di corrispondenza coll'anima: ne venivano perciò a questa false idee, storte o esagerate degli oggetti circostanti, per cui credeva travedere o sognare un ordine di cose diverso dal reale: anche adesso la voce incanto si ha per rapimento, trasporto e quasi estasi, per cui si fa astrazione dalle cose presenti, e l'anima è sublimata a cose maggiori delle reali. Dall'incanto al fascino, la conseguenza è diretta e necessaria: persona che trovavasi sotto la forza d'un incanto era certo affascinata, o come affascinata: vi sono degli esseri che esercitano naturalmente una specie d'affascinamento su certi altri, da cui questi non si puonno difendere nè sottrarre: quella del rospo sull'usignuolo, per esempio: una specie di fascino sono certi fenomeni del magnetismo animale. Malìa era una specie d'incanto che legava proprio i sensi e non li lasciava più liberi d'agire se non quando veniva sciolto. Maleficio era stregoneria speciale contro una determinata persona, e l'effetto o conseguenza che ne derivavano; era fatto o tentato sempre a danno. Veneficio era maleficio con avvelenamento o con animo e intenzione di avvelelnare; si credeva col maleficio accrescere diabolicamente l'efficacia del veleno medesimo: gli unti, le polveri che dai supposti untori credevansi essere dati o sparsi nelle celebri pestilenze di Milano e d'altrove erano veneficii. Prestigio è inganno preparato al senso della vista specialmente, o dalla frode o dall'astuzia, o da mezzi somministrati da quell'arte innocente e dilettevole che appunto prestigiazione o prestidigitazione si chiama, e per celia, anche magìa bianca: nel prestigio giova essenzialmente la prestezza, come suona la parola. Sortilegio era incanto o maleficio, determinato forse dalla sorte nel leggere certi versi de' libri magici che primi a caso venivano sott'occhio. Molti di questi vocaboli hanno senso traslato, e così l'incanto della musica, il fascino della bellezza, la malìa di certe occhiate, il prestigio dell'eloquenza, la magìa de' colori, de' tuoni, delle tinte, de' tratti, del verso, e per conseguenza nelle produzioni delle belle arti tutte. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Magia - Quest'arte, considerata come la scienza dei primi Magi, fu in principio unicamente lo studio della saggezza. Ma presso i popoli ignoranti e barbari, gli uomini istruiti soccombono troppo agevolmente alla tentazione di passare per istraordinarj e sovrumani. Quindi i Magi dell'Oriente si applicarono all'Astrologia, alle indovinazioni, agli incantesimi, ai malefizi, ed alla scienza tenebrosa della magia che regna specialmente presso i popoli rozzi e stupidi. Difficile sarebbe il precisare l'epoca del nascimento di quest'arte chimerica, ma è certo ch'ella è antichissima. Alcuni autori la fanno esistere avanti al Diluvio, e pretendono che Cam conservasse i dogmi di codesta arte perniciosissima, e la facesse risorgere dopo qualche tempo. Un dotto antico si contenta di andare indietro sino ai primi tempi dei quali gli scrittori profani poterono darci la storia, e vi si trova Zoroastro, inventore della magia, contemporaneo del re Nino, ch'è il primo monarca di cui lo storico Giustino descrive le guerre. Zoroastro regnava nella Bactriana, e Nino nell'Assiria: combatterono dessi uno contro l'altro, non solo colle armi, ma anche coi segreti della magia. A tempo di Giuseppe, quest'arte era bene stabilita in Egitto. Gl'incantatori di Faraone, a tempo di Mosè, fecero cose prodigiose. Balaam nel medesimo secolo passava per un mago famoso; poichè Balac re dei Moabiti lo chiamò onde far maledire il popolo di Dio. La magia inventata o conservata da Cam, e che fu da esso trasmessa a suo figlio Misraim o Zoroastro, è la magia nera: si suppone venga dal diavolo e da lui abbia tutto il suo potere. La magia bianca, oppostamente a quella, a senso degli amanti del portentoso, era stata rivelata dagli angioli a Salomone.

Nelle Gallie la magia è cessata da epoca immemorabile. I Galli avevano i loro Druidi, che scacciavano i demonj e comandavano agli spiriti dell'aria. (Ved. Incantesimi, Teurgia) Si chiamavano stregoni coloro ai quali attribuivasi la facoltà di mandare malie o sortilegi sopra gli individui e le cose a cui potevano nuocere. Vi fu un tempo, non ancora molto lontano, in che tutti credevano nella stregoneria. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Magia - S. f. Gr. Μαγεία. Arte superstiziosa e vana del fare incanti. (Fanf.) È in Plin. – Buon. Fier. 2. 4. 24. (C) Quest'è materia di quelle magíe. Salvin. Disc. G. 430. Ricorre ai canti e alle poesie, come ad incantesimi salutevoli, a magíe innocenti, che fanno uscire l'anima di se stessa.

[Cont.] Porta, Mir. nat. 1. Porfirio ed Apuleio platonici illustri dicono, che tanto l'arte della magía, quanto il nome, fu trovato da Persi; benchè Suida sia d'opinione, che li magucei (magusii, antichi pop. pers.) ne sieno stati inventori, e chiamano coloro magi, quali i latini chiamano sapienti, i greci filosofi.

[Cont.] Dicesi Ceremoniale per opposizione alla Naturale, di cui al § 3. Garz. T. Piazza univ. 182. v. La magía ceremoniale in se stessa è nefanda, è scelerata, la quale si partisce in Teurgia, e Goetia detta Negromantia… per le superstizioni, scongiuri, incanti, veneficii, e malignità diaboliche inserte in essa, da tutte le leggi universali viene scacciata, e bandita.

Coll'aggiunto di Nera. [Val.] Fortig. Ricc. 16. 8. In que' paesi la magía nera Ha spaccio assai.

2. Fig. T. Dicono La magía de' colori, nelle opere d'arte. E in altro La magía della bellezza, fig. da smettere, come quelle che accennano a dottrine astrologiche.

T. La magía del credito, segnatamente del credito pubblico, risica di non avere altro senso che tristo.

3. [Val.] Per le Cose, che servono alla operazione magica. Fortig. Bicc. 6. 46. E per fare le cose da maestra, Pose quella magía nella minestra.

4. Magìa naturale, dicesi l'Applicazione delle cause attive naturali alle cause passive ed a' soggetti, col mezzo di che si producono molti maravigliosi ma pur naturali effetti.

[Cont.] Porta, Mir. nat. 1. v. La magia naturale, la quale tutti riveriscono ed onorano, come cosa di tutte l'altre più atta e più dilettevole alle persone studiose: la quale non dicono esser' altro, salvo che una consumata cognizione delle cose naturali, ed una perfetta filosofia. Garz. T. Piazza univ. 181. v. Magia è stata da alcuni divisa in due specie, cioè in naturale, e cerimoniale, così il nome di mago in se ritiene doppio significato. La prima specie adunque di magia non è altro, che una somma, perfetta, e consumata cognizione della filosofia naturale, aiutata nelle sue opre maravigliose dalla notizia della virtù intrinseca ed occulta delle cose con le quali, applicate convenevolmente ai soggetti disposti, c'insegna di partorire quasi miracoli in natura.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: maghetto, maghi, maghrebina, maghrebine, maghrebini, maghrebino, magi « magia » magiara, magiare, magiari, magiaro, magica, magicamente, magiche
Parole di cinque lettere: maghi « magia » magie
Vocabolario inverso (per trovare le rime): aerofagia, coprofagia, scatofagia, citofagia, fitofagia, autofagia, plagia « magia (aigam) » ragia, maragià, acquaragia, meiopragia, fleborragia, linforragia, onfalorragia
Indice parole che: iniziano con M, con MA, iniziano con MAG, finiscono con A

Commenti sulla voce «magia» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze