Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cuore», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cuore

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere cuore (malato, matto, grande, spezzato, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
matto (18%), amore (12%), battito (11%), muscolo (6%), sentimento (4%), polmoni (3%), batticuore (3%), fegato (2%), polmone (2%), sano (2%), organo (2%), infranto (2%), aritmia (2%), batti (2%), malato (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Articoli interessanti e pagine web
Salute Italia: Cos'è il Forame Ovale Pervio?
Almanacco: Pubblicato a Torino il romanzo Cuore
Liste a cui appartiene
Parole con un dittongo [Cinque « * » Dei]

Foto taggate cuore

Foto 488846001

cuore3

Bianco su sfondo rosso
Tag correlati: muro, caffè, ombra, due
Giochi di Parole
La parola cuore è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
Divisione in sillabe: cuò-re. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di cuore con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ami, mai, mia] = acuiremo; +[ali, ila, lai] = auricole; +tao = autocore; +mal = calumerò; +tan = centauro; +[csi, ics, sci] = cerusico; +tao = coautore; +alt = colature; +gin = congiure; +tav = covature; +tic = cucitore; +col = cuocerlo; +[csi, ics, sci] = cuocersi; +tic = cuocerti; +[tar, tra] = curatore; +dal = edulcora; +pie = epicureo; +fai = euforica; +[ari, ira, ria] = euricora; +[eri, ire, rei] = euricore; +rii = euricori; ...
Vedi anche: Anagrammi per cuore
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cuoce, cuori, muore, nuore, suore.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: fuori, fuoro, muori, nuora, nuoro, suora.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: core, cure, cuor.
Parole con "cuore"
Iniziano con "cuore": cuoretti, cuoretto.
Finiscono con "cuore": telecuore, batticuore, crepacuore, malincuore, giustacuore, strappacuore.
Contengono "cuore": rincuorerà, rincuorerò, rincuorerai, rincuorerei, rincuoreremo, rincuorerete, rincuoreranno, rincuorerebbe, rincuoreremmo, rincuorereste, rincuoreresti, rincuorerebbero.
»» Vedi parole che contengono cuore per la lista completa
Parole contenute in "cuore"
ore, cuor. Contenute all'inverso: ero.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cuore" si può ottenere dalle seguenti coppie: cuoca/care, cuoce/cere, cuocerà/cerare, cuocere/cerere, cuoco/core.
Usando "cuore" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arcuo * = arre; * reca = cuoca; * reco = cuoco; * orecchi = cucchi; * orefici = cufici; * rechi = cuochi; * orecchiai = cucchiai; * recente = cuocente; * recenti = cuocenti; * recessi = cuocessi.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cuore" si può ottenere dalle seguenti coppie: cuci/icore, cutter/rettore, cuoca/acre.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "cuore" si può ottenere dalle seguenti coppie: cucchi/orecchi, cucchiai/orecchiai, cufici/orefici, cuoca/reca, cuocente/recente, cuocenti/recenti, cuocessi/recessi, cuochi/rechi, cuoco/reco.
Usando "cuore" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arre * = arcuo; * care = cuoca; * cere = cuoce; * cerere = cuocere; * cerare = cuocerà; cuoretto * = rettore.
Sciarade incatenate
La parola "cuore" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cuor+ore.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cuore" (*) con un'altra parola si può ottenere: sia * = scuoiare; * risa = curiosare; loti * = locutorie; sial * = scuoiarle; * ceste = cuocereste; * cesti = cuoceresti; siete * = scuoierete; sieste * = scuoiereste; stemmo * = scuoteremmo; steste * = scuotereste; stesti * = scuoteresti; spelati * = speculatorie.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "cuore"
»» Vedi anche la pagina frasi con cuore per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il cuore non è solo un muscolo al centro della cassa toracica, vero?
  • Il cuore non sente ragioni, non è mica il cervello!
  • Quando mi emoziono, sento sempre il cuore battermi forte in gola.
Proverbi
  • Non v'è armonia più bella dell'armonia del cuore e della bocca.
  • Occhio che non vede, cuore che non duole.
  • La speranza troppo a lungo protratta strugge il cuore.
  • Il cuor magnanimo si piglia con poco amore, e il cuore dello stolto con poca adulazione.
  • Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.
  • I figli sono pezzi di cuore.
  • Occhio che piange, cuore che sente.
  • Amor, dispetto, rabbia e gelosia, sul cuore della donna han signoria.
Espressioni e Modi di Dire
  • Avere il miele sulla bocca e il veleno nel cuore
  • Mettersi il cuore in pace
  • A cuore aperto
  • Mettere il cuore oltre l'ostacolo
  • Avere il cuore in gola
  • Spezzare il cuore
Libri
  • Cuore (Scritto da: Edmondo De Amicis; Anno 1886)
  • Cuore di mamma (Scritto da: Rosa Matteucci; Anno 2007)
  • Il mio cuore messo a nudo (Scritto da: Charles Baudelaire; Anno 1864)
  • Cuore di tenebra (Scritto da: Joseph Conrad; Anno 1902)
  • Cuore di cane (Scritto da: Michail Bulgakov; Anno 1925)
Titoli di Film
  • Crimini del cuore (Regia di Bruce Beresford; Anno 1986)
Canzoni
  • Cuore matto (Cantata da: Little Tony; Anno 1967)
  • Ho disegnato un cuore (Cantata da: Marisa Del Frate e Gloria Christian; Anno 1958)
  • Cuore bandito (Cantata da: Julie; Anno 1982)
  • Giovane vecchio cuore (Cantata da: Gigliola Cinquetti; Anno 1995)
  • Il cuore mio (Cantata da: Mariella Nava; Anno 2002)
  • Ninna nanna (cuore mio) (Cantata da: Caterina Caselli e Dik Dik; Anno 1971)
  • Mi sei scoppiato dentro al cuore (Cantata da: Mina; Anno 1966)
  • Cuore di vetro (Cantata da: Camaleonti; Anno 1976)
  • Un cuore semplice (Cantata da: Rossana Casale; Anno 1989)
  • Il mio cuore protesta (Cantata da: Nikla; Anno 2002)
  • Il cuore è uno zingaro (Cantata da: Nada e Nicola Di Bari; Anno 1971)
  • Nel giardino del mio cuore (Cantata da: Gino Baldi e Jula De Palma; Anno 1957)
  • Il cuore delle donne (Cantata da: Dori Ghezzi; Anno 1989)
  • Un cuore (Cantata da: Antonio Basurto e Gianni Ravera; Anno 1955)
  • Con il cuore (Cantata da: Massimo Di Cataldo; Anno 1996)
  • Tu dimmi un cuore ce l'hai (Cantata da: Marco Armani; Anno 1985)
  • Un cuore con le ali (Cantata da: Eros Ramazzotti; Anno 1986)
  • Mi stracci il cuore (Cantata da: Gianluca Grignani; Anno 2003)
  • Il mio cuore se ne va (Cantata da: Carla Bissi; Anno 1972)
  • Direttamente al cuore (Cantata da: Teo; Anno 1987)
  • Hai bruciato il mio cuore (Cantata da: Paola Battista; Anno 1970)
  • Fammi battere il cuore (Cantata da: Paola Turci; Anno 1998)
  • Nel cuore delle donne (Cantata da: Silvia Salemi; Anno 2003)
  • Cuore (Cantata da: Morris Albert e Mietta; Anno 2004)
  • La spada nel cuore (Cantata da: Patty Pravo e Little Tony; Anno 1970)
  • Cuore di bambola (Cantata da: Tony Del Monaco; Anno 1970)
  • I ricordi del cuore (Cantata da: Amedeo Minghi; Anno 1992)
  • Dal cuore in poi (Cantata da: Mango; Anno 1987)
  • Lui mi è rimasto nel cuore (Cantata da: Sissi; Anno 1974)
  • Segui il tuo cuore (Cantata da: Christian Lo Zito; Anno 2005)
  • Gli ostacoli del cuore (Cantata da: Elisa & Ligabue; Anno 2006)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Di buon grado, Con tutto il cuore, Di buona voglia - Fa di buon grado chi non si fa troppo pregare, e chi è già propenso alla cosa o capisce che ragion vuole che si faccia. - Fa di buona voglia chi lavora con animo e con una certa soddisfazione. - Fa di buon cuore chi mette nell'opera quell'amore, quell'affetto che ne raddoppia il merito. - «Portate di buon animo le croci che sono retaggio della misera umanità. - Fate di buona voglia il vostro dovere, e con tutto il cuore quel poco di bene che vi riesce di fare.» [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Essere a cuore, Star a cuore, Aver nel cuore - È a cuore cosa o persona per la quale si prende vivo ed efficace interessamento. Sta nel cuore acerba puntura, o dolce ricordo; si ha in cuore ciò di che si serba viva memoria. Non può dirsi che sia a cuore cosa che si trasanda; non ci sta nel cuore atto o fisonomia di persona indifferente; non si ha in cuore che ciò che ci tocca più intimamente; ond'è che sempre è l'egoismo o l'amore di sè che parla più distintamente nel cuore dell'uomo. [immagine]
Bastar l’animo, Dar l’animo, Dettare il cuore, Soffrire il cuore, Bastar la fronte - «Se vi basta l'animo, è sfida fatta all'altrui forza, se vi dà l'animo, all'altrui coraggio. Provate, dirà l'innocente accusato all'avversario, provate, si vi basta l'animo, ch'io abbia commessa un'azione sì vile. E rivolto a' giudici soggiungerà: condannate, se vi dà l'animo, un innocente sopra simili accuse». Tommaseo.

All'istesso modo, lasciar fare, o fare come detta il cuore, è un affidarsi all'altrui, o alla propria giustizia; se vi soffre il cuore, è un appello all'altrui compassione; e se vi basta la fronte, è sfidare o voler mettere alla prova l'altrui audacia. [immagine]
Avere in cuore, Avere a cuore - Il primo vale avere scolpita in cuore o anche in mente una cosa a segno da sentirne qualche effetto, e da non dimenticarla: il secondo vale darsi briga onde riesca a bene, o la sola promessa di darsela; un protettore dice: ho a cuore il vostro affare; si ha in cuore un'offesa o un beneficio. [immagine]
Di buon grado, Di buon cuore, Di buona voglia - Fa di buon grado chi non si fa troppo pregare, e chi è già propenso alla cosa, o capisce che ragion vuole che si faccia. Fa di buona voglia chi lavora con animo e con una certa soddisfazione. Fa di buon cuore chi mette nell'opera quell'amore, quell'affetto che ne addoppia il merito. Portate di buon animo le croci che sono retaggio della misera umanità; fate di buona voglia il vostro dovere, e di buon cuore quel poco bene che vi riesce di fare. [immagine]
Anima, Animo, Spirito, Cuore, Mente - Anima è propriamente quello spirito che Dio infuse nell’uomo. Anima delle bestie, delle piante, del mondo, sono presupposti filosofici, finora molto contrastati. Animo è più particolarmente la facoltà volitiva dell’anima, e s’ha talvolta per coraggio, fermezza di volere, ardore nell’intraprendere e costanza nell’eseguire. Spirito si dice assolutamente ciò che non ha corpo: Dio è spirito, l’anima è spirito, così gli angeli, i demonii. Per estensione metaforica si dicono spiriti certi liquori sottili volatilizzabili e capaci d’infiammarsi, estratti da sostanze più grossolane: spirito di vino, e simili; e poi spiriti vitali; l’animale vitalità. Cuore dice in parte ciò che animo, ma significa più calore pel bene altrui, o, quando manca il potere di farlo, quello di ardentemente desiderarlo e promuoverlo. Cuore si ha eziandio per coraggio. Uomo di cuore, gran cuore, gran buon cuore, bel cuore. Mente è più propriamente la parte intellettuale dell’anima: mente vasta, elevata, ecc. [immagine]
Coraggio, Valore, Bravura, Ardimento, Cuore, Baldanza, Fermezza, Intrepidezza, Prodezza

Garbare, Garbeggiare, Andare, Andare a genio, A verso, A sangue, Piacere, Gustare, Essere di suo gusto, Di suo genio, Dare nel genio, Andare al cuore, All’anima - Il fondamento di tutti questi verbi e locuzioni affini è piacere, perchè esprimono tutte un diverso modo o grado dell'impressione aggradevole che una cosa ci fa. Piace ogni cosa che procura un qualche diletto o soddisfazione. Garba ciò che ha quella grazia e appunto quel certo garbo che ci appaga. Garbeggiare è un po' meno di garbare; è un garbare press'a poco. Per andarci, bisogna che una cosa ci persuada, che ci convenga, altrimenti, per fare che altri faccia, non la ci va: in garbare e garbeggiare può aver parte la simpatia; in andare, molto più il raziocinio. Va a verso cosa che vada secondo i nostri desiderii; ci va a verso cosa che è od entra nel nostro modo di vedere, di pensare. Va a sangue cosa che veramente fa pro e grandemente conferisce. Va a genio cosa che è di nostro gusto: ma la cosa che va a verso è già in atto, s'effettua; ciò che va a sangue pare già siasi effettuato; ciò che va a genio non può, sgraziatamente, molte volte effettuarsi. Gustare non dovrebbe esprimere se non ciò che piace al senso del gusto; ma esprime eziandio altre sensazioni, forse a cagione del suo opposto disgustare, da cui disgusto, che, come vedesi, esprime d'ordinario più dispiacere dell'animo che non mera sensazione corporea: ond'è che diciamo sovente d'un vestito, d'una persona e d'altro «non mi gusta», ed è quasi un dire che sarebbe per noi un disgusto il portare quel vestito, convivere con quella persona: onde ne concludo che gustare esprime più che il semplice piacere. Gustare la musica, la poesia o altra cosa, è intendersene abbastanza per assaporarne le bellezze, per conoscerne e sentirne la maestria; la musica piace in generale a tutti; ma pochi veramente la gustano. Essere di suo gusto dicesi di cosa che soddisfi un gusto anche passaggiero: i gusti, le inclinazioni cambiano coll'andare degli anni; cambiano talvolta da un giorno all'altro; ciò che è di nostro gusto oggi, visto domani con occhio meno appassionato, a sangue freddo, non lo è più. Essere di suo genio è locuzione più nobile; forse perchè esprime più sovente un sentimento, mentre l'essere di suo gusto serve ed esprime più d'ordinario una sensazione. Dare nel genio è piacere a prima vista, è vero effetto di simpatia: dà nel genio una cosa o una persona a prima vista perchè risponde a certe misteriose condizioni delle quali non ci possiamo rendere precisa ragione. Quando dico: «una cosa mi va al cuore», posso soggiungere: e proprio all'anima; ma dicendo che una cosa va all'anima, si tocca il limite di ogni espressione. Cosa che va al cuore, commuove e persuade; poichè se al cuore risponde ogni sentimento, all'anima risponde ogni sentimento ed ogni raziocinio. [immagine]
Manifestare il cuore suo, Aprire il cuore - Il primo modo vale: dire ciò che ci sta nel cuore; desiderii, timori, affezioni. Il secondo ha, se vuolsi, lo stesso significato, ma in grado minore: si apre il cuore anche manifestando sinceramente un solo de' nostri più segreti pensieri: che se la persona a cui si apre è sagace e scaltra sa vedervi ogni cosa. Aprire il cuore alla gioia, alla speranza ha, come si vede, altro senso: aprire il cuore a un amico è invitarlo a versarvi anch'egli i suoi dolori onde consolarnelo e porgergli aiuto nelle tribolazioni sue. Aprire è però sempre atto più volontario, manifestare è qualche volta involontario e si fa per sorpresa o per ignoranza o anche per impeto di passione. [immagine]
Di cuore, Cordialmente, Con tutto il cuore, Di suo cuore, Di vero cuore; Uomo di cuore, Uomo di buon cuore - «Di cuore si dice e si fa: cordialmente si dice e s'accoglie. Non si direbbe: ricever di cuore, ma: trattar cordialmente, sì. Non si direbbe: fare una cosa cordialmente, ma di cuore, cioè con affetto e di piena volontà. Cordialmente, insomma, esprime d'ordinario un atto particolare; di cuore, l'abituale affetto. Dire di cuore, vale senza simulazione, con tutta l'anima: dire cordialmente, vale con aria cordiale, aperta. In società pare che molti vi trattino cordialmente, ma di cuore nol fanno. Piangere, diciamo, sospirare, ridere di cuore; non già cordialmente. Con tutto il cuore, come ognun vede, dice più che di cuore. Se non che alcune volte questa seconda frase serve ad esprimere l'amore, l'altra il semplice affetto: e in tal caso la differenza si inverte. L'uomo veramente religioso prega con tutto il cuore ogni bene a' suoi più accaniti e più ingiusti nemici: ma prega di cuore per la persona ch'egli ama d'amore più profondo. Di suo cuore vale di moto proprio; ed è dell'uso; e cordialmente non vi si può sostituire. Di vero cuore esprime il contrario di doppiezza». Tommaseo.

Dopo di aver riferito presso a poco ciò che il Tommaseo disse molto bene sulle sottili differenze esistenti fra questi vocaboli, esporrò qui in epilogo ciò che a mio senso essi valgono. Cordialmente indica quell'affetto sufficiente, la manifestazione del quale è necessaria al sociale commercio. Di cuore esprime un affetto più vero, abbenchè talvolta meno apparente. Di tutto cuore è frase buona a dire, ma falsa in fondo, perchè l'uomo nè odiare, nè amare da per se stesso di tutto cuore può assolutamente. Di vero cuore significa la sincerità dell'affetto. Uomo di buon cuore è quello che è naturalmente inclinato a compatire, a soccorrere, a consolare. Uomo di cuore vale generoso, di cuor grande, coraggioso e forte: quest'ultima appellazione è un elogio completo. [immagine]
Squarciare, Spezzare, Scoppiare il cuore - Tutti modi esagerati e metaforici ordinariamente; però v'ha una malattia di cuore in cui veramente questo viscere si spezza, ed è chiamata cardioressia. Squarciare però è meno, spezzare è più; scoppiare più ancora, poichè nello squarciare si farà larga e profonda ferita; ma nello spezzare si rompe per poco l'unità della cosa mandandola a pezzi o staccandone qualcuno; nello scoppiare poi come è più violenza, l'effetto dev'essere più funesto ancora: si dice in modo neutro passivo, mi si spezza, mi scoppia il cuore; il primo ha più sovente senso attivo: la vista di così flagrante ingiustizia mi squarcia il cuore. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cuoiaia, cuoiaie, cuoiaio, cuoiame, cuoiami, cuoio, cuor « cuore » cuoretti, cuoretto, cuori, cuoricini, cuoricino, cuoriforme, cuoriformi
Parole di cinque lettere: cuoio « cuore » cuori
Vocabolario inverso (per trovare le rime): coadiutore, solutore, risolutore, assolutore, tutore, istitutore, protutore « cuore (erouc) » crepacuore, strappacuore, giustacuore, telecuore, batticuore, malincuore, languore
Indice parole che: iniziano con C, con CU, iniziano con CUO, finiscono con E

Commenti sulla voce «cuore» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


foto vincitrice contest cuore


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze