Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «capire», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, associazioni, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Capire

Verbo
Capire è un verbo della 3ª coniugazione. È un verbo regolare, sia transitivo che intransitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è capito. Il gerundio è capendo. Il participio presente è capente. Vedi: coniugazione del verbo capire.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di capire (intendere, comprendere, giustificare, afferrare, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
comprendere (31%), intendere (10%), intuire (8%), poco (4%), intelligenza (4%), ascoltare (3%), volo (2%), bene (2%), studiare (2%), cercare (2%), intelligente (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola capire è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ripa). Divisione in sillabe: ca-pì-re. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche le pagine frasi con capire e canzoni con capire per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Capire che l'egoismo non conduce a nulla, sarebbe un gran passo avanti!
  • Non riesco a capire come abbia fatto a ridursi in questo modo.
  • Vorrei capire perché non riesco a fare una torta così come la faceva mia nonna!
Citazioni da opere letterarie
La novella del buon vecchio e della bella fanciulla di Italo Svevo (1929): Si destò coperto da un sudore freddo: la grande angina lo crocifiggeva sul letto. Moriva! La morte, nella stanza, non era rappresentata che da un batter d'ali. Era la morte stessa che era penetrata in lui assieme alla spada velenosa che s'arcuava nel suo braccio e nel suo petto. Egli era tutto dolore e paura. Più tardi pensò che alla sua disperazione avesse collaborato anche il rimorso per il sozzo sogno. Ma nel grande dolore potevano capire tutti i sentimenti che nella sua vita gli avevano offuscata l'anima e perciò anche la sua avventura con la giovinetta.

Le otto montagne di Paolo Cognetti (2016): Sua madre scosse la testa. Le avevo sentito pronunciare più parole quel giorno che in tanti anni che la conoscevo. Era salita zoppicando, con una gamba rigida che un po' trascinava, ma di buon passo. Non riuscivo a capire quanto fosse magra: scompariva nei suoi abiti larghi e guardava tutto, controllava tutto, consigliava e criticava, perché ogni cosa fosse fatta nel modo giusto.

La via del male di Grazia Deledda (1906): Pietro non riuscì mai a sapere se zio Nicola avesse o no lanciato la sua scarpa sul muso di qualche ricco proprietario. Del resto il padrone si vantava sempre di atti più o meno eroici da lui compiuti durante la sua giovinezza, ed esagerava le sue avventure amorose: una volta lasciò capire di aver sposato zia Luisa senza amore, soltanto per fare un buon matrimonio.
Espressioni e Modi di Dire
  • Non capire un'acca
  • Capire l'antifona
Canzoni
  • Pensare, capire, amare (Cantata da: Il Guardiano del Faro; Anno 1976)
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per capire
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
»» Vedi tutte le definizioni
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: capine, capirà, capirò, capite, rapire.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: papiri, papiro, rapirà, rapirò, tapiri, tapiro.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: capre. Togliendo tutte le lettere in posizione dispari si ha: aie.
Altri scarti con resto non consecutivo: caie, care, apre.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: capirei, capirle, capirne, carpire.
Parole con "capire"
Iniziano con "capire": capirei, capiremo, capirete, capirebbe, capiremmo, capireste, capiresti, capirebbero, capireparto.
Parole contenute in "capire"
api, cap, ire, capi. Contenute all'inverso: eri, ripa.
Incastri
Inserendo al suo interno est si ha CAPIRestE; con tana si ha CAPItanaRE; con tombola si ha CAPItombolaRE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "capire" si può ottenere dalle seguenti coppie: cara/rapire, caso/sopire, capiamo/amore, capiarea/areare, capibara/barare, capicaccia/cacciare, capicava/cavare, capicellula/cellulare, capiclassifica/classificare, capifabbrica/fabbricare, capifabbricato/fabbricatore, capifamiglia/famigliare, capifila/filare, capii/ire, capilega/legare, capilinea/lineare, capilista/listare, capimanovra/manovrare, capimusica/musicare, capine/nere, capipattuglia/pattugliare...
Usando "capire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * pirene = cane; * pireni = cani; * rena = capina; * rene = capine; * reni = capini; * rete = capite; * reti = capiti; * piressia = cassia; * piressie = cassie; * evi = capirvi; * resse = capisse; * ressi = capissi; * reste = capiste; * resti = capisti; copricapi * = coprire; * recava = capicava; * relega = capilega; * retata = capitata; * retate = capitate; * retino = capitino; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "capire" si può ottenere dalle seguenti coppie: caos/sopire, capiarea/aerare, capita/atre, capitana/anatre, capito/otre.
Usando "capire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = capita; * erte = capite; * erti = capiti; * erto = capito; * errai = capirai.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "capire" si può ottenere dalle seguenti coppie: cane/pirene, cani/pireni, cassia/piressia, cassie/piressie, capicava/recava, capii/rei, capilega/relega, capimissione/remissione, capina/rena, capine/rene, capini/reni, capiparto/reparto, capisezione/resezione, capisse/resse, capissero/ressero, capissi/ressi, capiste/reste, capisti/resti, capitata/retata, capitate/retate, capite/rete...
Usando "capire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nere = capine; * tare = capita; * amore = capiamo; * aie = capirai; * mie = capirmi; * tiè = capirti; * vie = capirvi; capirosso * = rossore; * areare = capiarea; * barare = capibara; * cavare = capicava; * filare = capifila; * legare = capilega; * remore = capiremo; * salare = capisala; * tatare = capitata; * vogare = capivoga; * lineare = capilinea; * listare = capilista; * pescare = capipesca; ...
Sciarade e composizione
"capire" è formata da: cap+ire.
Sciarade incatenate
La parola "capire" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: capi+ire.
Intarsi e sciarade alterne
"capire" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: ci/apre.
Intrecciando le lettere di "capire" (*) con un'altra parola si può ottenere: * me = campiere; * tai = capitarie; * temo = capiteremo; rita * = ricapitare; * teste = capitereste; * testi = capiteresti; * pelle = cappelliere; sigla * = scapigliare; * monete = campionerete; detesti * = decapiteresti.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Comprendere, Intendere, Conoscere, Concepire, Percepire, Capire, Sapere - Chi non percepisce non può comprendere; chi non intende, male o nulla capisce; chi non conosce, mal sa concepire, e ciò così all'ingrosso. A percepire ci va una naturale svegliatezza dello spirito che al minimo tocco risponda; a comprendere, una certa capacità di mente onde abbracciare diversi principii e le loro relazioni e conseguenze; ad intendere basta l'attenzione; a capire un po' di buon senso; a conoscere, l'esperienza: qui noto soltanto le fonti e le cause comuni di questi processi intellettuali. Il concepire è un certo misterioso lavoro dell'immaginazione sulle idee e sulle cognizioni, di cui non si è giunti ancora a conoscere l'arcano meccanismo. Se il concepimento è grande, staccato da un noto filo d'idee, e, dirò così, istantaneo, lo dico un'inspirazione. Tutti questi vocaboli indicano mezzi opportuni, principii, avviamenti al sapere. Si dice però: so e conosco che faccio male; ma l'inclinazione è troppo forte: qui pare che conoscere sia un sapere più intero, più chiaramente compreso; pare che si voglia significare: so per un certo lume d'istinto, e conosco in forza di raziocinio. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: capipopolo, capiposto, capirà, capirai, capiranno, capirazza, capirci « capire » capirebbe, capirebbero, capirei, capiremmo, capiremo, capireparto, capireste
Parole di sei lettere: capini, capino, capirà « capire » capirò, capita, capite
Lista Verbi: capeggiare, capillarizzare « capire » capitalizzare, capitanare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): brunire, abbrunire, imbrunire, rimbrunire, disunire, gioire, moire « capire (eripac) » rapire, eccepire, recepire, concepire, riconcepire, percepire, colpire
Indice parole che: iniziano con C, con CA, parole che iniziano con CAP, finiscono con E

Commenti sulla voce «capire» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze