Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «terza», il significato, curiosità, forma dell'aggettivo «terzo», associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Terza

Forma di un Aggettivo
"terza" è il femminile singolare dell'aggettivo numerale terzo.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
quarta (15%), età (12%), classe (11%), media (8%), elementare (7%), misura (6%), bronzo (4%), classificata (3%), volta (3%), pagina (3%), parte (3%), eta (2%), luna (2%), podio (2%), seconda (2%), marcia (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate terza

Terza classe
  
Informazioni di base
La parola terza è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti. Divisione in sillabe: tèr-za. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con terza per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Quando sei di fronte a due possibilità, pensa intensamente e ne troverai una terza.
  • È la terza volta che correggo la versione di greco.
  • Arrivati alla terza età si spera vivamente che ce ne sia una quarta.
Citazioni da opere letterarie
Il romanzo della fanciulla di Matilde Serao (1921): Una, troppo pretenziosa per i titoli di nobiltà; l'altra, inesorabile sulla questione della pietà religiosa; la terza pretende che si viva insieme; la quarta esige che si vada in provincia; una ha un capriccio, un'altra ha una fissazione, a questa non piacciono gli uomini biondi, quella là detesta la persona magra: addio matrimonio! Ve lo assicuro, care amiche, quelle che hanno ancora la madre e arrivano a maritarsi, compiono un'opera meravigliosa. —

La coscienza di Zeno di Italo Svevo (1923): Sul pianerottolo parlò ancora molto e, avendo ricordato il padre suo, ebbe gli occhi di nuovo umidi, per la terza volta in un quarto d'ora. Quando se ne fu andata, io dissi ad Augusta che quella non era una donna ma una fontana. Benché avessi vista la malattia di Ada, non vi diedi alcun'importanza. Aveva l'occhio ingrandito; aveva la faccina magra; la sua voce s'era trasformata ed anche il carattere in quell'affettuosità che non era sua, ma io attribuivo tutto ciò alla doppia maternità e alla debolezza. Insomma io mi dimostrai un magnifico osservatore perché vidi tutto, ma un grande ignorante perché non dissi la vera parola: Malattia!

Annalena Bilsini di Grazia Deledda (1927): Egli ritornò una terza volta: questa, però, come per caso, poiché s'era incontrato per strada con Giovanni Bilsini, ed il giovine lo aveva invitato ad accompagnarlo. Si sturò una bottiglia e si cominciarono i soliti discorsi; l'uomo chiamò i bambini e si fece frugare in tasca da loro, e com'è come non è, dalle profondità cavernose della giacca, sgorgarono noci, castagne secche, confetti.
Espressioni e Modi di Dire
  • Terza età
  • Terza pagina
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per terza
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: terga, terna, terra, tersa, terze, terzi, terzo, verza.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: verze.
Scarti
Togliendo tutte le lettere in posizione pari si ha: tra.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: sterza.
Parole con "terza"
Iniziano con "terza": terzarolare.
Finiscono con "terza": sterza, controsterza.
Contengono "terza": sterzai, sterzano, sterzare, sterzata, sterzate, sterzati, sterzato, sterzava, sterzavi, sterzavo, sterzammo, sterzando, sterzante, sterzanti, sterzasse, sterzassi, sterzaste, sterzasti, sterzarono, sterzatura, sterzature, sterzavamo, sterzavano, sterzavate, sterzassero, sterzassimo, controsterzai, sottosterzare, sottosterzata, sovrasterzare, ...
»» Vedi parole che contengono terza per la lista completa
Parole contenute in "terza"
ter.
Incastri
Inserito nella parola si dà SterzaI; in sta dà SterzaTA; in sto dà SterzaTO; in stura dà SterzaTURA; in sottosta dà SOTTOSterzaTA.
Inserendo al suo interno eri si ha TERZeriA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "terza" si può ottenere dalle seguenti coppie: tema/marza, teste/sterza.
Usando "terza" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: mate * = marza; * zame = terme; * zana = terna; * zane = terne; * zara = terra; * zarina = terrina; * zarine = terrine.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "terza" si può ottenere dalle seguenti coppie: team/marza, terrò/orza.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "terza" si può ottenere dalle seguenti coppie: terme/zame, terna/zana, terne/zane, terra/zara, terrina/zarina, terrine/zarine.
Usando "terza" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: marza * = mate; * marza = tema; * inia = terzini.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "terza" (*) con un'altra parola si può ottenere: seri * = sterzerai; site * = sterziate.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Terza - S. f. Una delle ore canoniche, che si canta, o si recita nel terzo luogo. [G.M.] Le ore canoniche sono sette: Mattutino, Prima, Terza, Sesta, Nona, Vespro, Compieta. Hora tertia, e sost. Tertia. = Vit. S. Franc. 208. (M.) Dicendo lui terza una volta, sì gli venne in memoria quello vasello, e imbrigò un poco la mente sua. [Cors.] Belc. Prat. spirit. c. 137. Uno die io ero nella mia spelunca presso al Giordano, e, salmeggiando Terza, ecco una Saracina. [G.M.] Magri, Notiz. Vocab. Eccl. L'ora di Terza fu chiamata Aurea, e dai Sacri Canoni vien detta Hora sacra,… perchè in tal'ora soleasi celebrare la Messa. Nella detta ora discese lo Spirito Santo sopra il Collegio Apostolico, e nell'istessa fu il Salvatore condannato a morte. – Terza cantata, Terza solenne.

2. Il Tempo in cui si canta, e il Suono della campana. Bocc. Introd. (C) Come terza suona, ciascun qui sia. E nov. 6. g. 2. Già l'ora della terza valicata. Cr. 4. 22. 4. Se l'uve si colgano dopo terza, quando la rugiada è risoluta, e che l'aria sia calda e chiara, il vino sarà più poderoso, e miglior da durare. [Cors.] D. 3. 15. Fiorenza, dentro dalla cerchia antica, Ond'ella toglie ancora e terza e nona, Si stava in pace, sobria e pudica. = E Rim. 24. (C) Pigliandole anzi terza, Con esse passerei vespro e le squille. Bern. Orl. Inn. 26. 32. Nè mattina, nè sera, a terza o nona, Lascia che pur dal Sole io sia veduta.

3. † Mezza terza, è La metà dello spazio tra il levar del sole e terza. Bocc. Nov. 3. g. 5. (C) Perchè entrati in via, in sulla mezza terza vi giunsero. E g. 3. proem. (M.) Avanti che mezza terza fosse, ad un bellissimo, e ricco palagio… gli ebbe condotti. Dant. Inf. 34. E già il sole a mezza terza riede. Pallad. Genn. 26. Nell'ora prima del die, cioè quando la mattina apparisce l'occhio del sole al monte, farà lunga l'ombra dell'uomo ventinove piedi. Nella seconda, cioè nella mezza terza, diciannove.

4. [Val.] Non tirar da terza in là. Prov. Non sbirciare bene, Aver le traveggole. Fag. Comm. 3. 331. O costui è cieco, o pure non ci tira da terza in là. ([G.M.] Ora si dice: Non vede da sesta a nona.)

5. [Val.] In sulla terza. Presso a terza. Non più usit. – Frescob. Viagg. 114. Rimetterci in cammino in sulla terza.

6. [Cont.] Nome che si dà nella scherma alla posizione della mano e della spada che è descritta nei seg. es., ed è la posizione che viene in terzo luogo. Agrippa, Sci. arme, II. Abbassando un poco la mano, col braccio in piano eguale a la spalla, formarà la seconda (guardia): di poi più basso mettendo la mano de la spada presso al ginocchio di fuori via, venirà a far la terza (guardia). E XI. v. Tra la quarta (guardia) e la terza sarà questa differenza, che la quarta si formarà co 'l medesimo passo largo, con la mano e 'l braccio destro steso dentro il ginocchio del piè dritto, e con la mano manca sopra la testa: e la terza si farà con la mano e co 'l braccio destro pur steso come in quarta, ma fuori del ginocchio, e con la mano sinistra dinanzi al petto.

[Cont.] In terza. Agrippa, Sci. arme, X. Ponendosi contra l'avversario in terza e quarta, co 'l braccio steso innanzi, e col passo largo, averà comodità (osservando li suoi tempi e contratempi convenevoli) di ferirlo.

7. (Mus.) [Ross.] Intervallo che abbraccia tre gradi, come do-mi, re-fa, mi-sol, ecc. Zarl. 1. 3. 48. 255. Nel cantar la parte diminuita, si ode la terza posta tra due quinte nella terza semiminima, la quale è consonante. Salvin. Ros. Fanno (gli asini) non pure ottimi salti di terza, ma con l'angelica voce loro, ch'è un piacere a udirli, anche di ottava.

[Ross.] Terza maggiore. Terza che comprende due tuoni, come do-mi, mi-sol diesis, ecc. Tosc. 2. 13. 1. Le sue consonanze saranno unisone, terza maggiore, terza minore, quarta, quinta, sesta maggiore, e sesta minore.

[Ross.] Terza maggiore, per Modo maggiore. Mart. Es. 2. 2. 5. 15. Mutando la terza minore in maggiore, con una musica tutta giuliva esprime il gaudio degli eletti.

[Ross.] Terza minore, Terza che contiene un tuono ed un semituono diatonico, come re-fa, domi bemolle, ecc.

[Ross.] Terza minore, per Modo minore. Paol. 2. 168. Questa (fuga) è fondata nel tuono di D lasolrè terza minore.

[Ross.] Terza del tuono. Così chiamasi in una scala diatonica ascendente la terza nota che trovasi partendo dalla tonica.

[Ross.] Terza di Picardia. I Musici chiamavano così, per ischerzo, la terza maggiore data, in vece della minore, alla finale di un pezzo composto in modo minore; e così perchè l'uso di questa finale è rimasto più lungo tempo nella musica di chiesa, e per conseguente, in Picardia, dove si fa musica in molte cattedrali ed altre chiese. Anche oggi si sente talora l'accompagnamento dell'organo terminare con la terza di Picardia.

[Ross.] Tuono o Modo di Terza maggiore o minore. Lo stesso Modo maggiore o minore. Paol. 1. 4. 87. Si vedrà che nei tuoni di terza minore, dove la sesta deve per natura esser minore, molte volte non è segnata col b molle.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: terrosità, terroso, tersa, terse, tersero, tersi, terso « terza » terzarolare, terze, terzeria, terzerie, terzetti, terzettini, terzettino
Parole di cinque lettere: terse, tersi, terso « terza » terze, terzi, terzo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): abbronza, sbronza, stronza, garza, marza, sferza, scherza « terza (azret) » sterza, controsterza, verza, orza, scorza, forza, rafforza
Indice parole che: iniziano con T, con TE, parole che iniziano con TER, finiscono con A

Commenti sulla voce «terza» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze