Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «stima», il significato, curiosità, forma del verbo «stimare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Stima

Forma verbale
Stima è una forma del verbo stimare (terza persona singolare dell'indicativo presente; seconda persona singolare dell'imperativo presente). Vedi anche: Coniugazione di stimare.
Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere stima (grande, buona, bassa, positiva, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Sentimenti [Simpatia « * » Tristezza]
Giochi di Parole
La parola stima è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: stì-ma. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: mista, stami (scambio di vocali).
Componendo le lettere di stima con quelle di un'altra parola si ottiene: +ree = ameresti; +[eta, tea] = ametista; +tee = ametiste; +noi = amnistio; +nei = animiste; +ano = ansimato; +ong = antismog; +[epo, poe] = apostemi; +caì = asmatici; +oca = asmatico; +[iva, vai, via] = atavismi; +avo = atavismo; +mio = atomismi; +tao = atomista; +ito = atomisti; +bra = bastarmi; +boa = bastiamo; +lob = blastomi; +bar = bramasti; ...
Vedi anche: Anagrammi per stima
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: stila, stime, stimi, stimo, stipa, stira, stiva.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: etimi, etimo.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: sima, stia. Togliendo tutte le lettere in posizione pari si ha: sia.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: stigma, stimai, stimma.
Parole con "stima"
Iniziano con "stima": stimai, stimano, stimare, stimata, stimate, stimati, stimato, stimava, stimavi, stimavo, stimammo, stimando, stimante, stimarsi, stimasse, stimassi, stimaste, stimasti, stimabile, stimabili, stimarono, stimatore, stimatori, stimavamo, stimavano, stimavate, stimassero, stimassimo, stimatrice, stimatrici, ...
Finiscono con "stima": autostima, disistima, sottostima, sovrastima.
Contengono "stima": ristimare, ristimata, ristimate, ristimati, ristimato, disistimai, estimabile, estimabili, estimativa, estimative, estimativi, estimativo, estimatore, estimatori, inestimata, inestimate, inestimati, inestimato, ristimante, ristimanti, disistimano, disistimare, disistimata, disistimate, disistimati, disistimato, disistimava, disistimavi, disistimavo, estimatoria, ...
»» Vedi parole che contengono stima per la lista completa
Parole contenute in "stima"
Contenute all'inverso: ami.
Incastri
Inserito nella parola rita dà RIstimaTA; in riti dà RIstimaTI; in rito dà RIstimaTO; in sovrano dà SOVRAstimaNO; in sovrasti dà SOVRAstimaSTI.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "stima" si può ottenere dalle seguenti coppie: stia/ama, stila/lama, stili/lima, stipate/patema, stiri/rima, stiro/roma.
Usando "stima" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cisti * = cima; costi * = coma; disti * = dima; fasti * = fama; fusti * = fuma; gesti * = gema; listi * = lima; misti * = mima; resti * = rema; sesti * = sema; sosti * = soma; testi * = tema; tosti * = toma; esisti * = esima; presti * = prema; * mala = stila; * male = stile; * mali = stili; * malo = stilo; * mapo = stipo; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "stima" si può ottenere dalle seguenti coppie: stila/alma, stira/arma, stiro/orma.
Usando "stima" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * amiate = state; * ampi = stipi; * amano = stiano; * amate = stiate; * amori = stiori; * ammassi = stimassi; * ammasserò = stimassero.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "stima" si può ottenere dalle seguenti coppie: cellisti/macelli, laccasti/malacca, latinisti/malatini, lesti/male, lesseresti/malessere, listi/mali, misti/mami, mosti/mamo, nettasti/manetta, onesti/maone, posti/mapo, ranisti/marani, resti/mare, sosti/maso, tassasti/matassa, testi/mate, tematizzasti/matematizza, turasti/matura, turisti/maturi.
Usando "stima" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lesti = male; * listi = mali; * misti = mami; * mosti = mamo; * posti = mapo; * resti = mare; * sosti = maso; * testi = mate; male * = lesti; mali * = listi; * onesti = maone; mami * = misti; mamo * = mosti; mapo * = posti; mare * = resti; maso * = sosti; mate * = testi; * ranisti = marani; * turasti = matura; * turisti = maturi; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "stima" si può ottenere dalle seguenti coppie: stigliare/magliare, stigma/magma, stigmatica/magmatica, stigmatiche/magmatiche, stigmatici/magmatici, stigmatico/magmatico, stigmatismi/magmatismi, stigmatismo/magmatismo, stila/mala, stilacci/malacci, stilaccio/malaccio, stilare/malare, stilata/malata, stilate/malate, stilati/malati, stilato/malato, stile/male, stili/mali, stilli/malli, stillo/mallo, stilo/malo...
Usando "stima" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: coma * = costi; fama * = fasti; fuma * = fusti; gema * = gesti; * stimma = mamma; rema * = resti; sema * = sesti; soma * = sosti; * lama = stila; * roma = stiro; tema * = testi; toma * = tosti; prema * = presti; * mia = stimmi; trama * = trasti; stimassi * = massima; sciama * = sciasti; * anoa = stimano; * area = stimare; * atea = stimate; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "stima" (*) con un'altra parola si può ottenere: * eri = stimerai; * oli = stimolai; * etna = settimana; * coiti = sticomitia; * paventassi = spaventatissima.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "stima"
»» Vedi anche la pagina frasi con stima per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Già Eratostene riuscì ad ottenere una stima notevolmente buona della lunghezza del meridiano terrestre.
  • Da una prima stima dei possedimenti del suocero di Carlo, direi che si tratta di una persona benestante.
  • Ho sempre avuto poca stima nei suoi confronti, ma dopo le sue ultime buone azioni è sicuramente aumentata.
Proverbi
  • Chi non stima altri che sé, è felice quanto un re.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Credito, Stima, Fiducia - Il Credito riguarda più specialmente le cose di negozii e di interessi. - «E' uomo di molto credito in piazza.» - La Stima riguarda specialmente le qualità morali, la dottrina, la scienza. La Fiducia è comune così alle cose commerciali, come alle morali; e sempre suppone la lealtà e la onestà. - «E' persona degna di fiducia. - Gode la fiducia di tutti.» [immagine]
Fama, Stima, Nome, Nominanza, Rinomanza, Riputazione - La Fama si forma, si merita presso il pubblico. - La Stima presso le singolari persone, più particolarmente presso le persone di conoscenza: si può diventar famoso eziandio per qualche azione scellerata; stimato si è soltanto per la virtù propria, per l'onestà, per il carattere dignitoso, leale. - La Fama vera passa le mura della città: il Nome pare che stia in quella, anzi talvolta non oltrepassa una certa consorteria e i limiti di un circolo più o meno ristretto. Anche le cose acquistano un nome; e se è di cosa utile o buona, è conosciuto da tutto il mondo: così i pasticci di Strasburgo, i formaggi di Neufchâtel, i prosciutti di Magonza sono e saranno rinomati più e più che non migliaja di poeti: vanità delle vanità! - Nominanza è ordinariamente buon nome presso il popolo. - Rinomanza è la stessa cosa ma in un grado maggiore, e poi sopravvivere all'individuo: si ha una nominanza, si lascia una rinomanza; il vero galantuomo ha, merita e lascia una discreta rinomanza di sè; anche dopo morto è nominato, citato ad esempio. - La Riputazione è stima più sentita e fondata su meriti reali. L'uomo onesto ha e merita stima; l'uomo onesto e d'assai gode di una riputazione pari alla sua abilità. (Zecchini). [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Stima, Ammirazione - La stima, in genere, è prodotta dalle qualità veramente buone della persona che l'inspira; l'ammirazione dalle qualità o anco da difetti quando hanno un certo conio originale per cui destino maraviglia; se è per qualità buone che si risente, l'ammirazione è più; se per futilità o esagerazioni, la stima è preferibile: mi fido all'onest'uomo che stimo; diffido dell'uomo d'ingegno talvolta, che pure sono costretto ad ammirare. Stima avrà dunque buon senso sempre, ammirazione non sempre almeno. [immagine]
Fama, Stima, Nome, Nominanza, Rinomanza, Riputazione - La fama si forma, si merita presso il pubblico; la stima, presso gl'individui, più particolarmente presso le persone di conoscenza: si può diventar famoso eziandio per qualche azione scellerata; stimato si è soltanto per la virtù propria, per l'onestà, per il carattere dignitoso, leale. La fama vera passa le mura delle città: il nome pare che stia in quella, anzi talvolta non oltrepassa una certa consorteria e i limiti di un circolo più o meno ristretto: anche le cose acquistano un nome; e se è di cosa utile o buona è conosciuto da tutto il mondo: così i pasticci di Strasburgo, i formaggi di Neufchatel, i prosciutti di Magonza sono e saranno rinomati più e più che non migliaia di poeti; vanità delle vanità! nominanza è ordinariamente buon nome presso il popolo; rinomanza è la stessa cosa ma in un grado maggiore, e poi sopravvive all'individuo: si ha una nominanza, si lascia una rinomanza; il vero galantuomo ha, merita e lascia una discreta rinomanza di sé; anco dopo morte è nominato, rinomato, citato ad esempio. La riputazione è stima più sentita e fondata su meriti reali: l'uomo onesto ha e merita stima; l'uomo onesto e capace gode di una riputazione adeguata alla sua capacità. [immagine]
Opinione, Stima, Conto (coi verbi avere, fare, tenere) - Aver buona o cattiva opinione riflette persona ordinariamente o cosa in quanto però si ha più o meno fiducia nell'autor suo, nel suo moderatore: ho buona opinione di un libro, di una impresa, perché conosco che chi la fa, chi n'è capo è uomo da condurla a buon fine. Avere stima, fare stima riflettono persona sempre, ma specialmente la parte morale dell'uomo; il primo è più assoluto; il secondo, più relativo al merito, alla circostanze secondarie, accessorie: ho stima dell'uomo che conobbi sempre onesto; fo stima di un altro per quanto lo conobbi onesto e galantuomo. Far conto, tenere in conto riflettono e persone e cose, ma specialmente il loro valore rispettivo; anch'essi hanno diverso grado di significazione: si fa conto di ciò che l'esperienza ha dimostrato vero; si tiene in conto finchè la prova lo abbia dimostrato per tale: fo conto dell'amico vero perché al caso posso contare sopra di lui; molti che si tengono in conto d'amici, alla prova falliscono. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Stima - S. f. L'Azione dello stimare una cosa; ed anche il Prezzo assegnato per istima ad una cosa. Aestimatio, in più sensi, aureo. Dal gr. Τιμή, che vale Prezzo e Onore. Existimatio. [Cont.] Cell. Doc. 562. Dua stimatori, li più sufficienti che sieno nella città, i quali con tutte le diligenze che promette l'arte, hanno vista e misurata la detta casa, e dato di poi la loro fatta stima al supremo magistrato, ben chiusa e suggellata. Sass. F. Lett. 108. Nè è da lasciare indietro, che più facilità arrecherà al negozio il levare a' ministri l'autorità delle stime delle mercanzie, ponendo il dazio alla roba e non alla valuta, come in molti luoghi si costuma Lastri, Oss. fior. I. 90. Si notasse il frutto di ciascun capo d'entrata, e dal frutto si rilevasse la stima; dimodochè per ogni sette fiorini di rendita se ne ponesse cento di stima,… dalla medesima stima si detraesse il valor degli aggravi che sopra vi fossero… ridotta così l'entrata netta, s'imponesse per ogni cento fiorini d'oro soldi dieci simili: che viene ad essere la decima parte del frutto a ragione pel 5 per cento. = Instr. Canc. 39. (M.) Per il che fu determinato che nel Contado di Firenze, a ciascun capo de' beni… si assegnasse, e tassasse certa valutazione o stima della porzione attenente al lavoratore. [Val.] Ordinam. Ornam. Donn. Etrur. 1. 373. La quale ghirlanda… sia di stima di 10 fiorini d'oro al più. [Camp.] Avv. Cicil. II. 17. Istimare fece la detta prieta, e la stima doplicata per dieci tanti donò loro.

T. Fare la stima di una casa, di un podere; Fare le stime; Dare una stima; dell'assegnare il prezzo, segnatam. da persone perite. Io compro il vostro mulino, e lo prendo per le stime (per il prezzo che sarà stimato). Aumento del decimo sopra le stime.

2. La cosa stimata. [G.M.] Onde: Stime vive; Stime morte. – Stime vive; il bestiame addetto al podere, e compreso nel valore di quello: Stime morte; i concimi, le paglie, gli strumenti rustici che al podere servono di corredo.

[Mor.] Prendere le stime; Riceverle; di contadino che, tornando sopra un podere, riceve dal contadino che se ne va le stime vive e morte, secondo il valore assegnato dagli stimatori dell'una parte e dell'altra.
3. Stima, Buona opinione. Bocc. Nov. 5. g. 1. (C) Commendolla forte, tanto nel suo desio più accendendosi, quanto da più trovava esser la donna, che la sua passata stima di lei. Red. Lett. 1. 36. (M.) Questo gran letterato è rimaso innamorato di Firenze, e de' Virtuosi che vi ha conosciuti, e di tutti scrive con somma stima. E 81. Gli dica di più, che l'Eccellentissimo sig. Principe Doria intendentissimo delle materie filosofiche, mi ha scritto una lunga lettera tutta piena delle lodi di esso sig. Dott. Giuseppe,…, ed ha per lui una grande stima. E 168. Mi comanda ora questo gran Principe, che io le trasmetta questa sua lettera risponsiva, conforme riverentemente eseguisco, accertandola che altissima è la stima, che egli tiene per le singolari altissime qualità di V. S. Illustriss….

T. Avere buona, cattiva stima d'uno. – La stima che godeva presso al principe. – Gode buona stima; la stima di tutti. – Alta, Profonda stima. – Rispetto più che stima. [Pol.] Vettor. Coltiv. Ul. 2. 20. Persone chiare e di grande stima. [G.M.] Segner. Mann. Marz. 4. Nel tuo cuore convien che alberghi la bassa stima di te, non la bassa stima degli altri. E Giugn. 17. Questa infine è la radice negli uomini d'ogni errore; la soverchia stima di sè. E Ag. 1. Sciocchissima stima ch'egli ha di sè (un asino). E ivi, 25. Questo male ora detto, se ben si guarda, consiste nella poca stima che gli uomini di te mostrano. E Crist. instr. 1. 8. Se mi chiedete ora che stima io tenga fra me del peccato della bestemmia, vi risponderò brevemente… che non ne so trovare il più portentoso (mostruoso).

4. Tenere in istima, Avere in istima, Fare stima, o sim., vagliono Stimare, Avere in pregio. Bocc. Nov. 7. g. 5. (C) Facendo de' suoi costumi e delle sue opere grande stima. Sen. ben. Varch. 7. 18. Debbo tenere più conto e far maggior stima del debito di che sono obbligato alla spezie umana, che di quello di che a un solo tenuto sono. Buon. Rim. 83. Di me non fu chi facesse mai stima. [G.M.] Segner. Mann. Lugl. 20. Quella virtù, di cui sopra tutte si fa stima nei servi, è la fedeltà. E Quares. 29. 4. Se ciò fosse, sarebbe segno che almen teneste la virtù in qualche stima.

T. Prov. Tosc. 234. Chi della roba non fa stima o cura, Più della roba la sua vita dura. E 345. Fuoco che arde in cima, non ne fare stima.

5. Fare stima, vale anche Far conto, Immaginarsi, Supporsi. Cecch. Dot. 5. 1. (M.) Se io posso là nulla per voi, fate stima d'avervi un fratello.

6. Fare stima, vale anche Pensare, Aver determinato, stabilito. Cas. Lett. Sor. 245. (Man.) Avrei caro sempre se V. S. fa stima d'andare alla orte.

7. Stima, si piglia anche per Lode. Segner. Mann. Giugn. 24. 1. (M.) Non dànno sempre la stima a chi se la merita…, perchè quando anche diano la stima a chi se la merita, non sanno togliere in ciò la misura giusta: dànno meno lode a chi ne merita più, dànno più lode a chi ne merita meno.

8. [Camp.] Stima ad occhio, per Apprezzamento a giudizio d'occhio. Solin. Epit. E con sola istima ad occhio dànno loro cose in prezzo delle aliene. [G.M.] Anche adesso si dice: Fare una stima a occhio; Stimare a occhio.

9. [Val.] A larga stima, avv. All'ingrosso, Non guardandola pel sottile. Non com. – Pucc. Centil. 84. 37. A larga stima, ricevette danno Il Comun di fiorin dugentomilia.

10. Senza stima, posto avverb., Più di quello che si possa stimare, credere. Non usit. – Bocc. Nov. 8. g. 5. (C) Per la morte del padre di lui, e d'un suo zio, senza stima rimaso ricchissimo (cioè, senza potersi stimare). [Val.] Pucc. Centil. 55. 59. Versificar sopra (Dante) sanza stima Ottimamente sopra ogni Dottore.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: stiloioideo, stilometria, stilometrie, stilosa, stilose, stilosi, stiloso « stima » stimabile, stimabili, stimabilità, stimai, stimammo, stimando, stimano
Parole di cinque lettere: stilo « stima » stime
Vocabolario inverso (per trovare le rime): penultima, antipenultima, quintultima, quartultima, sestultima, terzultima, intima « stima (amits) » sovrastima, disistima, sottostima, autostima, settima, legittima, delegittima
Indice parole che: iniziano con S, con ST, iniziano con STI, finiscono con A

Commenti sulla voce «stima» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze