Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «mandato», il significato, curiosità, forma del verbo «mandare», associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Mandato

Forma verbale
Mandato è una forma del verbo mandare (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di mandare.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
spedito (14%), inviato (12%), cattura (11%), incarico (7%), arresto (6%), via (6%), pagamento (6%), rappresentanza (3%), fiducia (2%), ricevuto (2%), fine (2%). Vedi anche: Parole associate a mandato.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola mandato è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. Divisione in sillabe: man-dà-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con mandato per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il mandato di pagamento è stato emesso dal direttore dei servizi amministrativi della scuola.
  • Che tristezza in quella famiglia, il figlio è stato mandato in guerra.
  • Sottoscrissero un ampio ed irrevocabile mandato al fine di trovare una casa per la fidanzata del figlio!
Citazioni da opere letterarie
Niente di Luigi Pirandello (1922): E cozzando in un braccio il marito violentemente: – Fallo andar via! - Ma il marito dà uno strillo e un balzo perché, così cozzato nel braccio, ha avuto sulle dita la sgocciolatura calda della candela. – Eh, piano, santo Dio! - Il dottor Mangoni protesta, ma senza troppo sdegno, che non è un ladro né un assassino da esser mandato via a quel modo; che se è venuto, è perché sono andati a chiamarlo in farmacia; che per ora ci ha guadagnato soltanto una storta al piede, per cui chiede che lo lascino sedere almeno per un momento.

La biondina di Marco Praga (1893): Fior di signoroni, talvolta, preferiscono una birichina di sedici anni colle vesti a brandelli ad una donna maritata». E poi, non di rado, anche una di quelle della cartella n. 1, presentata bene, come sapeva far lei, poteva fruttar molti quattrini, se capitava un cliente mandato da César che avesse nessuna pratica della città e molti luigi in scarsella.

Il podere di Federigo Tozzi (1921): La matrigna, che fu l'ultima a convincersi, fu però la più risoluta; e gli giurò di far tutto nel modo più chiaro possibile. Intanto, però, pur promettendosi di non farsi più mettere su l'uno contro l'altro, decisero d'incaricare lo stesso il Pollastri dell'inventario; temendo che egli, se non gli avessero fatto fare né meno quello, avrebbe mandato un conto da milionarii.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per mandato
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bandato, mancato, mandalo, mandano, mandata, mandate, mandati, mandavo, mondato.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bandata, bandate, bandati.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: andato, manato.
Altri scarti con resto non consecutivo: mando, manto, mano, andò, nato.
Parole con "mandato"
Finiscono con "mandato": comandato, demandato, domandato, rimandato, tramandato, ricomandato, ridomandato, raccomandato, telecomandato, radiocomandato, radiotelecomandato.
Contengono "mandato": tramandatore, tramandatori.
»» Vedi parole che contengono mandato per la lista completa
Parole contenute in "mandato"
dato, manda, andato. Contenute all'inverso: dna.
Incastri
Inserendo al suo interno ari si ha MANDATariO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "mandato" si può ottenere dalle seguenti coppie: magro/grondato, mamo/mondato, maria/riandato, maso/sondato, mandaranci/aranciato, mandare/areato, mandi/iato, mandole/oleato, mandaci/cito, mandai/ito, mandala/lato, mandalo/loto, mandamenti/mentito, mandami/mito, mandano/noto, mandarina/rinato, mandarino/rinoto, mandavi/vito, mandavo/voto.
Usando "mandato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: domanda * = doto; ridomanda * = ridoto; barman * = bardato; * tomi = mandami; * tono = mandano; soma * = sondato; groma * = grondato; * tondo = mandando; * tonte = mandante; * tonti = mandanti; * torci = mandarci; * torti = mandarti; * torvi = mandarvi; * tosse = mandasse; * tossi = mandassi; * toste = mandaste; * tosti = mandasti; riama * = riandato; * torino = mandarino; * tondone = mandandone; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "mandato" si può ottenere dalle seguenti coppie: manna/andato, manderà/areato, mandala/alto, mandare/erto.
Usando "mandato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otre = mandare; * otaria = mandria; * otarie = mandrie.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "mandato" si può ottenere dalle seguenti coppie: rimanda/tori, ricomanda/torico, romanda/toro.
Usando "mandato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * romanda = toro; * ricomanda = torico; tori * = rimanda; toro * = romanda; torico * = ricomanda.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "mandato" si può ottenere dalle seguenti coppie: mandami/tomi, mandando/tondo, mandandone/tondone, mandano/tono, mandante/tonte, mandanti/tonti, mandarci/torci, mandarino/torino, mandarti/torti, mandarvi/torvi, mandasse/tosse, mandassi/tossi, mandaste/toste, mandasti/tosti.
Usando "mandato" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mondato = mamo; * sondato = maso; sondato * = soma; grondato * = groma; * grondato = magro; bardato * = barman; doto * = domanda; * cito = mandaci; * loto = mandalo; * mito = mandami; * noto = mandano; * areato = mandare; * vito = mandavi; * voto = mandavo; * oleato = mandole; rito * = rimanda; mandaranci * = aranciato; * rinoto = mandarino; ridoto * = ridomanda; * mentito = mandamenti; ...
Sciarade incatenate
La parola "mandato" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: manda+dato, manda+andato.
Intarsi e sciarade alterne
"mandato" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: mat/andò.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Deputare, Dar il carico, Il mandato, Delegare - Eleggere o destinare una o più persone con mandato di fare solenne ambasciata, trattar negozii pubblici ed esercitare ufficii, per lo più a tempo, quello è il Deputare. - Il Delegare è propriamente il mandar alcuno con facoltà di operare checchessia, dandogli in tutto o in parte le attribuzioni dell'autorità superiore. - Dare il carico è il commettere altrui, ma più spesso privatamente, che guardi di condurre a bene un negozio con quel modo che reputa più opportuno. - Che se gli si ordina di seguitare piuttosto un modo che un altro, allora si dice Dare il mandato. [immagine]
Commissione, Mandato, Missione, Compito - La Commissione è quando si dà altrui un qualche ordine di fare questa o quella cosa, ordinata a un dato fine, rimettendosene alla sua lealtà e perizia. E si estende a lavori da eseguire, a negozii da trattare, ecc. Nè la Commissione si dà sempre a uno solo, ma anche a più persone, nel qual caso, anche il loro collegio si chiama Commissione: p. es.: « E' stata creata una commissione per istudiare questa legge. » - Più ristretto è il Mandato, perchè riguarda il carico speciale, dato a chicchessia, di trattare un negozio in quella data forma e non altra. Cristo disse agli apostoli: Ego mitto vos: e però questo Mandato fu per quel caso speciale chiamato Missione; la qual voce può tuttora riferirsi a predicatori, o propagatori di religioni. E' però ridicolo l'abuso che ora se ne fa a significare l'ufficio che altri ha nella umana convivenza; p. es.: « La missione della donna; Questa è la mia missione. » - E' parimenti ridicolo l'abuso che si fa della voce Cómpito, la quale, significando quel tanto di lavoro che si dà da fare a' ragazzi nelle scuole, si suol trasportare alle più gravi faccende di stato, di guerra e simili: « Bismarck ha il cómpito di unificare la Germania. - I presenti ministri hanno un cómpito ben arduo. » [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Mandare, Inviare, Mandato, Messo - Inviare è un mandare più solenne: si manda un domestico, s'invia un inviato propriamente, un ambasciatore. Mandare vale anche da sè, isbrigarsi d'uno, levarsi la seccatura, dicendosi: l'ho mandato: oppure si compie la frase, e allora si dice proprio l'ho mandato a spasso, l'ho mandato via: onde si vede che il mandare non comporta cerimonie o riguardi; e qui l'inviare non sarebbe a suo luogo. Mandare poi è dar l'ordine dell'andata a un luogo, a una persona; inviare è additare la strada, mettere in sulla via. Chi è mandato ad eseguire un ordine deve cercare da sè i mezzi di adempirlo, trovar la strada, aprirsi una via; all'inviato si danno credenziali, raccomandazioni per cui la via s'apre da sè, gli riesce larga e facile. Mandato, se non è participio, come nell'esempio qui sopra, è l'ordine; messo è chi lo porta: il messo non porta pena; eseguisce il mandato senza alcuna sua responsabilità. Messo poi è l'usciere della comunità. [immagine]
Ordine, Commissione, Mandato - Commissione è ordine di fare dato ad operaio o fabbricante; in linguaggio commerciale è domanda, ordinazione di merci da spedire a noi o per conto nostro a questo o a quel negoziante; il mandato è ordine di pagare danari per conto nostro: mandato poi è missione o commissione speciale; gli elettori danno qualche volta speciale mandato ai deputati: mandato per comandamento è latinismo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Mandato - S. m. Aff. al lat. aureo Mandatum. Commissione, Ordine, Comando, Comandamento. Rucell. Rosm. att. 2. (M.) Qual di voi, donne, è stata tanto ardita, Ch'ha dato sepoltura a corpo alcuno Contra il mandato di sì gran signore? Sper. Sper. Dia. Us. Mentre la creatura fa suo volere di quello di Dio, e serva appieno li suoi mandati. Pallav. Perf. Crist. 1. 11. Prima s'argomentassero d'indurre le genti a riputar per tollerabili i mandati della nostra religione; indi a persuader loro, che l'ubbidienza di tai mandati è di necessità per salvarsi. Tratt. gov. fam. 54. (Man.) Chi la lingua usa in ozio, fa… contra il naturale mandato. E 68. Perchè tu 'l facci, non per propria loda, ma per adempiere il divino mandato. [Camp.] S. Gir. Pist. 12. Il Signore disse il mandato, cioè comandamento della Legge, nel quale si dice: Onora il padre tuo e la madre tua. E Pist. 57. Ecco ch'io cotanti anni t'ho servito, e giammai non ho trapassato il tuo comandamento; quasi come se avere invidia della salute del fratello questo non sia trapassare il mandato. E iri, più oltre: Ecco che io tanti anni ti servo, e giammai non ho trapassato il tuo mandato. [Val.] Pucc. Centil. 9. 59. Contro al suo mandato I Ghibellin pinse fuor della terra.

T. Vang. Questo mandato ho ricevuto dal padre mio.

2. T. Dare il mandato sebbene in mandato sia già Il dare, ripetesi, come Fare i fatti suoi, e sim. Vang. Il Padre che ha mandato me, esso mi diede il mandato che dire. – Porta il Che e il Di col nome e coll'Inf. Gli diede il mandato che facesse, di fare; il mandato dell'omicidio.

3. T. Deporre il mandato ricevuto, Non voler seguitare l'opera commessa.

4. Vale anche Facoltà, Potere avuto da altri di far checchessia. Nov. ant. 3. 3. (C) Li nobili cavalieri di Giadre recaro le chiavi della città ad Alessandro, con pieno mandato d'ubbidire li suoi comandamenti, come a lor signore. T. Far cosa senza mandato, senza averne facoltà nè licenza.

5. Mandato vale anche Procura, e in questo senso è termine de' legisti. G. V. 23. 3. (C) Se di ciò fare aveano autentico mandato. E 4. 43. 1. E fece che per suo mandato i Lettori d'Alemagna elessono Re de' Romani Ridolfo. [Cont.] Stat. Cav. S. Stef. 69. Esaminare molto bene i mandati, o vero procure di coloro i quali, essendo assenti, son tenuti a dover venire al capitolo, e quelle, che, sono legittime accettarle, e quelle che nò ributtarle. Bandi Lucch. 216. Che Joanni, quondam Lemmi Frammi cittadino di Lucca ae rivocato ogni mandato e procuraria, per lui dato, fatto, e conceduto a Ciomeo. = Guicc. Stor. 17. 7. (M.) Ma parendo al Pontefice e al Senato Veneziano per il pericolo del Castello di somma importanza la celerità, spedirono subito, ma segretissimamente, i mandati di fare la confederazione agli uomini loro.

Dicesi anche Mandato di procura. [Tor.] Targ. Tozz. G. Not. Aggrandim. 3. 231. Qui solamente accennerò in ristretto che in una copia di Mandato di Procura da esso fatto in Firenze… è chiamato Illustris et Excellens, ecc.

6. Mandato amplissimo, lo stesso che Plenipotenza, Pieno potere. Guicc. Stor. 17. 49. (M.) Dandogli in dimostrazione un Breve di mandato amplissimo. E 55. Dicendo avere da Cesare il mandato amplissimo in sè.

7. Mandato dicesi anche Un atto di un tribunale col qual si dà facoltà ad uno di agire contro i beni o la persona di alcuno. Cas. Lett. 27. (M.) E finalmente ho ottenuto in Rota il mandato (cioè, l'ordine per l'esecuzione).

8. Dicesi anche uno Scritto col quale si ordina ad uno di pagare una data somma alla persona ivi nominata. [Cont.] Cr. B. Naut. med. I. 81. Terzo è il pagatore, quale conforme a' mandati che fa il proveditore, sottoscritti dal generale, paga le robbe compre, e soldi de' naviganti. = Instr. Canc. 77. (M.) Si accertino con ogni opportuna diligenza, che la spesa si faccia legittimamente, nè faccia mai la polizza, o mandato al Camarlingo, che dovrà somministrare il danaro, senza aver prima visitato il luogo. Benv. Cell. t. 3. 3. 128. ediz. fior. 1829. Gugl. Piatti. (Gh.) Vostra Eccell. III gli fece il mandato a detto depositario che lo pagasse. Red. Lett. 2. 215. (Man.) Mi son sdimenticato… se quando io farò i mandati, debbo farli per gennajo e per febbrajo ora correnti.

9. † Il mandare, Mandata. Vit. S. Franc. 167. (M.) Gli altri sei mandò nell'altre tre parti… Passato che fu poco tempo, dopo questo mandato, venne al santo padre desiderio della presenza de' suoi figliuoli.

10. Dicesi in prov. Ogni dato vuole il mandato; e vale che Chi accetta un regalo, è in dovere di rifarne un altro. (Man.)

[T.] Varie specie. T. Mandato di fiducia. – Speciale mandato. – Mandato indeclinabile.

T. Per divino mandato. Fag. Comm. Il mandato immissivo pretendo di domandarlo io come legale.

T. Assassinio per mandato.

T. Con verbi. Non ha mandato per rappresentare tale o tale persona o società. – Ha il mandato di fare. – Non avendo il mandato su ciò. – Conferire un mandato. – Investito d'un mandato. – Mandato affidatoci.

T. Accettare il mandato. – Assumerlo. – Eseguire il… – Esercitare un… – Adempiere il… – Fedeli al mandato. – Trascendere il proprio mandato. – Uscire del mandato. – Fallire al suo mandato. – Rinunziare a un mandato.
Mandato - Part. pass. e Agg. Da MANDARE. Ricord. Malesp. 132. (C) I quali rappresentarono autentica procura mandata, ovvero bollata d'oro. Bocc. Vit. Dant. 32. Per la qual cosa da fare il sepolcro e di porvi li mandati versi si rimase. G. V. 11. 13. 12. Per tante miserie di battiture mandate e concedute da Dio. E cap. 18. 1. Trentadue galee mandate in Grecia per difenderla da' Turchi. Coll. Ab. Isaac, cap. 16. Il pigro mandato alla via dice: il leone è nella via, il micidiale è nelle piazze.

2. T. Nel senso relig. Mandato da Dio, con uffizio speciale a annunziare il vero e operarlo. Per ell., anche sottint. Da Dio.

3. A modo di sost. [Val.] Mach. St. lib. 1. 236. Era allora governata Italia parte dai popoli, parte dai principi, parte dai mandati dall'Imperatore, de' quali il maggiore, ed a cui gli altri riferivano, si chiamava Cancellario.

4. Per colui che viene col mandato, Ambasciatore. Ciriff. Calv. 2. 48. (C) Andò il mandato di Luigi drento, E la imbasciata a Tibaldo propose. Guicc. Stor. 17. 8. I mandati del Pontefice e dei Veneziani, prima molto desiderati, fussero arrivati nel tempo medesimo. Stor. Eur. 1. 7. (M.) Ed avvegnachè i mandati di Arnolfo si sforzassino con ogni industria di raffrenargli da tali insulti, la ferocità nondimeno non gli lasciava fare altrimenti. Pros. Fior. Borgh. Lett. 4. 4. 107. Rimando la medaglia a V. S. che il balordo del mio mandato l'aveva data a messer Baccio Baldini, ed io pensava l'avesse riavuta V. S. Gal. Op. Lett. 6. 376. (Man.) In questo punto è comparso un mandato di corte per intendere dello stato mio.

Di qui il detto: Non torna nè il messo, nè il mandato; e si dice quando cercandosi d'alcuno, non viene nè il cercato, nè il cercante. (C)

5. Per Scagliato, Vibrato. Amet. 67. (C) Ma il tenero petto subitamente da vegnente saetta mi fu percosso, mandata dalla potente mano del figliuolo della Dea.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: mandatari, mandataria, mandatarie, mandatario, mandate, mandatemi, mandati « mandato » mandava, mandavamo, mandavano, mandavate, mandavi, mandavo, mandelica
Parole di sette lettere: mandata, mandate, mandati « mandato » mandava, mandavi, mandavo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): probandato, sbandato, educandato, propagandato, riandato, malandato, inghirlandato « mandato (otadnam) » tramandato, demandato, rimandato, comandato, raccomandato, telecomandato, radiotelecomandato
Indice parole che: iniziano con M, con MA, parole che iniziano con MAN, finiscono con O

Commenti sulla voce «mandato» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2023 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze