Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «senso», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Senso

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
sesto (18%), unico (13%), olfatto (8%), compiuto (6%), orario (5%), tatto (4%), udito (4%), significato (3%), buon (3%), doppio (3%), inverso (3%), comune (2%), civico (2%), marcia (2%), vista (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola senso è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: sèn-so. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: nesso (scambio di consonanti).
Componendo le lettere di senso con quelle di un'altra parola si ottiene: +[adì, dai, dia] = assedino; +zia = assenzio; +tai = assetino; +can = connessa; +tic = consiste; +tac = contasse; +tac = contessa; +dea = endossea; +dee = endossee; +dei = endossei; +ode = endosseo; +ito = enostosi; +tai = esistano; +ito = esistono; +[ire, rei] = esserino; +tai = estasino; +gli = glossine; +alé = leonessa; +dal = lessando; +[amo, moa] = monoasse; +tac = nascoste; ...
Vedi anche: Anagrammi per senso
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: censo, denso, penso, senno, sensi, sento, sesso.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bensì, censi, censì, densa, dense, densi, mensa, mense, pensa, pensi, tensa, tense.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: seno.
Parole con "senso"
Iniziano con "senso": sensore, sensori, sensoria, sensorie, sensorio, sensoriale, sensoriali, sensorizzata, sensorizzate, sensorizzati, sensorizzato, sensorizzazione, sensorizzazioni.
Finiscono con "senso": assenso, bisenso, consenso, dissenso, nonsenso, buonsenso, polisenso, controsenso.
Contengono "senso": biosensore, biosensori, extrasensoriale, extrasensoriali, intersensoriale, intersensoriali, neurosensoriale, neurosensoriali, psicosensoriale, psicosensoriali.
»» Vedi parole che contengono senso per la lista completa
Incastri
Inserendo al suo interno ori si ha SENSoriO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "senso" si può ottenere dalle seguenti coppie: seconde/condenso, sede/denso, senale/aleso, seno/oso, sente/teso, sentir/tirso, sento/toso.
Usando "senso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sono = senno; intese * = intenso; propese * = propenso.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "senso" si può ottenere dalle seguenti coppie: senile/eliso.
Usando "senso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * osta = senta; * oste = sente; * osti = senti; * osati = senati; * osato = senato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "senso" si può ottenere dalle seguenti coppie: senno/sono.
Usando "senso" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * teso = sente; * toso = sento; * aleso = senale; * tirso = sentir; * ateo = sensate.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "senso" (*) con un'altra parola si può ottenere: * sim = sensismo; * per = spensero; acre * = ascensore; acri * = ascensori; otri * = ostensori; * elio = selenioso; acini * = ascensioni; etini * = estensioni.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "senso"
»» Vedi anche la pagina frasi con senso per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il sesto senso è un'invenzione di chi non sa usare gli altri cinque.
  • Il vero senso della vita è difficile da comprendere per tutti.
  • Il senso della vita di ognuno di noi può essere dedotto da come agiamo e da come partecipiamo alle varie situazioni.
Espressioni e Modi di Dire
  • Ripetere a senso
  • Sesto senso
  • Far senso
Libri
  • Senso (Scritto da: Camillo Boito; Anno 1883)
Titoli di Film
  • Senso (Regia di Luchino Visconti; Anno 1954)
Canzoni
  • Eppure sentire (un senso di te) (Cantata da: Elisa; Anno 2006)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Ambiguità, Doppio senso, Equivoco - L'Ambiguità ha un significato generale, capace di diverse interpretazioni, il che rende oscuro e dubbioso il pensiero dello scrittore o del parlatore; il Doppio senso ha due significazioni naturali e convenienti, l'una che si affaccia alla mente di primo tratto, l'altra che è nascosta in una allusione; l'Equivoco ha due significati pur esso, l'uno naturale e inteso da tutti, l'altro un poco travolto e inteso da colui che parla. La Ambiguità è difetto; il Doppio senso e l'Equivoco possono essere opera del caso, ma più spesso interviene la malizia. [immagine]
Significato, Senso - Senso, meglio di un discorso. - Significato, meglio di una parola; ma anche di un passo, di un'opera, di un segno e di un discorso che talvolta è opera essenzialissima si in bene che in male. Ma il Senso è talvolta nascosto nelle parole naturalmente, e talvolta celato espressamente. Il significato è più aperto, più palese; onde Cogliere il senso, Capire, Conoscere il significato. Vi hanno dei discorsi che non han senso, ma significano allora che chi li fa è scimunito, o demente per qualche accidentale cagione. (Zecchini). [immagine]
Buon senso, Buon gusto - Il Buon senso e il Buon gusto significano ambedue la dirittura dell'ingegno, che vede ciò che è vero e che è giusto; ma il Buon senso si restringe alle cose sensibili e alla pratica della vita; il Buon gusto a cose più elevate, alle belle arti, alla letteratura e simili. - Il Buon senso nasce dalla osservazione e dalla pratica ajutata sempre dal senno naturale. Il Buon gusto nasce più dal giudizio che dall'ingegno. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Sentimenti, Sensi, Sentimento, Senso, Sensibilità, Sensualità - Sentimento, alla lettera, vale sentire in mente; è dunque come il senso dell'anima, e fu detto da qualche filosofo il sesto senso: egli è come l'oscillazione prodotta nelle corde dello spirito, dirò così, dagli urti esterni o anco interni venutigli dal corpo e a cui rispondono idee e pensieri. Da ciò i sentimenti di un uomo detti così al plurale, valgono il complesso della sua maniera di pensare su tutte e singole cose. Sensi per sentimenti, è traslato, come si vede, e vale que' sentimenti che furono espressi in parole: è della poesia e della prosa sostenuta; questi sensi, questi miei sensi. Poi sensi di generosità, di pietà, di gratitudine, d'affetto e va dicendo perchè dipendenti in gran parte dal modo proprio di sentire anco fisicamente. I sensi del corpo ognuno sa che e quali siano. Sensibilità è delicatezza di sentire relativa alla fibra e al cuore; sensualità è compiacenza esagerata del sentire, ed è vizio, se il corpo ha da essere ministro dell'anima, e non questa serva del corpo. L'uomo sensibile si risente facilmente, si riscuote alla vista di ciò che è bene o male, siano dessi relativi a chi si voglia; l'uomo sensuale non pensa che a sè, è l'egoista per eccellenza. [immagine]
Discernimento, Giudizio, Conoscimento, Senno, Buon senso, Senso comune - Il discernimento è un certo fatto, per mezzo del quale sappiamo distinguere e conoscere: il giudizio è propriamente quell'interno senso che ci fa capaci di giudicare: il giudizio dell'uomo ha varii gradi corrispondenti ai diversi periodi della sua vita: a sette anni comincia l'età del giudizio; dai venti ai trenta si mette; dicesi, il dente del giudizio; dai trenta in su, si deve avere giudizio; eppure a tutte le età si va soggetti a perderlo per cose da nulla. Il conoscimento precede e deve precedere il giudizio; perchè come mai si giudicherebbe rettamente di cosa senza conoscerla? Il senno vien dopo; di rado contemporaneamente; si fa senno molte volte quando non è più tempo; però, una mancanza, uno o più scapucci ci fanno far senno per l'avvenire. Per il conoscimento vediamo le idee nei fatti; per il discernimento le pesiamo, le classifichiamo, le adopriamo con giudizio, o tutto al più con quel qualsiasi senno di cui siamo capaci. Il buon senso è fratello, o se meglio così vogliamo, figlio della ragione: è quella capacità di ragionare così all'ingrosso sulle cose che ha l'uomo quando ha la testa a luogo, abbenchè non guidato da studio o cognizioni speciali: talvolta il buon senso più rettamente guida nella comprensione del vero e nel proferirne giudizio, che l'intricato ammasso delle leggi, de' commenti, delle decisioni. Il buon senso del popolo, fu detto più volte, intravvede o sente più sanamente nelle cose di giustizia e di convenienza, che il filosofo guidato dal filo delle proprie speculazioni. Il senso comune è quel grano o grado di senno e di giudizio per cui si vede a sufficienza chiaramente e rettamente nelle cose ovvie, ne' casi della vita; senza quello l'uomo non sarebbe dissimile dagli animali bruti; è la ragione, o meglio il raziocinio in pratica. Quante sublimi speculazioni non furono spacciate e credute, le quali, viste a mente quieta, si riconobbero prive di senso, non dirò già filosofico, ma del buon senso comune! [immagine]
Sensato, Di buon senso - Il buon senso è quel senso comune, guida giornaliera nel giudicare, nell'operare dell'uomo quando non è portato a travedere da impeto di passione o pregiudizio. L'uomo sensato, detto assolutamente, è colui che di questo buon senso è largamente fornito, o meglio chi comunemente lo adopera. [immagine]
Significato, Senso - Senso, meglio di un discorso; significato, meglio di una parola, ma anche di un passo, di un'opera, di un segno e di un discorso che talvolta è opera essenzialissima sì in bene che in male. Ma il senso è talvolta nascosto nelle parole naturalmente, e talvolta celato espressamente; il significato è più aperto, più palese; onde: cogliere il senso, capire, conoscere il significato. Vi hanno de' discorsi che non hanno senso, ma significano allora che chi li fa è scimunito, o demente per qualche accidentale cagione. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Doppio senso - In francese Calembour. E' una specie di scherzo di parole, resultante dal doppio senso che presenta un termine, o dal duplice significato che possono avere due omonimi. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: sensitometria, sensitometrica, sensitometriche, sensitometrici, sensitometrico, sensitometrie, sensitometro « senso » sensore, sensori, sensoria, sensoriale, sensoriali, sensorie, sensorio
Parole di cinque lettere: sensi « senso » senta
Vocabolario inverso (per trovare le rime): compenso, ricompensò, ricompenso, scompenso, propenso, dispensò, dispenso « senso (osnes) » bisenso, polisenso, consenso, nonsenso, buonsenso, controsenso, assenso
Indice parole che: iniziano con S, con SE, iniziano con SEN, finiscono con O

Commenti sulla voce «senso» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze