Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «mistero», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Mistero

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere mistero (buffo, inspiegabile, strano, fitto, ...)
»» Sinonimi e contrari di mistero (enigma, arcano, segreto, evento inspiegabile, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
buffo (10%), arcano (7%), fitto (5%), segreto (5%), fede (4%), oscuro (4%), paura (3%), occulto (3%), risolto (3%), buio (3%), enigma (3%), profondo (3%), castello (2%), glorioso (2%), incomprensibile (2%), svelato (2%), nascosto (2%), giallo (2%), irrisolto (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate mistero

maschere/a 7
  
Giochi di Parole
La parola mistero è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: mi-stè-ro. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: moriste, rimesto, rimestò, stimerò.
mistero si può ottenere combinando le lettere di: sto + [meri, mire, remi, ...]; rom + [site, stie, tesi]; tir + some; sir + temo; tris + emo; [osti, sito, tosi] + rem; sim + [erto, otre, rote]; trim + osé; somi + tre; [miro, mori, rimo] + [est, set].
Componendo le lettere di mistero con quelle di un'altra parola si ottiene: +ara = arrestiamo; +[sai, sia] = assiometri; +osa = assiometro; +ano = astronomie; +cra = camorriste; +cap = comperasti; +cip = compiresti; +[csi, ics, sci, ...] = cortissime; +cin = cretinismo; +can = crisantemo; +[dan, dna] = destrimano; +ada = disamorate; +[adì, dai, dia] = disertiamo; +dir = dormiresti; +[adì, dai, dia] = dosimetria; +dei = dosimetrie; +cui = ecoturismi; +alé = elastomeri; +[ali, ila, lai] = elitarismo; +[adì, dai, dia] = ematidrosi; ...
Vedi anche: Anagrammi per mistero
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: disterò, listerò, mieterò, misteri, visterò.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: disterà, listerà, visterà.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: misero, mister.
Altri scarti con resto non consecutivo: misto, mise, mite, mito, miro, mero, iter.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: smisterò.
Parole con "mistero"
Finiscono con "mistero": smisterò.
Parole contenute in "mistero"
ero, ter, miste, stero, mister. Contenute all'inverso: ore, sim.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "mistero" si può ottenere dalle seguenti coppie: mide/desterò, midi/disterò, mie/estero, mili/listerò, mire/resterò, mite/testerò, mito/tosterò, mise/etero, miss/stero, mista/aero.
Usando "mistero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: damiste * = darò; * steroli = mili; tomiste * = toro; dormiste * = dorrò; limi * = listerò; * eroica = mistica; * eroici = mistici; * eroico = mistico; remi * = resterò; somi * = sosterò; temi * = testerò; tomi * = tosterò; esimi * = esisterò; * eroiche = mistiche; premi * = presterò; minimi * = ministero; * eroicità = misticità; * eroicamente = misticamente.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "mistero" si può ottenere dalle seguenti coppie: mista/attero, misti/ittero, misture/erutterò, mistra/arerò.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "mistero" si può ottenere dalle seguenti coppie: limi/steroli, animiste/roani, chimiste/rochi, damiste/roda.
Usando "mistero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: steroli * = limi; * damiste = roda; * animiste = roani; * chimiste = rochi; roda * = damiste; * limi = steroli; roani * = animiste; rochi * = chimiste; * idem = isteroide.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "mistero" si può ottenere dalle seguenti coppie: mili/steroli, miste/eroe, misti/eroi, mistica/eroica, misticamente/eroicamente, mistiche/eroiche, mistici/eroici, misticità/eroicità, mistico/eroico.
Usando "mistero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * desterò = mide; * resterò = mire; * testerò = mite; * tosterò = mito; resterò * = remi; sosterò * = somi; testerò * = temi; tosterò * = tomi; presterò * = premi; darò * = damiste; toro * = tomiste; dorrò * = dormiste; * mide = isteroide; * midi = isteroidi.
Sciarade incatenate
La parola "mistero" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: miste+ero, miste+stero, mister+ero, mister+stero.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "mistero" (*) con un'altra parola si può ottenere: ani * = amnistierò.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "mistero"
»» Vedi anche le pagine frasi con mistero e canzoni con mistero per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Sebbene ci si sforzi, è difficile comprendere il mistero della vita.
  • Mi piacciono le persone che si circondano di un alone di mistero.
  • Dove mai avrò messo gli occhiali? Mistero... Dovrò ribaltare la casa.
Libri
  • Mistero napoletano (Scritto da: Ermanno Rea; Anno 1996)
  • La boutique del mistero (Scritto da: Dino Buzzati; Anno 1968)
Titoli di Film
  • Il mistero del falco (Regia di John Huston; Anno 1941)
  • Ember - Il mistero della città di luce (Regia di Gil Kenan; Anno 2008)
  • The Blair Witch Project - Il mistero della strega di Blair (Regia di Daniel Myrick ed Eduardo Sanchez; Anno 1999)
  • Il mistero di Bellavista (Regia di Luciano De Crescenzo; Anno 1985)
Canzoni
  • Grande mistero (Cantata da: Irene Fornaciari; Anno 2012)
  • Mistero (Cantata da: Enrico Ruggeri; Anno 1993)
  • Mistero (Cantata da: Gigliola Cinquetti; Anno 1973)
  • Che mistero è l'amore (Cantata da: Nicky Nicolai e Stefano Di Battista Jazz Quartet; Anno 2005)
  • Mistero (Cantata da: Enrico Ruggeri; Anno 1993)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Mistero, Arcano, Segreto - Un arcano è cosa nascosta; un segreto, cosa non saputa; un mistero, cosa occulta, e poi cosa non chiara e non evidente per la umana ragione. L'arcano sta nella ragione essenziale della cosa medesima: il mistero nel velo materiale o speculativo che la nasconde; il segreto nella discrezione e prudenza di chi lo possiede. Così le leggi arcane della natura, i misteri della fede, i segreti del cuore. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
† Mistero - e † MISTERIO. S. m. Mestiero. Tesorett. Br. 8. 73. (C) Cotal è lor mistero, Che metton forza e cura In dar freddo e calura. Guitt. Lett. 4. 21. È esso nostro mistero degnissimo, e utilissimo e orrato. E 13. 37. Quanta è, Signor miei, vostra rancura, e quanto affanno d'amici, e di nemici, e di comune, e de' vostri proprii misteri, vostro onore vano? Pucc. Centil. 72. 35. A cotal misterio Fur figurate ben di grado in grado.

2. [Val.] Ministero. Tesorett. 15. 12. Come nel suo mistero Si dovesse portare.
Mistero - e MISTERIO. S. m. Aff. al lat. aureo Mysterium e al gr. Μυστήριον, Cosa secreta, che non si può interamente comprendere. (Rosm.) Si dice Avervi un mistero quando in una data proposizione v'ha qualche cosa che non può intendersi da una ragione limitata. Fir. As. 159. (C) Io ti priego… per li taciti misterii de' suoi tabernacoli.

Fu detto anche rispetto alla religione degli Ebrei. Fir. As. (C) Ne fe' copia colla sua eloquenza, e dottrina de' misteri degli antichi Ebrei.

2. (Eccl.) [Ghir.] Parlandosi della religione cristiana s'intendono con questo nome le verità di ordine sovrannaturale che la Chiesa propone a credere ai fedeli come oggetto di fede. [Laz.] Coll. SS. PP. 14. 8. Ma la celestiale (Jerusalem), la quale dagli spirituali misteri salendo a cotali più alti e più sacrati secreti del cielo, è così posta dall'apostolo. = Segner. Mann. Giugn. 6. 5. (M.) Eccoti l'alto mistero ineffabilissimo dell'incarnazione di Cristo nelle purissime viscere di Maria. [G.M.] E Crist. Instr. 1. 14. Conviene insegnar loro (ai figlioli) i misteri principali della santa Fede, e singolarmente ciò ch'hanno a credere intorno al mistero della santissima Trinità, e della Incarnazione della seconda Persona.

T. Misteri della religione, della fede. – Adorabili, Sublimi, Santi.

T. Rivelare i misteri della sacra parole. Lor. Just. Vi aperse i misteri occulti delle pagine sante.

T. Greg. Gran peso di misteri. (Accolto nelle parole.)

T. Nel fatto Cosepire un mistero. E Gesù Cristo, in ciascuno de' misteriosi atti della sua vita insino alla risurrezione. E i suoi sacerdoti, segnatam. nel rinnovare il sacrifizio eucaristico. Ma e nel battesimo, e nella confessione, e nell'ordine sacro e nel matrimonio (che non sia solamente del Sindaco), si opera, si compie un mistero.

3. T. Segnatam. del sacrifizio della Messa, o anche di quelli che nella vecchia legge lo raffigurarono. Celebrare i divini misteri. Al. Manz. Cessan gl'inni e i misteri beati Tra cui scende per mistica via Sotto l'ombra de' pani mutati L'ostia viva di pace e d'amor.

4. T. Mistero eucaristico, il sacramento e nella sua istituzione, e nel rinnovarsi quotidiano, e nel parteciparne i Fedeli, e nella presenza di G. C. sotto le specie nell'altare. Adorare il mistero eucaristico.

T. Le specie del Sacramento Eucaristico. Che i sacri misteri non fossero tocchi se non da ministri.

Anche Misterio della nostra salute fu detta l'Eucaristia. Vit. S. Gio. Gualb. 324. (C) Il prete preso il misterio della nostra salute, cioè comunicatosi… si appressa…

5. Per Cerimonia della religione. Dant. Vit. nuov. 37. (C) Quand'io aveva veduto compire tutti i dolorosi misteri, che alle corpora de' morti si usano di fare, e' mi parea tornare nella mia camera.

6. Parlando del Rosario, i Misterii sono altrettanti punti o soggetti da contemplarsi nella storia della Vergine e della passione di Gesù; e si dividono in Gaudiosi, Dolorosi e Gloriosi. (Mt.) Fr. Giord. Pred. (C) Gli ultimi cinque misteri del santo Rosario son detti Gloriosi.

7. [Fanf.] Rappresentazione scenica di subbietto sacro. Cecchi L. M. I. 501. Prima. Che sarà un misterio da zazzeroni? Sec. Ella fia cosa degna da recitarsi a persone che abbiano discorso e discrizion.

8. T. Non tale o tal punto di fede non comprensibile alla ragione, ma il complesso delle cose incomprensibili. Il mistero della fede. Luc. 8. Mysterium regni Dei. – A voi è dato conoscere i misteri del regno del cielo. In questo senso contrapponesi Mistero a Ragione, a Scienza. – L'ignoranza nega il mistero, perchè non sa discernere i gradi della luce. – La ragione che nega il mistero, moltiplica i misteri laddove non sono, priva sè di sostegni, il cuore di conforti, l'ingegno d'ispirazioni.

9. T. Svelare i misteri, anco nel senso umano; Rivelare, più propriam. nel rel.

10. Far mistero d'una cosa vale Tenerla secreta. Modo da non abusare. Salvin. Disc. 2. 217. (M.) Aristotile vuole che egli servisse a separare i numeri l'uno dall'altro, de' quali numeri i Pittagorici facevano tanto mistero.

T. Chi vuole qual cosa nascondere ad altri, ma dà a divedere la cura del volerla nascondere, dicesi che Fa de' misteri. – Che misteri mi fate voi ora? Nel plur. come iron. pare che abbia forma più it. che a dire Me ne ha fatto un mistero, me l'ha nascosto o voluto nascondere.

11. Mistero, fig. per Cosa arcana, e maravigliosa. Bellin. Disc. 1. 161. (M.) lo voglio considerare una parte sola del medesimo (corpo) con qualche movimento di ossa, per farvi in una materia, che ha più misteri in ogni sua piccola parte…, informati e capaci.

T. L'uomo è mistero a se stesso; sublime mistero s'egli sa docilmente e umilmente interrogare e Dio e gli enti tutti; mistero tremendo inesplicabile, se credendo di conoscersi non riguarda e non ascolta che se stesso.

T. E nel pr. e per estens. I misteri dell'anima umana; e quel che in essa è veramente misterioso, e anche il recondito delle sue facoltà, i segreti del cuore e in bene e in male.

T. I misteri della filosofia, e in quanto ogni filosofia vera, riconoscendo il mistero, ragiona intorno ad esso, non per combatterlo ma per ajutarsene; e in quanto i filosofanti tengono segreta una parte della scienza loro, e la serbano ai più fidati e maturi.

12. T. Di parole e di fatti misteriosi, o che eccitano a meditare cose misteriose. Parole, fatti fecondi, gravidi di misteri.

13. T. Usi pagani. Misteri eleusini.

T. Misteri delle Muse, giacchè il ministero poetico ne' primi tempi era sacro.

14. T. Senso di riprovazione. Mistero d'iniquità.

[T.] Mistero e Mito hanno forse l'orig. stessa; come Mutire e Zittire colla negaz. acquistano senso di Favellare; e Favella da Fari; e la lingua umana ha suo moto dal verso di Dio. Ma nel senso stor. il Mito adombra il Mistero con parole o pronunziate o scritte per via di caratteri o per via d'immagini; il Mistero è il fatto o simboleggiato o espresso più o men chiaramente. Del Mito la tradizione; del Mistero l'attuazione, la fede, la comprensione più o men ragionata. Del Mistero spiegasi la ragione e il fine senza intenderne per l'appunto ogni cosa; del Mito cercasi l'orig., il significato. Il Mito tramandasi, il Mistero si opera, è esso stesso operante. Il Giudaismo e il Cristianesimo hanno Misteri non Miti; e il chiamare Miti i Misteri e i simboli crist., è di quelle leggerezze, tra bestemmia e celia, che certa scienza da cattedre triviali viene spacciando per nuovi misteri e dommi.

T. Il Paganesimo aveva Misteri, in senso di cerimonie segrete, odombranti in orig. una verità dalle superstizioni e dalle passioni oscurata; cerimonie sovente abusate, e peggio che profane. I misteri Eleusini di Samotracia. Misteri d'Iside e di Mitra. Zannon. Vas. Ant. 25. Distinguer si debbono le feste di Bacco da' suoi misteri; e in questi eran pur gli uomini iniziati. Firenz. Op 4. 163. Ond'io, di poi ch'ai santi e sacri Misteri sacerdote inizïato Son per voi tutti… Quest'ult. modo è anco de'Misteri e de' riti crist. – Iniziare nei, par che dica qualcosa di più intimo che Ai.

II. T. Misteri delle religioni, può dirsi in gen., anco frantesi o abusati; ma dicendo Della religione, noi segnatam. della cristiana intendiamo. I misteri della fede cristiana.

T. I misteri di Dio, e i rivelati dal Cristianesimo, e più in gen. tutto quel che concerne la deità, le perfezioni e le opere sue.

T. Nel sing. dice tale o tal punto di credenza. Il mistero dell'incarnazione. Il mistero della discesa al limbo.

T. Ma poi ass. nel sing. Il mistero di Dio, comprende in un solo concetto i misteri suoi tutti. Il mistero della creazione, e l'origine e la conservazione e il procedere delle cose.

III. T. Misteri le cerimonie Mistero l'Eucaristia in quant'è sacramento; Il mistero della Messa, in quanto il rito lo commemora e lo rinnovella. I riti sacri in gen. Misteri, in quanto accennano o a quel ch'ha di misterioso la religione, o a tale o tal fatto misterioso. Celebrare i sacri misteri. Partecipare a' divini misteri (e ne' sacramenti, e pur coll'assistere).

T. Misteri, le cose che adopransi ne' riti sacri. Sisto I. ordina che soli i sacerdoti tocchino i sacri misteri. – In questo senso Sacri; in senso più gen., Santi. – Sacri a qualche modo anco i misteri pagani, ch'erano tutt'altro che santi. Hor. Vetabo qui Cereris sacrum Vulgarit arcanae sub iisdem Sit trabibus. Ecco l'anàtema, e lo avventa l'uomo dal gregge d'Epicuro. Ma l'unico ovile non ha misteri che non siano predicabili da'tetti; segrete rimangono sole le colpe altrui.

IV. T. In quanto non si può tutto comprendere diciamo Mistero occulto, sovrumano, impenetrabile. Il sigillo del mistero.

T. In quanto alcuna cosa se ne può e deve intendere, Il velo del mistero. Mistero a noi rivelato. Ch'anzi in quel ch'era tenebra oscura e paurosa, il mistero cristiano fa scendere un raggio di luce, che guida e conforta.

T. Apo. Nomi di mistero, che accennano a cose misteriose. E può anco nel male nascondersi mistero, giacchè il male non è che bene imperfetto e abusato: e il farci accorto del male è un avviarci al riconoscimento del bene che nel male stesso misteriosamente si cela, per quindi ascendere al bene supremo.

V. T. Anco di fatti. Consumato il mistero della Redenzione.

T. Della parte dell'uomo. S. Cat. Lett. Che senza misterio grande Dio non v'ha posto costì (a Niccolò Sodermi). – Compiere un grande mistero.

VI. T. Per estens. Pieno, Grave di mistero, un fatto, una serie di fatti; una parola un discorso. Tutto è mistero in quanto ogni cosa più evidente e più semplice ha dell'incomprensibile nelle origini sue, negli effetti, nelle relazioni; viene dal sovrumano e mette a quello. La vita è circondata di misteri. Della vita il mistero e della morte. In questo signif. anco Misteri del senso, il mistero de' corpi.

T. Il mistero dell'arte.

VII. Modi com. T. Tes. Br. 11. 70. Alto mistero. Ar. Fur. 3. 12. Alto. – Intendere i misteri. – Non è senza misteri.

VIII. Per abus. T. Salvin. Disc. 1. 295. Fanno mistero d'ogni lor cosa, e… l'affogano in una cupissima segretezza. Dicono Non ne feci un mistero, o Non ve ne feci mistero, non ve lo tacqui, non ve lo volli nascondere. Ma non è pr. nè bello.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: misterico, misteriosa, misteriosamente, misteriose, misteriosi, misteriosità, misterioso « mistero » misti, mistica, misticamente, mistiche, mistici, misticismi, misticismo
Parole di sette lettere: misteri « mistero » mistica
Vocabolario inverso (per trovare le rime): cointesterò, contesterò, protesterò, attesterò, disterò, magistero, listerò « mistero (oretsim) » smisterò, ministero, depisterò, rattristerò, esisterò, desisterò, preesisterò
Indice parole che: iniziano con M, con MI, parole che iniziano con MIS, finiscono con O

Commenti sulla voce «mistero» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze