Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «romana», il significato, curiosità, forma dell'aggettivo «romano», associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Romana

Forma di un Aggettivo
"romana" è il femminile singolare dell'aggettivo qualificativo romano.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
chiesa (12%), porta (11%), laziale (10%), pizza (8%), pagare (4%), cittadina (3%), carciofi (3%), storia (3%), ricotta (2%), capitolina (2%), pagamento (2%), carciofo (2%), strada (2%), roma (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Wikipedia

Foto taggate romana

Foto 969346001
  
Informazioni di base
La parola romana è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: ro-mà-na. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con romana per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La trippa alla romana è una delle pietanze più note della cucina laziale.
  • La gita romana è stata storicamente molto interessante.
  • Quando esco a cena con gli amici, il conto si paga sempre alla "romana".
Citazioni da opere letterarie
Carthago di Franco Forte (2009): Publio strinse le redini con forza, aspettando l'ordine di avanzare, ma per un tempo che gli parve infinito non accadde nulla. I cartaginesi procedevano a velocità crescente, mentre i reparti di cavalleria si allargavano sulle ali e gli elefanti puntavano dritti verso la fanteria leggera romana, poi all'improvviso risuonarono le tube e la prima linea dell'esercito consolare si mosse, sopravanzando i veliti e le compagini ringhianti dei celti, che fremevano per potersi scagliare contro il nemico.

La Storia di Elsa Morante (1974): Sulla parete del letto, nel posto delle immagini sacre, erano fissate con puntine diverse fotografie, ritagliate dalle riviste, di dive del cinema in costume da bagno o in abito da sera: delle quali le più formidabili erano contrassegnate con grandi fregi a matita rossa, così perentorii da parere degli squilli d'arrembaggio, o delle proteste di gatto uscito a battere. Sulla medesima parete, ma di lato, e fissata anch'essa con puntine, c'era pure una copia di manifesto, raffigurante un'aquila romana che stringeva le Isole Britanniche fra gli artigli.

Nostalgie di Grazia Deledda (1914): Il viale si spalancava. Mai ella aveva veduto la campagna romana così bella, così inverosimilmente splendida e colorata. Pareva un quadro dei pittori luministi, un paesaggio di velluto verde, con macchie di pini, con un orizzonte abbagliante, rosso e giallo: una esagerazione di luce, nella cui intensità le figure degli acetosari seminudi, dei soldati a cavallo, dei mendicanti fermi allo svolto del viale, spiccavano come statue di bronzo.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per romana
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: romane, romani, romano, romena.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: domani, domano.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: roana.
Altri scarti con resto non consecutivo: rana.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: romagna, romanda, romania, romanza.
Parole con "romana"
Finiscono con "romana": preromana.
Contengono "romana": promanare, promanata, promanate, promanati, promanato, promanante, promananti.
Parole contenute in "romana"
ana, rom, roma. Contenute all'inverso: amo, amor.
Incastri
Inserendo al suo interno tic si ha ROMANticA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "romana" si può ottenere dalle seguenti coppie: rombai/baiana, rompe/peana, rompermi/permiana, rompersi/persiana, rompi/piana, romaico/icona.
Usando "romana" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ceroma * = cena; * manata = rota; * manate = rote; biro * = bimana; curo * = cumana; * ada = romanda; * ade = romande; * adì = romandi; * nando = romando; * aia = romania; * anabate = rombate; * anabati = rombati; * manatella = rotella; * manatelle = rotelle; * anapesti = rompesti; * nanismi = romanismi; * nanismo = romanismo; * azera = romanzerà; * azero = romanzerò.
Lucchetti Riflessi
Usando "romana" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cuor * = cumana; * anici = romaici.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "romana" si può ottenere dalle seguenti coppie: resero/manarese, taro/manata, tiro/manati, toro/manato.
Usando "romana" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: manata * = taro; manati * = tiro; manato * = toro; * taro = manata; * tiro = manati; * toro = manato; manarese * = resero; * resero = manarese.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "romana" si può ottenere dalle seguenti coppie: rota/manata, rote/manate, rotella/manatella, rotelle/manatelle, rombate/anabate, rombati/anabati, rompesti/anapesti.
Usando "romana" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bimana * = biro; cumana * = curo; * romando = nando; * peana = rompe; * piana = rompi; cena * = ceroma; * baiana = rombai; romanzi * = anziana; * romanismi = nanismi; * romanismo = nanismo; * icona = romaico; * dea = romande; * dia = romandi; * anziana = romanzi; * permiana = rompermi; * persiana = rompersi.
Sciarade e composizione
"romana" è formata da: rom+ana.
Sciarade incatenate
La parola "romana" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: roma+ana.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "romana" (*) con un'altra parola si può ottenere: pii * = piromania; * gol = romagnola; mici * = micromania; pizi * = piromanzia; * zeri = romanzerai; * zite = romanziate.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Romana o Romanza (lingua) - Da taluni chiamata romans o romant. Era una lingua composta di celtico e di latino, ma in cui quest'ultimo superava abbastanza per autorizzare i nomi sopra accennati. Quella lingua fu in uso durante le prime due stirpi: era detta rustica, o provinciale dai Romani e da coloro che ad essi succedettero; il che sembra ci provi essere stata parlata soltanto dal volgo e dagli abitanti delle campagne. Gli autori del romanzo d'alessandro dicono però aver tradotto questo componimento dal latino o romano. Nella Gallia, quando vi entrarono i Francesi v'erano tre lingue viventi, cioè la latina, la celtica e la romana; e di quest'ultima per certo intende favellare Sulpizio Severo, che scriveva sul principio del secolo V., allorchè fa dire a Postumio: Tu vero vel celtice vel, si mavis, gallice loquere. La lingua ch'egli chiamava gallicana doveva essere la stessa che in seguito fu detta più comunemente romana; altrimenti bisognerebbe premettere che regnasse nelle Gallie una quarta lingua, senza che fosse possibile determinarla: ammenochè fosse poi un dialetto del Celtico non corrotto dal latino, e tale che potesse parlarsi in alcuni cantoni della Gallia avanti all'arrivo dei Romani. Ma qualche tempo dopo lo stabilimento dei Franchi, non si discorre più di altra lingua in uso, fuor della romana e della tedesca. Il più antico monumento che si abbia della romana è il giuramento di Luigi il Germanico, a cui risposero i signori francesi del partito di Carlo il Calvo. [immagine]
Romana - Così si chiama una bilancia, in cui i pesi si misurano mediante la flessione di una molla. Cayle pubblicò nel tomo VII della sua Raccolta di antichità una bilancia di fattura antica, oggi nota sotto questo nome; nè può aversene di più complete. «In essa (dice Millin) la bilancia è posta in equilibrio con uno di quei busti di principi che servivano di peso.» [immagine]
Lotteria Romana - Un'etimologia più ingegnosa che vera fa derivare questa voce dall'italiana lotta, perchè in certo modo vi si combatte con la fortuna e con un numero infinito di concorrenti: ma ell'è proveniente piuttosto dal tedesco lot, che significa sorte, perocchè le sue eventualità dalla sorte dipendono.

Sembra che ai Romani si debba l'invenzione delle lotterie, se pure si prende tal parola in senso generico. Durante le saturnali essi immaginarono certe specie di lotterie, di cui tutti i biglietti distribuiti gratuitamente vincevano qualche premio, e ciò ch'era scritto sui biglietti si chiamava apophoreta. Questa invenzione era un tratto di galanteria che si usava per dimostrare la propria liberalità e rendere la festa più vivace e interessante, cominciando da mettere in buon umore tutta la gente. Augusto trovò ottima codesta idea, e sebbene i biglietti delle lotterie ch'egli faceva consistessero talvolta in inezie, pure erano immaginate per dar campo a divertirsi anco di più. Ma Nerone, nei giuochi che si celebravano per l'eternità dell'impero, spiegò la maggior magnificenza in questo genere. Creò a favore del popolo pubbliche lotterie di mille biglietti al giorno, di cui alcuni bastavano per arricchire le persone alle quali il caso li distribuisse. L'imperatore Eliogabalo trovò grazioso di comporre i lotti metà di biglietti utili e metà di altri che vincessero oggetti ridicoli e di niun valore. Ve n'era, a mo' d'esempio, uno di sei schiavi, uno di sei mosche, uno di un vaso di gran prezzo, altro di un vaso di terra ordinaria, e così di seguito.

Nel 1685 Luigi XIV rinnuovò in Francia la memoria delle antiche lotterie romane, e ne fece una bellissima per le nozze di sua figlia con monsieur le Duc... Le lotterie, giuochi d'azzardo trasportati dall'Italia in Francia, furono quivi ammesse verso il principio del secolo ultimo scorso. Sembra che le prime non fossero pubbliche. Sotto il ministero del cardinale Mazarrino si stabilirono quelle pubbliche, che il regno di Luigi XV vide estendersi all'eccesso. Attualmente esse vi sono soppresse. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Romana - S. f. Dare di Romana, o Tirare di Romana, dicesi nel giuoco della palla Quando, arrovesciato il polso, si scaglia in linea retta la palla propria. Gargiolli. (Fanf.)

2. T. Di Romana sost. V. ROMANO, 6. 10. 18. ROMANO agg. e sost.; e così della locuz. avv. Alla romana.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: romagnole, romagnoli, romagnolo, romaica, romaiche, romaici, romaico « romana » romanda, romande, romandi, romando, romane, romanesca, romanescamente
Parole di sei lettere: rollai, rollii, rollio « romana » romane, romani, romano
Vocabolario inverso (per trovare le rime): destrimana, centimana, settimana, finesettimana, musulmana, mammana, maremmana « romana (anamor) » preromana, ottomana, germana, permana, diatermana, adiatermana, birmana
Indice parole che: iniziano con R, con RO, parole che iniziano con ROM, finiscono con A

Commenti sulla voce «romana» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze