Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «stroncare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Stroncare

Verbo
Stroncare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è stroncato. Il gerundio è stroncando. Il participio presente è stroncante. Vedi: coniugazione del verbo stroncare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di stroncare (recidere, troncare, amputare, tagliare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola stroncare è formata da nove lettere, tre vocali e sei consonanti.
Divisione in sillabe: stron-cà-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: scontrare, scontrerà.
stroncare si può ottenere combinando le lettere di: [ter, tre] + scarno; [resort, sterro] + can; sten + [carro, corra]; [nostre, sterno, storne] + cra; con + raster; [cero, core, creo, ...] + trans; [croste, escort, scorte, ...] + rna; scorre + tan; cren + [astro, sarto, sorta, ...]; centro + ras; corner + sta.
Componendo le lettere di stroncare con quelle di un'altra parola si ottiene: +aie = aerocisterna; +bei = arborescenti; +tiè = artrocentesi; +tai = atterriscano; +ito = atterriscono; +cin = concentrarsi; +oca = consacratore; +[evo, ove] = conservatore; +voi = conservatori; +[sai, sia] = contrariasse; +tai = contrariaste; +[ter, tre] = contrarreste; +tir = contrarresti; +tai = contrasterai; +tiè = contrasterei; +voi = controversia; +[evo, ove] = conversatore; +voi = conversatori; +gli = costringerla; +[neo, noè] = estorceranno; +[sai, sia] = incartassero; +mie = incastreremo; +[pio, poi] = incorporaste; +the = orchestrante; ...
Vedi anche: Anagrammi per stroncare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: stroncate.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: troncare.
Altri scarti con resto non consecutivo: stonare, stona, store, stare, star, sonar, trae, tare, roca, rare, once.
Parole contenute in "stroncare"
are, care, ronca, tronca, stronca, troncare. Contenute all'inverso: era.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "stroncare" si può ottenere dalle seguenti coppie: stroma/mancare, stroncai/ire, stroncamenti/mentire, stroncamento/mentore, stroncata/tare, stroncatore/torere, stroncatura/turare.
Usando "stroncare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: mastro * = mancare; plastron * = placare; * areata = stroncata; * areate = stroncate; * areati = stroncati; * areato = stroncato; * rendo = stroncando; * resse = stroncasse; * ressi = stroncassi; * reste = stroncaste; * resti = stroncasti; * retore = stroncatore; * retori = stroncatori; * ressero = stroncassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "stroncare" si può ottenere dalle seguenti coppie: stroncata/atre, stroncato/otre.
Usando "stroncare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = stroncata; * erte = stroncate; * erti = stroncati; * erto = stroncato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "stroncare" si può ottenere dalle seguenti coppie: stronca/area, stroncata/areata, stroncate/areate, stroncati/areati, stroncato/areato, stroncai/rei, stroncando/rendo, stroncasse/resse, stroncassero/ressero, stroncassi/ressi, stroncaste/reste, stroncasti/resti, stroncate/rete, stroncati/reti, stroncatore/retore, stroncatori/retori.
Usando "stroncare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: mancare * = mastro; * mancare = stroma; placare * = plastron; * torere = stroncatore; * mentire = stroncamenti; * mentore = stroncamento.
Sciarade incatenate
La parola "stroncare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: stronca+are, stronca+care, stronca+troncare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "stroncare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = stroncatrice.
Frasi con "stroncare"
»» Vedi anche la pagina frasi con stroncare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Con quell'articolo il giornale è riuscito a stroncare definitivamente la carriera politica di quell'arrivista.
  • Certe critiche azzardate possono stroncare una carriera sul nascere.
  • E' urgente stroncare quel traffico illecito di prodotti taroccati.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Stroncare, Troncare - Stroncare è Troncare con impeto, con violenza, e senza precisione nel taglio. Chi stronca fa sempre male; il troncare talvolta è necessario. Cosa troppo lunga allo scopo, va troncata; stroncandola, c'è il caso che non sia più buona a nulla. Per lo più si tronca verso una delle estremità e per un intento; si stronca nel mezzo, o per ira o per disgrazia. Stroncare, per lo più di cose resistenti assai; Troncare anche di non resistenti. — Minacciando, si suol dire: «Lèvati di torno, o ti stronco! — Bada ti stronco! — L'avrei stroncato!» — Qui non cadrebbe Ti tronco, e nemmeno nei seguenti Stroncare. «Si troncò la lingua coi denti. — Troncare un ramoscello d'alloro per farne una corona.

«A lui sol di troncare non fia disdetto
Il bosco ch'ha gl'incanti in sua difesa.»
Tasso.


— La Parca che tronca il filo della vita. — Troncar le parole: come Amor per Amore; Fe' per Fede. — Troncare un passo d'un autore. — Furono costretti a troncare a mezzo la commedia. — Troncare un'impresa — un discorso — le parole in bocca a uno — gli indugi — la guerra.» G. F. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Tagliare, Amputare, Incidere, Recidere, Succidere, Intercidere, Mozzare, Smozzare, Smozzicare, Trinciare, Troncare, Stroncare, Schiantare; Tronco, Troncato; Troncamento, Taglio, Ritaglio, Scampolo - Tagliare è generico; si taglia il pane, il grano, il fieno, lo spago, la carta ecc., ognuno de' quali importa una maniera diversa di tagliare; e non conto il tagliare i panni addosso al prossimo, che è taglio doloroso talvolta e irreparabile. Amputare è portar via il pezzo tagliando; propriamente è tagliar braccia, gambe, ecc.; è termine speciale della chirurgia. Troncare è tagliare cosa nella sua lunghezza a bocconi più o meno lunghi: troncare è un recidere di netto, cessare affatto seguito o continuazione di cosa, anco traslatamente: troncare il discorso è arrestarsi o arrestare uno in sul più bello; troncare un affare, una trattativa, una pratica avviata, o nel mentre che stava per avviarsi. Stroncare è troncare con più impeto e forza; è quel troncare rompendo e non tagliando: così si stronca un ramo, un ferro, un braccio o altra cosa per la sua lunghezza assennandovi sopra un colpo di tutta forza, o prendendola pei due capi colle mani e appuntandovi in mezzo un ginocchio e tirandola di forza a sè. Recidere è tagliare con le forbici o in modo consimile. Incidere è fare taglio o ferita per cui resti il segno; da ciò le incisioni, i tratti delle quali sono tagli più o meno profondi sulla superficie piana su cui s'incide: intercidere è incidere addentro o fra due cose o fra due parti di una cosa sola. Succidere dicesi delle viti quando si tagliano a fior di terra perchè mettano ceppo più grosso; «i contadini, così Capponi nel Tommaseo, per ispedirsi dicono uccidere e uccisa la vite». Succidere parmi significare eziandio quell'operazione che si fa ogni tre anni o più ai salici, ai gelsi tagliando loro ogni ramo al disopra del tronco, per la qual cosa riesce alla loro sommità come grossa testa e calva: perciò sul Vogherese sentii dire quest'operazione zuccare e scalvare; poco versato di agronomia, non so però se il succidere possa dir bene questa cosa; ne lascio la decisione agl'intelligenti. Mozzare è tagliare nel senso dell'altezza; tagliare il capo ad uno o mozzare uno del capo è la stessa cosa; smozzare è meno; non è che contundere alquanto o fiaccare la punta; smozzato o smuzzato è il coltello che non ha più la punta bene acuta e pungente; smozzicare è tagliare a bocconi, a minuzzoli: chi parla a stento perchè scilinguato o altro, smozzica le parole, non le dice che a metà e come sbocconcellate. Trinciare dicesi proprio delle pietanze che si fanno in pezzi congrui per servirne i commensali; a trinciare capponi, anitre, dindi ecc. vale qualche principio di scienza anatomica o una grande pratica che è meglio. Trincia, traslatamente, chi parla a dritto e rovescio: trinciano i saputelli, trinciano gli sfrontati contando su fandonie, dettando, sentenziando: trincia l'aria l'arzigogolone, l'appaltone che si dibattono a dar vita a vani e vuoti progetti. Si trincia poi al proprio un panno, un vestito che pel lungo uso si venga a consumare e vi si facciano male lesioni di continuità. Taglio di panno è quanto basta o quanto se ne compra per fare un vestito; lo scampolo è ordinariamente ciò che rimane al mercante della pezza quando ne ha venduti quanti tagli ne comportava; i ritagli sono quei pezzetti e minuzzoli che fa necessariamente il sarto nel tagliare le varie parti di un vestito: un taglio di carne o di pesce è quel pezzo che se ne compra pel bisogno dai particolari. A ritaglio si vende il cacio, il salame e simili. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Stroncare - [T.] V. a. e N. pass. Più che Troncare, più violento e meno preciso nel taglio, meno adatto all'uso. Troncare talvolta è necessità e bene; Stroncare è inconveniente. Lat. Truncare, Detruncare, Obtruncare. Fior. Ital. (C) Questi tre fati si dipingeano lo primo colla rocca piena di lino, lo secondo filava, lo terzo stroncava questo lino filato.

[G.M.] Legno, Ramo che si stronca facilmente. Cascò dalla fabbrica, e si stroncò una gamba (se la ruppe).

2. Stroncare, dicesi anche, parlandosi di voci, del Dividere le sillabe conforme alla compitazione; come anche del Torre infine una lettera, o una sillaba. Salvin. Disc. 3. 101. (C) Nello stroncare si dêe avere riguardo alla S, la quale per sua natural forza non isfugge la compagnia di niuna conclusione. E appresso: Nello stroncare le voci… la S appartiene non alla prima, ma alla seguente sillaba. (Questi due es. a modo di Sost.)

3. T. Ti stronco!, minaccia iperbolica, sovente di cel., come T'ammazzo, Ti divido, Ti stritolo.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: stroncamenti, stroncamento, stroncammo, stroncando, stroncano, stroncante, stroncanti « stroncare » stroncarono, stroncasse, stroncassero, stroncassi, stroncassimo, stroncaste, stroncasti
Parole di nove lettere: stroncano « stroncare » stroncata
Lista Verbi: strombazzare, strombettare « stroncare » stropicciare, strozzare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): arrancare, stancare, elencare, trincare, zincare, troncare, ritroncare « stroncare (eracnorts) » soffocare, infocare, giocare, rigiocare, locare, sublocare, allocare
Indice parole che: iniziano con S, con ST, iniziano con STR, finiscono con E

Commenti sulla voce «stroncare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze